annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

La grande nevicata del 13 gennaio 1985

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (29%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #16
    io lavoravo in lunigiana presso l'istituto tecnico per ragionieri e geometri "belmesseri" 10 meravigliosi giorni di "festa" per scuola inagibile subito dopo le vacanze di Natale..........in bocca al cocker!!!!!!!!!!!!!

    COMMENTA


    • #17




      Sono sempre diffidente delle persone a cui non piacciono i cani mentre mi fido tantissimo del cane quando non gli piace una persona.

      COMMENTA


      • #18
        me la ricordo molto bene,lavoravo come turnista e al mattino del 13 gennaio alle ore 4 c'erano già 10 cm di neve che ha continuato a cadere per tutta la giornata,alle ore 11 aveva raggiunto i 70 cm e il tetto dello stabilimento dal peso della neve cominciava ad abbassarsi e per precauzione ci fecero andare a casa tutti., alla sera i cm di
        neve erano quasi 90 .la caccia venne chiusa per un mese e riaperta a metà febbraio ,era come una seconda apertura di caccia e ad attenderci c'erano le cesene che a branchi di centinaia passavano da un appostamento all'altro consentendo carnieri da allora purtroppo più visti.

        COMMENTA


        • #19
          Fu l anno del servizio militare ,eccome se me lo ricordo mi hanno massacrato ha fare campi militari e lanci,ero della genio pionieri paracadutisti....!!! Quanti tordi dopo anno tirato ,io sono mancato congedavo a maggio...

          COMMENTA


          • #20
            Anch'io me la ricordo benissimo per due fondamentali motivi: 1) per il lavoro....essendo un Jolly ogni giorno cambiavo sede di lavoro nelle banche del circuito Veneto.Al mattino dopo la nevicata mi ordinarono di andare in una località agricola a circa 80 km da casa mia. Per fortuna partii molto presto e ci arrivai. 2) Alla sera quando ritornai a casa dopo mille difficoltà trovai che nella mia abitazione come in tutto il paese mancava l'elettricità......dormii in auto con il resto del gasolio che avevo in serbatoio.
            sigpichhttp://www.migratoria.it/forum/signaturepics/sigpic7632_2.gif

            COMMENTA


            • #21
              Vorrei far presente che quel mese di gennaio 1985 la nevicata ebbe diverse fasi variabili lungo lo stivale. Qui a Roma nevicò molto il 6 gennaio giorno della Befana per tutto il giorno e ne fece cica 30 cm in città. Poi ci furono altri sprazzi durante la settimana ma di poco conto. Quello che fu eccezionale fu il freddo intenso e le relative gelate che durarono fino alla domenica successiva. Il 13 gennaio la temperatura qui a Roma ricominciò lentamente a risalire e la neve a squagliarsi.
              Viceversa al nord la grossa nevicata fu il 13 gennaio quando risalirono le correnti umide meridionali che trovando aria gelida al suolo, provocarono grosse nevicate come è stato descritto.
              Saluti Franco

              COMMENTA


              • #22
                Eccome se la ricordo bene quella nevicata; lavoravo nella centrale Enel di Porto Tolle, (casa mia da quella centrale dista circa un 100 km circa) ero reperibile, (avevo fatto 5 giorni 24h su 24 in centrale dormivo nella foresteria) tutto andava bene, dissi al capoturno tutto apposto lui mi rispose di si allora faccio una scappatina a casa se ci sono problemi mi chiami. A 1/2 notte sento il telefono squillare mi alzo e il capo turno mi chiama presto vieni qua c'è il finimondo stà nevicando siamo a -10° C ci sono parecchi allarmi bisogna fare delle analisi all'acqua ecc (io ero analista chimico), mi vestii e partii, mi trovai nel mezzo della tormenta quello che vidi e che non mi dimenticherò mai erano i lampi e i tuoni e la neve che cadeva così violentemente spinta dalla furia di un vento impetuoso che mi impediva di vedere la strada tanto che a un bel punto stavo andando su per la scarpata del fiume Po; quanto arrivai ringraziai il Padre Eterno e il mio Angelo custode che mi hanno guidato fino alla centrale. Il lunedì pomeriggio tornai a casa c'era un bel sole vidi una bella beccaccia ai margini di un pioppeto che infilava il becco nella neve, e non vi dico quante migliaia e migliaia di anatre che c'erano nel fiume Po senza contare quelle in volo, uno spettacolo unico in quanto tutte le valli erano gelate. Era lunedì 14 gennaio del 1985.

                COMMENTA


                • #23
                  Anche io ricordo bene quel gennaio, primo perché ero militare a falconara e la neve sul mare era bellissima e secondo perché ero alla mia seconda licenza e prima di partire feci tanti uccelli, sopratutto anatre, il trasimeno ghiaccio` e da me la gelata dopo la neve fece fuori tutti gli olivi, che freddo
                  Un saluto

                  COMMENTA

                  Pubblicita STANDARD

                  Comprimi

                  Ultimi post

                  Comprimi

                  Unconfigured Ad Widget

                  Comprimi
                  Sto operando...
                  X