annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Pubblicita 600x70

Comprimi

!

Comprimi
Ciao, Ospite! Oggi è il N/A Sono le ore N/A

3 speci a rischio chiusura

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Zoom Testo
    #1

    3 speci a rischio chiusura

    buon pomeriggio a tutti se possibile vorrei qualche informazine su queste 3 speci , TORTORA PAVONCELLA MORIGLIONE ,ho sentito voci che sembra prevista la chiusura dal prossimo anno ....vorrei sperare siano solo voci da bar..... grazie.

  • Zoom Testo
    #2
    Sono solo voci da bar....per ora...
    Ottobre è.....

    COMMENTA


    • Zoom Testo
      #3
      Purtroppo non sono solo voci. In Sicilia pavoncella e moriglione da quest'anno non sono cacciabili e non è consentita la preapertura alla tortora.

      COMMENTA


      • Zoom Testo
        #4
        Se in Sicilia non si cacciano moriglione e pavoncella e non si fa la preapertura alla tortora è solo x volontà politica regionale,quindi a politici siciliani bisogna chiedere conto.
        Al momento non c'è alcuna ipotesi di modifica alle specie cacciabili a livello nazionale.
        francesco70, Narduz e kim-lea piace questo post.
        Ottobre è.....

        COMMENTA


        • Zoom Testo
          #5
          Ma in Marocco la caccia alle tortore che vanno e vengono dall'Italia la chiuderanno? Che, scherzi? I macellai italiani che ci vanno ad ammazzarne carrettate portano Euro ai commercianti locali. Sai che gliene frega al Marocco se fra dieci anni saranno estinte? Pochi, maledetti, e subito. Poi domani si vedra'--insh'Allah!

          E i cacciatori italiani che all'estero non ci vanno vengono... marocchinati!
          francesco70 piace questo post.
          CHI SE FA PECORA OBBEDISCE AR PECORARO!

          COMMENTA


          • Zoom Testo
            #6
            Le tortore che si cacciano in Marocco, non interessano il contingente in migrazione lungo la nostra penisola. Altrimenti non si caccerebbero a Giugno, quando da Noi già hanno fatto la prima covata
            Narduz e ozannagh piace questo post.
            sigpic

            ..... cci vostra, quanto ve vojo bene !!!


            COMMENTA


            • Zoom Testo
              #7
              Originariamente inviato da fabio d.t. Visualizza il messaggio
              Le tortore che si cacciano in Marocco, non interessano il contingente in migrazione lungo la nostra penisola. Altrimenti non si caccerebbero a Giugno, quando da Noi già hanno fatto la prima covata
              Questo non lo so, potrebbe essere vero, ma non vorrei che fosse una teoria di stile Cicero pro domo sua dei cacciatori italiani che cacciano in trasferta. Percio' ho mandato un'email all'ISPRA, per accertarne la veridicita'. Almeno una cosa cosi' semplice la dovrebbero sapere, no? Le tortore vengono inanellate per studiarne la migrazioni, o no? Aspettero' una loro risposta prima di continuare questa discussione.
              CHI SE FA PECORA OBBEDISCE AR PECORARO!

              COMMENTA


              • Zoom Testo
                #8
                Originariamente inviato da giovannit. Visualizza il messaggio

                Questo non lo so, potrebbe essere vero, ma non vorrei che fosse una teoria di stile Cicero pro domo sua dei cacciatori italiani che cacciano in trasferta. Percio' ho mandato un'email all'ISPRA, per accertarne la veridicita'. Almeno una cosa cosi' semplice la dovrebbero sapere, no? Le tortore vengono inanellate per studiarne la migrazioni, o no? Aspettero' una loro risposta prima di continuare questa discussione.
                Giovanni è semplice. Cerca qualche agenzia che organizza gite venatorie in marocco, guarda il periodo in cui si cacciano le tortore e poi chiediti se possono essere le stesse in transito d'andata o ritorno per o dall'Italia. Se aspetti una risposta dall'ispra .... campa cavallo. Seppur mai ci sarà, calcola che per la stessa i Tordi iniziano la migrazione pre nuziale dal 10 gennaio.
                sigpic

                ..... cci vostra, quanto ve vojo bene !!!


                COMMENTA


                • Zoom Testo
                  #9
                  Originariamente inviato da fabio d.t. Visualizza il messaggio
                  Le tortore che si cacciano in Marocco, non interessano il contingente in migrazione lungo la nostra penisola. Altrimenti non si caccerebbero a Giugno, quando da Noi già hanno fatto la prima covata
                  questo non è del tutto vero. in Marocco si cacciano tortore nate in loco, dai monti alla costa. sulla costa in settembre c'è un'incredibile entrata, e spesso le si trovano ammassate nei primi alberi delle macchie. stesso dicasi per le quaglie, le prime sono nate in loco, poi vi sono le migratrici. colombacci solo stanziali. un'ultima cosa, non pensare il Marocco una terra arida, siccitosa e molto calda. ho lavorato in diversi villaggi turistici. e non sono più poveri di noi...altro che Africa
                  Narduz, A.le e fabio d.t. piace questo post.
                  Francesco

                  COMMENTA


                  • Zoom Testo
                    #10
                    A ciò aggiungerei che se un problema di eccessivo prelievo della streptopelia all'estero c'è - e ribadisco il se - probabilmente esso riguarda maggiormente le aperture anticipate in Europa orientale, lungo la direttrice balcanica.
                    fabio d.t. piace questo post.
                    In bocca al lupo.
                    Narduz

                    COMMENTA


                    • Zoom Testo
                      #11
                      Io penso che la mancanza di tortore, allodole e quaglie è dovuta alla mattanza fatta tra Tunisia Marocco e altri paesi, nei quali non ci sono leggi che regolano il numero di carniere e al bracconaggio effettuato, e soprattutto gli enti locali non controllano nulla non so per paura o altro.
                      Inoltre qui in Italia ormai mancano gli habitat per queste specie e il clima per queste specie non è più l'ideale.

                      COMMENTA


                      • Zoom Testo
                        #12
                        Inoltre, credo sia giusto ricordare quelle che erano, purtroppo devo usare il tempo imperfetto per non deprimermi col passato remoto, le tradizioni venatorie della mia zona. Parlo del nord brindisino-sub barese, ma credo di poter estendere il discorso a tutta la puglia centro-meridionale.
                        Qui da noi la caccia alla tortora si è sempre fatta al passo. Non ci sono corsi d'acqua, il girasole lo si conosceva solo per i disegni sull'abecedario, il grano si mieteva entro il 15 giugno e le stoppie si aravano ad agosto. All'apertura del 18 agosto i cacciatori più sfegatati partivano in Basilicata. Erano rari i casi e le annate in cui si trovavano tortore impasturate in qualche seminativo non arato o non completamente bruciato. Non completamente, sì, perchè se lo era solo in parte, e c'era grano abbrustolito per terra, non mancavano le tortore che vi andavano in visibilio. Gli altri, non appena potevano, uscivano a caccia negli uliveti lungo le coste, sperando nella sfuriata. Le giornate segnalate erano imperdibili. Si aspettava il temporale, le tortore passano o subito prima o subito dopo i grandi eventi atmosferici. Roba di ore, non di giorni. Chi aveva fortuna e tenacia incocciava le due o tre giornate buone. Ma nulla era detto, perchè il passo non era certo diffuso e bisognava aver sorte anche nella scelta del posto e molta resistenza. In 15/20 giorni tutto era segnato, ma l'appuntamento era solo rinviato, alla primavera. La caccia alla tortora, qui da noi, ha sempre reso molto di più in primavera. Fine Aprile/primi di maggio rappresentava il clou. Il cibo era più abbondante, l'acqua piovana rigonfiava i ruscelli alluvionali e riempiva le pozze. Purchè di acqua pulita, perchè la tortora non ama la mota.
                        Ora, eliminate per sempre le cacce primaverili e lasciati due/tre giorni fissi di preapertura settembrina, la caccia tradizionale alla tortora dalle mie parti è diventata roba più simile al superenalotto.
                        Cosa voglio dire. Voglio dire che non abbiamo più il polso della situazione. I miracoli delle migrazioni ci sfuggono, salvo per chi può frequentare le campagne comunque tutti i giorni. Loro confermano che, a primavera e in tarda estate, i giorni di passo consistente continuano a esserci, ma oramai solo a beneficio dei birdwatchers che sappiano cosa osservare, e sono pochi. E qualche anno fa uno spettacolare passo d'aprile me lo sono goduto anch'io, solo con la vista.
                        Così come due anni fa, per combinazione astrale, l'arrivo di una sferzata temporalesca precedette di poche ore il terzo giorno di preapertura, Chi uscì quel giorno, se lo ricorderà.
                        Posso anche dire, per la mia esperienza, piccolissima, quasi nulla, che negli ultimi anni è aumentata, sebbene di poco, la presenza delle tortore nidificanti. Credo ciò sia dovuto all'aumento del numero di piscine scavate vicino alle case dei sempre più numerosi turisti. Non tutti i mali vengono per nuocere...forse. La tortora beve quell'acqua, che prima non c'era, e si accasa per l'estate.
                        Quest'anno non fa testo. Il maggio semi-invernale credo abbia molto contribuito in negativo. Le stoppie, ormai pochissime - prima il grano si seminava anche sotto il letto - sono state anche arate molto prematuramente.
                        Chi lavora (scusate l'eufemismo) all'ISPRA non sa nulla di tutto ciò. Quindi, non sa nulla della tortora.
                        In bocca al lupo.
                        Narduz

                        COMMENTA


                        • Zoom Testo
                          #13
                          A conferma di quanto scrivi la consistenza di coppie nidificanti in Italia è considerata stabile....dato del 2018.
                          Quindi non facciamoci troppe paranoie sulle presunte mattanze estere.
                          Ottobre è.....

                          COMMENTA


                          • Zoom Testo
                            #14
                            non sono un cacciatore veterano, non posso parlare dei periodi di quando si andava a caccia ad agosto e quindi degli anni in cui si parlava di vera caccia, ma posso dare una piccola testimonianza di quello che ho visto negli ultimi 4 anni.. ho trovato un posticino dove ogni anno abbatto qualche tortora.. mettici le padelle perchè sappiamo tutti quanto sono veloci le tortore, specie quando ti soprendono basse... comunque mi diverto.. non è un posto affollato, ma tutte le tortore che ho abbattuto sono giovani.. nate sul posto.. le vedi sfrecciare la mattina alle 7 in due tre esemplari velocissime andare a bere.. che poi non ho mai capito dove vanno.. ho trovato dove vanno a riposarsi il pomeriggio... ma non ho capito dove vanno a bere e a pasturare. Da quello che vedo io non credo che la specie sia a rischio.

                            COMMENTA


                            • Zoom Testo
                              #15
                              Di certo in quasi 50 anni di carriera venatoria non avevo mai visto tante tortore in una giornata sola come domenica scorsa .
                              Forse a causa delle smosse di tempo, ma di certo non mi sono sembrate a rischio estinzione e per di piu una vera beffa con il divieto in preapertura...

                              COMMENTA

                              Accedi o Registrati

                              Comprimi

                              Pubblicita STANDARD

                              Comprimi

                              Ultimi post

                              Comprimi

                              Sto operando...
                              X