annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Nocivi tutto l'anno

Comprimi

Sostieni Mygra per la stagione venatoria 2020/21 - Offrici un caffè

Comprimi
Ciao, Ospite! Subito per te l'attivazione automatica dell' Account Premium per tutto l'anno! A partire dal N/A Ora: N/A
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Nocivi tutto l'anno

    Bella immagine di natura vera... Però andrebbe ampliata la caccia ai nocivi...
    File allegati
    A teufel.35, SPARTANO e 9 altri utenti piace questo post.

  • #2
    Originariamente inviato da luigi76 Visualizza il messaggio
    Bella immagine di natura vera... Però andrebbe ampliata la caccia ai nocivi...
    Sarebbe da far vedere a chi dico io

    Inviato dal mio S30 utilizzando Tapatalk

    Cimbellatore, luigi76 e tommaso1987 piace questo post.
    L'unica cosa che va secondo i piani è l'ascensore

    COMMENTA


    • #3
      Se fossimo diversi si potrebbe dare l'autorizzazione 12 mesi su 12 eclusivamente per la caccia a gazze, cornacchie, volpi, etc, ma purtroppo temo che se fosse lecito girare con lo schioppo tutto l'anno, molti ne approfitterebbero per portar a casa anche altre prede ben più nobili.
      Fra l'altro cacciare questi animali è difficile e non si è più che navigati, ben difficilmente gli si mettono le canne addosso.

      COMMENTA


      • #4
        Non potranno mai aprire ai nocivi tutto l'anno, altrimenti ci sarebbe la ressa di nembrotti furi montecitorio
        sigpic

        ..... cci vostra, quanto ve vojo bene !!!


        COMMENTA


        • #5
          Originariamente inviato da beccaccione Visualizza il messaggio
          Se fossimo diversi si potrebbe dare l'autorizzazione 12 mesi su 12 eclusivamente per la caccia a gazze, cornacchie, volpi, etc, ma purtroppo temo che se fosse lecito girare con lo schioppo tutto l'anno, molti ne approfitterebbero per portar a casa anche altre prede ben più nobili.
          Fra l'altro cacciare questi animali è difficile e non si è più che navigati, ben difficilmente gli si mettono le canne addosso.
          Ci sarebbero un sacco di metodi alternativi al fucile ma il problema è nel fatto che su 100 anticaccia, 99 non sanno nemmeno cos'è un nocivo.
          La ghiandaia per esempio, è quell"uccello "bellissimo con le ali azzurre che vedo spesso nel mio giardino, oddio com'è carino"

          Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

          colombaccio a curata............erezione assicurata!

          COMMENTA


          • #6
            Nel mio personalissimo ed intimo immaginario di un Italia migliore, sono solito fantasticare spesso di caccia ai nocivi da esercitarsi tutto l'anno esclusivamente da capanni fissi e ben concordati con la forestale alla quale comunicare l'esercizio venatorio la sera prima dell'utilizzo dei capanni. Ovviamente fantastico anche di sanzioni e pene esemplari se trovato anche solo mezzo metro fuori dal capanno o in atto a sparare a selvaggina non ammessa.... Che dopo poco tempo il capanno diventi "noto ed inutile" ai nocivi...... è un altra storia! È il principio che è da sdoganare.
            Ovviamente fantastico troppo.....

            COMMENTA


            • #7
              E pensare che in Romania Giorgio e Maria vengono pregati dal presidente del fondo venatorio per sparare ai nocivi tutto l'anno .... Meno male che tra un po lo faccio avverare il sogno......

              Inviato dal mio ELE-L29 utilizzando Tapatalk

              PRIMA DI SPARARE.................PENSA!!!!!!!!!!!
              CIAO PA'...............X sempre con me!!
              BARONE ROSSO

              COMMENTA


              • #8
                Originariamente inviato da A.le Visualizza il messaggio
                Nel mio personalissimo ed intimo immaginario di un Italia migliore, sono solito fantasticare spesso di caccia ai nocivi da esercitarsi tutto l'anno esclusivamente da capanni fissi e ben concordati con la forestale alla quale comunicare l'esercizio venatorio la sera prima dell'utilizzo dei capanni. Ovviamente fantastico anche di sanzioni e pene esemplari se trovato anche solo mezzo metro fuori dal capanno o in atto a sparare a selvaggina non ammessa.... Che dopo poco tempo il capanno diventi "noto ed inutile" ai nocivi...... è un altra storia! È il principio che è da sdoganare.
                Ovviamente fantastico troppo.....
                La penso come te, basterebbe la volontà di tutti e non parlo solo di noi cacciatori ma anche e soprattutto di chi parla di ambiente e natura ma non ne capisce una ceppa!

                COMMENTA


                • #9
                  Originariamente inviato da SPARTANO Visualizza il messaggio

                  La penso come te, basterebbe la volontà di tutti e non parlo solo di noi cacciatori ma anche e soprattutto di chi parla di ambiente e natura ma non ne capisce una ceppa!
                  La volontà in prima battuta dovrebbero averla le AAVV.
                  Ma poiché queste sono esclusivamente interessate ed attratte dai giochi di potere e dalle poltrone da okkupare..... sai cosa gliene frega dell'ambiente a loro ??!! Meno di zero....
                  Quindi rilassiamoci. Non cambierà mai nulla in questo paese di me@da....

                  COMMENTA


                  • #10
                    qui se diventi guardia ci vai praticamente tutto l'anno...
                    Non ha alcun senso proteggere gli insettivori se non si proteggono gli insetti.

                    COMMENTA


                    • #11
                      Se non vado errato i nocivi non si chiamano più così, sarebbe stato poco corretto, ma opportunisti.
                      Se già gli hanno cambiato la denominazione riducendola a qualcosa di molto meno reale, figuriamoci se capiscono i danni micidiali che: cornacchie, taccole, gazze, sia la ghiandaia che quella volgarmente chiamata pica ossia la gazza ladra nome latino pica pica, possono fare!
                      Poi ci sono i rapaci belli da vedere per carità, ma non troppo tolleranti nei riguardi di piccoli animali , le volpi sempre in crescita e anche i cinghiali animali onnivori che non disdegnano le carogne di una pecora o le uova di una fagiana.
                      Quando gli equlibri della catena alimentare sono sballati il risultato è la scomparsa di molti animali più deboli.
                      Un tempo oltre ai fucili esitevano altri metodi di contenimento , oggi sono vietati e spesso a ragione, perchè se mal gestiti possono essere pericolosissimi.

                      COMMENTA


                      • #12
                        Basterebbe un po' di sano buonsenso, cominciassero ad aprirla 4 mesi invece che tre, visto che il loro numero è decisamente superiore a quello degli altri selvatici, e soprattutto togliessero tutta una serie di stupidi paletti, per esempio da me, la caccia alla volpe è permessa solo all'interno di altre cacce, con il solo risultato che di fatto alla volpe non gli spari mai perché se mi passa mentre sto in battuta al cinghiale di certo non sparo alla volpe...

                        COMMENTA


                        • #13
                          Buon giorno a tutti.
                          Vi leggo amareggiati per non poter andare a nocivi tutto 'anno ... pardon ... "animali opportunisti".
                          Beh qui in Emilia ci andiamo eccome e da molti anni: ovviamente bisogna essere abilitati a coadiutore faunistico (corso + esame). Non tutto l'anno, ma secondo un regolamento (periodi, metodi, attrezzature, ecc) che la regione emette tutti gli anni.
                          Quest'anno ad es. a cornacchie dal primo marzo ad oggi io e il mio collega siamo a 78 !! E' permesso sui seminativi e come attività antipredatoria a difesa delle covate. Fra gli opportunisti qui si annoverano: corvidi (cornacchia grigia, gazza, ghiandaia), piccione torraiolo, volpe, nutria. Andiamo non solo a capanno coi richiami (non vivi), ma anche col trappolaggio. E vi dirò di più: essendo considerato un servizio di pubblica utilità, ci hanno autorizzati anche in periodo di loock-down, ovviamente con regole particolari.
                          Saluti, G.Pietro

                          COMMENTA


                        • #14
                          qui in toscana, che io sappia, non esiste niente di tutto ciò.
                          Io il corso per abbattere "nocivi" lo feci a suo tempo ma di fare abbattimenti fuori periodo di caccia (ma anche "dentro") non se ne parla proprio....
                          colombaccio a curata............erezione assicurata!

                          COMMENTA


                          • #15
                            Originariamente inviato da UGP Visualizza il messaggio
                            Buon giorno a tutti.
                            Vi leggo amareggiati per non poter andare a nocivi tutto 'anno ... pardon ... "animali opportunisti".
                            Beh qui in Emilia ci andiamo eccome e da molti anni: ovviamente bisogna essere abilitati a coadiutore faunistico (corso + esame). Non tutto l'anno, ma secondo un regolamento (periodi, metodi, attrezzature, ecc) che la regione emette tutti gli anni.
                            Quest'anno ad es. a cornacchie dal primo marzo ad oggi io e il mio collega siamo a 78 !! E' permesso sui seminativi e come attività antipredatoria a difesa delle covate. Fra gli opportunisti qui si annoverano: corvidi (cornacchia grigia, gazza, ghiandaia), piccione torraiolo, volpe, nutria. Andiamo non solo a capanno coi richiami (non vivi), ma anche col trappolaggio. E vi dirò di più: essendo considerato un servizio di pubblica utilità, ci hanno autorizzati anche in periodo di loock-down, ovviamente con regole particolari.
                            Ho conoscenti che in Umbria beneficiano delle stesse opportunità. Mi fa strano di come le AAVV non si siano mai attivate per estendere a tutta la penisola simili.... benefit. Non credo che debbano essere richiesti dai singoli cacciatori..... mi sbaglio ??!
                            Mhà !! Misteri tutti italiani...

                            COMMENTA


                            • UGP
                              UGP commentata
                              Modifica di un commento
                              Devono essere sopratutto gli agricoltori, attraverso le loro associazioni agricole, a reclamare i danni: in tal modo invece di pagare i danni creati es. da corvidi e nutrie, l'ente pubblico preferisce incaricare cacciatori/coadiutori di intervenire. Ricordo che i danni negli ZRC li deve pagare la Regione, mentre quelli in terreno cacciabile, le ATC.

                            • A.le
                              A.le commentata
                              Modifica di un commento
                              Ah ecco !!! Nel Lazio però l'agricoltura non esiste... quindi non è applicabile. Grazie.

                          Pubblicita STANDARD

                          Comprimi

                          Ultimi post

                          Comprimi

                          Unconfigured Ad Widget

                          Comprimi
                          Sto operando...
                          X