annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Pubblicita 600x70

Comprimi

!

Comprimi
Ciao, Ospite! Oggi è il N/A Sono le ore N/A

cartuccia consigliata

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Zoom Testo
    #1

    cartuccia consigliata

    salve a tutti
    ho comprato un a303magnum con due canne 71* e 76* quali cartuccia consigliate per germani sia per il periodo caldo che invernale?
    grazie a tutti. fino ad ora con canna 70** nonmagnum ho usato principalmente rc4 pallino 5 e mi sono trovato molto bene fino ai primi freddi.
    grazie .

  • Zoom Testo
    #2
    io quando non sono in zps uso delle rc40 pallino del 4....oppure delle winchester super speed 36 g pallino del 4....un mio amico si trova bene con le rc camuflage invece quando fa freddo....

    COMMENTA


    • Zoom Testo
      #3
      fiocchi jk6 piombo 3 o 5 38 grammi....
      GAETANO

      Se avanzo seguitemi , se indietreggio uccidetemi , se mi uccidono vendicatemi......

      COMMENTA


      • Zoom Testo
        #4
        Se puoi adoperare il piombo quando fa parecchio freddo adopera le Pegoraro G38 piombo 4,oppure sempre Pegoraro per tiri lunghi magum G50 non hanno rivali ciao.

        COMMENTA


        • Zoom Testo
          #5
          Il problema è che il clima è cambiato, e parecchio freddo lo fa molto raramente. Son finiti i tempi in cui spesso si registravano -10 °C gradi lungo le vallate.
          Saluti Franco

          COMMENTA


          • Zoom Testo
            #6
            Originariamente inviato da ggramoli Visualizza il messaggio
            Il problema è che il clima è cambiato, e parecchio freddo lo fa molto raramente. Son finiti i tempi in cui spesso si registravano -10 °C gradi lungo le vallate.
            Non c'e bisogno di -10 per sparare le cartucce Pegoraro,basta anche 3-4 gradi e fanno perfettamente il loro dovere.

            COMMENTA


            • Zoom Testo
              #7
              Se accetti un consiglio con freddo intenso, anche sotto zero, se le trovi compra le clever t4 da 38 gr pb 5 e 3 come seconda canna. Sono eccezionali per tiri lunghissimi con abbattimenti incredibili.

              COMMENTA


              • Zoom Testo
                #8
                Come spiegano qui sotto , molte polveri ( e di conseguenza la scelta di Marca e Cartuccia) può essere molto soggettiva.......mi spiego meglio........un valido caricatore "riesce" a caricare buone cartucce intervenendo sulle dosi polvere/pallino e come risultato avremo un "buon bilanciamento delle stesse" .
                Chiaramente sapendo prima se devono essere sparate in condizioni di freddo....umido.....gran caldo,ecc ecc,.
                Resta inteso che le leggi "storiche" non si possono cambiare....per esempio il fatto di preferire cariche con nitrocellulosa pura anzichè le doppia base cacciando d'inverno in laguna con freddo secco ma poco umido .
                Se invece regna l'umidità il "consiglio" si capovolge........meglio ancora poi,come accennato sopra,poter intervenire su qualche decimo di grammo di polvere o qualche grammo di piombo in + o in meno.
                Ciao,Paolo.......



                Per ciò che concerne le variazioni giornaliere della temperatura l'effetto sull'efficacia della polvere da sparo è assolutamente trascurabile. La stessa valutazione è vera anche per le variazioni di umidità che si verificano durante giornata: ricordiamo che la polvere da sparo sta all'interno del bossolo che può essere di cartone o di plastica ma comunque in ambiente protetto e non bastano poche ore per far variare il contenuto di umidità della polvere.

                Le conclusioni sono quindi che le sensibili variazioni di rendimento delle cartucce esulano dalla temperatura ed umidità dell'aria ma possono variare invece per altri elementi:
                • fattori legati alla balistica esterna;
                • condizioni fisiche e mentali del cacciatore (esempio dopo una corsa per stare dietro al cane in guidata o per raggiungere velocemente la posta).

                Si possono però verificare durante l'arco della giornata delle situazioni che abitualmente sfuggono alla nostra attenzione ma che possono risultare determinanti per i fenomeni di variazione dell'efficienza della polvere. Alcuni esempi possono essere i seguenti:
                • cartucce lasciate al ghiaccio dentro la cacciatora nel capanno;
                • cartucce esposte per ore alla luce cocente del sole (cosa che si verifica anche nella cartucciera);
                • cartucce lasciate per ore nell'auto parcheggiata al sole cocente;
                • cartucce lasciate vicino ad alcune fonti di calore quali termosifoni, stufe, canne fumarie;
                • cartucce inserite nella camera di scoppio surriscaldata da una elevata sequenza di colpi;
                • cartucce inumidite dalla esposizione alla nebbia o colpite dalla pioggia

                In queste condizioni "estreme", ma che molto spesso si verificano, anche se noi le sottovalutiamo, le cartucce possono variare le loro prestazioni.
                Dalle precedenti valutazioni si evince che un cacciatore che la mattina esce di casa con la sua normale e affezionata dotazione di cartucce non subisce spiacevoli situazioni a meno che non abbia l'accortezza di proteggere le stesse dalla pioggia o dalla forte radiazione solare.
                Se però prendiamo in considerazione un arco temporale più ampio, quindi la giornata venatoria, ma l'intera stagione, fattori come l'umidità e la temperatura possono avere un effetto valutabile in termini di efficienza delle cartucce e quindi della polvere da sparo. In Italia dall'epoca dell'apertura (prime settimane di settembre) al pieno inverno (fine gennaio) ci possono essere escursioni di 35-38 gradi di temperatura.
                Se tecnicamente andiamo a valutare le prestazioni delle polveri a -5°C o + 32°C sono assolutamente diverse. Non tutte le polveri reagiscono analogamente a tali differenze di temperature ma è assodato che particolarmente quelle a doppia base classiche (D.N., D.N. punto nero, NIKE, SIPE, S.4., ecc.) ovvero le balistiti subiscono effetti evidenti di variazione delle prestazioni.
                Per contro è utile sapere che le polveri alla nitrocellulosa pura gelatinizzata (Anigrina lamellare, C7 Perfecta, 205, F2, GP, JK6, M.B., M.B. 209, Rottweil, SIDNA, Universal) sono meno sensibili alle variazioni termiche.
                Le polveri a doppia base perfezionate (Ball Powders) hanno caratteristiche simili alle balistiti ossia subiscono evidenti variazioni prestazionali.
                Le polveri granulari non gelatinizzate hanno anch'esse elevata variabilità nei confronti delle variazioni di temperatura (Acapnia, Randite).
                Quali sono i metodi migliori per evitare che le variazioni di temperatura intervengano sulle prestazioni delle polveri.
                Si può intervenire in due modi:
                • o sulla potenza degli inneschi
                • o sulla dose delle polvere nella cartuccia.

                In altre parole a parità della quantità di polvere in estate l'innesco dovrebbe essere meno potente e in inverno più potente.
                Nel caso in cui si volesse intervenire sulla quantità di polvere, verificato che l'innesco sia di potenza adeguata, si può aumentare leggermente per l'inverno la dose della polvere.
                La protezione delle cartucce nell'attività venatoria ha comunque la sua importanza; perciò è opportuno che la cartucciera stia sotto il giaccone invernale o il giacchetto estivo.
                Per ciò che concerne l'umidità la possiamo prendere in considerazione solo se analizziamo il fenomeno di una lunga esposizione delle polveri.
                Le polveri granulari non gelatinizzate sono quelle che per la loro igroscopicità tendono a subire le maggiori influenze (Acapnia, Randite).
                Per contro le polveri alla nitrocellulosa gelatinizzata (Anigrina lamellare, C7 Perfecta, 205, F2, GP, JK6, M.B., M.B. 209, Rottweil, SIDNA, Universal)subiscono effetti molto limitati. Le più resistenti in assoluto alle variazioni di umidità sono comunque quelle a doppia base (D.N., D.N. punto nero, NIKE, SIPE, S.4., ecc.).
                Le variazioni innegabili che nell'arco di una stagione si verificano in temperatura e umidità possono provocare un pur minimo abbattimento dell'efficacia delle polveri da sparo; in tal senso l'utilizzo di bossoli di plastica può ridurre al minimo al fenomeno.
                In particolare mentre per le temperature possono bastare poche ore di esposizione per alterare le potenzialità delle polveri per l'umidità il processo temporale è molto più lungo a meno che le cartucce non vengano immerse in acqua.
                Dopo tutte le belle valutazioni che abbiamo fatto affermiamo comunque che le cartucce che i cacciatori amano chiamare "originali" sono efficaci sia d'estate che d'inverno. Generalmente esse hanno un caricamento di tipo "invernale", che garantisce loro adeguata energia e che le fa risultare in estate un tantino spinte.

                Arriverà il giorno in cui non riconoscerò un germano in volo........ecco,quello sarà l'ultimo giorno della mia vita.

                COMMENTA


                • Zoom Testo
                  #9
                  Io mi trovo molto bene cn le fiocchi jk6 e le winchester zz 36 grammi 7 1/2

                  COMMENTA


                  • Zoom Testo
                    #10
                    Originariamente inviato da S-M-D Visualizza il messaggio
                    Io mi trovo molto bene cn le fiocchi jk6 e le winchester zz 36 grammi 7 1/2
                    Le JK6 quelle gialle???...anche d'inverno con il ghiaccio tutto OK ?
                    Ciao,Paolo.
                    Arriverà il giorno in cui non riconoscerò un germano in volo........ecco,quello sarà l'ultimo giorno della mia vita.

                    COMMENTA


                    • Zoom Testo
                      #11
                      Con le jk6 in inverno io mi sono trovato discretamente in giornate con freddo secco e sole, con umidita' meglio lasciar perdere a mio avviso.
                      Io xo' nn sparo le fiocchi ma le rc 38 gr
                      Ciao
                      Alberto

                      COMMENTA


                      • Zoom Testo
                        #12
                        Originariamente inviato da albe1 Visualizza il messaggio
                        Con le jk6 in inverno io mi sono trovato discretamente in giornate con freddo secco e sole, con umidita' meglio lasciar perdere a mio avviso.
                        Io xo' nn sparo le fiocchi ma le rc 38 gr
                        Ciao
                        Alberto
                        Ciao Albe....anch'io intendevo le RC...cartuccia gialla e scatola da 10pz azzurrina.
                        Giusto?

                        Ciao,Paolo.

                        AHHHH e la conferma per il 21??
                        Arriverà il giorno in cui non riconoscerò un germano in volo........ecco,quello sarà l'ultimo giorno della mia vita.

                        COMMENTA


                        • Zoom Testo
                          #13
                          Originariamente inviato da joe magasso Visualizza il messaggio
                          Ciao Albe....anch'io intendevo le RC...cartuccia gialla e scatola da 10pz azzurrina.
                          Giusto?

                          Ciao,Paolo.

                          AHHHH e la conferma per il 21??
                          Esatto Paolo!!!!
                          X il 21 domani mi hanno assicurato che mi danno la risposta...
                          Ciao
                          Alberto

                          COMMENTA


                          • Zoom Testo
                            #14
                            Originariamente inviato da joe magasso Visualizza il messaggio
                            Come spiegano qui sotto , molte polveri ( e di conseguenza la scelta di Marca e Cartuccia) può essere molto soggettiva.......mi spiego meglio........un valido caricatore "riesce" a caricare buone cartucce intervenendo sulle dosi polvere/pallino e come risultato avremo un "buon bilanciamento delle stesse" .
                            Chiaramente sapendo prima se devono essere sparate in condizioni di freddo....umido.....gran caldo,ecc ecc,.
                            Resta inteso che le leggi "storiche" non si possono cambiare....per esempio il fatto di preferire cariche con nitrocellulosa pura anzichè le doppia base cacciando d'inverno in laguna con freddo secco ma poco umido .
                            Se invece regna l'umidità il "consiglio" si capovolge........meglio ancora poi,come accennato sopra,poter intervenire su qualche decimo di grammo di polvere o qualche grammo di piombo in + o in meno.
                            Ciao,Paolo.......



                            Per ciò che concerne le variazioni giornaliere della temperatura l'effetto sull'efficacia della polvere da sparo è assolutamente trascurabile. La stessa valutazione è vera anche per le variazioni di umidità che si verificano durante giornata: ricordiamo che la polvere da sparo sta all'interno del bossolo che può essere di cartone o di plastica ma comunque in ambiente protetto e non bastano poche ore per far variare il contenuto di umidità della polvere.

                            Le conclusioni sono quindi che le sensibili variazioni di rendimento delle cartucce esulano dalla temperatura ed umidità dell'aria ma possono variare invece per altri elementi:
                            • fattori legati alla balistica esterna;
                            • condizioni fisiche e mentali del cacciatore (esempio dopo una corsa per stare dietro al cane in guidata o per raggiungere velocemente la posta).

                            Si possono però verificare durante l'arco della giornata delle situazioni che abitualmente sfuggono alla nostra attenzione ma che possono risultare determinanti per i fenomeni di variazione dell'efficienza della polvere. Alcuni esempi possono essere i seguenti:
                            • cartucce lasciate al ghiaccio dentro la cacciatora nel capanno;
                            • cartucce esposte per ore alla luce cocente del sole (cosa che si verifica anche nella cartucciera);
                            • cartucce lasciate per ore nell'auto parcheggiata al sole cocente;
                            • cartucce lasciate vicino ad alcune fonti di calore quali termosifoni, stufe, canne fumarie;
                            • cartucce inserite nella camera di scoppio surriscaldata da una elevata sequenza di colpi;
                            • cartucce inumidite dalla esposizione alla nebbia o colpite dalla pioggia

                            In queste condizioni "estreme", ma che molto spesso si verificano, anche se noi le sottovalutiamo, le cartucce possono variare le loro prestazioni.
                            Dalle precedenti valutazioni si evince che un cacciatore che la mattina esce di casa con la sua normale e affezionata dotazione di cartucce non subisce spiacevoli situazioni a meno che non abbia l'accortezza di proteggere le stesse dalla pioggia o dalla forte radiazione solare.
                            Se però prendiamo in considerazione un arco temporale più ampio, quindi la giornata venatoria, ma l'intera stagione, fattori come l'umidità e la temperatura possono avere un effetto valutabile in termini di efficienza delle cartucce e quindi della polvere da sparo. In Italia dall'epoca dell'apertura (prime settimane di settembre) al pieno inverno (fine gennaio) ci possono essere escursioni di 35-38 gradi di temperatura.
                            Se tecnicamente andiamo a valutare le prestazioni delle polveri a -5°C o + 32°C sono assolutamente diverse. Non tutte le polveri reagiscono analogamente a tali differenze di temperature ma è assodato che particolarmente quelle a doppia base classiche (D.N., D.N. punto nero, NIKE, SIPE, S.4., ecc.) ovvero le balistiti subiscono effetti evidenti di variazione delle prestazioni.
                            Per contro è utile sapere che le polveri alla nitrocellulosa pura gelatinizzata (Anigrina lamellare, C7 Perfecta, 205, F2, GP, JK6, M.B., M.B. 209, Rottweil, SIDNA, Universal) sono meno sensibili alle variazioni termiche.
                            Le polveri a doppia base perfezionate (Ball Powders) hanno caratteristiche simili alle balistiti ossia subiscono evidenti variazioni prestazionali.
                            Le polveri granulari non gelatinizzate hanno anch'esse elevata variabilità nei confronti delle variazioni di temperatura (Acapnia, Randite).
                            Quali sono i metodi migliori per evitare che le variazioni di temperatura intervengano sulle prestazioni delle polveri.
                            Si può intervenire in due modi:
                            • o sulla potenza degli inneschi
                            • o sulla dose delle polvere nella cartuccia.

                            In altre parole a parità della quantità di polvere in estate l'innesco dovrebbe essere meno potente e in inverno più potente.
                            Nel caso in cui si volesse intervenire sulla quantità di polvere, verificato che l'innesco sia di potenza adeguata, si può aumentare leggermente per l'inverno la dose della polvere.
                            La protezione delle cartucce nell'attività venatoria ha comunque la sua importanza; perciò è opportuno che la cartucciera stia sotto il giaccone invernale o il giacchetto estivo.
                            Per ciò che concerne l'umidità la possiamo prendere in considerazione solo se analizziamo il fenomeno di una lunga esposizione delle polveri.
                            Le polveri granulari non gelatinizzate sono quelle che per la loro igroscopicità tendono a subire le maggiori influenze (Acapnia, Randite).
                            Per contro le polveri alla nitrocellulosa gelatinizzata (Anigrina lamellare, C7 Perfecta, 205, F2, GP, JK6, M.B., M.B. 209, Rottweil, SIDNA, Universal)subiscono effetti molto limitati. Le più resistenti in assoluto alle variazioni di umidità sono comunque quelle a doppia base (D.N., D.N. punto nero, NIKE, SIPE, S.4., ecc.).
                            Le variazioni innegabili che nell'arco di una stagione si verificano in temperatura e umidità possono provocare un pur minimo abbattimento dell'efficacia delle polveri da sparo; in tal senso l'utilizzo di bossoli di plastica può ridurre al minimo al fenomeno.
                            In particolare mentre per le temperature possono bastare poche ore di esposizione per alterare le potenzialità delle polveri per l'umidità il processo temporale è molto più lungo a meno che le cartucce non vengano immerse in acqua.
                            Dopo tutte le belle valutazioni che abbiamo fatto affermiamo comunque che le cartucce che i cacciatori amano chiamare "originali" sono efficaci sia d'estate che d'inverno. Generalmente esse hanno un caricamento di tipo "invernale", che garantisce loro adeguata energia e che le fa risultare in estate un tantino spinte.

                            Grazie meglio di una lezione di balistica e caricamenti

                            COMMENTA


                            • Zoom Testo
                              #15
                              Originariamente inviato da joe magasso Visualizza il messaggio
                              Le JK6 quelle gialle???...anche d'inverno con il ghiaccio tutto OK ?
                              Ciao,Paolo.
                              io sparo solo quelle alle papere (fiocchi jk6 piombo 5 o 3) , insieme alle rottweil......... mai avuto un problema.... se non casca e' perche' ho padellato.
                              GAETANO

                              Se avanzo seguitemi , se indietreggio uccidetemi , se mi uccidono vendicatemi......

                              COMMENTA

                              Accedi o Registrati

                              Comprimi

                              Pubblicita STANDARD

                              Comprimi

                              Ultimi post

                              Comprimi

                              Sto operando...
                              X