annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Pubblicita 600x70

Comprimi

!

Comprimi
Ciao, Ospite! Oggi è il N/A Sono le ore N/A

Caccia con il chioccolo 2020/21 tra arte e passione

Comprimi
Questa è una discussione evidenziata.
X
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Zoom Testo
    #16
    Originariamente inviato da lodola 66 Visualizza il messaggio
    A chi riesce il chioccolo è davvero divertente. Per un po' di anni ci ho provato, con scarsi risultati, ma quel poco che riuscivo a fare mi dava tanta soddisfazione. Poi decisi di mettere le gabbie delle lodole e abbondai il chioccolo. Ora non ho più niente. A leggerti però mi tornerebbe voglia...
    Lo Sfiammino farebbe venì la voglia di chioccolà anche a me che c'ho 'piccioni ner capo! 😀

    Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

    Cicciomurena e SPARTANO piace questo post.
    colombaccio a curata............erezione assicurata!

    COMMENTA


    • Zoom Testo
      #17
      Ciao Sfiamma, approfitto della tua passione e proverbiale gentilezza...ho fatto qualche oretta col chioccolo con gran divertimento anche se sempre troppo poco il tempo! Ti chiedo due cose se puoi:
      al chioccolo mi vengono solo merli mai tordi nn so se sbaglio qualcosa, la primavera non la so fare bene con le pispole...ho il richiamo del tordo ferito ma non ho risultati, forse stono... A me esce un richiamo tipo schiamazzo del merlo ma mai ricevuto risposte, non riesco ad interpretare quel tri-tri-triiii che scrivi tu.... non è che hai 2-3 secondi di tordo ferito da far ascoltare o magari metterlo qui in discussione? ultima cosa, a me le risposte al chioccolo se ci sono, sono fulminee...entro in macchia, mi accovaccio, faccio 4-5 chioccolate lente e spesso senza rispondere arriva il merlo a missile a tre metri, in tempo di passo anche due tre a breve distanza...con difficoltà a metterli sotto mira...spesso è così...che ne pensi?
      Cimbellatore piace questo post.

      COMMENTA


      • Zoom Testo
        #18
        Atc 5 Empolese Valdelsa. Iniziata la stagione per me del chioccolo da macchia....
        Oggi qualche merlo si è visto ed alcuni tordi (molto pochi)
        Nonostante un meteo inclemente qualche tiro riesco a farlo, notando una buona propensione ai richiami specialmente a quello della civetta...visitato posti nuovi (nel mio comune caccio raramente) e spesso il posizionamento non è stato adeguato, specialmente nel bosco ancora piena di foglie.
        Spero che tutto si rimetta per il meglio e si possa tornare a cacciare come sempre....
        Un saluto a tutti ed alla prossima..............
        A Cimbellatore, SPARTANO e 2 altri utenti piace questo post.

        COMMENTA


        • Zoom Testo
          #19
          Oggi Giro di circa 4 ore in posti nuovi, macchia umida e un po’ troppo vento, arrivato Tardi per lavoro/famiglia a metà mattina, macchia semimuta risposte scarsissime, alle 13 circa si ferma il vento le risposte aumentano un po’, ma che fatica Farli arrivare a tiro, sparo 4 merli ne trovo due, troppo sporco... padello clamorosamente un tordo basso a velocità di crociera a 10 metri (unica scusante avevo una silenziata da 9 gr ma non l’ho preso 😫)...qualche tordo presente ma non riesco ad agganciarli...richiamo del tordo ferito ancora inefficace...in attesa dei consigli di sfiamma 😅!
          Devo ampliare un po’ i richiami con civetta e allocco per provare qualcosa di nuovo nelle
          giormate storte..alle 15.30 si ferma tutto, caffè e a casa.
          jasko e Cimbellatore piace questo post.

          COMMENTA


          • Zoom Testo
            #20
            Altra mezza giornata di macchia Col chioccolo, sempre da metà mattinata, e Scappottato grazie a una cornacchia suicida. Oggi per me animali inavvicinabili, risposte cercate insistendo in ogni posta, avvicinamenti timidi seguite spesso da fughe precipitose prima di uscire allo scoperto. Venuto bene un solo merlo ma senza rispondere, nn me lo aspettavo e nell’imbracciare mi ha visto. Per la prima volta risposta di un tordo alla civetta fatta con il chioccolo con zippate multiple in avvicinamento ma senza uscire mai...oggi se stonavi Anche solo leggermente o cambiavi tono da una chioccata all’altra si volatilizzavano. Animali fermi nelle siepi non si schiodavano, poi si è alzato anche un po’ di vento...frittata fatta. Deluso ma felice di poter ancora uscire. Alla prossima
            Cimbellatore e piace questo post.

            COMMENTA


            • Zoom Testo
              #21
              Siete troppo forti, mi avete fatto arrazzare, intanto ordino il libro di Marco Stagnaro, e speriamo ci cambino di colore per sabato.....

              COMMENTA


              • Zoom Testo
                #22
                Originariamente inviato da Piombo10 Visualizza il messaggio
                Ciao Sfiamma, approfitto della tua passione e proverbiale gentilezza...ho fatto qualche oretta col chioccolo con gran divertimento anche se sempre troppo poco il tempo! Ti chiedo due cose se puoi:
                al chioccolo mi vengono solo merli mai tordi nn so se sbaglio qualcosa, la primavera non la so fare bene con le pispole...ho il richiamo del tordo ferito ma non ho risultati, forse stono... A me esce un richiamo tipo schiamazzo del merlo ma mai ricevuto risposte, non riesco ad interpretare quel tri-tri-triiii che scrivi tu.... non è che hai 2-3 secondi di tordo ferito da far ascoltare o magari metterlo qui in discussione? ultima cosa, a me le risposte al chioccolo se ci sono, sono fulminee...entro in macchia, mi accovaccio, faccio 4-5 chioccolate lente e spesso senza rispondere arriva il merlo a missile a tre metri, in tempo di passo anche due tre a breve distanza...con difficoltà a metterli sotto mira...spesso è così...che ne pensi?
                Scusa l imperdonabile ritardo nella risposta, non so' come ma non mi arrivavano le notifiche sulla discussione.. Boh!
                allora, per quanto riguarda il chioccolo è vero, quando si ha a che fare con animali nuovi, appena entrati, gli arrivi sono spesso multipli è fulminei.. Paga più mettersi in posizioni non proprio coperte ma sempre con un riparo tra te e il possibile selvatico che ti consenta di rompere la tua sagoma... Alla risposta bisogna stare sempre pronti con il calcio sotto alla spalla, o se lo intravedo ma non hai il tiro pulito, anche imbracciato.quando iniziano ad essere troppo vicino, e loro se ne rendono conto meglio di noi, iniziano a scrutare la zona e se muovi un figlio ti vedono.. Quando invece sono sufficentemente lontani invece, tendono più a seguire le chioccate di altri loro simili, se ci sono ovviamente, come spesso succede nei periodi di passo.
                A stagione più avanti invece bisogna per forza stare nel loro mondo, nella macchia fitta... Avere conoscenza massima delle zone è fondamentale, piccolissime zone in cui la macchia è più diradata rispetto alle vicinanze, una, due pianticelle o arbusti vicini a tiro, perché se il selvatico farà le bizze con il chioccolo allora sarà necessario cambiare musica, e sia il tordo ferito che l'allocco, ma anche la civetta, spesso gli farà piombare all'improvviso in posizione elevata ed allora al 90% sceglieranno le piante che staccano dalla macchia... Anche il classico ginepro più alto rispetto agli altri può bastare (io ci caccio spesso nelle ginepraie miste a spina)
                Il tordo arriva sempre quando il merlo tarda ad arrivare, ha secondo me più bisogno di permanenza nella posta e di insistenza sui richiami... Niente primavere nella macchia...e lui è assolutamente suscettibile al tordo ferito.
                Proverò a inserire degli audio se ci riesco... Ma non vi prometto nulla, sono moooolto ignorante in materia.

                COMMENTA


                • Zoom Testo
                  #23
                  Il ponte dell'Immacolata cadeva bene, sopratutto per il fatto che ieri fu una giornata da lupi, acqua tutto il giorno, in pratica cacciai quasi esclusivamente a volo, infradiciandomi diverse volte, unica ora di chioccolo con tre abbattimenti ma poi la decisione di smettere, con un fradicio in quel modo glia animali arrivavano tutti fuori posta e il rischio di rovinare la zona era matematico. Giornata cmq con diversi abbattimenti tra lo spollo e una parvenza di traccheggio ed il rientro che fortunamente fu quanto meno senza pioggia.
                  oggi invece giornata ottima, sia per le condizioni meteo che per la presenza di selvatici... Uno spollo a volo che frutta tre bottacci,indovino la zona ma non l'uscita precisa, mercoledì si vedrà di far meglio.
                  Poi di cioccolato dalle 8 sino alle 14...tanti merli e diversi tordi.. Quasi sempre un paio di tiri per posta, selvatici che all'inizio erano piuttosto apatico tant'è che i primi tre abbattimenti sono stati bottacci. Poi via via i merli hanno iniziato ad essere più attivi, complice anche una leggera brezza che ha finito di asciugare la frasca ed il sole che gli ha un pò scaldati. Belle curate sia di cioccolato che di allocco un pò meno ti tordo ferito, civetta inutilizzata.
                  Concludo la bella giornata con un rientro da cerchietto rosso, la zona la conoscevo molto bene, un dormitorio di rovi e spina intricatissima... Belle fucilate e sopratutto i recuperi di Billo, di otto animali abbattuti, e punti di caduta tutt'altro che vicini dal punto di sparo, solo su uno è toccato uscire di parata, alla fine a fucile nel fodero, per cercarne uno che aveva allungato e non poco.... Trovato anche quello... Non perdere un animale li è come fare un terno al lotto.
                  Bella bella giornata davvero.

                  COMMENTA


                  • Zoom Testo
                    #24
                    Oggi voglio spendere due parole sul "fuciletto"... Il 410.
                    Stamani, complice la stagione che non prometteva nulla di buono che poi alla fine si è trasformata anche in una bella nevicata, avevo deciso di dedicarmi, dopo lo spollo, a qualche sassello rimasto in degli spinai... La stagione perturbata è secondo me la migliore per insidiare questo selvatico, che, a differenza del suo cugino, rimane più in ala e quindi più facile intercettarlo qualche volta in più nella caccia al chioccolo.
                    Fortunatamente di spollo riesco a fare poche padelle rispetto alle occasioni che mi si presenta, due tordi di tre sparati... E non è poco per me con questo buca aria....
                    Poi, quando la pioggia seguita alla neve da tregua, mi recò nel posto prescelto... Faccio subito un sassello di un gruppetto di tre venuti al verso del ferito, una mini silent da 9 grammi fà il suo dovere sul selvatico a circa 7 metri.
                    Insisto ,ma i due rimasti, nonostante le svariate lorè risposte, non riesco a convincerli.
                    Cambio posta e subito sento il que' ad una 50ina o più metri... Iniziò prima di chioccolo, poi qualche colpetto di civetta che però gli zittisce...continuo per una buona decina di minuti ad avere risposte, prima lontane poi sempre più vicine.... Adesso che siamo a fine stagione anche loro hanno imparato il giochino e convincerli è dura... Alla fine, ne sento uno un pò più vicino degli altri, stimato ad un 20ina di metri... Tento il ferito e subito lo vedo posarsi in cima ad un alberello tra i ginepri... Sparo la seconda canna in cui ho una soft 23 grammi ed anche lei esegue un abbattimento pulito.
                    Poi arriva quello che io definisco incredibile... Erano ormai le 12.00 e la donna già aveva messaggiato il pranzo iimminente... Era circa mezz'ora che mi facevo ********re da un gruppetto di tre...per tre volte si erano palesati ma sempre abbondantemente fuori tiro... Ad un certo punto noto che si vanno a buttare su una quercia maestosa, che rimaneva vicino al viottolo di ritorno.. Conosco bene il posto e penso che un avvicinamento furtivo sia possibile... Iniziò l'accostamento, piano, pianissimo... Passi felpati da far venire il fiatone... Li vedo, ma sono sempre lontanissimi... Per potermi avvicinare di più dovrei sfrascare e quindi mandare tutto in un monte... Apro il fuciletto e metto in seconda una sigarettina da 19 grammi, una Magnum... Sparo... Rimango a bocca aperta. .. Conto 50 passi per raggiungere la pianta che in punta come minimo misura 18 metri... Sassello stecchito... Con il 12 c'è ne sarebbero volute due di fucilate...
                    calibro micidiale, l'ho sempre affermato ma lo voglio ribadire.

                    COMMENTA


                    • Zoom Testo
                      #25
                      Spero che sia questa la stanza ho girato tutto il forum, allora come dicevo ho trovato un fischietto si sistemando armadio per il tordi tipo rotondo, ora vorrei capire il suo utilizzo, io ho sempre usato lo zip non me ne separo mai da quando inizia la caccia a settembre fino alla chiusura è sempre in mano lo so sembrerà strano ma è così mi piace sentire quel sibilo quest'anno ne ho presi altri 2 ora vedendo il fischietto mi è presa la curiosità di riuscire ha farlo suonare pure in modo elementare

                      COMMENTA


                      • Zoom Testo
                        #26
                        Eccomi...ottima scelta!...quando si tratta di richiami a fiato è sempre un ottima scelta.
                        allora,innanzi tutto lo si deve mettere in bocca dalla parte concava.. il chioccolo(se mi sente Marco Stagnaro mi squalifica,il chioccolo è solo quello strumento atto a riprodurre il pack del merlo) o meglio la pispola,deve essere tenuta in modo "molle"all'interno della bocca,appena dietro alla chiusura delle labbra...e deve essere sigillato per tutta la sua geometria escluso l'apice della parte convessa in cui risiede il foro di ingresso dell'aria...all'inizio si avrà la sensazione di avere un corpo un po' troppo estraneo in bocca,poi,con perseveranza ,passione e voglia di imparare,non lo si noterà piu'.
                        Si inizia a piccoli step...innanzi tutto questo tipo di strumenti funzionano ad aspirazione,e si inizierà ad eseguire note semplici,prolungate nel tempo..questo servirà per accordarsi al nostro richiamo..diciamo che si dovrà eseguire un tuuuuuu prolungato,cercando di ottenere un suono pulito,senza storpiature e distorsioni..fondamentale risulterà l'uso del diaframma e non dei polmoni veri e propri..questo per avere un dosaggio molto più graduale dell'aria che si andrà ad aspirare attraverso il nostro richiamo...durante questa esecuzione,se ben fatta,si dovrà avere la sensazione di sentir gonfiare la pancia...aspirazione graduale,riuscita di un suono pulito e duraturo nel tempo... viceversa se si userà un'aspirazione polmonare si avrà un suono scarsamente modulabile,facilmente distorto e poco duraturo nel tempo.
                        Appianato questo primo step si potrà iniziare,sempre con note semplici,a modulare le tonalità della nostra chioccolata...per fare ciò si dovrà sfruttare il nostro cavo orale,vera cassa armonica del nostro strumento..mentre si chioccola si deve avere la sensazione che la formazione del suono avvenga dentro la nostra bocca e se le note più acute si formeranno,sempre a sensazione,immediatamente dietro alla pispola con i muscoli della bocca che tenderanno a contrarsi per fare assumere alle nostra labbra un pronunciamento verso l'esterno,le basse si formeranno sempre più in profondità all'aumentare della gravità di nota con i muscoli della bocca che saranno più molli e il nostro cavo orale più espanso.piu facile a farsi che a dirsi...lo assicuro.
                        Di solito si insegna ad eseguire una scalatura di note intonando una canzone .tipo fra Martino o finché la barca và...
                        Quando si avrà padronanza di questi passaggi allora sarà arrivato il momento di inserire la "r" e quindi eseguire il gorgheggio...qui sarà necessario l'uso della saliva,che fungerà da ristagno di liquido in cui il nostro flusso di aria aspirato attraverso il richiamo creerà una sorta di vortice dando al suono la vibrazione.
                        La pozzetta di saliva dovrà trovarsi su una curvatura della lingua,immediatamente dietro al nostro richiamo..anche qui più facile a farsi che a dirsi...per facilitare l'operazione si potrà prima provare ad imitare il rumore della moka aspirando aria senza l'utilizzo del richiamo..
                        Con l'esperienza ci si renderà conto che l'utilizzo della saliva sarà fondamentale per ottenere tutte le scalature di note con volumi molto più elevati che si otterrebbero con note semplici,ossia senza "r"...un suono anche di poco vibrato è molto più difficile renderlo distorto.
                        Fatto questo,lo step successivo è imparare le canzoni vere e proprie...i versi del tordo.
                        Per adesso mi fermo qui...se ci sono dubbi sono sempre a disposizione.

                        COMMENTA


                        • oreip
                          oreip commentata
                          Modifica di un commento
                          Il festival di Sanremo è vicino, provate e riprovate, le possibilità di vincere il trofeo ci sono tutte.
                          Con Affetto
                          piero

                        • kim-lea
                          kim-lea commentata
                          Modifica di un commento
                          Senza pubblico non mi impegno mi dispiace 🤣🤣🤣🤣🥰

                      • Zoom Testo
                        #27
                        Buon giorno a tutti
                        riscrivo dopo un'eternità ma a caccia non sono andato tanto sia a dicembre che a gennaio quindi non avevo molto da comunicare.
                        visto che ormai la stagione è finita e si inizia già a progettare la strategia per l'anno futuro, sono cortesemente a chiedere se e come è possibile replicare il verso dello schiamazzo del tordo bottaccio; in commercio ho visto un paio di utensili (molto simili tra loro) che imitano tale verso. Esiste altro strumento o tecnica?
                        Per completezza, io non uso fare le primavere dei turdidi (non ne sono capace) ma il solo chioccolo da macchia.
                        Ringrazio per le eventuali risposte
                        Saluti a tutti
                        W il chioccolo

                        COMMENTA


                        • Zoom Testo
                          #28
                          Grazie per la risposta sfiamma, questi sono quelli che possiedo, il primo di sinistra nella parte posteriore e piano, il secondo ha la parte concava posteriore verso l'interno è l'ultimo arrivato comprato da moglie e figlio perché del terzo ha smarrito la parte ha pipa che innesta ma hanno detto che se lo sapevano non me lo regalavano xché sono sempre li che smanettono, ora il suono più limpido lo sento con quello al centro mentre quello a destra è un suono cupo basso e quello di sinistra e meno cupo, tu che dici

                          COMMENTA


                          • sfiamma
                            sfiamma commentata
                            Modifica di un commento
                            Dico che, effettivamente e secondo me,quello centrale,che se vedo bene è un francese, è quello che risponde meglio come tipologia a eseguire il bottaccio...il primo,che tra l'altro anch'io posseggo come collezione, è un vecchio richiamo in lamierino,talvolta si trovavano nelle fiere...il costruttore se non sbaglio di chiama Fausto e tra l'altro assemblava anche delle ottime pipe per il merlo,mi pare Umbro..e quel richiamo li ha una buona vocina per il sassello,troppo alta per il bottaccio nelle sue alzate di canto...il terzo è il classico doppio bombato della moscheni,che io non amo perché ha un suono estremamente basso e scarsamente pulito,fori molto larghi che richiedono tanta aria.
                            Il francese l'ho usato per diversi anni e sinceramente mi ci sono trovato molto bene...pur avendo anche lui forature larghe per le sue geometrie è piuttosto difficile steccare e quindi il suono risulta sempre ben intonato.
                            Se posso consigliarti io punterei sempre ad usare la romana in ottone (per rimanere tra i commerciali)..ottimo suono sia per il bottaccio che per il sassello e dimensioni piuttosto ridotte se paragonate ai cugini francesi.

                        • Zoom Testo
                          #29
                          Foto

                          Inviato dal mio SM-A750FN utilizzando Tapatalk

                          COMMENTA


                          • Zoom Testo
                            #30
                            Originariamente inviato da ciok Visualizza il messaggio
                            Buon giorno a tutti
                            riscrivo dopo un'eternità ma a caccia non sono andato tanto sia a dicembre che a gennaio quindi non avevo molto da comunicare.
                            visto che ormai la stagione è finita e si inizia già a progettare la strategia per l'anno futuro, sono cortesemente a chiedere se e come è possibile replicare il verso dello schiamazzo del tordo bottaccio; in commercio ho visto un paio di utensili (molto simili tra loro) che imitano tale verso. Esiste altro strumento o tecnica?
                            Per completezza, io non uso fare le primavere dei turdidi (non ne sono capace) ma il solo chioccolo da macchia.
                            Ringrazio per le eventuali risposte
                            Saluti a tutti
                            W il chioccolo
                            Avevo scritto una risposta ma il forum era di nuovo andato in "bomba"...lo schiamazzo del tordo non è proprio semplice da fare, però lo si può cmq eseguire con un normale fischio,tipo la commercialissima romana in ottone..talvolta merita ritoccare un po' i fori ed allargarlo,ma non più di tanto...questo spesso evita di steccare ed emettere quella fastidiosa nota soffiata... è pur vero che esiste uno strumento a manovella che facilita nell'esecuzione di quella rapida chioccata... però se devo essere sincero la schiamazzata del bottaccio è fatta di due note diverse...parte con un ciok ciok piuttosto basso e gutturale e poi spara quel chik chik chik chik molto rapido ma spesso non lineare...cioè cambia la cadenza.
                            E Per questo dico che il richiamo a manovella non dà il risultato perfetto..non puoi cambiare nota ma solo velocizzare o rallentare la chioccata...invece con il richiamo da mettere in bocca è possibile fare anche le sfumature...
                            In commercio esistono anche dei richiami francesi,uno denominato appunto schiamazzo,fatto a tre tubi...quello però,sempre secondo me, è micidiale per fare il tordo ferito,utilizzandolo con una aspirazione più prolungata e gorgheggiata...un triiii triiiiii triiiiiiii...che grazie ai tre tubi triplica le note e lo fa' uguale al verso che emette il tordo da ferito

                            COMMENTA

                            Accedi o Registrati

                            Comprimi

                            Pubblicita STANDARD

                            Comprimi

                            Ultimi post

                            Comprimi

                            Sto operando...
                            X