annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Tordi e clima!!

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (44%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Tordi e clima!!

    Salve a tutti amici.... Dopo una stagione deludente x quanto riguarda i tordi , volevo un vostro parere riguardo a quanto sia collegato il clima con la migrazione di quest ultimo!!
    Io credo che l aumento esponenziale delle temperature nel 2015 ( a mio avviso prevista dalla selvaggina) su gran parte dell Europa orientale fino alle latitudini asiatiche abbia bloccato la migrazione e quindi la permanenza nelle zone di nidificazione poiché le temperature durante tutto l inverno non sono mai state troppo rigide, molte volte restando ampiamente sopra gli 0°centigradi!! La migrazione e' un evento biologico che costringe la selvaggina a migrare in cerca da cibo oltre alle condizioni ambientali idonee x potere sopravvivere...ma se tutto ciò lo trovano quasi alle stesse latitudini nelle quali si riproducono?
    Basta andare su un qualsiasi sito meteorologico x notare come anche in questi momenti in una città presa a caso come BUCAREST( Romania) ci siano +10 gradi!
    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   uploadfromtaptalk1455716779708.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 47.2 KB 
ID: 1712777

    Secondo voi tutto questo può essere un valido motivo che potrebbe giustificare la quasi totale assenza dei tordi ?
    PS: tengo a precisare che nonostante la caccia sia chiusa da 15 giorni la
    situazione non e cambiata di molto!! La presenza e sempre molto ridotta a differenza dello scorso anno che nello stesso periodo eravamo totalmente invasi!
    Lascio a voi i commenti!

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   uploadfromtaptalk1455717043855.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 55.6 KB 
ID: 1712778
    urika91

  • #2
    atra discussione che fara' scintille!!!
    PRIMA DI SPARARE.................PENSA!!!!!!!!!!!
    CIAO PA'...............X sempre con me!!

    COMMENTA


    • #3
      Gran parte delle migrazione sono condizionate dai cicli solari e non della temperatura. La luce, mette in moto lo spostamento dei tordi bottacci, mentre altri uccelli come sasselli e cesene sono maggiormente condizionati dai mutamenti climatici che impediscono soprattutto di trovare le pasture. Se poi ci mettiamo che l'areale di svernamento d'elezione per il tordo bottaccio, comprende in maniera importante il nord Africa, possiamo dedurre che l'influenza dell'innalzamento della temperatura media di un paio di gradi non sia determinante. Piuttosto, secondo me i motivi di una scarsa presenza di quest'uccello nel nostro paese, addirittura notevole nel periodo di migrazione se raffrontata a quella della stagione precedente, vada ricercata nei luoghi di nidificazione, perchè basta che una o 2 covate su 3 non abbia raggiunto buon fine, che il contingente si riduce di tantissimo. Queste circostanze negative sono ripetitive nei cicli riproduttivi e se si sommano a eventi climatici contrari che spostano i flussi migratori ( magari dalla fascia adriatica italiana a quella dell'ex jugoslavia ) potremmo dedurre ulteriori motivi di una deludente stagione venatoria.
      sigpic

      ..... cci vostra, quanto ve vojo bene !!!


      COMMENTA


      • #4
        secondo me il caldo influisce in maniera relativa.........e lo dimostra il fatto che i tordi li troviamo anche in africa........secondo me la causa della non sosta e permanenza dei nostri amici tordi e' da attribuire all'inquinamento tecnologico...non intendo lo smog ma le onde elettromagnetiche o come diavolo di chiamano di cui siamo circondati.....

        per quanto riguarda la presenza in questo periodo rispetto all'anno scorso credo sia normale:
        questa stagione non c'erano a caccia aperta e non ci sono a caccia chiusa........
        nell'altra stagione c'erano a caccia aperta e c'erano a caccia chiusa.......
        PRIMA DI SPARARE.................PENSA!!!!!!!!!!!
        CIAO PA'...............X sempre con me!!

        COMMENTA


        • #5
          Michele ..... le onde elettromagnetiche c'erano anche la passata stagione. e non dimenticare quella 2012/2013, quando la puglia fù invasa.
          sigpic

          ..... cci vostra, quanto ve vojo bene !!!


          COMMENTA


          • #6
            Originariamente inviato da fabio d.t. Visualizza il messaggio
            Gran parte delle migrazione sono condizionate dai cicli solari e non della temperatura. La luce, mette in moto lo spostamento dei tordi bottacci, mentre altri uccelli come sasselli e cesene sono maggiormente condizionati dai mutamenti climatici che impediscono soprattutto di trovare le pasture. Se poi ci mettiamo che l'areale di svernamento d'elezione per il tordo bottaccio, comprende in maniera importante il nord Africa, possiamo dedurre che l'influenza dell'innalzamento della temperatura media di un paio di gradi non sia determinante. Piuttosto, secondo me i motivi di una scarsa presenza di quest'uccello nel nostro paese, addirittura notevole nel periodo di migrazione se raffrontata a quella della stagione precedente, vada ricercata nei luoghi di nidificazione, perchè basta che una o 2 covate su 3 non abbia raggiunto buon fine, che il contingente si riduce di tantissimo. Queste circostanze negative sono ripetitive nei cicli riproduttivi e se si sommano a eventi climatici contrari che spostano i flussi migratori ( magari dalla fascia adriatica italiana a quella dell'ex jugoslavia ) potremmo dedurre ulteriori motivi di una deludente stagione venatoria.
            ormai sapete in molti che in estate passo le vacanze Romania,e al ritorno vi aggiorno su quello che trovo da quelle parti.......
            due anni fa trovai una situazione idilliaca per quanto riguarda i bottacci(mai visti tanti tordi di tutte le dimensioni tutti insieme....piccoli grandi e medi)....le previsioni si avverarono .....si sparo' parecchio,almeno dalle mie parti........
            lo scorso agosto non trovai un bottaccio neanche a pagarlo,ma erano presenti moltissime cesene.......
            bhe,anche se mi prenderete per pazzo,tordi ne abbiamo sparati pochissimi........e si sono viste diverse cesene,aumentate dopo l'unica ondata di freddo che abbiamo avuto.....
            tutto cio per concordare con l'amico Fabio dt per quanto riguarda la nidificazione......
            chissa' cosa trovero' ad agosto........se Dio vuole..........

            ps.......secondo me questa discussione superera' le altre due super gettonate.............nella stanza armi e caricamenti...........

            si accettano scommesse!!...........

            - - - Aggiornato - - -

            Originariamente inviato da fabio d.t. Visualizza il messaggio
            Michele ..... le onde elettromagnetiche c'erano anche la passata stagione. e non dimenticare quella 2012/2013, quando la puglia fù invasa.
            non posso non darti ragione.....

            - - - Aggiornato - - -

            ...qualche str.....ta ogni tanto la posso scrivere anch'io??.......
            PRIMA DI SPARARE.................PENSA!!!!!!!!!!!
            CIAO PA'...............X sempre con me!!

            COMMENTA


            • #7
              Mi ricordo benissimo le tue impressioni rumene, come mi ricordo quelle della estate 2015 e 2014 di un utente del forum che ha detto le tue stesse cose riguardo la presenza dei nidificanti sull'appennino.
              sigpic

              ..... cci vostra, quanto ve vojo bene !!!


              COMMENTA


              • #8
                Al nord passo regolare anzi buona condizione del bottaccio, sassello zero invece .....
                Sono sempre diffidente delle persone a cui non piacciono i cani mentre mi fido tantissimo del cane quando non gli piace una persona.

                COMMENTA


                • #9
                  Secondo me il fattore principale è il risultato della nidificazione e le condizioni climatiche in quei posti, vale per la Romania e forse ancor di più per gli stati ex urss. Mi ricordo qualche anno fa che parlarono di condizioni ottime e ci furono tantissimi tordi, poi un anno caldo esagerato e siccità, molto meno tordi come per il 2015.
                  Per cesene e sasselli concordo anche io che se non fa freddo e trovano il nutrimento dove sono rimangono tranquilli li.

                  COMMENTA


                  • #10
                    Io aggiungerei alle vostre considerazioni che i tordi vanno anche contati in montagna. Mi diceva un cacciatore in zona Alpi che quest'anno di tordi ne ha visti più degli altri anni.
                    sigpichhttp://www.migratoria.it/forum/signaturepics/sigpic7632_2.gif

                    COMMENTA


                    • #11
                      Sono i cicli solari che influenzano le migrazioni, magari le condizioni meteo giuste al momento giusto spostano il flusso migratorio da una parte oppure da un'altra ma in linea di massima mi trovo d'accordo con quello scritto da alcuni di voi; un ruolo molto importante lo hanno anche le covate estive nei luoghi di riproduzione. Se sono abbondanti e la maggior parte vanno a buon fine ovviamente il numero degli avvistamenti sarà sicuramente maggiore. Ovviamente la presenza nelle nostre zone è dettata dal flusso di ottobre. Dico una banalità ma più tordi entrano e più rimangono nella nostra penisola a svernare. Quest'anno ne sono entrati pochi e quindi se ne sono visti pochi tutta la stagione.

                      Saluti
                      Non dire gatto se non l'hai nel sacco!!!

                      COMMENTA


                      • #12
                        Il motivo non me lo so spiegare. Tuttavia dico anche la mia. Nei paesi dell'est, dove prima la povertà incombeva massiccia e la popolazione altro aveva da pensare che andare a caccia. Oggi sembra che la situazione sia cambiata economicamente. Mi risulta (da amici dell'est) che la popolazione si stia interessando alla caccia con più assiduità e con numeri di cacciatori in aumento massiccio. Anche la quaglia ha avuto una diminuzione interessante, infatti, l'anno scorso, questi amici, sparavano oltre 100 quaglie al giorno (questo anche per far cuccioloni a loro affidati da altri amici...tutto a pagamento). Prima queste persone si dedicavano solo al lavoro e così tutti i loro conoscenti e tutti i paesi del circondario.
                        Badanti e colf, presenti in Italia e altrove, lavorano e mandano soldi ai loro consorti che sono rimasti a casa e questi ne approfittano per fare quello che non facevano prima. Quindi fatevi due conti; se un tordo o una quaglia viene presa nei paesi dell'est, questi non giungerà mai da noi. Si parla di una percentuale del 50%.
                        Inoltre; ho visto dei documentari e video, dove in alcuni paesi c'è un usanza nuova, (tra l'altro dove la caccia è proibita), i tordi venivano attirati di notte con richiami elettronici, su di un albero illuminato da potenti lampade e così venivano trucidati per tutta la notte e quelle a venire.
                        Spero vivamente di sbagliarmi ed essere felicemente smentito dalla futura stagione. Intanto mi sto attrezzando seriamente per la caccia al cinghiale, si spara poco ma c'è tanto impegno e divertimento......
                        Ciao Mauretto, sarai sempre nei miei pensieri.
                        Sta il cacciator fischiando
                        sull'uscio a rimirar..........

                        COMMENTA


                        • #13
                          Caro Walker...per quel che riguarda il trucidare i tordi di notte è un video girato da Stoppa per striscia, purtroppo in questo caso ha ragione la nazione in questione è il Libano dove la caccia è senza controllo....una sorta di buco nero dove vengono falcidiate tutte le specie di uccelli...anche quelle rare o rarissime....comunque riguardo a quello che hai detto non credo che la caccia nei paesi dell'est abbia qualche influenza sulle specie che migrano da noi forse eccetto la beccaccia e la quaglia. Come prima di me hanno detto dipende probabilmente da come sono andate le covate ed anche dal clima al momento della migrazione...con correnti favorevoli da nord-est sicuramente avremo una buona presenza di tordi bott come di colombi,fringuelli insomma tutti i migratori cosiddetti stagionali,mentre per i cosiddetti migratori del freddo come sasselli e cesene....dipende appunto dalla stagione che fa' nei territori del nord....

                          COMMENTA


                          • #14
                            Sono contento di avere aperto una discussione molto "piccante"
                            A mio avviso la questione delle nidiate non sta in piedi e vi spiego il perche:
                            Lo scorso anno abbiamo assistito ad un grande passò post nunziale... Durato circa 20 notti con giornate di alti e bassi ma con una costanza spaventosa!!
                            Nella mia zona i tordi x tutta la stagione si sono visti ma la cosa che ci ha frenato e stata la quasi totale assenza di olive !! Quindi i tordi si sono mantenuti in montagna tra i 300 ed i 1000 metri di altezza dove il cibo era in abbondanza!! Come voi tutti ricorderete al primo vero freddo che interesso maggiormente l adriatico con nevicate copiose quasi fin sulla costa...subito dopo i tordi hanno fatto capolinea nelle pianure e da li si scateno' il putiferio!! Tordi ovunque ....
                            Personalmente ho assistito a cose inimmaginabili in posti isolati con uliveti abbandonati tanto da essere sommerso .... Nel vero senso della parola!
                            Dopo la chiusura della stagione ho assistito ad un continuo ripasso con il picco tra la fine di febbraio e la prima decade di marzo !! Tutti animali in risalita dalle coste del nord Africa( Tunisia ,Libia , Marocco ecc ecc)
                            Milioni di tordi stazionavano nelle nostre campagne .....
                            Detto ciò voglio dire ,anche se fosse andata a male una nidiata, la restante popolazione compresa la nuova prole dove e andata a finire???
                            urika91

                            COMMENTA


                            • #15
                              per quanto riguarda l'attivita'svolta in quel video(come gia' detto video di stoppa) non parlerei di caccia ma di bracconaggio,cosa ben diversa.......
                              per quanto riguardala caccia nei paesi dell'est,Walker,ti garantisco che i locali(io mi riferisco alla realtà che conosco,cioe' la romania)quando sentono che spariamo i tordi,si mettono a ridere!!!!!!!!
                              i turdidi all'estero vengono cacciati da stranieri.........un rumeno se spara una cartuccia(che costa quanto in italia)deve mangiare almeno mezzo chilo di carne!!!!!!
                              quando sentono che si sparano anche due tre colpi ad una'allodola di mettono le mani nei capelli!!!!!!
                              PRIMA DI SPARARE.................PENSA!!!!!!!!!!!
                              CIAO PA'...............X sempre con me!!

                              COMMENTA

                              Pubblicita STANDARD

                              Comprimi

                              Ultimi post

                              Comprimi

                              Unconfigured Ad Widget

                              Comprimi
                              Sto operando...
                              X