annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Unitá cinofile antiveleno in campo in provincia di isernia

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (44%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Jack70
    ha risposto
    Originariamente inviato da riccà Visualizza il messaggio
    i bocconi sono una piaga da arginare a tutti i costi.......in bocca al cocker!!!!!
    Purtroppo di questi episodi se ne vedono tutti gli anni, però se un giorno capitasse a me di trovare qualcuno a seminare Bocconi avvelenati vedrai come lo argino io il problema ...

    Lascia un commento:


  • riccà
    ha risposto
    i bocconi sono una piaga da arginare a tutti i costi.......in bocca al cocker!!!!!

    Lascia un commento:


  • Jack70
    ha risposto
    Originariamente inviato da Pepo Visualizza il messaggio
    Quando i bocconi nelle riserve erano consentiti, e regolarmente segnalati, di volpi ce b erano meno e di stabziale molta di piu..... Da quando sono vietati purtroppo è un rischio anche per i cani, quindi sono altamente contrario.... E ho perso anche un cane per un boccone 15 anni fa durante il ripasso....
    Quando si mettevano bocconi avvelenati per i nocivi si faceva con più responsabilità, i bocconi venivano messi alla sera e tolti alla mattina, almeno così ho sempre sentito dire...e i cani stavano legati a cacce chiuse...comunque sono fortemente contrario all'uso di tali sostanze e metodi, in quanto le conseguenze sono totalmente incontrollabili....tanto più che ho avuto anni fa un cane avvelenato che poi miracolosamente si è salvato ed episodi di avvelenamento di cani come purtroppo ciclicamente si vede sono assolutamente da condannare...

    Lascia un commento:


  • Pepo
    ha risposto
    Quando i bocconi nelle riserve erano consentiti, e regolarmente segnalati, di volpi ce b erano meno e di stabziale molta di piu..... Da quando sono vietati purtroppo è un rischio anche per i cani, quindi sono altamente contrario.... E ho perso anche un cane per un boccone 15 anni fa durante il ripasso....

    Lascia un commento:


  • ggramoli
    ha risposto
    Penso che era ora che qualcuno si muovesse contro il fenomeno dei bocconi avvelenati e simili nefandezze.

    Lascia un commento:


  • titusmax
    ha iniziato la discussione Unitá cinofile antiveleno in campo in provincia di isernia

    Unitá cinofile antiveleno in campo in provincia di isernia

    I 5 cani del Nucleo Cinofilo Antiveleno della Forestale, addestrati per la ricerca dei bocconi avvelenati e sostanze tossiche nell'ambito del "Progetto Life Antidoto", hanno perlustrato ad ampio raggio tutto il territorio della Valle del Volturno
    La Forestale ha svolto un'azione di controllo a largo raggio in diversi comuni in provincia di Isernia per la ricerca di bocconi avvelenati e sostanze tossiche utilizzate per la preparazione delle esche. I controlli effettuati rientrano nell'ambito delle attività finalizzate alla salvaguardia della fauna protetta e sono stati condotti in seguito ad alcuni recenti episodi di bracconaggio che hanno coinvolto alcuni esemplari di lupo sul territorio dell'alta Valle del Volturno.
    L'attività condotta nei comuni di Montenero Valcocchiara, Pizzone, Castel San Vincenzo e Rocchetta al Volturno (IS) è stata coordinata dal Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Forestale (NIPAF) di Isernia in collaborazione con i Comandi Stazione Forestali di Colli a Volturno, Forlì del Sannio e Pizzone, con una pattuglia delle Guardie del Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise del settore Mainarde e con il supporto dei medici veterinari della ASREM di Isernia.
    Le squadre, coadiuvate dai 5 cani del Nucleo Cinofilo Antiveleno addestrati per la ricerca dei bocconi avvelenati e sostanze tossiche nell'ambito del "Progetto Life Antidoto" promosso dal Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, hanno perlustrato sia le aree prossime ad insediamenti ed attività zootecniche sia zone urbane e periurbane.
    Il fenomeno dei bocconi avvelenati è tuttora presente in diverse aree del territorio provinciale e rappresenta un'autentica piaga per le conseguenze potenzialmente devastanti se si pensa al possibile coinvolgimento di specie particolarmente protette come l'orso bruno marsicano, minacciato di estinzione.
    Sono previsti ulteriori controlli nell'ambito delle indagini che il Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Forestale (NIPAF) di Isernia sta conducendo per i recenti casi di uccisione di lupi nei comuni di Castel San Vincenzo e Rocchetta al Volturno (IS).

Pubblicita STANDARD

Comprimi

Ultimi post

Comprimi

Unconfigured Ad Widget

Comprimi
Sto operando...
X