annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Un consiglio.....

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (44%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Un consiglio.....

    Ragazzi,ho la mia cagnetta che sta buonissima tutto il gg,quando mi vede rientrare a casa fa il putiferio....a qualsiasi ora e con qualsiasi tempo.....fino a quando non la libero,se aspetto di liberarla lei urla anche per 3 ore di seguito........... liberata fa la sua bella corsa e poi la rimetto nel box e lei tace....

    Se per caso riesco da casa succede il pandemonio, i vicini iniziano a rognare.......che cacchio posso fare per fargli passare questo brutto vizio??
    Il vero cacciatore ama gli animali a cui dà la caccia, forse anche perché li considera complici di questa passione in cui ritrova la sua origine esistenziale.
    Indro Montanelli


    Ciao Mauro,amico mio!

  • #2
    Forse perché fai uscire poco la cagna?....l'unica cosa è fare uscire la cagna tutti i giorni in modo di farla correre e magari stancandosi e sentendosi appagata allo stesso tempo alla fine non abbaia!! Oppure ma non so quanto funzionino ci sono degli spruzzatori che si montano nei box che ogni volta che il cane abbaia mandano un getto d acqua per zittirlo,ma ti ripeto non sono fino a che punto possono funzionare!! Ciao e in bocca al lupo!

    COMMENTA


    • #3
      Prendine un altra, Rudy, cosi si tengono compagnia...Scherzo, ma nemmeno troppo...non è facile darti consigli, generalmente con la maturazione il cane arriva a stabilizzarsi e mantenere un equilibrio tale da saper aspettare...bisognerebbe cercare di abituare i cani fin da cuccioli ad avere un certo equilibrio, cioè a non rompersi il collo alla vista del proprietario così come non guaire e disperarsi quando se ne va...spesso la cosa e' anche soggettiva e molto variabile da soggetto a soggetto...non escludo che farsi vedere e non assecondarla, e quindi non liberarla , possa essere d'aiuto, nel senso che la cagnetta dovrebbe arrivare a tollerare le tue decisioni, pur dimostrando il suo disappunto per le prime volte...certo capisco che lasciarla guaire mentre i vicini si lamentano non è cosa semplice...non sono così bravo a darti una cura efficace così tramite tastiera, io i miei cani ho sempre cercato di abituarli a stare tranquilli finché sono io stesso a chiamarli in causa...spesso vado a caccia con un solo cane e ne lascio altri tre a casa, altre volte passo davanti a loro vestito da caccia la mattina alle cinque ma non ne prendo nessuno perché magari vado al capriolo o ad allodole , ma loro stanno buoni se non sono io a coinvolgerli...non ho vicini che si lamentano ma non mi va di sentire il finimondo se li lascio a casa...il problema che hai e' probabilmente riconducibile a qualche tuo errore in fase di socializzazione , nel senso che non hai imposto bene i ruoli tuo e della cagnetta...
      Vivi come se dovessi morire domani, pensa come se non dovessi morire mai...
      Saluti
      Giacomo

      COMMENTA


      • #4
        Originariamente inviato da Carmelo-rc Visualizza il messaggio
        Forse perché fai uscire poco la cagna?....l'unica cosa è fare uscire la cagna tutti i giorni in modo di farla correre e magari stancandosi e sentendosi appagata allo stesso tempo alla fine non abbaia!! Oppure ma non so quanto funzionino ci sono degli spruzzatori che si montano nei box che ogni volta che il cane abbaia mandano un getto d acqua per zittirlo,ma ti ripeto non sono fino a che punto possono funzionare!! Ciao e in bocca al lupo!
        No no la cagnetta viene liberata tutti i giorni e per parecchio tempo!
        Il vero cacciatore ama gli animali a cui dà la caccia, forse anche perché li considera complici di questa passione in cui ritrova la sua origine esistenziale.
        Indro Montanelli


        Ciao Mauro,amico mio!

        COMMENTA


        • #5
          Originariamente inviato da Jack70 Visualizza il messaggio
          Prendine un altra, Rudy, cosi si tengono compagnia...Scherzo, ma nemmeno troppo...non è facile darti consigli, generalmente con la maturazione il cane arriva a stabilizzarsi e mantenere un equilibrio tale da saper aspettare...bisognerebbe cercare di abituare i cani fin da cuccioli ad avere un certo equilibrio, cioè a non rompersi il collo alla vista del proprietario così come non guaire e disperarsi quando se ne va...spesso la cosa e' anche soggettiva e molto variabile da soggetto a soggetto...non escludo che farsi vedere e non assecondarla, e quindi non liberarla , possa essere d'aiuto, nel senso che la cagnetta dovrebbe arrivare a tollerare le tue decisioni, pur dimostrando il suo disappunto per le prime volte...certo capisco che lasciarla guaire mentre i vicini si lamentano non è cosa semplice...non sono così bravo a darti una cura efficace così tramite tastiera, io i miei cani ho sempre cercato di abituarli a stare tranquilli finché sono io stesso a chiamarli in causa...spesso vado a caccia con un solo cane e ne lascio altri tre a casa, altre volte passo davanti a loro vestito da caccia la mattina alle cinque ma non ne prendo nessuno perché magari vado al capriolo o ad allodole , ma loro stanno buoni se non sono io a coinvolgerli...non ho vicini che si lamentano ma non mi va di sentire il finimondo se li lascio a casa...il problema che hai e' probabilmente riconducibile a qualche tuo errore in fase di socializzazione , nel senso che non hai imposto bene i ruoli tuo e della cagnetta...
          Come hai detto tu,lei si agita di brutto quando mi vede, pero' se mi vede alla mattina andare via non fa assolutamente nulla, ma quando ritorno a casa.....fa il disastro , ma solo quando vede me,altra gente non la caga nemmeno di striscio.
          Il vero cacciatore ama gli animali a cui dà la caccia, forse anche perché li considera complici di questa passione in cui ritrova la sua origine esistenziale.
          Indro Montanelli


          Ciao Mauro,amico mio!

          COMMENTA


          • #6
            La devi liberare ogni giorno, sempre allo stesso orario, MAI! liberare se abbaia, se no mica è scema, capisce che se abbaia ottiene quello che vuole. Devi essere fermo per questo. I miei, sanno che alle 17/18 li libero e se non lo faccio fanno un putiferio. Durante tutto il giorno stanno tranquilli, quando arriva l'orario, sembra che abbiano l'orologio, cominciano a guaire ed abbaiare. Nonostante questo, li rimprovero e minaccio, quando non abbaiano più, vado e li libero. Rudi, i cani sono abitudinari, se prende quest'abitudine, sarà un guaio, quindi imponiti e tiragli le orecchie.
            Ciao Mauretto, sarai sempre nei miei pensieri.
            Sta il cacciator fischiando
            sull'uscio a rimirar..........

            COMMENTA


            • #7
              Originariamente inviato da walker960walker Visualizza il messaggio
              La devi liberare ogni giorno, sempre allo stesso orario, MAI! liberare se abbaia, se no mica è scema, capisce che se abbaia ottiene quello che vuole. Devi essere fermo per questo. I miei, sanno che alle 17/18 li libero e se non lo faccio fanno un putiferio. Durante tutto il giorno stanno tranquilli, quando arriva l'orario, sembra che abbiano l'orologio, cominciano a guaire ed abbaiare. Nonostante questo, li rimprovero e minaccio, quando non abbaiano più, vado e li libero. Rudi, i cani sono abitudinari, se prende quest'abitudine, sarà un guaio, quindi imponiti e tiragli le orecchie.
              .
              ...concordo...
              ...liberare il cane se abbaia sembra un premio all'abbaio stesso...
              ...e questo vale per altre mille situazioni....il cane impara per associazione e poi diventa riflesso condizionato...
              "Dipenderai meno dal futuro se hai in pugno il presente " Seneca
              Stefano

              COMMENTA


              • #8
                Rudy......lo so.....è coercitivo ma il collare antiabbaio è la miglior soluzione.
                Altrettanto valido e meno violento è il getto dell'acqua.....
                Ciao,Paolo.
                Arriverà il giorno in cui non riconoscerò un germano in volo........ecco,quello sarà l'ultimo giorno della mia vita.

                COMMENTA


                • #9
                  Originariamente inviato da Rudi4x4 Visualizza il messaggio
                  Come hai detto tu,lei si agita di brutto quando mi vede, pero' se mi vede alla mattina andare via non fa assolutamente nulla, ma quando ritorno a casa.....fa il disastro , ma solo quando vede me,altra gente non la caga nemmeno di striscio.

                  ..ti vuole bene Rudy............anche il mio bassotto fa cosi' e guai a chi si avvicina........
                  Sono sempre diffidente delle persone a cui non piacciono i cani mentre mi fido tantissimo del cane quando non gli piace una persona.

                  COMMENTA


                  • #10
                    Originariamente inviato da prete Visualizza il messaggio
                    ..ti vuole bene Rudy............anche il mio bassotto fa cosi' e guai a chi si avvicina........
                    Sicuramente è reciproco.......
                    Il vero cacciatore ama gli animali a cui dà la caccia, forse anche perché li considera complici di questa passione in cui ritrova la sua origine esistenziale.
                    Indro Montanelli


                    Ciao Mauro,amico mio!

                    COMMENTA


                    • #11
                      Originariamente inviato da walker960walker Visualizza il messaggio
                      La devi liberare ogni giorno, sempre allo stesso orario, MAI! liberare se abbaia, se no mica è scema, capisce che se abbaia ottiene quello che vuole. Devi essere fermo per questo. I miei, sanno che alle 17/18 li libero e se non lo faccio fanno un putiferio. Durante tutto il giorno stanno tranquilli, quando arriva l'orario, sembra che abbiano l'orologio, cominciano a guaire ed abbaiare. Nonostante questo, li rimprovero e minaccio, quando non abbaiano più, vado e li libero. Rudi, i cani sono abitudinari, se prende quest'abitudine, sarà un guaio, quindi imponiti e tiragli le orecchie.
                      E' vero, Giovanni, i cani sono abitudinari e imparano gli orari con precisione da orologio svizzero...però i cani sono anche membri del nostro branco, dove in linea di massima prendiamo noi le decisioni, ed alle nostre decisioni devono sottostare...io la mattina libero i cani alle 7, ma se il sabato e la domenica sono a casa e non c'è ' la caccia scendo più tardi, magari alle 8,30 , e loro aspettano in silenzio...anche la sera di solito li libero verso le 18 e gli do da mangiare, ma sè faccio piu tardi al lavoro aspettano, ce n'è soltanto una che se ritardi con la pappa abbaia un po' , ma dopo 24 ore non posso criticarla se ha fame...è proprio nel momento che abbaiano che non vanno aperti come ha detto Stefano, il cane agisce sempre per condizionamenti e collegamenti, abbaio = mi aprono...è li che devi scollegare il tutto , abbaio = nessuno mi caga, come hai detto te....non è necessario minacciarli tante volte, come collegano l'abbaio alla liberazione lo scollegano e in automatico arrivano a capire che decidi te...
                      Vivi come se dovessi morire domani, pensa come se non dovessi morire mai...
                      Saluti
                      Giacomo

                      COMMENTA


                      • #12
                        Originariamente inviato da Rudi4x4 Visualizza il messaggio
                        Sicuramente è reciproco.......
                        "Chi è causa del suo male pianga se stesso" Un cane che pretende e guarda solo ai propri interessi non so quando bene può volere al tuo padrone. Credo che i sentimenti del cane non sono uguali ai nostri, per questo il cane quella condizione la subisce e si stressa, ma non certamente perché vuole troppo bene al padrone.

                        COMMENTA


                        • #13
                          Per avere successo coi cani bisogna pensare un po' da cani, perché come ha scritto Germano il cane ha sentimenti diversi dai nostri, non possiamo comportarci con loro come ci comportiamo con la nostra moglie o coi figli... Questo non significa trattare male i cani, significa trattarli con la psicologia che possono recepire loro... Io i miei cani li amo tantissimo e gli sono riconoscente , ma non gli do baci, e non voglio i piedi addosso o i morsetti sui pantaloni... Ne ho una giovane che mette a volte i piedi addosso, le altre no ci provano neppure se non sono io a invitarle a metterli... Mettere i piedi addosso non è un gesto di affetto, e un atto di insubordinazione se non autorizzato... Amare un cane significa non fargli mancare nulla, concedergli di stare accanto a noi semplicemente , lavorare insieme a lui, avere dei toni della voce pacati e gratificanti se lo meritano,guardarlo con complicità...il cane e' stato addomesticato e allevato per lavorare con noi, a caccia e nella guardia,non per farci da amante...ovviamente questo non significa non sconfinare in gesti umanoidi come carezze e baci, non vorrei essere preso per uno che tratta male i cani, chi mi conosce sa che è il contrario, ma per un cane e' molto più gratificante che gli sia permesso di starci accanto anche mentre tagliamo l'erba in giardino, per esempio, che non dargli un bacio...lasciandolo accanto a noi capisce che fa parte del branco e che lo stiamo accettando, dandogli un bacio non capisce nulla...i cani tra di se non si danno mai baci...osservare il comportamento di piu cani ci può aiutare molto a condurli meglio...per questo siamo noi a doverci comportare come cani e non loro come cristiani...
                          Vivi come se dovessi morire domani, pensa come se non dovessi morire mai...
                          Saluti
                          Giacomo

                          COMMENTA


                          • #14
                            .
                            ...è la cosiddetta " umanizzazione " dei rapporti con gli animali domestici...
                            ...niente di più sbagliato per un corretto convivere e lavoro di squadra...
                            ...ed invece dovremmo " canizzarci " noi...
                            "Dipenderai meno dal futuro se hai in pugno il presente " Seneca
                            Stefano

                            COMMENTA


                            • #15
                              Originariamente inviato da stefano53 Visualizza il messaggio
                              .
                              ...è la cosiddetta " umanizzazione " dei rapporti con gli animali domestici...
                              ...niente di più sbagliato per un corretto convivere e lavoro di squadra...
                              ...ed invece dovremmo " canizzarci " noi...
                              Esatto Stefano, e' proprio così...a dire il vero a me mi accusano di canizzare anche con gli umani ma questa e' un altra storia...
                              Vivi come se dovessi morire domani, pensa come se non dovessi morire mai...
                              Saluti
                              Giacomo

                              COMMENTA

                              Pubblicita STANDARD

                              Comprimi

                              Ultimi post

                              Comprimi

                              Unconfigured Ad Widget

                              Comprimi
                              Sto operando...
                              X