annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Dove sono finiti i passeri?

Comprimi

Sostieni Mygra per la stagione venatoria 2020/21 - Offrici un caffè

Comprimi
Ciao, Ospite! Subito per te l'attivazione automatica dell' Account Premium per tutto l'anno! A partire dal N/A Ora: N/A
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Dove sono finiti i passeri?

    Da uccellino presente in tutte le città e campagne d’Europa è in pratica diventato una specie minacciata: la Passera d’Italia ha subito in Italia un decremento dal 2000 al 2010 del 47%

    Le “colpe” secondo gli ornitologi sono molte e variegate. Non facili da analizzare ma da imputare principalmente alla diminuzione dei siti idonei alla riproduzione, alla diminuzione e depauperamento degli habitat, all’inquinamento e all’uso di prodotti chimici in agricoltura e conseguente diminuzione degli insetti, anello fondamentale nella catena alimentare. 
    La caccia non ha bisogno di mediazioni politiche, ma ha bisogno di essere difesa con forza!

  • #2
    Nel mio condominio con parco, tutti gli anni assisto alla predazione dei nidi da parte delle cornacchie e credo che nelle aree urbane i nocivi abbiano influito in maniera importante riguardo la sparizione del passero e non solo.
    L'importante è comunque che le passere siano invece sempre presenti
    A Centro67, SPARTANO e 2 altri utenti piace questo post.
    sigpic

    ..... cci vostra, quanto ve vojo bene !!!


    COMMENTA


    • #3
      Sicuramente non è colpa dei cacciatori... penso anch'io come fabio che una delle cause sia l'incremento del numero delle specie nocive come gazze e cornacchie che decimano le nascite...
      A cornacchie e gazze la caccia dovrebbe essere aperta tutto l'anno, invece se l'hai in preapertura chiude al 15/1 in toscana....
      Siamo nelle mani di...... (non mi viene in mente nessun aggettivo scrivibile)


      Saluti
      toton, sterminator e tommaso1987 piace questo post.
      Non dire gatto se non l'hai nel sacco!!!

      COMMENTA


      • #4
        spariti i pollai spariti i passeri...
        dove abito io è rimasto un solo pollaio e con lui l'ultima colonia di passeri 30/40 circa e si sono abituati a nidificare in una palma che unita alla vicinanza alle case li protegge da ghiandaie e cornacchie
        A Codone81, Jago e 2 altri utenti piace questo post.

        COMMENTA


        • #5
          Secondo me il danno più grosso è dato dai prodotti fitosanitari che danno in agricoltura. Poi le gazze sono un ulteriore causa ma il grosso lo fanno i veleni e le agricolture Intensive. Proprio per questo motivo alcune piccole concentrazioni di passeri li troviamo sempre più spesso attorno Alle abitazioni e non più nei campi come avveniva in passato
          A Codone81, sterminator e 2 altri utenti piace questo post.
          La caccia non ha bisogno di mediazioni politiche, ma ha bisogno di essere difesa con forza!

          COMMENTA


          • #6
            Sono diventati sporadici, ci sono, ma poca roba, vedo molte più mattuge che passeri comuni, ne vedo molti negli agriturismi e soprattutto negli outlet aperti, probabilmente trovano cibo e protezione dai corvidi, per il fatto che cè sempre gente, questa estate in un outlet mi va l'occhio su una tuja dentro un vasone, ad altezza della faccia intravedo un nido con dentro la verdona in cova e migliaia di persone che ogni giorno gli passano accanto senza accorgersene, il motivo? La protezione dai corvidi, non vedo altro motivo, secondo me è la causa insieme alla carenza degli insetti in periodo riproduttivo necessari per insettivori e granivori, sono questi i problemi per i piccoli uccelli.
            O a Napoli in carrozza o alla macchia a far carbone.

            COMMENTA


            • #7
              Le cornacchie le ghiandaie le gazze i gabbiani, si i gabbiani! Ho visto predare e uccidere un piccione di colombaccio che prendeva il sole sul bordo di una terrazza. Troppi nemici e poco amici, mi ricordo che i passeri arrivavano a centinaia nei pressi di un grosso mulino dove si produceva la farina per la pasta. Oggi i nuovi stabilimenti non lasciano cadere nemmeno un chicco di grano. E' da tempo che preparo per loro una cassetta con dentro granaglie di vario tipo, in primavera vedo arrivare anche i nuovi nati che si danno da fare per conquistarsi un posto a "tavola", ma sono sempre di meno, segno che i nocivi banchettano nei nidi.
              piero
              NON SI DISCUTE PER AVERE RAGIONE MA PER CAPIRE
              " Jorge Luis Borges "

              COMMENTA


              • #8
                Mi ricordo ancora, nei primi anni della mia licenza, che per passeri e storni non c'erano limiti di carniere ed io in attesa dei tordi, successivamente l'apertura andavo ad esercitarmi tirando ai passeri che rientravano nei granturcheti. Ne facevo buste. Oggi, simili cose sono anacronistiche ..... ma quanti passeri c'erano 30 anni fà !!!
                sigpic

                ..... cci vostra, quanto ve vojo bene !!!


                COMMENTA


                • Gianni1°
                  Gianni1° commentata
                  Modifica di un commento
                  Ho iniziato coi passeri al casale della vigna de mi nonno, sul piazzale davanti casa tiravo ai passeri che rientravano sul tetto, più ne ammazzavi più ce n'erano, una gran caciara de passeri, che ormai non si sente più.

                • luca96
                  luca96 commentata
                  Modifica di un commento
                  io non li ho mai visti 😥

              • #9
                Come al solito le cause sono innumerevoli:
                di sicuro: gazze, cornacchie e gabbiani hanno distrutto per anni molti piccoli uccelli, divorandone le uova o i piccoli.
                E poi l'agricoltura è cambiata radicalmente i pesticidi sono letali per ogni tipo di animale, tranne quelli finti.
                Le stoppie sono sparite e così via.
                Sono daccordo con chi dice che i piccoli uccelli si sono antropizzati , trovano protezione e cibo.
                La sera i passeri dormivano nei cespugli ai margini delle strade e se passavi accanto frullavano
                in quantità, cosa pericolosa per chi ci si avvicinasse a cavallo rischiando un bel tonfo a terra.
                Non va dimenticato di come molti passeracei siano degli insettivori insaziabili.
                Forse se lo cercate su internet si trova, ai tempi di Mao decisero di eliminare i passeri perchè si mangiavano il grano , ne fecero camionate, una strage, gli anni successivi era un tripudio di cavallette, ben più voraci.
                La natura ha un equlibrio perfetto e l'uomo negli ultimi anni si è dimostrato bravissimo a scardinarlo con conseguenze disastrose , visibili a tutti.

                COMMENTA


                • #10
                  Da me qualcuno si vede. Ho una mini colonia sul mio terreno dove c'è il pollaio, ogni giorno mi aspettano per becchettare con le galline, ormai mi conoscono e non volano via. Sono pochi, ma son contento che ci sono.
                  Ciao Mauretto, sarai sempre nei miei pensieri.
                  Sta il cacciator fischiando
                  sull'uscio a rimirar..........

                  COMMENTA


                  • #11
                    Qui negli U.S. ce ne sono tanti, ed essendo una specie alloctona e potenzialmente nociva, ne e' permesso l'abbattimento tutto l'anno senza limiti di carniere. Li trovi specialmente nelle citta' e vicino a silos, vaccherie, allevamenti di polli, e dovunque ci siano mangimi e rifiuti sparsi. Io ne uccidevo tanti nel Montana, dove insieme a storni e piccioni inselvatichiti (anche storni e piccioni abbattibili tutto l'anno senza limiti) entravano nei silos dai fori d'aereazione e per un chicco di grano che mangiavano ne sporcavano cento con feci e penne, al punto che a volte intere spedizioni di grano venivano scartate perche' troppo sporche.
                    In Italia, dove una volta, almeno dal centro al sud gli storni arrivavano soltanto in autunno e se ne andavano a primavera, adesso gli storni ci sono in gran numero tutto l'anno. Essi competono con i passeri per i tradizionali posti di nidificazione (sotto le tegole delle case, cornicioni, ecc.), ed essendo gli storni piu' grossi ed aggressivi, naturalmente ubi major minor cessat.
                    Quanti passeri ho sparato in Italia, cominciando col fucile ad a.c. da ragazzino e poi col 24 e il 12 da adolescente, anche prima della licenza, allora conseguibile a 16 anni. E quanti me ne sono pappato! Quando avevo diciotto o diciannove anni andavo con un mio caro amico alla tenuta di suo zio, sulla Nomentana. Il viale che menava dalla statale alla fattoria era costeggiato da pini secolari. Il pomeriggio tardi i passeri arrivavano a migliaia ad appollaiarsi sui pini, specialmente su quelli piu' vicini alle stalle. Con due fucilini Flobert cal. 9 a percussione anulare ne facevamo una strage. Ne portavo sempre un bel mazzo a casa. Li spennavo, li pulivo, li condivo con pepe nero e salvia, li avvolgevo in una fettina di pancetta, e li piazzavo in una pizzetta di pasta di pane che poi arrotolavo e sigillavo bene pinzandone insieme gli orli. Poi mettevo i "panini" cosi' formati in forno caldissimo fino a quando non erano ben dorati. Poi li lasciavo riposare per una ventina di minuti e ce li pappavamo. Bocconi da re!
                    CHI SE FA PECORA OBBEDISCE AR PECORARO!

                    COMMENTA


                    • #12
                      eccoli qua tutti a casa di Riccà........si mangia si beve e si è al sicuro.........in bocca al cocker!!!!!!!!!!!https://youtu.be/wx3uKXdKaIk

                      COMMENTA


                      • Pieffe50
                        Pieffe50 commentata
                        Modifica di un commento
                        Dovresti installare un semaforo...

                    • #13
                      non dimentichiamoci che oltre a tutte le motivazioni esposte almeno qua da noi anche i tetti ventilati con i "parapasseri" fanno la loro parte impedendo agli uccellini di nidificare ............in bocca al cocker!!!!!!!!!!!!

                      COMMENTA


                      • #14
                        Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   COPPIA PASSERI.jpg 
Visite: 274 
Dimensione: 24.6 KB 
ID: 1891715 Spazzati via dall'immondizia chimica utilizzata in agricoltura intensiva e dalla predazione incessante dei corvidi.
                        La percentuale di decremento sarà pure del 47% dal 2000 al 2010, ma dal 1980 ad oggi non è sicuramente inferiore al 99%.
                        Sorte comune del resto a tutti gli uccelletti stanziali, quasi completamente sterminati nell'indifferenza generale.
                        I cieli italiani, un tempo impreziositi da innumerevoli, coloratissimi spiritelli piumati, sono oggi appannaggio esclusivo di nociva lordura nera ...
                        Mala tempora currunt.

                        Clicca sull'immagine per ingrandirla.   Nome:   passera.jpg  Visite: 0  Dimensione: 95.4 KB  ID: 1891711Clicca sull'immagine per ingrandirla.   Nome:   CARDELLINO.jpg  Visite: 0  Dimensione: 71.5 KB  ID: 1891712

                        COMMENTA


                        • #15
                          Originariamente inviato da giovannit. Visualizza il messaggio
                          .... Li spennavo, li pulivo, li condivo con pepe nero e salvia, li avvolgevo in una fettina di pancetta, e li piazzavo in una pizzetta di pasta di pane che poi arrotolavo e sigillavo bene pinzandone insieme gli orli. Poi mettevo i "panini" cosi' formati in forno caldissimo fino a quando non erano ben dorati. Poi li lasciavo riposare per una ventina di minuti e ce li pappavamo. Bocconi da re!
                          Dovresti sentire quanto sono buone le quaglie cucinate in questo identico modo.
                          Unica variante richiesta : vanno prima disossate.
                          Scusate l'OT

                          COMMENTA

                          Pubblicita STANDARD

                          Comprimi

                          Ultimi post

                          Comprimi

                          Unconfigured Ad Widget

                          Comprimi
                          Sto operando...
                          X