annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Inverno 2016-2017 come sara' previsioni......

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (21%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Inverno 2016-2017 come sara' previsioni......

    Inverno 2016-17 simile al 1984-85? Gli ultimi aggiornamenti del modello CFSR, e le similitudini nelle temperature oceaniche!


    21 giugno 2016


    Siamo al solstizio d’Estate, eppure si comincia già a parlare delle previsioni per la prossima stagione invernale, e le novità sembrano essere clamorose, come annunciato dal meteorologo statunitense Joe e grazie al paragone tra le mappe delle temperature oceaniche con il celebre inverno del 1985!
    Sappiamo infatti che le anomalie oceaniche sono determinanti nello spostare la Corrente a Getto, e le posizioni degli Anticicloni e Depressioni che possono insistere per mesi sulle stesse zone, determinando l’andamento della stagione.
    In questo caso, la presenza della Nina, di un Oceano Pacifico Settentrionale caldo ad est e freddo ad ovest, la presenza di anomalie negative nella temperatura del Nord Atlantico e del nord dell’Alaska, e di contemporanee anomalie positive nelle isoterme marine a nord dell’Europa e dei mari circumantartici, come sono previste dal modello stagionale NCEP per la prossima stagione invernale, disegna una configurazione quasi identica a quella dell’inverno 1984-85!
    Saranno possibili anche effetti simili, con una eccezionale ondata di gelo in Europa il prossimo inverno?
    Come detto, le temperature oceaniche sono fondamentali per prevedere la direzione delle correnti atmosferiche, e la somiglianza con quel celebre inverno esiste.
    E l’attendibilità di queste previsioni?
    Qui ci addentriamo in un territorio pieno di insidie, i modelli stagionali spesso falliscono le loro previsioni, oppure vi sono cambiamenti sensibili da un run all’altro, anche se è vero che le temperature masse oceaniche sono più facilmente prevedibili sul lungo termine perchè le loro variazioni avvengono con lentezza, al contrario della nostra turbolenta atmosfera.
    Sono diversi run che vengono previste temperature molto basse su buona parte della zona artica per il prossimo inverno.
    Bisogna comunque aggiungere che, nel Gennaio del 1985, l’attività solare era piuttosto debole, e comparabile con quella che si sta registrando in questi giorni.
    Sono sempre diffidente delle persone a cui non piacciono i cani mentre mi fido tantissimo del cane quando non gli piace una persona.

  • #2
    Le previsioni invernali del modello NCEP CFSR: inverno mite e piovoso!


    29 agosto 2016


    Per quello che riguarda la stagione invernale 2016-17, ecco quello che sono le ultimissime emissioni di uno dei modelli matematici più osservati al mondo, quello CFSv2, osserviamo quello che ci potremmo aspettare sulle nostre zone.
    Per il mese di Dicembre, la prevalenza di una depressione sull’Europa Occidentale porterà maltempo e precipitazioni al di sopra della norma sull’Italia, specie al Nord, dove potrebbe nevicare parecchio sulle Alpi, mentre le temperature sarebbero anch’esse sopra la norma per le correnti meridionali sulla nostra Penisola.
    Precipitazioni accentuate sopra la norma anche per il mese di Gennaio, per la presenza di una depressione prevalente sulla Spagna, con temperature sulla nostra Penisola attorno alla norma.
    Solo a Febbraio le condizioni del tempo diverrebbero maggiormente anticicloniche, con temperature al di sopra del normale.
    In conclusione, l’inverno sulla nostra Penisola sarebbe piuttosto mite, ma anche molto piovoso, in particolare i primi due mesi della stagione invernale.
    Dando un’occhiata alle previsioni per gli Stati Uniti, notiamo che quest’anno l’Inverno apparirebbe concentrato soprattutto sul lato Occidentale: le più recenti previsioni indicano un dicembre freddissimo dall’Alaska al Canada occidentale, ed un mese di Gennaio davvero gelido sul centro ovest statunitense!
    Come detto, ogni modello matematico sul lungo periodo ha una sua previsione sulla forza e l’andamento del fenomeno della Nina, ed è per questo che, al momento, le previsioni sull’Inverno in Europa sono contrastanti.
    Nell’immagine, le anomalie delle precipitazioni per il mese di Gennaio, previsto molto piovoso sull’Italia.


    Freddofili
    Sono sempre diffidente delle persone a cui non piacciono i cani mentre mi fido tantissimo del cane quando non gli piace una persona.

    COMMENTA


    • #3
      l'inverno deve andare freddo e l'estate calda questa e' la normalita'.ciaoooooooooooooooooooooo
      w la caccia

      COMMENTA


      • #4
        e l estate 2017 come sara'?

        COMMENTA


        • #5
          Originariamente inviato da zona alpi 72 Visualizza il messaggio
          e l estate 2017 come sara'?
          Ci sto ragionando Zona ....[emoji23] ...a breve Nostradamus ....ti, vi dirà in merito .....[emoji6]

          Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk
          Sono sempre diffidente delle persone a cui non piacciono i cani mentre mi fido tantissimo del cane quando non gli piace una persona.

          COMMENTA


          • #6
            Indice AO in crollo verso un valore di -4, ondate di freddo in arrivo sull’Europa!

            -

            Ott 3, 2016



            Uno degli indici che maggiormente viene utilizzato per la valutazione dell’andamento del tempo in Europa e Nord America durante la stagione invernale è quello dell’AO, oscillazione Artica, la cui influenza è determinante nell’influenza del clima su queste zone nei mesi più freddi dell’anno.
            L’AO, oscillazione artica, è sostanzialmente la differenza di pressione tra le latitudini Artiche e le latitudini medie dell’emisfero settentrionale (quelle tra il 37 ed i 45° di latitudine)
            Quando l’AO è in fase positiva, il Vortice Polare è forte e tende a dirigere verso il nostro Continente correnti occidentali miti, con una stagione invernale complessivamente calda.
            Se invece l’AO è in fase negativa, il Vortice Polare è debole e frammentato, tende a dividersi ed a portare forti ondate di freddo fino alle medie latitudini.
            Ebbene, tale indice è visto crollare fino ad un valore di -4, nei prossimi giorni, che è un valore bassissimo e vicino ai limiti che vengono normalmente raggiunti.

            Questo vuol dire anticicloni relegati alle alte latitudini artiche e depressioni invece alle latitudini più basse, e quindi ondate di freddo che potrebbero essere di lunga durata sul nostro Continente, visto che tale indice permarrà fortemente negativo almeno fino a metà ottobre.
            Questo cambiamento del tempo è stato improvviso e piuttosto inaspettato, visto che sono molti mesi che tale indice oscilla attorno a valori in prevalenza positivi.
            Nella seconda mappa, notiamo come le zone anticicloniche tendano a stabilizzarsi a latitudini settentrionali, lasciando il nostro Paese esposto ad una circolazione depressionaria.
            Sono queste le situazioni che determinano le massime ondate di freddo durature sperimentate in passato dalla nostra Penisola (in particolare l’inverno 1962-63), ma ora siamo nella prima decade di ottobre, quindi gli effetti principali consisteranno in un forte abbassamento termico e la probabile prima neve sulle cime appenniniche.


            Freddofili
            Sono sempre diffidente delle persone a cui non piacciono i cani mentre mi fido tantissimo del cane quando non gli piace una persona.

            COMMENTA


            • #7
              Precoce ondata di freddo alle porte. Ripercussioni sull’Inverno

              -

              Ott 3, 2016



              Per congelare la laguna veneta sono necessarie temperature ben al di sotto dello zero, si afferma che l’acqua salmastra della laguna congeli quando l’acqua raggiunge -4°C.

              Eppure quando tutti sono a parlare di Riscaldamento Globale, di clima che scongelerà i ghiacciai alpini, che annienterà la pratica dello scii alpino sul nostro Paese, di botto ecco che nel febbraio 2012 giunse un nucleo di aria gelida dalla Russia che paralizzò per vari giorni tante località italiane, con la neve che cadde sino nelle coste della Sardegna.
              Gelò la laguna veneta come non succedeva da molti anni. In Val Padana si raggiunsero temperature di -15°C.
              Anno 2016, Ottobre: una massa d’aria fredda autunnale, da giovedì 6 interesserà l’Italia, dove si avranno le prime gelate notturne in Val Padana e nelle conche alpine e appenniniche, nei e nei paesi di montagna di Alpi e Appennino.
              Gli effetti di una bufera di neve nel Nord America.Avremo un concreto e robusto crollo termico su buona parte d’Italia (sarà marginale solo in Sardegna), con maltempo diffuso al Sud e nelle regioni dell’Adriatico, mentre è atteso bel tempo al Nord.
              Ma il fatto straordinario è la precocità con cui si realizzerà l’evento meteo, che porterà i termometri esageratamente sotto la media, specie per le temperature minime.
              Ma ciò non avrà alcuna ripercussione diretta sull’Inverno, anche se una riflessione è d’obbligo.
              Se ai primi di Ottobre un’improvvisa sfuriata di freddo dalla Russia ci porterà così tanto freddo, nonostante sia previsto da tutti un mese di Ottobre molto caldo, questo vuol dire che simili fenomeni potrebbero succedere anche d’Inverno. Il prossimo Inverno, non si sa.
              Siamo ancora in tempo – per nella nostra vita – per osservare ondate di gelo di rilevanza storica, nonostante vi siano indiscutibili segnali di Riscaldamento Globale (non confermati da tutti gli scienziati e cultori della climatologia).
              Rammentiamo che i modelli matematici del clima sentenziano che avremo un Inverno mite. Ma ciò oramai è una costante da molti anni, anche in annate che poi hanno avuto ondate di gelo come il 2012.

              Freddofili
              Sono sempre diffidente delle persone a cui non piacciono i cani mentre mi fido tantissimo del cane quando non gli piace una persona.

              COMMENTA


              • #8
                boo io spero solo che faccia acqua ma tanta acqua!! così arrivan ole papere!!!
                !!cacciatore sempre!!

                COMMENTA


                • #9
                  Originariamente inviato da prete Visualizza il messaggio
                  Indice AO in crollo verso un valore di -4, ondate di freddo in arrivo sull’Europa!

                  -

                  Ott 3, 2016

                  Uno degli indici che maggiormente viene utilizzato per la valutazione dell’andamento del tempo in Europa e Nord America durante la stagione invernale è quello dell’AO, oscillazione Artica, la cui influenza è determinante nell’influenza del clima su queste zone nei mesi più freddi dell’anno.
                  L’AO, oscillazione artica, è sostanzialmente la differenza di pressione tra le latitudini Artiche e le latitudini medie dell’emisfero settentrionale (quelle tra il 37 ed i 45° di latitudine)
                  Quando l’AO è in fase positiva, il Vortice Polare è forte e tende a dirigere verso il nostro Continente correnti occidentali miti, con una stagione invernale complessivamente calda.
                  Se invece l’AO è in fase negativa, il Vortice Polare è debole e frammentato, tende a dividersi ed a portare forti ondate di freddo fino alle medie latitudini.
                  Ebbene, tale indice è visto crollare fino ad un valore di -4, nei prossimi giorni, che è un valore bassissimo e vicino ai limiti che vengono normalmente raggiunti.

                  Questo vuol dire anticicloni relegati alle alte latitudini artiche e depressioni invece alle latitudini più basse, e quindi ondate di freddo che potrebbero essere di lunga durata sul nostro Continente, visto che tale indice permarrà fortemente negativo almeno fino a metà ottobre.
                  Questo cambiamento del tempo è stato improvviso e piuttosto inaspettato, visto che sono molti mesi che tale indice oscilla attorno a valori in prevalenza positivi.
                  Nella seconda mappa, notiamo come le zone anticicloniche tendano a stabilizzarsi a latitudini settentrionali, lasciando il nostro Paese esposto ad una circolazione depressionaria.
                  Sono queste le situazioni che determinano le massime ondate di freddo durature sperimentate in passato dalla nostra Penisola (in particolare l’inverno 1962-63), ma ora siamo nella prima decade di ottobre, quindi gli effetti principali consisteranno in un forte abbassamento termico e la probabile prima neve sulle cime appenniniche.


                  Freddofili

                  Si sono però dimenticati di scrivere che tale indice non deve diventare troppo negativo...altrimenti c'e il rischio che le colate fredde vadano troppo ad Ovest (verso la spagna per capirci) cosa che solitamente scaturisce poi in forti depressioni mediterranee (a causa del contrasto termico) con l'italia che prende o vagonate di pioggia o sciroccate miti nonostante il moto antizonale facesse pensare a gelo e freddo...

                  Premesso che vi sono tantissime altre cose da guardare per capire l'arrivo eventuale del freddo, direi che un valore di AO leggermente negativo (tra -1 e -2) sarebbe il top per avere il freddo da noi

                  Ciao

                  COMMENTA


                  • #10
                    Grazie per la precisazione....

                    Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk
                    Sono sempre diffidente delle persone a cui non piacciono i cani mentre mi fido tantissimo del cane quando non gli piace una persona.

                    COMMENTA


                    • #11
                      Grazie agli Amici Prete e Sassellino, comincio a compredere qualcosina in più del misterioso mondo della metereologia. Spero che in Sicilia rinfreschi e che piova per qualche giorno. Mentre scrivo per ringraziare, vi informo che sono in pantaloncini e a dorso nudo. Uffa non ne posso più!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
                      piero
                      NON SI DISCUTE PER AVERE RAGIONE MA PER CAPIRE
                      " Jorge Luis Borges "

                      COMMENTA


                      • #12
                        SASSELLI NO PIÙ CHE PRETE ....

                        Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk
                        Sono sempre diffidente delle persone a cui non piacciono i cani mentre mi fido tantissimo del cane quando non gli piace una persona.

                        COMMENTA


                        • #13
                          Originariamente inviato da prete Visualizza il messaggio
                          SASSELLI NO PIÙ CHE PRETE ....

                          Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk
                          Seee , non esagerare, te aggiorni tutto costantemente in modo esemplare

                          COMMENTA


                          • #14
                            Tu invece sei molto preparato di tuo e come ho sempre sostenuto sei un valore aggiunto .....
                            Sono sempre diffidente delle persone a cui non piacciono i cani mentre mi fido tantissimo del cane quando non gli piace una persona.

                            COMMENTA


                            • #15
                              Originariamente inviato da prete Visualizza il messaggio
                              Tu invece sei molto preparato di tuo e come ho sempre sostenuto sei un valore aggiunto .....
                              Troppo buono...diciamo che è da quando ho 5/6 anni che osservo il cielo cercando di capirci qualcosa e con il tempo anche ad essere "duri" piano piano qualcosa si impara

                              COMMENTA

                              Pubblicita STANDARD

                              Comprimi

                              Ultimi post

                              Comprimi

                              Unconfigured Ad Widget

                              Comprimi
                              Sto operando...
                              X