annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Meteo stagione 2020/2021

Comprimi

Migratoria.it è finanziato da utenti come te! Se apprezzi il sito, considera la possibilità di sostenerlo con un contributo. Offrici un caffè

Comprimi
Ciao, Ospite! Subito per te l'attivazione automatica dell' Account Premium per tutto l'anno! A partire dal N/A Ora: N/A
Questa è una discussione evidenziata.
X
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #16
    Un CICLONE in arrivo sulla Francia: da venerdì coinvolgerà anche l'Italia

    Notevole il ciclone atteso tra venerdì e sabato sull'ovest della Francia.


    In primo piano - Oggi, ore 09.14

    Un vortice ciclonico con minimi sotto i 980hPa, per inizio ottobre non è davvero niente male, se si pensa alla latitudine a cui si posizionerà.

    Il ciclone francese abborderà la costa nord occidentale dell'Esagono tra Brest e Nantes nella giornata di venerdì, raggiungendo la sua massima profondità entro la serata (si stima un 978hPa).

    Ecco il momento, cosi come ce lo mostra la mappa del modello americano rielaborata da MeteoLive.it, notate il richiamo di aria calda davanti al vortice che investe l'Italia meridionale e centrale, a contrastare con l'aria fresca che invece penetra da ovest e raggiunge le regioni settentrionali italiane:



    Un vortice del genere sottende venti tempestosi fra Francia e sud dell'Inghilterra, ma abbastanza sostenuti anche nel Mediterraneo. L'evoluzione successiva ci mostra il ciclone sfondare nell'entroterra perdendo forza tra La Rochelle e l'estuario della Gironda (minimo a 988hPa) nel pomeriggio di sabato 3 ottobre:



    Qui invece vi proponiamo le conseguenze a livello precipitativo sull'Italia dei fronti connessi al ciclone; si tratta della sommatoria dei fenomeni previsti tra giovedì sera 1° ottobre e martedì 6 ottobre. Al nord e sulla Toscana si prevedono accumuli anche superiori ai 55mm:






    Autore : Alessio Grosso
    Franuliv, walker960walker e oreip piace questo post.

    COMMENTA


    • #17
      Meteo compromesso al nord e centro fino a martedì 6........
      Franuliv piace questo post.

      COMMENTA


      • #18
        Meteo a 7 giorni: altra fase di MALTEMPO in vista

        Un ciclone in arrivo sulla Francia produrrà conseguenze importanti anche sul tempo del nostro Paese, a livello precipitativo tra nord e centro, soprattutto a livello termico al sud.


        La sfera di cristallo - Oggi, ore 14.23



        L'autunno ha deciso che dovrà mostrarci ancora il suo volto instabile e capriccioso. Lo farà da giovedì 1 con una serie di impulsi che coinvolgeranno in primis il nord e le regioni centrali tirreniche, meno le centrali adriatiche e il meridione, che resteranno un po' ai margini della circolazione depressionaria, seppur interessati a tratti da qualche precipitazione.

        Ciò che colpisce del periodo che ci aspetta è il nuovo sbalzo termico a cui andremo incontro: il richiamo di correnti meridionali che anticiperà il passaggio frontale intenso di sabato 3 ottobre spingerà aria molto calda in direzione del centro e soprattutto del sud, ove le temperature localmente (soprattutto grazie all'effetto favonico) raggiungeranno al suolo picchi superiori ai 30°C.

        Piogge abbondanti invece colpiranno il nord, anche se c'è ancora qualche dubbio da sciogliere sul Piemonte occidentale, che ha bisogno di condizioni particolari ma anche rischiose per ricevere piogge copiose, e altri temporali marittimi importanti impegneranno Toscana, Lazio, Sardegna, per estendersi poi all'Umbria e in parte alla Campania.

        La fase instabile, a tratti perturbata, durerà almeno sino a martedì 6 ottobre. A livello termico il nord dapprima rimarrà nell'ambito della media del periodo, poi vi scenderà nuovamente al di sotto, come mostra la mappa "spaghetti" relativa a Milano (molta pioggia e calo termico dai primi di ottobre):



        Situazione non molto dissimile a Firenze, come si può notare dalla mappa spaghetti, dove addirittura si parte da un sotto media termico, ci si alza appena sopra, poi si piomba nuovamente al di sotto con fenomeni anche copiosi:



        Al sud invece appare clamoroso lo sbalzo termico del fine settimana con temperature a 1500m sino a 20°C, comunque anch'esso seguito da un importante ridimensionamento dei valori e da qualche precipitazione:



        SINTESI PREVISIONALE SINO A MARTEDI 5 OTTOBRE:
        mercoledì 30 settembre
        : la giornata migliore della settimana, salvo qualche addensamento lungo il Tirreno, specie tra Lazio e Campania, ma con fenomeni sporadici. Temperature massime in rialzo.

        giovedì 1° ottobre: addensamenti sul nord-ovest, l'arco alpino con qualche pioggia o rovescio a ridosso della costa ligure e delle Prealpi, verso sera possibile formazione di temporali in viaggio dalla costa ligure verso la Lombardia, per il resto asciutto. Bel tempo al centro, salvo addensamenti sulla Toscana con locali piogge in Versilia, bello altrove, più caldo al centro e al sud.

        venerdì 2 ottobre: maltempo su Liguria, est Lombardia, Triveneto, Emilia occidentale, asciutto sul resto del nord, rovesci di breve durata su Toscana, Umbria, Sardegna e Lazio, bello altrove, netto ulteriore rialzo termico al centro e al sud, in parte anche sul nord-est. Verso sera recrudescenza dei fenomeni anche su ovest Lombardia e Piemonte.

        sabato 3 ottobre: maltempo anche intenso al nord e sulle centrali tirreniche, comprese Umbria e Sardegna con piogge e temporali, neve su ovest Alpi oltre i 1900-2000m. Al sud parzialmente nuvoloso con schiarite e clima caldo con punte di 33°C su Foggiano e Palermitano. In giornata migliora al nord-ovest ma clima fresco, temporali sulla Campania, nubifragi sulle Venezie.

        domenica 4 ottobre: spiccata variabilità tra nord e centro con rovesci sparsi alternati a schiarite, al sud prevalenza di sole ma temperature in calo. Dalla sera nuovo peggioramento al nord-ovest.

        lunedì 5 e martedì 6 ottobre: moderato maltempo tra nord, centro e Campania con momenti piovosi alternati a fase asciutti con schiarite. Martedì trasferimento del maltempo al sud, migliora al nord-ovest, venti in rotazione da Libeccio a Maestrale, temperature in calo, tranne al nord-ovest.



        Autore : Alessio Grosso
        Franuliv, walker960walker e oreip piace questo post.

        COMMENTA


        • #19
          Meteo a 7 giorni: tutte le ULTIMISSIME sul MALTEMPO e sul ritorno del CALDO al sud!

          Tra venerdì e martedì tempo molto dinamico e sbalzi termici: questo è anche uno dei volti dell'autunno.

          La sfera di cristallo - Oggi, ore 14.28




          Se il volto perturbato dell'autunno parte un po' prima del tempo i risultati sono questi: sbalzi termici, temporali marittimi molto temibili, improvvisa alternanza tra sole e precipitazioni, venti forti e qualche rischio per la popolazione meno attenta.

          Non finiremo mai di ripetere ogni volta: non infilatevi in un sottopassaggio durante un nubifragio se già da fuori lo vedete allagato, potreste rimanerci secchi! Se splende il sole ma tira Scirocco forte e si attende a breve anche una perturbazione non avventuratevi in mare o sui monti, perché non solo rischiate la vita voi, ma mettete a rischio anche coloro che per dovere civico cercheranno di salvarvi. Non siate egoisti!

          Detto questo, c'è da raccontare di un ciclone sulla Francia che spingerà davanti a sé una corrente meridionale tesa e calda su gran parte d'Italia, tranne al nord-ovest, che non si accorgerà di questo repentino rialzo termico e sperimenterà invece precipitazioni già dalla serata di giovedì a partire dalla Liguria, che rischia nel Levante di assistere ad un brutto nubifragio, come dice la nostra mappa:


          Venerdì 2 il maltempo si concentrerà sul settentrione ed anzi lo Scirocco lo localizzerà sull'estremo nord-ovest entro sera, come risulta evidente anche dalla mappa seguente:

          Sabato 3 maltempo diffuso su tutto il nord e gran parte del centro con la risalita dell'aria calda stoppata proprio dal passaggio frontale in arrivo dalla Francia, seguito da un rapido miglioramento sul settore occidentale; la mappa qui sotto a 1500m fotografa proprio la situazione termica alle ore 11 del mattino, con il fronte che sta sfondando da ovest:

          Ed ecco le precipitazioni previste tra le 06 di sabato e le 12 di domenica 4 ottobre e nelle 12 ore successive secondo il nostro modello:


          Una recrudescenza del maltempo interverrà tra domenica pomeriggio e lunedì, come si vede nella mappa qui sotto, ma il ciclone francese si sarà ormai in parte colmato e sarà nel frattempo traslato verso il centro Europa:

          La rotazione delle correnti dai quadranti nord occidentali determinerà uno spostamento della fenomenologia verso il resto d'Italia tra martedì 6 e mercoledì 7. In seguito dovrebbe subentrare un miglioramento ma seguite gli aggiornamenti!
          SINTESI PREVISIONALE sino a MERCOLEDI 7 OTTOBRE:
          giovedì 1° ottobre
          : da rimarcare il rischio di forti temporali marittimi serali su centro-est Liguria, in trasferimento attenuati nella notte verso centro-est Lombardia, per il resto solo nubi al nord, specie sulle Alpi, associati a sporadici rovesci, bel tempo altrove.

          venerdì 2 ottobre: maltempo al nord-ovest, piogge anche sul nord-est, sporadiche o assenti su Emilia-Romagna a causa dei venti secchi di caduta dall'Appennino, locali piogge su alta Toscana, tempo migliore sul resto del centro, bello al sud, salvo temporali in mare aperto sullo Jonio. Più caldo al centro e al sud.

          sabato 3 ottobre: maltempo al nord e sulle centrali tirreniche, Sardegna compresa, migliora al nord-ovest dal tardo mattino, caldo o molto caldo al sud per la stagione con nubi sparse ed assenza di fenomeni.

          domenica 4 ottobre: mattinata con schiarite, poi ripeggiora su nord-ovest e alto Tirreno con piogge in estensione entro sera a tutte le centrali tirreniche, ovest Sardegna e nord-est, ancora asciutto al sud ma meno caldo.

          lunedì 5 ottobre: maltempo moderato tra nord e centro, poi migliora al nord-ovest, peggiora sulla Campania, clima più fresco e attenuazione del caldo al sud.

          martedì 6 ottobre: instabile su nord-est, centro e meridione con rovesci e temporali sparsi, schiarite al nord-ovest, clima fresco ovunque.

          mercoledì 7 ottobre: ultimi fenomeni al centro e al sud, specie sul basso Tirreno, schiarite altrove.





          Autore : Alessio Grosso
          Franuliv, oreip e walker960walker piace questo post.

          COMMENTA


          • #20
            MALTEMPO: nuovo PEGGIORAMENTO tra domenica e lunedi al nord e sul Tirreno

            Una nuova perturbazione si farà venere sull'Italia tra domenica 4 e lunedi 5 ottobre


            In primo piano - Oggi, ore 10.20

            L'autunno ingranerà la quarta e nei prossimi giorni ci mostrerà il suo campionario di pioggia, vento e mareggiate. Ecco la situazione sinottica attesa in Italia nella notte tra domenica 4 e lunedi 5 ottobre secondo il modello europeo:



            Notate la vasta depressione con centro sulle Isole Britanniche che porterà l'autunno su gran parte del nostro Continente, Italia compresa. Le regioni maggiormente interessate dalle piogge saranno il nord e il centro, specie il lato tirrenico e le zone interne.

            Il meridione e il medio-basso Adriatico si troveranno invece sottovento al flusso portante da sud-ovest e non avranno fenomeni di rilievo...anzi, sulle estreme regioni meridionali arriverà anche un po' di caldo.

            La prima mappa mostra la sommatoria delle piogge attese in Italia nell'arco di tutta la giornata di domenica 4 ottobre secondo il modello europeo; la maggior parte delle piogge si riferisce al pomeriggio-sera della giornata festiva:



            Le regioni settentrionali, versante tirrenico, zone interne e Sardegna verranno avvolte da rovesci o temporali anche forti. Sulle Alpi arriverà persino la neve sopra i 1800-2000 metri. Il versante adriatico e il meridione resteranno invece escluse dai fenomeni per i motivi sopra citati.

            Nella giornata di lunedi 5 ottobre, le piogge riguarderanno soprattutto il versante tirrenico ed interno, dalla Riviera di Levante fino alla Campania:



            Rovesci anche su Alpi, Prealpi, nord-est e Sardegna, per il resto tempo asciutto. Attenzione ai forti venti da ovest o sud-ovest che metteranno i mari in condizioni non buone.



            Autore : Paolo Bonino
            Franuliv e oreip piace questo post.

            COMMENTA


            • #21
              Meteo a 15 giorni: NIENTE alta pressione, si andrà avanti con l'instabilità

              Anche dopo la fase perturbata prevista tra il 2 ed il 7 ottobre, il tempo stenterà a rimettersi, specie al nord.


              Fantameteo 15gg - 30 Settembre 2020, ore 16.00

              Le ottobrate tranquille e rilassanti non si scorgono all'orizzonte. Ottobre infatti non solo debutterà all'insegna dell'instabilità ma non lascerà affatto spazio al ritorno dell'alta pressione, che dalle carte non si scorge proprio.

              La prima mappa che vi mostriamo infatti evidenzia anomalie termiche negative a 1500m su mezza Europa per il periodo compreso tra venerdì 9 e domenica 11 ottobre, solo leggermente superiori alla media a ridosso delle isole e sull'est del Continente:



              Quell'anomalia negativa sottende la presenza di una circolazione depressionaria che finisce per abbracciare anche parte del nostro Paese, segnatamente il nord e le regioni centrali, lasciando invece un po' al riparo il meridione, dove infatti si prevede anche un'incidenza delle precipitazioni piuttosto bassa rispetto al resto del Paese.

              La carta barica relativa alla media degli scenari per domenica 11 ottobre evidenzia proprio una circolazione d'aria instabile che impegna nord e parte del centro Italia favorendovi delle precipitazioni sparse, più abbondanti su nord-est e Toscana:



              Nei giorni successivi e arriviamo a mercoledì 14 non si scorge alcun cenno di cambiamento significativo nella disposizione delle correnti sul Continente; l'Italia sarà sempre parzialmente coinvolta da flussi di aria instabile di origine atlantica e questa volta anche parte del sud potrebbe sperimentare qualche precipitazione passeggera, specie il versante tirrenico:



              Fino alla metà del mese dunque è assai probabile (al 55-60%) come del resto dicono le carte da giorni e noi riportiamo fedelmente, che non vi sia alcuna prolungata fase stabile sull'Italia, al massimo qualche finestra soleggiata di 1/2 giorni al nord e al centro, di più invece al sud, che solo in un secondo tempo vedrà il flusso delle correnti instabili raggiungere le proprie latitudini, come ci mostra questa mappa prevista per giovedì 15 ottobre (minimo depressionario a ridosso della Sardegna):



              IN SINTESI da giovedì 8 a giovedì 15 ottobre:
              -spesso tempo instabile o molto instabile al nord con alcune precipitazioni ad intervalli.
              -spesso instabile al centro con qualche precipitazione alternata a schiarite e fenomeni più probabili sul Tirreno
              -più soleggiato e più mite al sud ma con rischio di peggioramenti nel corso della seconda decade del mese.





              Autore : Alessio Grosso
              Franuliv e oreip piace questo post.

              COMMENTA


              • #22
                Guardiamo un po' avanti nelle ricerca di qualche buona notizia a questo inizio Ottobre pessimo per le condizioni meteo che influenzano pesantemente la nostra passione. Tra una perturbazione e l'altra forse, il condizionale è obbligo visto la distanza temporale, qualche giorno di pausa che comprenda anche un fine settimana, potrebbe esserci da metà settimana prossima. Incrociamo le dita.

                Meteo a 15 giorni: breve tregua in attesa di altro MALTEMPO?

                L'autunno concederà alcune pause soleggiate, ma il maltempo sarà sempre dietro l'angolo.


                Fantameteo 15gg - 1 Ottobre 2020, ore 16.30



                Il mese di ottobre sancisce il definitivo ingresso della stagione autunnale sul nostro Paese, dopo i sentori parzialmente estiveggianti che può ancora presentare settembre. Le perturbazioni diventano più numerose così come le fasi piovose e più fresche che segnano la fine inevitabile della bella stagione.

                Dopo una fase molto instabile e turbolenta che interesserà parte dell'Italia nei prossimi giorni, sul finire della prima decade ottobrina il tempo potrebbe temporaneamente stabilizzarsi sul Bel Paese, sotto l'egida di temperature gradevoli.

                La prima mappa mostra la situazione attesa in Italia nella giornata di giovedi 8 ottobre:



                Notiamo una situazione di intervallo tra una depressione che uscirà di scena dall'Italia (in basso a destra) ed una nuova figura di maltempo che impegnerà l'Europa nei giorni successivi (in alto a sinistra).

                In questo frangente, oltre al bel tempo che sarà presente da nord a sud, il quadro termico presenterà note gradevoli specie nelle ore centrali della giornata.

                Durerà? Secondo le analisi odierne sembra proprio di no. A partire da lunedi 12 ottobre una nuova percussione nord atlantica potrebbe fare il suo ingresso sul bacino occidentale del Mediterraneo portando tanta pioggia e maltempo. Ecco la mappa relativa alla giornata in questione:



                Correnti di Scirocco (frecce rosse) annunceranno una pesante fase perturbata ad iniziare dalle regioni settentrionali e dal Tirreno. Lentamente, il maltempo si estenderà a tutta l'Italia portando tanta pioggia, ma in un contesto abbastanza mite.



                Autore : Paolo Bonino
                Franuliv e oreip piace questo post.

                COMMENTA


                • #23
                  La tendenza della prossima settimana: fresche correnti atlantiche e variabilità, poi...

                  Diamo un'occhiata al tempo della prossima settimana in Italia.


                  In primo piano - Oggi, ore 11.23

                  Cosa bolle in pentola per la prossima settimana in Italia? Il tempo sarà complessivamente variabile con passaggi nuvolosi che, specie al nord e sul Tirreno, potrebbero originare alcuni rovesci.

                  L'unico passaggio frontale organizzato potrebbe impegnare l'Italia nella giornata di lunedi 5 ottobre, scacciando gli ultimi sentori di caldo dall'Italia meridionale.

                  La prima mappa mostra la situazione attesa in Europa nelle ore centrali di mercoledi 7 ottobre:



                  Cosa notiamo? Una vasta e profonda depressione che si posizionerà poco a sud dell'Islanda. Sul suo fianco meridionale scorreranno veloci correnti occidentali abbastanza fresche e moderatamente instabili, che interesseranno anche la nostra Penisola, segnatamente il nord e il centro.

                  In altre parole, la settimana sarà complessivamente variabile nella sua prima parte con rischio di rovesci specie al nord-est e sul Tirreno...senza dimenticare le nevicate che avverranno sulle Alpi sopra i 2000 metri.

                  Al sud e sulle Isole avremo un tempo migliore, seppure costellato da annuvolamenti locali con basso rischio di fenomeni.

                  La seconda parte della settimana, indicativamente da giovedi 8 a domenica 11 ottobre, vedrà una maggiore invadenza dell'alta pressione sul Mediterraneo; di conseguenza le condizioni del tempo tenderanno a migliorare. Ecco la mappa sinottica relativa alla giornata di sabato 10 ottobre:



                  L'azione delle correnti instabili atlantiche verrà marginalizzata all'Europa centro-settentrionale. Sull'italia si stabilirà una blanda zona di alta pressione con condizioni di tempo discreto e mite specie al centro e al meridione.


                  Autore : Paolo Bonino
                  Franuliv e oreip piace questo post.

                  COMMENTA


                  • #24
                    METEO: fase variabile, da metà settimana temporaneo miglioramento

                    Condizioni di variabilità sul territorio con correnti che tenderanno a piegare da nord-ovest; ancora un fronte in transito nella giornata di mercoledì, poi sino a sabato bel tempo. Da domenica nuovo peggioramento al nord.


                    Prima pagina - Oggi, ore 07.51

                    SITUAZIONE: correnti occidentali trasportano ancora masse in parte umide sulle nostre regioni, coinvolgendo principalmente la fascia tirrenica e il nord-est, dove ancora per stamane sono previsti locali rovesci, anche se la perturbazione transitata ieri sera si trova ormai sui Balcani. Qui i fenomeni attesi per la mattinata odierna dal modello europeo:



                    EVOLUZIONE: martedì aria fresca raggiungerà il meridione attivando qualche focolaio temporalesco soprattutto a ridosso della Puglia e della Sicilia, come evidenzia il modello europeo:



                    MERCOLEDI: un nuovo fronte raggiungerà la Penisola da WNW ma la contemporanea rimonta dell'alta pressione ne limiterà gli effetti all'alta Toscana, l'estremo nord-est e in un secondo tempo al centro e al sud, nevicate sono attese comunque sui settori alpini di confine. Qui le precipitazioni attese per le prime ore di mercoledì dal modello europeo, in successivo trasferimento verso sud:



                    EVOLUZIONE: giovedì 8 e venerdì 9 alta pressione e bel tempo ovunque con temperature in aumento. Sabato 10 un po' di nuvolaglia al nord ma in un contesto generalmente asciutto, sarà però l'annuncio dell'inserimento di un vortice ciclonico che, nella giornata di domenica, porterà maltempo dal pomeriggio su tutto il settentrione e la Toscana. Segui i nostri aggiornamenti!

                    OGGI: al nord nuvolosità irregolare, in attenuazione ad ovest, ancora attiva sul nord-est con brevi rovesci possibili; al centro un po' di nuvolaglia sul Tirreno con locali rovesci, schiarite sul medio Adriatico, bel tempo al sud. Clima fresco al nord e al centro, ancora molto mite al sud. Un po' di Libeccio sull'alto e medio Tirreno.


                    Autore : Alessio Grosso
                    Franuliv e oreip piace questo post.

                    COMMENTA


                    • #25
                      Da un fine settimana all’altro: il MALTEMPO darà poca tregua

                      Si aprirà un lungo periodo perturbato

                      DI IVAN GADDARI

                      05 Ott 2020 - 13:30

                      Prima di addentrarci nell’evoluzione meteo climatica settimanale, lasciateci ricordare l’esito di una ricerca britannica condotta anni or sono: l’incidenza del maltempo è maggiore nei weekend. Sarà un caso, sarà perché nei fine settimana siamo più liberi, sarà quel che volete fatto sta che anche ultimamente stiamo assistendo a ondate di maltempo nei giorni spendibili per le nostre passioni e per i nostri piaceri.

                      Una premessa doverosa, visto che non pochi si stanno domandando come mai fa brutto spesso e volentieri nelle giornate di sabato e domenica. Una premessa doverosa anche in virtù delle previsioni che stiamo per proporvi, o meglio, dell’analisi modellistica che stiamo per illustrarvi.


                      Il modello matematico ECMWF prospetta un altro peggioramento a partire da domenica

                      Purtroppo, lo avrete capito, le notizie non sono buone. Chi sperava in una tregua un po’ più consistente resterà deluso. La settimana sarà condizionata inizialmente da spiccata variabilità tipicamente autunnale, difatti transiterà qualche altra blanda perturbazione, dopodiché avremo un temporaneo miglioramento e un consistente aumento delle temperature. L’Alta Pressione, o meglio, il promontorio anticiclonico africano, non sarà altro che la risposta al nuovo affondo depressionario sull’Europa occidentale.

                      Questa la dinamica attesa: spinta dell’Alta delle Azzorre verso nord-nordest, affondo depressionario sull’Europa occidentale, temporanea fiammata anticiclonica sul Mediterraneo centro orientale, successivo peggioramento. Peggioramento che, carte alla mano, potrebbe cominciare o sabato o domenica e ancora una volta partirebbe dalle regioni del Nord Italia (in particolare dai settori occidentali). Stavolta, tuttavia, l’affondo ciclonico dovrebbe coinvolgerci direttamente e dar luogo a un’ondata di maltempo diffusa.

                      Oltre che diffusa porterebbe un sostanziale calo delle temperature e potrebbe risultare duratura. L’anomalo posizionamento dell’Alta delle Azzorre, anomalo considerando il periodo, potrebbe alimentare altri affondi ciclonici all’interno del Mediterraneo e a quel punto assisteremmo a ondate di maltempo in successione. Quindi anche nel corso della settimana, non soltanto nei weekend.

                      COMMENTA


                      • #26
                        Meteo: Seconda metà di OTTOBRE, altra SFURIATA ATLANTICA, Rischio di MALTEMPO ESTREMO su Molte Regioni. La PROIEZIONE
                        Articolo del 5/10/2020
                        ore 11:40
                        di Salvatore de Rosa Meteorologo

                        Metà Ottobre: possibile ciclone verso l'Italia. La stagione autunnale è partita in grande stile con tante piogge e pure fenomeni alluvionali. Le proiezioni sul medio-lungo periodo lasciano propendere per una nuova fase perturbata dalla metà del MESE di ottobre. Un vortice ricolmo di temporali intensi potrebbe infatti puntare l'Italia portando tante precipitazioni anche sotto forma di nubifragi. Poi ci sarà spazio per un cambiamento?

                        Facciamo il punto della situazione analizzando l'ULTIMO AGGIORNAMENTO.

                        Con l'inizio di ottobre ha preso sempre più vigore la famigerata depressione d'Islanda, il cuore motore delle perturbazioni atlantiche che dal Nord Europa si dirigono poi anche verso l'Italia. Queste settimane d'altronde sono statisticamente e climaticamente le più piovose dell'anno su molte regioni.

                        Dando uno sguardo alle previsioni sul medio e lungo periodo emerge chiaramente come proprio verso la metà di ottobre un ciclone in discesa dal Nord Atlantico raggiungerà dapprima Francia e Penisola Iberica, per poi approfondirsi ulteriormente sul mar Mediterraneo. Se ciò venisse confermato non sono da escludere forti precipitazioni anche sotto forma di nubifragio in particolare al Centro Nord. Insomma il classico clima autunnale con serio rischio di alluvioni lampo e allagamenti nelle zone maggiormente esposte.

                        Più riparato almeno per il momento il Sud, dove, oltre ad una maggiore stabilità atmosferica sono attese temperature ben oltre le medie con punte fin verso i 24-25°C.

                        E poi? Cambierà tutto con il ritorno dell'alta pressione?

                        Purtroppo almeno per il momento non si vedono via d'uscita: l'Italia continuerà ad essere bersagliata da perturbazioni atlantiche almeno fino al 20 del mese che a più riprese porteranno piogge e rovesci temporaleschi. Soltanto il Sud potrebbe venire interessato da un'altra ondata di caldo africano.

                        COMMENTA


                        • #27
                          METEO: arriva una perturbazione ma non colpirà tutte le regioni!

                          Correnti da WNW localizzeranno i fenomeni su zone alpine di confine, estremo nord-est, spezzino, alta Toscana e mercoledì su gran parte del centro e del sud, a seguire Maestrale e schiarite. Giovedì e venerdì bello ovunque, sabato nuvolaglia al nord, poi passaggio perturbato per domenica su molte regioni.

                          Prima pagina - Oggi, ore 07.56




                          SITUAZIONE: l'Italia è inserita in un flusso di correnti mediamente occidentali che trasportano masse d'aria umide ed ospitano a tratti anche veri e propri corpi nuvolosi; uno di essi tra oggi e mercoledì attraverserà il Paese risultando più organizzato al centro e al sud e seguito da correnti di Maestrale secche e stabilizzanti.

                          Ecco la proiezione dei fenomeni prevista per oggi secondo il nostro modello, dove si notano le precipitazioni attese sino alle 24: coinvolte le Venezie, la Toscana e in serata anche le rimanenti regioni centrali, tranne la Sardegna, ombra pluviometrica sul nord-ovest, protetto dalle Alpi rispetto a queste correnti:


                          I fenomeni attesi per mercoledì 7 invece risultano quasi tutti circoscritti al centro e al sud con il nord che già sperimenterà ampie schiarite, favorite anche dalle correnti di Foehn ad ovest. Maestrale in Sardegna:

                          GIOVEDI 8 e VENERDI 9: tempo buono ovunque grazie ad una temporanea rimonta di un promontorio di alta pressione. Anche le temperature sono attese in rialzo, segnatamente nei valori massimi e al centro-sud.

                          FINE SETTIMANA 10-11: confermato il cedimento del promontorio e l'inserimento di una saccatura che già sabato porterà nuvolaglia al nord e qualche pioggia su Alpi e Liguria di Levante, domenica passaggio di un fronte freddo con fenomeni su Lombardia, Triveneto, Liguria di Levante, poi regioni centrali con calo termico, qui sotto lo schema barico previsto per la prima mattinata di domenica 11 ottobre, un minimo pressorio provocherà l'insistenza della fenomenologia sul nord-est, in giornata peggioramento al sud:


                          Qui la distribuzione dei fenomeni attesa nella seconda parte della notte su domenica 11 ottobre al nord secondo il nostro modello:



                          Autore : Alessio Grosso

                          COMMENTA


                          • #28
                            METEO: maltempo al centro e al sud, bello al nord

                            Perturbazione in transito al centro a al sud, ampie schiarite al nord. Giovedì e venerdì bel tempo e rialzo termico. Sabato nubi sparse al settentrione con peggioramento serale, domenica maltempo al nord, moderato anche al centro con calo delle temperature.

                            Prima pagina - Oggi, ore 00.00




                            PARENTESI di bel tempo tra giovedì e le prime ore di sabato, quando un promontorio anticiclonico abbraccerà l'Italia favorendo anche un rialzo delle temperature, specie nei valori massimi. Qui la mappa sinottica europa che riassume quanto detto:

                            PEGGIORAMENTO: da sabato pomeriggio il cedimento del cuneo anticiclonico a partire dal settentrione consentirà l'ingresso di una saccatura dal nord Europa con conseguente peggioramento a partire dal nord Italia, accompagnato in serata da piogge e rovesci, che domenica si estenderanno anche alle regioni centrali.

                            La formazione di un minimo di pressione a ridosso del Mar Ligure nella notte su domenica determinerà precipitazioni intense tra Liguria, Lombardia, basso Piemonte e Triveneto, sulla cui durata i modelli ancora si dividono, seguiranno approfondimenti, vista la delicatezza della situazione. Qui una mappa delle precipitazioni prevista per la notte su domenica dal modello europeo:




                            L'affondo della saccatura dal nord Europa comporterà un netto calo termico, il ritorno della neve sulle Alpi e l'instaurarsi di una circolazione depressionaria che persisterà anche nei primi giorni della prossima settimana, coinvolgendo soprattutto il centro e il sud con fenomeni intensi. Seguite gli aggiornamenti.

                            OGGI: al nord schiarite sempre più ampie e bel tempo, con temperature massime miti, anche superiori ai 20°C. Al centro al mattino molto nuvoloso con piogge sparse, asciutto in Toscana, schiarite in Sardegna con inserimento del Maestrale, al sud nubi in rapido aumento con piogge sparse dal pomeriggio, contemporaneo miglioramento sulle regioni centrali. Temperature in calo nei valori massimi.



                            Autore : Alessio Grosso

                            COMMENTA


                            • #29
                              Anche se serviranno conferme, dovute in caso di previsioni a medio termine, questa è una linea di tendenza del meteo per la seconda decade di Ottobre.

                              Meteo a 15 giorni: confermata un'evoluzione spesso PERTURBATA

                              Da una fase di maltempo ad un'altra: cambieranno solo le caratteristiche.


                              Fantameteo 15gg - Oggi, ore 16.30

                              Volto instabile, a tratti perturbato, dell'autunno scatenato. Il vortice freddo in arrivo da domenica 11 ottobre, rimarrà parcheggiato sui cieli della Penisola almeno sino a giovedì 15 ottobre, determinando marcate condizioni di instabilità, a tratti perturbata, e lasciandoci in eredità una pesante anomalia pressoria negativa a tutte le quote, come mostra in maniera eloquente questa mappa del modello americano relativa ai 5500m proprio per giovedì 15:



                              La situazione non depone poi per un ritorno dell'anticiclone, anzi dall'Atlantico, come si nota sia nella prima mappa, che nella seconda qui sotto, prevista per sabato 17, si può notare l'avvicinamento di un altro vortice ciclonico, espresso dunque puntualmente da un'altra anomalia barica a 5500m:



                              Cosa cambia da una mappa all'altra? Lo vedete? Solo la direzione delle correnti. Quello che si appropinqua da ovest è un guasto atlantico, quello precedente un guasto nord europeo. Dunque è un discorso termico.

                              Se fino a metà mese il guasto sarà a carattere freddo per il periodo, in quello previsto sul finire della seconda decade di ottobre, non sarà il freddo a catalizzare la scena, bensì le precipitazioni e semmai la risposta mite, (calda per la stagione) che dovremo aspettarci sul meridione e sul versante adriatico. Questo però depone per l'accumulo di aria molto umida in grado di provocare fenomeni molto abbondanti al nord e sul Tirreno. Ecco una mappa dell'anomalia barica prevista per lunedì 19 ottobre sempre a 5500m, il vortice depressionario atlantico si avvicina ancora di più:



                              E potrebbe andare a finire anche peggio: da martedì 20 in poi mezza Italia risentirebbe di fenomeni anche intensi, sia pure intervallati da brevi momenti asciutti, solo se poi il vortice prendesse la via del medio Atlantico la fase perturbata si risolverebbe facilmente con la parziale rimonta di un cuneo anticiclonico in grado di ridimensionare il maltempo, riportando situazioni di relativa stabilità, ma sarà davvero così? Staremo a vedere, del resto se lo sapessimo da oggi questa rubrica non si chiamerebbe "fantameteo".

                              SINTESI PREVISIONALE da giovedì 15 a mercoledì 21 ottobre:
                              giovedì 15 ottobre
                              : ancora tempo instabile sull'insieme del Paese con qualche precipitazione sparsa, tendenza a miglioramento a partire dal settentrione. Clima molto fresco per la stagione.

                              venerdì 16 ottobre: nuvolaglia residua al centro e al sud ma con fenomeni ormai solo sporadici o isolati, tendenza ad ulteriori schiarite. Clima più mite.

                              sabato 17 ottobre: nuvolaglia al nord e sulla Toscana ma senza fenomeni di rilievo, bel tempo altrove, mite.

                              da domenica 18 ottobre a martedì 20 ottobre: tendenza a peggioramento al nord, poi anche sulle centrali tirreniche, la Sardegna e la Campania con piogge frequenti e temporali di origine anche marittima, Libeccio, Ostro e poi Scirocco in azione, temperature miti, anche calde al sud, dove risulteranno sopra la media.

                              mercoledì 21 ottobre: generale instabilità con possibili precipitazioni sparse, estese questa volta anche al sud, lieve o moderato calo termico al centro e al sud, valori stazionari al nord.



                              Autore : Alessio Grosso

                              COMMENTA


                              • #30
                                Breve parentesi di bel tempo, da sabato sera nuova zampata del MALTEMPO

                                Passaggi nuvolosi medio alti in un contesto almeno a tratti soleggiato sino a sabato pomeriggio. Da sabato sera peggiora al nord ma con fenomeni in localizzazione tra Liguria, centro-est Lombardia, Triveneto ed Emilia-Romagna, in estensione domenica a gran parte del centro. Lunedì forte maltempo al sud.


                                Prima pagina - Oggi, ore 07.57



                                L'alba colma di speranza di oggi a Trezzano Sul Naviglio (MI) immortalata da Alessio Grosso: altocumuli stratiformi arrossati dal sole ancora sotto la linea dell'orizzonte, segnale di pressione atmosferica in temporaneo aumento e aria piuttosto secca a tutte le quote. Durerà poco...

                                SITUAZIONE: il promontorio anticiclonico che tende ad abbracciare l'Italia risulterà molto debole e non riuscirà nemmeno ad evitare il passaggio di nubi medio alte a tratti compatte nell'arco delle prossime 48 ore. Il tempo rimarrà però asciutto e le temperature nel complesso miti.

                                PEGGIORAMENTO: una saccatura in discesa dal nord Europa da sabato pomeriggio comincerà a coinvolgere il nord con diffusa nuvolosità e le prime precipitazioni, ma il minimo depressionario che andrà scavandosi a ridosso della Valpadana e dell'alto Tirreno favorirà la distribuzione e localizzazione dei fenomeni tra Liguria di Levante, basso Piemonte, centro-est Lombardia, alta Toscana, Triveneto, parte della Sardegna ed Emilia-Romagna, lasciando in ombra pluviometrica il nord del Piemonte e il nord-ovest lombardo, come si nota anche in questa mappa dei fenomeni previsti nella notte tra sabato e domenica:



                                EVOLUZIONE: nella giornata di domenica i fenomeni tenderanno a persistere tra Levante ligure, centro-est Lombardia, Triveneto ed Emilia-Romagna, coinvolgendo anche gran parte delle regioni centrali, specie Toscana, Umbria e Marche, guarda le due mappe relative a mattina e pomeriggio con la sommatoria dei fenomeni, da notare le nevicate anche copiose lungo le Alpi centro-orientali sin verso i 1500m:





                                LUNEDI: la depressione al suolo andrà a collocarsi sul medio Tirreno e un attivo corpo nuvoloso investirà il meridione provocando piogge diffuse e temporali anche forti, come mostra la mappa seguente:



                                GIORNI SUCCESSIVI: sino a mercoledì tempo instabile al centro e al sud con ulteriori ricadute piovose a tratti, al nord generalmente asciutto ma ancora molto fresco e temperature sotto la media del periodo. Da giovedì a sabato miglioramento e lento rialzo termico.

                                DA NOTARE: da domenica 18 l'avvicinamento di un nuovo vortice depressionario da ovest che potrebbe attivare una lunga fase piovosa al nord e poi sul Tirreno, in un contesto termico mite. Seguiranno approfondimenti.

                                OGGI: bel tempo ovunque, salvo residui addensamenti all'estremo sud, specie sul basso Tirreno, con sporadiche piogge e tendenza a miglioramento. Al nord nel corso della giornata passaggi nuvolosi. Temperature in aumento al centro e al sud nei valori massimi, in lieve calo al nord.



                                Autore : Alessio Grosso

                                COMMENTA

                                Pubblicita STANDARD

                                Comprimi

                                Ultimi post

                                Comprimi

                                Unconfigured Ad Widget

                                Comprimi
                                Sto operando...
                                X