annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Lo standard di razza. Obiettivo o prigione?

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (50%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #31
    No no, non la penso così nemmeno io.
    È difficile per scritto, a parole ci saremmo già capiti molto probabilmente 😉
    Premetto che parlo di cacciatori, come me, non di ambienti esclusivamente di garisti.
    A volte senti dire "boia dè, il mì cane si butta nei rovi a tuffo!" oppure "mangia i rovi e li spacca per entrare". Allora mi viene da pensare che una volta tuffato nei rovi poi ci deve "nuotare", e magari girandoci d'intorno trovava un pertugio.... stessa storia nel secondo caso, mentre quello si distrugge il palato con le spine l'altro potrebbe trovare la via alternativa.
    O come quando il mì vecchio setter mi tornava con un riccio in bocca con tutte le ferite del caso: a cosa serviva? Avesse "ragionato" magari lo poteva fermare e basta, o meglio, dopo la prima volta, ignorare.
    La velocità dello springer...a volte mi fa venì l'ansia 😀 ma va bene, eccome, tanto la mia caccia bella corta (da me son sempre sporchi e sudici folti)

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

    colombaccio a curata............erezione assicurata!

    COMMENTA


    • #32
      Ci avrei scommesso che anche questa discussione sarebbe finita sullo Springer spaniel, un po’ perché Nicola la prende a cuore la questione e quindi non perde occasione( giustamente) per esprimere le sue opinioni, un po’ perché la questione standard di razza per lo Springer è un caso aperto, e allora vi provoco: a chi ha giovato l’introduzione anni fa di sangue Border collie? Alla caccia o alle gare?
      Sopra ogni cosa combatti l'ignoranza.

      martino de michele

      " La Caccia è affascinante ed emozionante ANCHE quando la selvaggina scarseggia....e tu, nonostante tutto, ti diverti lo stesso perchè sei a Caccia."
      Un Cacciatore.

      COMMENTA


      • #33
        Per fortuna la maggior parte dei cani che fanno prove di lavoro vanno anche a caccia, ancora non c'è il professionismo che si vede nelle altre razze. "Le parole lasciano il tempo che trovano" quello che conta sono i fatti. Secondo te i fatti chi li ha fatti? Scusa il gioco di parole. Il merito del successo dello springer, sia in campo sportivo che in quello da caccia di chi è? Cimbellatore, meglio l'ansia che il latte alle ginocchia, che è quello che ti fanno scendere alcuni tipi di springer.

        COMMENTA


        • #34
          Originariamente inviato da arsvenandi Visualizza il messaggio
          Ci avrei scommesso che anche questa discussione sarebbe finita sullo Springer spaniel, un po’ perché Nicola la prende a cuore la questione e quindi non perde occasione( giustamente) per esprimere le sue opinioni, un po’ perché la questione standard di razza per lo Springer è un caso aperto, e allora vi provoco: a chi ha giovato l’introduzione anni fa di sangue Border collie? Alla caccia o alle gare?
          Martino, immaginati se parlassimo di setter. L'immissione di sangue Border è tutto da dimostrare, secondo me se ci fosse stata non ha giovato né alle prove né alla caccia. Questa storia è vecchia, buttata per invidia. Ero e sono in buoni rapporti con un noto allevatore, il quale ha escluso categoricamente l'immissione di sangue Border. Sono illazioni e anche queste "lasciano il tempo che trovano". La storiella che il sangue Border è stato messo nello springer per renderlo più addestrabile, non regge, è facilmente dimostrabile che gli springer avidi determinati e coraggiosi come lo sono quelli da lavoro, sono addestrabilissimi, ma non facilmente addestrabili. Martino, io non ho mai visto uno springer guidare il fagiano come il border guida le pecore. Il muso appuntito che ha qualche springer è un pregio, molto più adatto a bucare i rovi di un muso quadrato con labbra abbondanti.

          COMMENTA


          • #35
            Germano mi spieghi, per favore, la locuzione "addestrabilissimi ma non facilmente addestrabili" affinché io non la consideri un ossimoro.
            setterman1
            Ultima modifica di setterman1; 08/02/19, 23:42. Motivo: cambio inciso

            COMMENTA


            • #36
              Originariamente inviato da germano56 Visualizza il messaggio

              Martino, immaginati se parlassimo di setter. L'immissione di sangue Border è tutto da dimostrare, secondo me se ci fosse stata non ha giovato né alle prove né alla caccia. Questa storia è vecchia, buttata per invidia. Ero e sono in buoni rapporti con un noto allevatore, il quale ha escluso categoricamente l'immissione di sangue Border. Sono illazioni e anche queste "lasciano il tempo che trovano". La storiella che il sangue Border è stato messo nello springer per renderlo più addestrabile, non regge, è facilmente dimostrabile che gli springer avidi determinati e coraggiosi come lo sono quelli da lavoro, sono addestrabilissimi, ma non facilmente addestrabili. Martino, io non ho mai visto uno springer guidare il fagiano come il border guida le pecore. Il muso appuntito che ha qualche springer è un pregio, molto più adatto a bucare i rovi di un muso quadrato con labbra abbondanti.
              " Il muso appuntito che ha qualche springer è un pregio, molto più adatto a bucare i rovi di un muso quadrato con labbra abbondanti."
              Ah ah ah 😀 😀 😀

              Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

              colombaccio a curata............erezione assicurata!

              COMMENTA


              • #37
                Diciamo che, il maggior numero di cacciatori che possiede un cane,purtroppo non è anche cinofilo,a volte si vedono dei ....cani quello sicuramente lo sono, che sono ben lontani dagli standar di Razza,cè la bruttisima abitudine ,fra cacciatori" dico fra cacciatori e non cinofili" di far accopiare cani senza nessun criterio di omogeneità,questo genere dei soggetti che sono sia morfologicamente che in lavoro,un disastro,non sto parlando di bravura nel scovare,e nel cane da ferma fermare la selvaggina.
                vedi degli springer ..lunghi come bassotti,senza stop,setter che fermano in piedi,scodano,orrore ,pistano come segugi,orecchie corte eattacate alte come breton,pointer che guidano a mo di bracchi,comunque questo si denota nelle razze piu comunemente utilizzate.
                Non sarebbe male da parte di tutti cacciatori e non approfondire l' argomento cinofilia.
                livia1968 piace questo post.

                COMMENTA


                • #38
                  Originariamente inviato da setterman1 Visualizza il messaggio
                  Germano mi spieghi, per favore, la locuzione "addestrabilissimi ma non facilmente addestrabili" affinché io non la consideri un ossimoro.
                  setterman1
                  Sono addestrabili, ma con fatica, come lo sono tutti i cani da caccia che hanno carattere da vendere. Si può dire tutto, ma non che gli springer provenienti da genealogie da lavoro non hanno carattere. Non è proprio facile da spiegare, perché l'addestrabilità del cane dipende anche dal rapporto che ha con il padrone e dall'esperienza tecnica addestrativa del padrone.

                  COMMENTA


                  • setterman1
                    setterman1 commentata
                    Modifica di un commento
                    Quindi addestrabilità in modo relativo a chi lo addestra.
                    setterman1

                • #39
                  Originariamente inviato da setterman1 Visualizza il messaggio
                  Germano mi spieghi, per favore, la locuzione "addestrabilissimi ma non facilmente addestrabili" affinché io non la consideri un ossimoro.
                  setterman1
                  Sono addestrabili, ma con fatica, come lo sono tutti i cani da caccia che hanno carattere da vendere. Si può dire tutto, ma non che gli springer provenienti da genealogie da lavoro non hanno carattere. Non è proprio facile da spiegare, perché l'addestrabilità del cane dipende anche dal rapporto che ha con il padrone e dall'esperienza tecnica addestrativa del padrone.

                  COMMENTA


                  • #40
                    Di conseguenza l'addestrabilità o non addestrabilità dello springer non centra con il border. E' come dire che il Doberman centra con il Kurzhaar perché c'è una vaga somiglianza. Oppure il muso appuntito di alcuni kurzhaar ricorda quello del segugio e visto che alcuni Kurzhaar hanno una simpatia particolare per gli ungulati, possiamo dire con certezza che è stato messo il segugio. Ognuno di noi può fare delle ipotesi ed esprimere la propria opinione, ma non sono certezze. In alcuni setter dicono che hanno messo il levriero russo (borzoi) Nei Breton a pelo corto hanno messo il pointer, nei Breton a pelo più lungo il setter. Insomma se diamo retta a tutto quello che dice la gente in tutte le razze hanno fatto dei meticciamenti. I setter puri li ha quello che ha detto che nel setter hanno messo il borzoi, e così per tutte le altre razze. Ma se in tutte le razze hanno meticciato come fanno i nobili allevatori senza macchia ad allevare in purezza? Godiamoci i nostri cani da caccia che sono sicuramente migliori di quelli che c'erano 50 anni fa.

                    COMMENTA


                    • #41
                      Lo stile, l andatura, la psiche, la morfologia funzionale oltre a quella estetica ed infine, importantissima per cercare di rimediare agli accoppiamenti senza criterio l assenza di displasia nell anca ed ai gomiti ,oltre ovviamente l impegno nel cercare di sfuggire alla consanguineita Queste sono le linee guida che personalmente io ritengo Essenziali seguire se veramente si intende selezionare una razza. Allora si che il costo di un cucciolo allevato secondo questi criteri è giustificato. Non deve essere il mercato a fare il prezzo, ma l aver seguito una filosofia cinofila rigorosa.
                      "Ci fu un'epoca in cui, se si incontravano altri esseri, non si sapeva con certezza se erano animali o dèi o signori di una specie o demoni o antenati. O semplicemente uomini. Un giorno, che durò molte migliaia di anni, Homo fece qualcosa che nessun altro ancora aveva tentato. Cominciò a imitare quegli stessi animali che lo perseguitavano: i predatori. E diventò cacciatore" Roberto Calasso

                      COMMENTA


                      • germano56
                        germano56 commentata
                        Modifica di un commento
                        La priorità che hanno dato alcuni allevatori di alcune razze da caccia, e stata quella di potenziare il motore e renderlo più affidabile possibile. Con una macchina che ha una bella carrozzeria e ha un motore scassato non si va da nessuna parte. Le carrozzerie di alcune razze da caccia stanno continuando a migliorare, e comunque hanno trovato e trovano il consenso degli utilizzatori.

                    • #42
                      Sono d'accordo, alcuni cacciatori non sono cinofili perché usano il cane e hanno pochi sentimenti verso di esso. E' inutile nasconderlo, qualcuno c'è. Con molta probabilità oltre a non essere cinofili non sono neanche cacciatori. I cacciatori non sono cinofili perché non hanno studiato la genetica? Invece è più cinofilo il signore che non va a caccia e va a braccetto con il genetista? Per intenderci quelli che producono e presentano cani da caccia perfetti in morfologia. I cacciatori che ho avuto il piacere di conoscere, quelli con la "C" maiuscola, quelli che danno suggerimenti agli allevatori, quando decidono di fare una cucciolate perché hanno qualche cagna veramente valida, rischiano meno di un bravo allevatore. La differenza che passa fra un bravo cacciatore e un bravo allevatore è che il secondo è in grado di calcolare rischi e benefici. Purtroppo o per fortuna nella selezione del cane da caccia da "lavoro" bisogna saper prendere il buono e il meno buono, ma sempre fra correnti da lavoro. Credo sia inutile dire che in tutte le razze ci sono allevatori che hanno come unico obiettivo la morfologia. Fra qualche giorno un cacciatore farà accoppiare la sua setterina di taglia minima, ma grande cacciatrice di beccacce, veloce ed instancabile, presa da un allevatore. Ha scelto un setter pure lui eccellente a caccia, di taglia più alta per cercare di bilanciare le misure dei futuri cani da caccia. Non ha legato la cagna in calore al palo per farla coprire dal primo cane che passava, proprio perché è un cacciatore. Grillaia, la categoria di cui parlavi non appartiene alla categoria dei cacciatori. Di quelli che ti permettono di dire tutto ma non ti permettono di parlare male del proprio cane. Se gli springer lunghi come bassotti non piacciono, nessuno obbliga nessuno a prenderli. In Italia ci sono anche springer belli. Se il setter di 56 cm al garrese non piace, si va a prenderlo in Inghilterra dove sono tutti belli in taglia.

                      COMMENTA


                      • #43
                        Visto che non ho avuto modo nella mia vita, fino a qui, di occuparmi di genetica e adesso che il tempo non mi manca, avendo l'intenzione di acquistare una cucciola di setter per farla accoppiare con il cane che possiedo, cui nutro molte speranze, chiedo a Voi che siete esperti quali siano i principi da seguire, a grandi linee, nella scelta della futura riproduttrice o in subordine qualche suggerimento sui titoli dei libri di testo in materia da studiare. Meglio tutti e due.
                        setterman1

                        COMMENTA


                        • #44
                          Nicola, quelli che tu chiami “meticciamenti” altri li hanno chiamati “miglioramenti”, che nel Dk abbiano introdotto sangue pointer non è un segreto come non lo è nel breton, c’era bisogno di consolidare la ferma e affinare il naso; così come il border ha velocizzato l’azione dello Springer nelle competizioni, che poi sia stato anche utile a caccia questo lo devono stabilire i cacciatori che impiegano la razza.

                          p.s.: il setter è già presente nel breton, essendo la razza un incrocio tra l’inglese e lo spaniel bretone, la story talling racconta che fu fortuita ma vera o falsa non cambia la sostanza.
                          Sopra ogni cosa combatti l'ignoranza.

                          martino de michele

                          " La Caccia è affascinante ed emozionante ANCHE quando la selvaggina scarseggia....e tu, nonostante tutto, ti diverti lo stesso perchè sei a Caccia."
                          Un Cacciatore.

                          COMMENTA


                          • #45
                            Ho usato il termine "meticciamento" perché è usato nella razza springer quando qualcuno fa riferimento a una tipologia di cani. Dicono che il pointer abbia rinsanguato quasi tutte le razze da caccia, io ho ascoltato e mi sono fatto una mia opinione. L'opinione che mi sono fatto sullo springer è la stessa che mi sono fatto sul Kurzhaar e sulle altre razze da caccia. Gli springer spaniel inglesi da lavoro non hanno mai avuto problemi di velocità, e come ho avuto già modo di dire, gli attuali assomigliano a quelli che si vedono nei dipinti del 1.800 Cani che solo a guardarli danno l'impressione di essere scattanti ed intelligenti. Fra tanti cani da caccia per rinsanguare dovevano utilizzare un cane che guida le pecore usando gli occhi? A questo punto era meglio il kurzhaar che come qualcuno afferma oltre al pointer ha anche il segugio ed è abbastanza veloce. Con tutta sincerità questa è la prima volta che sento che il border è stato utilizzato per far aumentare la velocità dello springer, ho sempre sentito la storiella che hanno preso il border per rendere lo springer più addestrabile. E non ho neanche capito se sono stati gli inglesi o gli italiani ad avere questa brillante idea. Martino, a presindere da tutto questo, lo springer ha un suo standard di lavoro oltre a quello morfologico, in prove di lavoro se l'andatura e l'atteggiamento dello springer non è quello da springer ma è quello del cane da pastore non va da nessuna parte. Come non va da nessuna parte lo springer bello che non dimostra di avere un carattere da springer.

                            COMMENTA

                            Pubblicita STANDARD

                            Comprimi

                            Ultimi post

                            Comprimi

                            Unconfigured Ad Widget

                            Comprimi
                            Sto operando...
                            X