annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Frullo inatteso !!!

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (21%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • gufo2007
    ha iniziato la discussione Frullo inatteso !!!

    Frullo inatteso !!!

    Sono io a sorprendermi eccessivamente, oppure anche gli amici del Forum reputeranno inusuale un FRULLO DI QUAGLIA, ai bordi di un oliveto, il 21 DI FEBBRAIO, nel Lazio settentrionale?
    Un saluto a tutti.


    i. Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   QUAGLIA !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!.jpg 
Visite: 333 
Dimensione: 188.6 KB 
ID: 1856451Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   QUAGLIA2!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!.jpg 
Visite: 223 
Dimensione: 149.5 KB 
ID: 1856452



  • arsvenandi
    ha risposto
    Tranquillizzati, non ti attribuisco nessun concetto negativo, ho solo preso spunto per evidenziare un fenomeno potenzialmente pericoloso per la specie quaglia.

    Lascia un commento:


  • gufo2007
    ha risposto
    Originariamente inviato da arsvenandi Visualizza il messaggio

    Purtroppo questo tuo desiderio rischia di realizzarsi se il processo di ibridazione continuerà con i ritmi attuali,il problema è di tale gravità che le organizzazioni scientifiche internazionali non lo stanno affatto sottovalutando , mantenendo un livello di monitoraggio alto del fenomeno. il rapporto che ho letto lo scorso anno sulla migrazione e consistenza della coturnix coturnix rilevava il fenomeno ibridazione in crescita nei paesi europei occidentali , il rischio sulla specie selvatica è palese........
    Fermi tutti! Lungi da me l'auspicio di un'ibridazione simile a quella ormai conclamata che ha generato le anatre cosiddette "germanate".
    Io vagheggiavo di un IPOTETICO e probabilmente UTOPISTICO cambiamento d'abitudine della popolazione SELVATICA della quaglia, così come avvenuto per le popolazioni SELVATICHE di COLUMBA PALUMBUS e STURNUS VULGARIS.
    Sono due cose ben distinte. Le parole hanno un peso ed io le uso col bilancino: cortesemente, NON mi si attribuiscano concetti che NON ho espresso.
    Grazie.

    Lascia un commento:


  • hunter_
    ha risposto
    Da noi in sicilia capita abbastanza spesso di trovare quaglie in inverno nelle zone a ridosso del mare e piu riparate. Spesso tra i filari delle vigne spoglie o nelle cannette he fanno da bordo ai torrenti o ai giardini. Sono gli esemplari nati in ritardo che non sono riusciti a ripartire per la migrazione e che sono costretti a svernare in italia.

    Lascia un commento:


  • arsvenandi
    ha risposto
    Originariamente inviato da gufo2007 Visualizza il messaggio
    Ringrazio tutti gli amici che hanno degnato il mio quesito di una risposta:da quello che leggo non sono il primo che leva una quaglia in pieno inverno.
    Sarebbe meraviglioso se - causa cambiamenti climatici o quello che vi pare - seguissero un po' il percorso di stanzializzazione di storni e colombacci: sarebbe uno spettacolo.
    Ho usato il condizionale, eh ... : non sparatemi addosso!
    Un saluto a tutti.
    Purtroppo questo tuo desiderio rischia di realizzarsi se il processo di ibridazione continuerà con i ritmi attuali,il problema è di tale gravità che le organizzazioni scientifiche internazionali non lo stanno affatto sottovalutando , mantenendo un livello di monitoraggio alto del fenomeno. il rapporto che ho letto lo scorso anno sulla migrazione e consistenza della coturnix coturnix rilevava il fenomeno ibridazione in crescita nei paesi europei occidentali , il rischio sulla specie selvatica è palese........

    Lascia un commento:


  • A.le
    ha risposto
    Io sono convinto che qualcuna rimanga.
    La migrazione..... va bene che è un istinto....ma è anche una fatica non da poco ! Un pericolo sopratutto... Se si potesse evitare...
    Così come hanno "imparato" a restare tordi e colombi...perchè dovrebbero essere da meno le quaglie ??
    L' America sta qua !!!

    Lascia un commento:


  • Cimbellatore
    ha risposto
    Mille anni fa, quando avevo il setter, ne trovai una a novembre inoltrato.... poi solo ad agosto o settembre. A me sembrerebbe che le quaglie "stanziali" siano le quaglie d'allevamento inselvatichite. Almeno dalle mie parti il territorio adatto alla sosta delle selvatiche si è ridotto di tanto, non vedo com'è che possano essere invogliate a restarvi per lungo tempo. Lo so, così è meno poetico

    Lascia un commento:


  • gufo2007
    ha risposto
    Ringrazio tutti gli amici che hanno degnato il mio quesito di una risposta:da quello che leggo non sono il primo che leva una quaglia in pieno inverno.
    Sarebbe meraviglioso se - causa cambiamenti climatici o quello che vi pare - seguissero un po' il percorso di stanzializzazione di storni e colombacci: sarebbe uno spettacolo.
    Ho usato il condizionale, eh ... : non sparatemi addosso!
    Un saluto a tutti.

    Lascia un commento:


  • andrea m1
    ha risposto
    magari solo qualcuno che l ha lasciata andare per addestramento cani...

    Lascia un commento:


  • kim-lea
    ha risposto
    Mi è capitato tre volte negli ultimi anni di veder partire una quaglia dal cane nel mese di gennaio è capitato anche a mio zio che fa solo caccia a quaglia che durante un uscita lo scorso anno a febbraio ne ha volate 2 insieme, sembra strano ma ultimamente è così


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

    Lascia un commento:


  • SPARTANO
    ha risposto
    Mi e' capitato un paio di volte di incontrare quaglie fuori periodo.Una volta a Furbara a qualche centinaio di mt dal mare nel mese di gennaio mentre ero a beccaccini e un'altra volta il 23 dicembre trovammo una coppia a Tolfa in un vasto campo di favino.

    Lascia un commento:


  • arsvenandi
    ha risposto
    Sempre più frequenti gli incontri di quaglie in pieno inverno, gennaio/ febbraio, purtroppo ci sono molti casi di ibridazione tra selvatiche e allevate , quest’ultime sempre più simili alle prime grazie ai rinsanguamenti effettuati negli allevamenti dell est per migliorare i soggetti destinati alle prove, ma l istinto migratorio non lo ereditano questi ibridi e restano sul posto.....

    Lascia un commento:


  • giovannit.
    ha risposto
    Moltissimi anni fa Papa' uccise una quaglia a Novembre in localita' Marcigliana, al 18esimo km della Salaria, vicino Settebagni. Era grassa e grossa. Penso che alcune svernino.

    Lascia un commento:


  • A.le
    ha risposto
    Per restare in tema dicono....dicono.... che in Sardegna esistono dei piccoli contingenti di quaglia oramai svernanti da anni.
    Quasi stanziali....di sicuro non più migratrici....ma casomai erratiche.

    Lascia un commento:


  • gufo2007
    ha commentato in 's risposta
    A.le: stavo camminando all'interno di una ZPS per arrivare "a tiro" di Nikon di un branco di pavoncelle che pasturavano poco lontano, quando da un fazzoletto di falasco ai bordi di un oliveto, mi è "esplosa" tra i piedi quella quaglia. Un frullo perentorio, scattante, apparentemente di animale "genuino". Ovviamente non ci metto la mano sul fuoco, ma mi sa strano che gente che deve provare un cucciolone vada a farlo in Zona a Protezione Speciale, liberando per di più animali di voliera: rischierebbero il bucio del .... Però - ripeto - riguardo alla veracità del galliforme non ho alcuna certezza.
    Un saluto

Pubblicita STANDARD

Comprimi

Ultimi post

Comprimi

Unconfigured Ad Widget

Comprimi
Sto operando...
X