annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Caccia agli Acquatici, come si comincia ?

Comprimi

Sostieni Mygra per la stagione venatoria 2020/21 - Offrici un caffè

Comprimi
Ciao, Ospite! Subito per te l'attivazione automatica dell' Account Premium per tutto l'anno! A partire dal N/A Ora: N/A
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • vigi78
    ha risposto
    da me al sud usano scacciare sul fiume e raccontata da voi sembra molto molto interessante

    Lascia un commento:


  • nibbioblu
    ha commentato in 's risposta
    Ciao Giovanni, riprendo da qui,
    avevo letto un tuo post da qualche parte dove suggerivi di utilizzare un pezzo di nylon da stendere per terra al fine di ottenere la sembianza di una pozzanghera per metterci sopra gli stampi delle anatre.
    Avrei pensato di farne uno di dimensioni 6x6 magari con qualche foro tondo al suo interno in modo che stendendolo poi a terra l'erba o le stoppie affiorassero per un ulteriore effetto.
    Ma questa tattica del nylon é conosciuta anche qui in Italia ?

  • Cimbellatore
    ha risposto
    Originariamente inviato da botahv79 Visualizza il messaggio

    si ma ti manca il fascino della curata, io di passata non ci vado piu', quando cacci coi giochi ti innamori. Son gli animali che devono venir da te e non tu da loro...
    Hai super ragione ma considera che nelle nostre zone di posti "liberi" dove poter cacciare i paperi col gioco ecc non ce ne sono.
    O sono chiari artificiali quindi appostamenti fissi o son posti nel terreno libero ma che se arrivi prima dei soliti noti e ci cacci torni a casa a piedi....
    E poi ricorda che marco è pisano quindi sànàsega lui! 😀

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

    Lascia un commento:


  • Gio DK
    ha risposto
    Parole sante Bota

    poi sai cosa, magari noi in Veneto siamo più fortunati visto che x la caccia alle anatre abbiamo di tutto tra laguna cave fiumi ecc...

    Lascia un commento:


  • botahv79
    ha risposto
    Originariamente inviato da marco83 Visualizza il messaggio
    se devo fare un tiro di alba qualche punto lo conosco e nn mi devo rompere a buttare giù tutta l'attrezzatura. schioppo e cartucce e i fischi a bocca e stop
    si ma ti manca il fascino della curata, io di passata non ci vado piu', quando cacci coi giochi ti innamori. Son gli animali che devono venir da te e non tu da loro...

    Lascia un commento:


  • Franky@
    ha commentato in 's risposta
    boh, ma se siamo quattro gatti di cacciatori ormai. semplicemente, almeno nelle mie zone, il passo ormai è scarso.

  • petretti
    ha commentato in 's risposta
    Il problema è uno ed uno solo e cioè noi cacciatori... Per anticipare gli altri si tende a sparare fuori orario, anche ad un singolo uccello. Spara una volta 10 minuti prima, poi la seconda volta 20 minuti prima e cosi' si reca solo danno perchè non si lasciano mai gli uccelli tranquilli che tenderanno sempre a lasciare i chiari prima dell'alba concedendo solo tiri a buio... Poi finiti i capannisti arrivano i cani e tutto il giorno nei chiari è un andirivieni di gente che non lascia mai riposare quei pochi uccelli che ci sono...

  • marco83
    ha risposto
    se devo fare un tiro di alba qualche punto lo conosco e nn mi devo rompere a buttare giù tutta l'attrezzatura. schioppo e cartucce e i fischi a bocca e stop

    Lascia un commento:


  • bottaccio90
    ha commentato in 's risposta
    è il problema un po di tutti.. chi senti senti 1 tiro all'alba e tutto finito....

  • marco83
    ha risposto
    li c'era una bellina chenhanno visto bene di riempirla 2 anni fa a mortellini. ci sono un altro paio più giù ma sono troppo sporche. i cavi se ci batte 2 germani l'anno è manna. il paduletto a marina è il chiasso delle puttane le 2 vaschette a calambrone idem con patate , e cmq in tutti se va bene tiri a buoi poi son solo zanzare. nn c'è un posto che anche durante le gg di tempaccio gira qualcosa. anche dove picchiavo qualche uccello io nn fanno piu colture. in particolare mais. ricordo qualche anno fa prima del pd, quindi almeno 15 16 la sera era da seghe. vedevi più di un migliaio di uccelli e con trabusco anche a gg. ultima volta 4 anni fa che ce ne batteva un 500 ma stando sul confine con stampi fischi e mojo qualcosa tiravo fuori. adesso puoi andare tutte le sere a vedere se va bene 1 o 2 ogni parecchio

    Lascia un commento:


  • bottaccio90
    ha commentato in 's risposta
    marchino o quelle 2 pozze alle mucchine lungo i navicelli non son bone a niente???
    tralasciando la miriade di gente che ci gravita attorno...

  • marco83
    ha risposto
    io mi sono attrezzato, ma risutati scarsi colture assenti , cosi come acquitrini o altro mi stanno facendo desistere.mi hanno proposto anche un chiaro qualche gg fa. per cosa? x alzarmi alle 2 e tirare ai barattoli in acqua a buio? no grazie

    Lascia un commento:


  • arsvenandi
    ha commentato in 's risposta
    Anagrafica 😢....ma dentro..😉😘

  • walker960walker
    ha commentato in 's risposta
    Vedi che hai un età! ihihihihih

  • arsvenandi
    ha risposto
    Originariamente inviato da Michele ! Visualizza il messaggio
    in sintesi .paperararo??!!! molto raro , in particolare oggi nel 2020 , si nasce non si diventa piu.
    Non farti scoraggiare dal buon Michele, non è sua intenzione, ha voluto sottileneare la difficoltà che oggi c’è per chi vuole iniziare a cacciare in “valle”, come si diceva una volta. Quel “si nasce” sottintende una passione veramente sfrenata per questa Caccia, e se ieri si poteva acquisire perché le condizioni del territorio, delle leggi ecc ecc erano favorevoli, oggi gli ostacoli sono tanti e tali che veramente bisogna essere dei grandi appassionati e disposti ad enormi sacrifici, anche economici se non ci si trova in zone che ancora conservano quel poco di territorio libero che ti permette di cacciare le anatre. Però queste difficoltà possono diventare uno stimolo, perché devi rinunciare? La caccia in valle non è mai stata “gratis” per nessuno, oggi sarà più difficoltosa ma perché arrendersi e non seguire i propri sogni? Ancora oggi dopo 40anni inseguo quel sogno, ancora oggi ci si sveglia alle 2,00 di mattina e si percorrono minimo 100km per sperare in quell’alba magica ricca di emozioni difficilmente riscontrabili in altre cacce, molte volte rimane solo un alba, altre volte ci è concessa una emozione, pochissime volte si raggiunge l’entusiasmo, ma non importa....quando il vento giusto o la luna o la nebbia o la gelata promettono emozioni, saremo lì inesorabilmente, con i piedi congelati e le mani arrossate a sorseggiare il caffè con la marlboro pronta , stupiti come il primo giorno che abbiamo visto l’alba sorgere sulla palude.🙋‍♂️

    Lascia un commento:

Pubblicita STANDARD

Comprimi

Ultimi post

Comprimi

Unconfigured Ad Widget

Comprimi
Sto operando...
X