annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Per i colleghi con una buona cultura ornitologica

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (53%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Per i colleghi con una buona cultura ornitologica

    Quando ero in Italia, la maggior parte delle mie uscite erano a tordi e allodole. Ricordo bene che non tutte le allodole erano perfettamente uguali. Alcune erano piu' piccole e snelle, con un becco leggermente piu' lungo e fino, altre leggermente piu' grosse col becco un pochino piu' corto e piu' tozzo. No, non erano calandre, ma vere allodole. E quando cacciavo con papa', le due sottospecie (?) o razze (?) o non so che altro in genere non le trovavi insieme. Quelle piu' grosse le trovavi piu' raramente. So distinguere benissimo cappellacce da allodole e allodole da calandre. Quindi sono sicuro di cio' che affermo. Nessuno qui che mi sappia illuminare? Questo mi e' venuto in mente quando Giorgio e Maria hanno scritto oggi di allodole piu' scure delle altre che probabilmente provengono da terre diverse da quelle delle altre. Insomma, ci sono diverse sottospecie di allodola?
    CHI SE FA PECORA OBBEDISCE AR PECORARO!

  • #2
    non conosco bene la tassonomia Alauda Arvensis, ma ipotizzerei subspecie differenti.

    Subspecies: A. a. armenicaA. a. arvensisA. a. cantarellaA. a. dulcivoxA. a. hartertiA. a. intermediaA. a. japonicaA. a. kibortiA. a. lonnbergiA. a. pekinensisA. a. sierrae

    ovviamente dando per scontato tu non abbia.. ehm...schioppato altre bestie non alauda a.
    "Non m’importava che cosa fosse il mondo.
    Volevo soltanto sapere come viverci.
    Forse, se scoprivi come viverci, imparavi anche che cos’era."

    - E. Hemingway

    COMMENTA


    • riccà
      riccà commentata
      Modifica di un commento
      magari qualche strillozzo.......in bocca al cocker!!!!!!!

  • #3
    Che fossero allodole non ho dubbio alcuno. Le differenze erano minime, quasi impercettibili ad uno che non osserva bene le sue prede. Che io sappia, gli strillozzi non hanno l'unghia megalunga del "pollice," o mi sbaglio?
    CHI SE FA PECORA OBBEDISCE AR PECORARO!

    COMMENTA


    • #4
      Sono andato a guardare le foto degli strillozzi. Neanche si assomgliano. Il becco dello strillozzo e' quasi come quello dei passeri. Poi gli strillozzi non hanno le timoniere esterne bianche, che io sappia. Su un libro sugli uccelli del mondo ho visto che ci sono diverse sottospecie di alauda arvensis. Chissa', forse ogni tanto ne veniva qualche branco (e forse ne vengono ancora) da terre diverse dalle consuete a causa di variazioni del clima o delle correnti di vento. Ad ogni modo, quelle di cui parlo io non le ho viste (o catturate) tutti gli anni ed in tutti i posti dove cacciavo. Quelle viste e catturate trillavano come allodole, volavano come allodole, frequentavano l'habitat delle allodole (spazi aperti, seminati), e venivano alla civetta e al macaco come allodole..
      CHI SE FA PECORA OBBEDISCE AR PECORARO!

      COMMENTA


      • #5
        Guarda un po' che casino!!!
        • Alauda arvensis arvensis: Azores; Europe from Wales to Norway, Ural Mts. and Alps
        • Alauda arvensis scotica: Ireland, nw England, Scotland and Faeroe Islands
        • Alauda arvensis cantarella: S Europe to Balkans, Crimea and Iran; >N Africa
        • Alauda arvensis armenica: Transcaucasia and e Turkey to sw Iran (Zagros and Elburz mts.)
        • Alauda arvensis sierrae: C and s Portugal to s Spain
        • Alauda arvensis guillelmi: N Portugal and nw Spain
        • Alauda arvensis harterti: Mts. of nw Africa
        • Alauda japonica japonica: breeds Japan and Jeju Island (South Korea); winters in southern Japan and Ryukyu Islands
        • Alauda japonica intermedia: breeds in southeastern Siberia and Korea, probably also in northeastern China; winters in southeastern China
        • Alauda japonica pekinensis: NE Siberia to Sea of Okhotsk, Kamchatka Pen. and Kuril Is.
        • Alauda japonica dulcivox: SE Russia to Yenisey basin and Afghanistan; >nw India
        • Alauda japonica kiborti: S Siberia to n Mongolia, Manchuria and Korea; >e China
        • Alauda japonica lonnbergi: breeds northeastern Siberia, northern Korean Peninsula, and Shantar and Sakhalin islands); winters in northeastern China, Korea, and Japan
        Mo va a capi' qual'ereno quelle de le quali parlavo!!!
        CHI SE FA PECORA OBBEDISCE AR PECORARO!

        COMMENTA


        • #6
          Sbagliare lo strillozzo con l allodola è impossibile...sono proprio specie diverse...lo strillozzo è un passeriforme con becco tozzo...pure volo e verso sono completamente diversi...tornando alle allodole...qui in Umbria le piccole le chiamiamo montanare ed in genere si prendono a novembre...pero' non saprei sinceramente quale sia la sottospecie esatta...

          COMMENTA


          • #7
            Originariamente inviato da francesco85 Visualizza il messaggio
            Sbagliare lo strillozzo con l allodola è impossibile...sono proprio specie diverse...lo strillozzo è un passeriforme con becco tozzo...pure volo e verso sono completamente diversi...tornando alle allodole...qui in Umbria le piccole le chiamiamo montanare ed in genere si prendono a novembre...pero' non saprei sinceramente quale sia la sottospecie esatta...
            E poi scommetto che dove le loro popolazioni si sovrappongono, nascono anche ibridi, che poi, essendo di sottospecie della stessa specie saranno anche fertili, il che aggiunge confusione alla confusione...

            L'ambiente ed il clima influenzano parecchio la mole degli animali. Per esempio, il whitetail deer (cervo a coda bianca) del Sud degli U.S. e' piu' piccolo anche di molto dei suoi fratelli nordici. Nel Montana, Minnesota e Canada ci sono whitetails mostruosi, che a volte pesano 350 libbre o anche di piu'. La maggiore mole e' necessaria in climi freddi, per conservare calore.
            CHI SE FA PECORA OBBEDISCE AR PECORARO!

            COMMENTA


            • #8
              sugli ibridi fra specie, molto difficile.

              accoppiamento fra sottospecie? è la norma. proprio per il concetto di specie, che produce prole fertile.
              inutile arrovellarsi più di tanto se non si è ornitologi. Soprattutto per uccelletti di piccola taglia.

              l'importante è che non stai sparando cappellacce, spioncelli, tottaville, calandre, calandrelle...
              "Non m’importava che cosa fosse il mondo.
              Volevo soltanto sapere come viverci.
              Forse, se scoprivi come viverci, imparavi anche che cos’era."

              - E. Hemingway

              COMMENTA


              • #9
                Originariamente inviato da Franky@ Visualizza il messaggio
                sugli ibridi fra specie, molto difficile.

                accoppiamento fra sottospecie? è la norma. proprio per il concetto di specie, che produce prole fertile.
                inutile arrovellarsi più di tanto se non si è ornitologi. Soprattutto per uccelletti di piccola taglia.

                l'importante è che non stai sparando cappellacce, spioncelli, tottaville, calandre, calandrelle...
                Non ti preoccupare, e' dal 1975 che non sparo alaudidi di nessun tipo. Qui in America (e neanche negli U.S., ma in Canada) c'e' soltanto una piccola popolazione di allodole stanziali sull'isola di Vancouver, dove sono state importate. Ma quando ero in Italia, prima dei tanti divieti giusti o cinofallici, cappellace, tottaville, calandre, pispole, e ballerine facevano compagnia alle allodole sullo spiedino, e pure verdoni, passeri, cardellini, frosoni, pettirossi, cincie, picchi muraioli, e persino sterpazzole. Se volava gli tiravo, uccellinaio, pistamentuccia, bruciasiepi, pezzettaro com'ero. Certo, lodole, tordi, merli, e storni (e qualche cesena) erano le mie prede piu' comuni, ma anche gli altri pennuti, molti dei quali neanche riconoscevo dopo averli raccolti. L'unico uccello che uccisi e non mangiai fu un torcicollo. L'odore di acido formico che se ne sprigiono' alla cottura fu troppo potente!
                Franky@ piace questo post.
                CHI SE FA PECORA OBBEDISCE AR PECORARO!

                COMMENTA


                • #10
                  Sono due specie, una volta quelle più" piccole arrivavano intorno a San Martino, ora non so se arrivano mischiate in quanto mi ci dedico poco

                  COMMENTA


                  • Franky@
                    Franky@ commentata
                    Modifica di un commento
                    al massimo due SOTTOSPECIE!

                • #11
                  Sono sottospecie, quelle più piccole, con la coda leggermente più corta e con il ventre leggermente più giallo passano normalmente più tardi delle altre..curano anche meno i richiami, qualcuno le chiama scopine o sammartine.. da non confondersi con le tottaville che sono un altra specie.. ancora più piccola..
                  Detesto le tue idee ma mi farei uccidere per darti la possibilità di esprimerle (Voltaire)

                  COMMENTA


                  • #12
                    Originariamente inviato da francesco70 Visualizza il messaggio
                    Sono sottospecie, quelle più piccole, con la coda leggermente più corta e con il ventre leggermente più giallo passano normalmente più tardi delle altre..curano anche meno i richiami, qualcuno le chiama scopine o sammartine.. da non confondersi con le tottaville che sono un altra specie.. ancora più piccola..
                    Una "tottavilla di Sardegna" fu il primo uccello che uccisi. Era il 1956, credo. Percio' avevo 8 anni Ero nell'uliveto di un mio prozio a qualche km da Sassari. Siccome l'uliveto era cirondato da un alto muro di sassi, e carabinieri o guardiacaccia sarebbero per forza dovuti entrare da cancello, chiuso a chiave, Papa' si senti' sicuro a darmi il tronchino Beretta cal. 24 e una manciata di cartucce. Mentre mi aggiravo per l'uliveto vidi un uccellotto che si poso' su un albero alto (non un olivo). Mirai, sparai, e l'uccellotto venne giu'. Poi ebbi un momento di pentimento quando lo raccolsi, ma l'orgoglio del primo trionfo venatorio subito dissipo' la tristezza di soppesare in mano quel corpicino senza vita.
                    sep e francesco70 piace questo post.
                    CHI SE FA PECORA OBBEDISCE AR PECORARO!

                    COMMENTA

                    Pubblicita STANDARD

                    Comprimi

                    Ultimi post

                    Comprimi

                    Unconfigured Ad Widget

                    Comprimi
                    Sto operando...
                    X