annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Riconoscimento tracce.

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (29%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Riconoscimento tracce.

    Avendo intrapreso l'attività di selecontrollore mi dedico, quando posso, insomma abbastanza spesso, alla ricerca di siti idonei per poter accoppare qualche sgrufolone con le setole. Purtroppo, avendo dedicato tutta o quasi, la mia vita di cacciatore alla caccia e allo studio della beccaccia, non chiappo 'na mazza nel riconoscere la differenza tra le impronte dei suidi e quelle dei "cornuti", almeno che non siano evidenti; praticamente interpretarle nei casi difficili. Esiste un metodo o questa abilità è frutto soltanto di esperienze ripetute e verificate sul campo? A chi c' azzecca l'ardua risposta.
    setterman

  • #2
    Le orme dei cornuti hanno i due unghioli posteriori piu' o meno allineati con quelli grossi anteriori. Quelle dei suidi li hanno molto piu' laterali rispetto a quelli anteriori.
    fcaccia0066 piace questo post.
    CHI SE FA PECORA OBBEDISCE AR PECORARO!

    COMMENTA


    • #3
      Originariamente inviato da giovannit. Visualizza il messaggio
      Le orme dei cornuti hanno i due unghioli posteriori piu' o meno allineati con quelli grossi anteriori. Quelle dei suidi li hanno molto piu' laterali rispetto a quelli anteriori.
      Sapevo, per quanto riguarda i cinghiali, che i maschi "li mandano" più a lato in quanto lo spessore è creato dai testicoli. Io difetto nel riconoscimento nella forma dello zoccolo impresso nella terra quando è singolo e non "parte" di una pista.
      setterman1

      COMMENTA


      • #4
        Ciao Setterman, io tanti anni fa' comprai un libro dal titolo "Animali e loro tracce" di Franco Gherardini editoriale Olimpia dove illustrano, oltre che le impronte dei vari selvatici (comprese le differenze tra maschio e femmina), anche le loro fatte e segni lasciati dai vari selvatici. Il libro e' simpatico e illustrato abbastanza bene pero', potrebbe essere valido solo ed esclusivamente come base di partenza, giusto per vedere le varie differenze di impronte tra i vari ungulati perche' poi, all'atto pratico, necessita sempre e comunque di pratica personale....per fartela breve e' una cosa che si impara con il tempo perche' ci sono molte variabili e difficolta' nel saperle leggere tipo natura del terreno, il periodo stagionale (con terreno secco o magari con gelate), per non parlare di quando si sovrappongono impronte di selvatici di diverse tipologie, ecc. ecc. Certo, un libro del genere, non puo' che darti un'infarinatura teorica da riscontrare poi (come hai gia' detto tu) con la pratica. Prova a cercarne uno (sempre se ti puo' interessare il discorso) specifico sugli ungulati....sarebbe ancora meglio...visto che questo che ti ho indicato tratta anche di volatili e nocivi.

        Un salutone
        Alberto
        setterman1 e walker960walker piace questo post.

        COMMENTA


        • #5
          Come ti ha detto Alberto e come tu stesso hai chiesto, ci vuole pratica sul campo e a volte i professionisti, dopo tanti anni di esperienza, sbagliano.
          teufel.35 e setterman1 piace questo post.
          Ciao Mauretto, sarai sempre nei miei pensieri.
          Sta il cacciator fischiando
          sull'uscio a rimirar..........

          COMMENTA


          • #6
            orme di cervo e di suide


            Come vedi, le tracce degli unghioli posteriri del suide non sono allineate con quelle degll anteriori, ma sono piu' aperti lateralmente. Quelle degli unghioli anteriori sono meno appuntiti e ovali. Lo javelina (da voi conosciuto come pecari) da voi non esiste, percio' non te ne preoccupare.

            Quando il cervo corre, le tracce degli unghioli anteriori sono piu' divaricate. Naturalmente si parla del cervo whitetail. Non conosco le orme del vostro cervo rosso, ne' del capriolo. Suppongo pero' che le orme del daino assomiglino molto a quelle del whitetail.
            setterman1 piace questo post.
            CHI SE FA PECORA OBBEDISCE AR PECORARO!

            COMMENTA


            • #7
              Se stampate bene nel fango si riconoscono abbastanza facilmente
              in altri casi ci vuole solo l esperienza
              Pieffe50, setterman1 e teufel.35 piace questo post.

              COMMENTA


              • #8
                Vi ringrazio.
                setterman1

                COMMENTA

                Pubblicita STANDARD

                Comprimi

                Ultimi post

                Comprimi

                Unconfigured Ad Widget

                Comprimi
                Sto operando...
                X