annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Browning maral

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (21%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Comunque Angelo ne ha di coraggio, ma è meglio che non vada a rischiare di "buttar via la vita" così..... alcuni Cinghiali sono selvatici tanto pericolosi, vendono cara la pelle..... troppo cara in certe situazioni ..... si rischiano tragedie, qualche volta si rischia la "sedia a rotelle".... se dobbiamo piangere facciamolo per un cane, non per un'essere umano !!!

    COMMENTA


    • Grazie e ricambiamo gli Auguri a voi tutti: noi qui festeggeremo la Pasqua Domenica prossima il 28 Aprile (Pasqua Ortodossa): oggi è stata la Domenica delle Palme.

      COMMENTA


      • Rispondo a Alle60, Pensa che invece io vado matto per il 308 W. La scelta del calibro è caduta sul 30.06 in quanto tutti i componenti della squadra che usano carabine, le hanno in questo calibro e qualcuno ricarica anche con discreto successo. Metti poi il bisogno, a volte di reperire munizioni in loco, (magari le hai dimenticati a casa, (capita). Ritengo che niente che cammini a quattro zampe, sul nostro paese, non venga abbattuto col 308. Pensa che io uso anche il calibro 20 e ho avuto modo di constatare che anche su grossi cinghiali si è comportato egregiamente, ma solo con cartucce caricate.

        Nel post precedente, ho dimenticato di dire che il cinghiale pesava 80 kg e sono questi cinghiali maschi del peso sotto il quintale che fanno grossi danni. Secondo me perchè sono più agili, metti poi il posto dove avviene il combattimento, (stretto e piccolo), dove i cani non hanno spazio per potersi defilare o scattare indietro per evitare mussate ed il gioco è fatto.

        La piaga delle "vacche sacre", in certe zone è costante, sono ormai divenute selvatiche. In ogni gruppo c'è un toro che le difende gelosamente, caricando tutto quello che gli può sembrare un pericolo, ma anche le vacche non scherzano, più volte hanno costretto i battitori a rifugiarsi sugli alberi.
        L'hanno scorso la forestale le ha un pò decimate, ma solo quelle che stazionavano nei pressi del paese.
        Però è innegabile che ogni tanto qualcuna ci lasci la pelle......Io ne so qualcosa, tempo fa lo raccontai qui sul forum, l'episodio risale a molto tempo fa, si parla degli anni 80, quando ancora il Parco dell'Aspromonte non era nella mente di nessuno. Per motivi di servizio, abitavo a Cittanova e lo Zomaro a circa 10/12 km dal centro, (altopiano ricadente, credo, tra i Comuni di Canolo, Cittanova e Molochio), per me il paradiso delle beccacce, scorrazzavo col cane per giornate intere. Conoscevo tutti i componente dell'allora squadra di cinghialari, che poi è ancora questa di cui ne faccio parte.
        In un uscita a beccacce, mi imbattei proprio su una battuta al cinghiale, che stavano effettuando in loco. Incontrai Mario, che mi avvertì della battuta e mi chiese il favore se volevo occupare una posta che era rimasta vuota per lo scarso numero di fucili presenti.
        Accettai di buon grado, vista anche l'assenza di beccacce quel giorno.
        Avevo soltanto due cartucce a palla, nella cartucciera, che portavo sempre con me, per sopperire ad un eventuale incontro col setolone, facile da configurarsi. Mario mi diede una manciata di cartucce e mi posizionò sulla posta dicendomi che lui si sarebbe appostato ad una cinquantina di metri sulla mia destra e mi indicò il posto. Legai il Kurzhaar ad una scopaia dietro la posta e mi sistemai su di essa. Dovevo badare una grande radura, coperta da scopaie, che cominciavano ad una ventina di metri avanti a me, prima c'era un bel pezzo di pulito, in quanto le scopaie erano state tagliate ed era lì la probabile uscita dei cinghiali. La battuta si sarebbe svolta nel vallone sottostante che iniziava alla fine delle scopaie d'avanti a me e i cacciatori erano appostati sui costoni di entrambi i lati.
        naturalmente, in quell'occasione, non avevo la radio, ma Mario mi disse che mi avrebbe informato lui dell'andazzo della battuta.
        Trascorsi una ventina di minuti, Mario attirò la mia attenzione e mi fece segno che avevano sciolto.
        Di lì a poco i cani presero la traccia, gli abbai mi arrivavano ovattati, lievi, per via della profondità del vallone e la mia posizione più in alto ed arretrata, ma comunque mi accorgevo dell'abbaio, guardando Uro, (il Kurzhaar di turno legato dietro), si agitava e mugolava, lui li sentiva molto meglio di me.
        Il tempo passava e non me ne accorgevo, ero intento a percepire il minimo rumore, qualcosa che mi facesse capire cosa stesse succedendo. Ad un tratto, come si conviene nella battuta, scaturirono rimbombando i colpi di fucile.Prima uno, che attirò l'attenzione di tutti, poi tutti gli altri, 4, 5....7...9.
        Stringevo il mio 302 tra le mani, con canna modificata, portata a 60 cm cilindrica, ma con filettatura esterna per il montaggio degli strozzatori al bisogno, guardando lo spazio innanzi a me.
        Incominciai a sentire le grida dei battitori che stavano salendo e altri colpi di fucile. Poi sentii i cani che erano arrivati nelle scopaie seguitando e abbaiando, quell'abbaio che ti fa capire che avevano a vista il cinghiale.
        Ormai c'eravamo, portai il fucile alla spalla e roteavo il corpo in tutte le direzioni, per vedere il cinghiale che si sarebbe palesato di li a poco.
        Vedevo chiaramente le scopaie muoversi ma impossibile capire cosa le scuoteva, se cani o cinghiali.
        I primi ad uscire dal fitto, furono due cani, che dopo breve rientrarono dentro. Ero convinto che il cinghiale se li stesse giocando lì dentro e non usciva fuori, facendoli tribolare.
        troppi abbai lì dentro, troppi ringhi e morsi. I/il cinghiale/i era/erano per forza lì, d'avanti ai cani.
        La diatriba durò una decina di minuti, quando i cani come erano venuti, si allontanarono, sempre seguitando.
        Ritornò il silenzio, guardai Mario e gli feci segno come per dire cosa è successo? E lui mi indicò il luogo degli scontri e di stare attento, mi fece segno con la mano, indice e medio portandoseli agli occhi.
        Ormai il silenzio era divenuto totale, quando ad un tratto, sento un ramo spezzarsi, d'istinto mi giro verso la fonte del rumore e vedo all'inizio del fitto, una sola rama di una scopaia muoversi.
        Fucile alla faccia e occhio come un cannocchiale, per vedere anche il più minimo movimento.Infatti, vidi una macchia nera attraverso i rami con poco verde.Si muoveva lentamente, me ne accorgevo dal contrasto che creava con i rami, muovendosi.
        Era un cinghiale che si era defilato dai cani? Forse questi ultimi avevano preferito inseguirne un altro che era partito in corsa? Di sicuro non era un uomo e neanche un cane, (gli ariegeois sono quasi del tutto bianchi). Indeciso sul da farsi, guardo Mario e vedo che mi stava guardando. Riguardo il punto, cercando qualche certezza, la sagoma si muove a rilento, penso possa essere un cinghiale ferito. Attendo..... attendo.....attendo. Altro piccolo movimento in avanti, ma non esce allo scoperto, altro ramo spezzato e si ferma, ora vedo bene il pelo nero. Avendo in testa il cinghiale, non mi veniva nient'altro da pensare, decido per il tiro. Metto il ginocchio destro a terra, lasciando la gamba sinistra piegata, dove appoggio il gomito sinistro, per avere una maggiore stabilità nel tiro, inquadro bene, trattengo il respiro e lascio partire il colpo. Preso! Vedo uno scuotere di scopaie, non tolgo il fucile dalla spalla e tengo sotto tiro il punto.
        Trascorsi attimi, dove capisco che ormai non vi era più pericolo di fuga da parte del cinghiale, tolgo il fucile, nel mentre Mario si avvicina,..... mi dice; stai qui, vado a vedere. arriva al punto, guarda e subito torna indietro, lo seguo con lo sguardo, mi arriva vicino e mi dice; secco!....andiamo via.....vedendo il mio stupore......Vieni vieni, cammina muoviti.....è un vitello!
        Porc.... e ora? Che si fa?-dico io- ......- andiamo a parlare con Giuseppe, (componente della squadra, abitante a Canolo, comune lì vicino), per sentire se sa a chi appartiene-.
        Ormai la battuta si era conclusa, con l'abbattimento di 4 cinghiali, recuperati i cani, Mario per radio chiama giuseppe e gli dice di salire su e venire da noi.
        Arriva Giuseppe e viene messo al corrente del fatto. Non vi preoccupate, ci penso io, l'importante è che il vitello sparisca da lì, ora chiamo due amici e lo selezioniamo sul posto e poi lo scendiamo in paese, senza farci notare, ci vediamo alla casa di caccia.
        Tutto è finito bene, ma se "qualcuno" si accorgeva dell'accaduto erano "uccelli fernet". Giuseppe si sapeva muovere in zona e senz'altro sapeva la padronanza della bestia, motivo per cui era tranquillo.
        Ancora oggi, la piaga delle "vacche sacre" rimane, ma con un margine di tranquillità maggiore se si dovesse verificare di nuovo qualche abbattimento, sempre che il fatto avvenga per difesa o involontario, perchè ormai non ci tengono più a spadroneggiare per monti.

        Per la cronaca; vitello giovane, sui 200 kg, Palla Gualandi, caricata in casa, entrata dal costato sx, oltre a ledere polmoni e altro, ha spaccato in due il cuore, (che cul.o!!!)
        Quasi tutto è stato donato ad un orfanotrofio della zona.
        La sera del giorno dopo, sono stato invitato ad una grigliata, nell'occasione sono stato festeggiato, per aver abbattuto il più grosso animale nella storia della squadra.

        Ciao Mauretto, sarai sempre nei miei pensieri.
        Sta il cacciator fischiando
        sull'uscio a rimirar..........

        COMMENTA


        • Alle60
          Alle60 commentata
          Modifica di un commento
          Sull 'efficacia del 308w con me sfondi una porta aperta! Ho sempre usato il 30-06 in battuta fino.. a quest' anno! Dopo aver imbracciavo una Tracker in 308 e averla provata me ne sono innamorato e l'ho acquistata.. modello senza HC.. cartucce ricaricate dal Maestro Ricaricatore di zona.. 2 cinghiali su 2 arrivati e fermati senza se e senza ma con un colpo solo senza perdere la mira per l'eventuale secondo colpo.. neanche il 20 rincula così poco! Pensavo solo che dovessi trovarmi davanti 3 o 400 kg di bovino In..zzato nero... Beh... Mi sentirei più tranquillo con qualcosa di più "africano" o di "romeno" da imbracciare!
          P. S. Siete talmente bravi a narrare le vostre avventure che se le pubblicaste in una raccolta, fatemelo sapere! Ne acquisterei subito alcune copie per me e per i miei amici.
          Saluti.
          Alle

        • walker960walker
          walker960walker commentata
          Modifica di un commento
          Be.... Alle60, io credo che se il bovino te lo trovi in posizione frontale, (ed è sicuro che sia così, perchè se ti carica, di fronte lo devi avere), A circa 10/20 mt con quella testa che poi non è un bersaglio piccolo a quella distanza, una buona cartuccia del 308 w lo ferma di sicuro. L'importante è non pensare al pericolo in quel momento.....questo è un pò più difficile.

      • Che racconti ragà, complimenti, mi fate quasi venì simpatici i cinghialai!!!! 😀

        Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk

        colombaccio a curata............erezione assicurata!

        COMMENTA


        • walker960walker
          walker960walker commentata
          Modifica di un commento
          Ma lo sono, basta guardare le situazioni dal lato giusto!

      • Fatti che purtroppo accadono.... certo che al di là del tiro indubbiamente molto preciso, la palla Gualandi in cal. 20 ha espresso davvero notevole potenza ! Comunque congratulazioni per aver preso davvero "l'animale più grande..." Tanto tempo fa (sul finire degli anni '80) è accaduta una cosa analoga anche a me ed al mio amico tedesco Sepp in una fresca mattina di caccia ai Cervi in Germania... Ore 02,30 sveglia, colazione rapida alla tedesca... ore 03,10 siamo nella stalla e ci si imbratta scarponi, guanti e vestiario con sterco di cavallo.... ultimi reciprochi scambi di opinioni e di consigli per la migliore riuscita.... verifica delle armi .... qualche piuma d'oca e cenere in tasca ....un frettoloso Waidmannsheil e partiamo per occupare due postazioni diverse (abbiamo circa 2 km. uno dall'altro) entrambi ai margini di un bosco in Baviera.....io su una Wolks. Maggiolino verde -vado su zona quasi piana ben accessibile, Sepp sulla jeep Marcedes -prati umidi e deve arrampicarsi su un pendio impegnativo per raggiungere la parte alta ed opposta del bosco.... Sono le 03,50 ed io sono già sulla mi altana.... arma caricata in sicura.... bella nottata...., .... luna piena... all'improvviso scende un pò di nebbia, non tanto densa ma quel tanto che basta per cominciare distinguere male piante, vegetazione colline.... penso che se mi esce il Cervo da quel viottolo del bosco cui sto quasi dinanzi (100>110 mt.) mi diventerà difficile mollare il colpo (in mano una Mauser Europa cal. 9,3x64, ottica Zeiss 8x56) ...sono le 06,10 ed il bosco mi sta sparendo piano piano inghiottito da una nebbia che si fa sempre più fitta.... 6,35 anche con il debole chiarore della Luna è impossibile mirare... scarico l'arma....... tutto d'un tratto un balzo al cuore perchè sento il colpo cupo del 7 mm. Vom Hofe diSepp.... lo ha preso penso..... tre secondi dopo un secondo colpo.... bravo Sepp mi dico, femmina con piccolo... Festante scendo dall'altana e mi precipito verso la sua zona.... l'ultimo tratto di circa 300 mt. lo faccio a piedi (l'auto non può, troppa pendenza, scivola): affannato raggiungo Sepp dietro una catasta di legna .... inizia albeggiare, un pò di chiarore.... Waidmannsheil gli urlo due volte (era molto preciso con l'arma)...... con la mano sinistra continua sorseggiare Wisky dalla sua piatta fiaschetta in pelle marrone... Waid-waid-vaffanculo mi risponde borbottando ... riprende a bere.... con la destra mi fa segno di guardare più avanti.... entusiasta faccio 7-8 passi al di là della catasta .... poi mi blocco ! Mi rigiro e gli chiedo: com'è successo ? In Italiano striminzito dice "tuto OK, ragio di luna, brila occhio, nebia putana, croce soto 30 cm., bum...morto... .....altro ochio dietro..bum,,, morto .......altro ochio dietro.....no, no....no posibile, no posibile... va da contadino , porta tratore con catena, se tu vero amico di Sepp tu dire esere stato tu bum bum... ti prego..... ti prego..... " ... a terra c'erano due grossi manzi rossi (sulla bilancia peseranno poi circa 460 kg. ciascuno)...... In poche parole era accaduto questo: Sepp era a circa 80 mt. dal bosco: è scesa un poca di nebbia nel momento che dal viottolo escono proprio alla stessa ora i buoi che pascolavano in una radura interna. Per un'attimo Sepp per effetto di un raggio di Luna ha visto brillare un riflesso nell'occhio ... l'orario era quello giusto, la posizione del "selvatico" e l'altezza corrispondevano, ha pensato al Cervo... ma subito dopo il primo colpo ha visto un'altro occhio .... femmina con giovane pensa Sepp... e giù la seconda tonata.... ma poi vede un'altro occhio .... realizza immediatamente che è impossibile che un terzo Cervo sia lì presente !!! Troppo tardi !!! Il contadino era contento quando sono andato da lui perchè aveva sentito i due colpi.... mi abbracciò, mi strinse le mani.... Waidmannsheil di qua.... Waidmannsheil di là,.... abbracci..... ed io che non sapevo come dirglielo... pensavo ...aspetta, vai piano con i tuoi abbracci e Waidmannseil.... vedrai dopo che storia salta fuori.... uuhhhhhh....... vi lascio immaginare il seguito..... non ho capito bene perchè, ma è cambiato improvvisamente l'atteggiamento affettuoso ..........se avesse avuto i canini sviluppati mi avrebbe succhiato il sangue come Dracula..... per due anni mi sono preso la colpa, ma alla cena di fine d'anno (30 Dicembre) dell'anno successivo (cena annuale con tante persone del villaggio, circa 200) Sepp ha confessato pubblicamente il misfatto riscattandomi... Lui viveva in quel paese, è stato obbligato incolpare me per non scontrarsi con gli abitanti... (comunque l'assicurazione ha pagato tutto). Certo che nel frattempo ogni volta che arrivavo per uscire a caccia (sopratutto Caprioli) i contadini della zona chiudevano nelle stalle manzi, vitelli ed asini... per paura che questi ultimi (grigiastri.... orecchie lunghe) l'Italiano li scambiasse per Lepri......

        COMMENTA


        • Alle60
          Alle60 commentata
          Modifica di un commento
          Weid.. Weid.. Vaffan culo..ahahah È roba degna del miglior Alberto Sordi!! Vi prego ragazzi! PUBBLICATELE QUESTE AVVENTURE! SONO TROPPO BELLE!!

      • Originariamente inviato da giorgio e maria Visualizza il messaggio
        Fatti che purtroppo accadono.... certo che al di là del tiro indubbiamente molto preciso, la palla Gualandi in cal. 20 ha espresso davvero notevole potenza ! Comunque congratulazioni per aver preso davvero "l'animale più grande..." Tanto tempo fa (sul finire degli anni '80) è accaduta una cosa analoga anche a me ed al mio amico tedesco Sepp in una fresca mattina di caccia ai Cervi in Germania... Ore 02,30 sveglia, colazione rapida alla tedesca... ore 03,10 siamo nella stalla e ci si imbratta scarponi, guanti e vestiario con sterco di cavallo.... ultimi reciprochi scambi di opinioni e di consigli per la migliore riuscita.... verifica delle armi .... qualche piuma d'oca e cenere in tasca ....un frettoloso Waidmannsheil e partiamo per occupare due postazioni diverse (abbiamo circa 2 km. uno dall'altro) entrambi ai margini di un bosco in Baviera.....io su una Wolks. Maggiolino verde -vado su zona quasi piana ben accessibile, Sepp sulla jeep Marcedes -prati umidi e deve arrampicarsi su un pendio impegnativo per raggiungere la parte alta ed opposta del bosco.... Sono le 03,50 ed io sono già sulla mi altana.... arma caricata in sicura.... bella nottata...., .... luna piena... all'improvviso scende un pò di nebbia, non tanto densa ma quel tanto che basta per cominciare distinguere male piante, vegetazione colline.... penso che se mi esce il Cervo da quel viottolo del bosco cui sto quasi dinanzi (100>110 mt.) mi diventerà difficile mollare il colpo (in mano una Mauser Europa cal. 9,3x64, ottica Zeiss 8x56) ...sono le 06,10 ed il bosco mi sta sparendo piano piano inghiottito da una nebbia che si fa sempre più fitta.... 6,35 anche con il debole chiarore della Luna è impossibile mirare... scarico l'arma....... tutto d'un tratto un balzo al cuore perchè sento il colpo cupo del 7 mm. Vom Hofe diSepp.... lo ha preso penso..... tre secondi dopo un secondo colpo.... bravo Sepp mi dico, femmina con piccolo... Festante scendo dall'altana e mi precipito verso la sua zona.... l'ultimo tratto di circa 300 mt. lo faccio a piedi (l'auto non può, troppa pendenza, scivola): affannato raggiungo Sepp dietro una catasta di legna .... inizia albeggiare, un pò di chiarore.... Waidmannsheil gli urlo due volte (era molto preciso con l'arma)...... con la mano sinistra continua sorseggiare Wisky dalla sua piatta fiaschetta in pelle marrone... Waid-waid-vaffanculo mi risponde borbottando ... riprende a bere.... con la destra mi fa segno di guardare più avanti.... entusiasta faccio 7-8 passi al di là della catasta .... poi mi blocco ! Mi rigiro e gli chiedo: com'è successo ? In Italiano striminzito dice "tuto OK, ragio di luna, brila occhio, nebia putana, croce soto 30 cm., bum...morto... .....altro ochio dietro..bum,,, morto .......altro ochio dietro.....no, no....no posibile, no posibile... va da contadino , porta tratore con catena, se tu vero amico di Sepp tu dire esere stato tu bum bum... ti prego..... ti prego..... " ... a terra c'erano due grossi manzi rossi (sulla bilancia peseranno poi circa 460 kg. ciascuno)...... In poche parole era accaduto questo: Sepp era a circa 80 mt. dal bosco: è scesa un poca di nebbia nel momento che dal viottolo escono proprio alla stessa ora i buoi che pascolavano in una radura interna. Per un'attimo Sepp per effetto di un raggio di Luna ha visto brillare un riflesso nell'occhio ... l'orario era quello giusto, la posizione del "selvatico" e l'altezza corrispondevano, ha pensato al Cervo... ma subito dopo il primo colpo ha visto un'altro occhio .... femmina con giovane pensa Sepp... e giù la seconda tonata.... ma poi vede un'altro occhio .... realizza immediatamente che è impossibile che un terzo Cervo sia lì presente !!! Troppo tardi !!! Il contadino era contento quando sono andato da lui perchè aveva sentito i due colpi.... mi abbracciò, mi strinse le mani.... Waidmannsheil di qua.... Waidmannsheil di là,.... abbracci..... ed io che non sapevo come dirglielo... pensavo ...aspetta, vai piano con i tuoi abbracci e Waidmannseil.... vedrai dopo che storia salta fuori.... uuhhhhhh....... vi lascio immaginare il seguito..... non ho capito bene perchè, ma è cambiato improvvisamente l'atteggiamento affettuoso ..........se avesse avuto i canini sviluppati mi avrebbe succhiato il sangue come Dracula..... per due anni mi sono preso la colpa, ma alla cena di fine d'anno (30 Dicembre) dell'anno successivo (cena annuale con tante persone del villaggio, circa 200) Sepp ha confessato pubblicamente il misfatto riscattandomi... Lui viveva in quel paese, è stato obbligato incolpare me per non scontrarsi con gli abitanti... (comunque l'assicurazione ha pagato tutto). Certo che nel frattempo ogni volta che arrivavo per uscire a caccia (sopratutto Caprioli) i contadini della zona chiudevano nelle stalle manzi, vitelli ed asini... per paura che questi ultimi (grigiastri.... orecchie lunghe) l'Italiano li scambiasse per Lepri......
        ---------------------------------------------------------------------------------------
        Scusa Giorgio e Maria.... colpa mia, mi sono dimenticato di menzionare il calibro, in quell'occasione era un cal. 12, Beretta, mod. A302.
        Meno male che non ti trovavi dalle mie parti! Uno poteva passare, ma due! I proprietari, (non contadini), non avrebbero sentito ragione!
        Ciao Mauretto, sarai sempre nei miei pensieri.
        Sta il cacciator fischiando
        sull'uscio a rimirar..........

        COMMENTA


        • [QUOTE=walker960walker;n1861738]Rispondo a Alle60, Pensa che invece io vado matto per il 308 W.

          Buongustaio.....!!!!

          Un salutone
          Alberto

          COMMENTA


          • teufel.35
            teufel.35 commentata
            Modifica di un commento
            Beh sicuramente e' una questione di gusti personali. A me la sicura HC piace molto, oltre che per un discorso di sicurezza, per il semplice fatto che ti permette di avere il colpo in canna avendo sempre e comunque l'arma impossibilitata allo sparo ....se poi necessita di utilizzarla, basta spostare in su' il cursore d'armamento (immagina quando sei nei pressi della posta e non aver bisogno di scarrellare per inserire il colpo in canna....massimo silenzio nel caso i cinghiali fossero rimessi a breve distanza). Per le munizioni non credo sia un problema....basta portarsene a sufficienza o comunque preparare il necessario la sera prima (magari scrivendo prima un appunto su' cosa inserire nello zaino....hihihihi)
            Un salutone
            Alberto

          • walker960walker
            walker960walker commentata
            Modifica di un commento
            Alberto, penso che a te (e per come è giusto), non sia mai capitato di andare a caccia col 20 e portarti le cartucce del 12! Oppure, caricare tutto in macchina e scordarsi le cartucce, a me si e spesso. E ancora, arrivare sul posto di caccia, aprire il cofano per prepararti e non trovare il fucile, ritornare (quando la distanza te lo permette), a casa in fretta a prenderlo. Hai ragione a dire; preparati la sera prima. Mi dovrei scrivere un promemoria e controllare sempre il tutto. Non sai quante cose mi porto in battuta, ho il cofano della Frontera pieno, tra me e mio figlio, che non si porta quasi niente e poi viene a chiedere da me.
            Saranno i primi sintomi di Alzheimer!

          • teufel.35
            teufel.35 commentata
            Modifica di un commento
            No Giovanni, non mi e' mai capitato di portarmi munizionamento del 20 al posto del 12 ma e' per un solo motivo: il 20 non l'ho mai avuto.....scherzavo a proposito del foglietto con la lista di cose da portare....almeno nei tuoi confronti....per conto mio e ad essere sincero, io me lo preparo quasi sempre . Anche io mi porto un mare di roba in macchina compreso il sacco a pelo....calcola che spesso, la notte, dormo sul posto anche da solo....quando e' periodo, sparisco dal venerdi' pomeriggio fino alla domenica sera. Per quanto riguarda il dimenticarsi le cose, puo' capitare a chiunque....pensa che prima di Natale scorso, mentre stavo percorrendo un tratto di strada in prossimita' del poligono, ho intravisto a bordo strada, un fodero imbottito per fucile per terra; mi sono fermato immediatamente e, constatato che contenesse effettivamente un fucile (tra l'altro un bel sovrapposto), l'ho messo nel portabagagli (per non farlo vedere a nessuno....se fosse passata la polizia, il proprietario avrebbe passato un mare di guai) e sono rimasto in attesa che il malcapitato tornasse a cercarlo....dopo dieci minuti e' arrivato a tutta velocita' con il viso paonazzo e grondante di sudore e, facendo stridere le gomme, si e' bloccato poco dopo la mia macchina.....era un ragazzo sui venticinque anni....come vedi non e' questione di Alzheimer, puo' capitare a chiunque...a prescindere dall'eta'.
            Un salutone
            Alberto

        • Credo Walker che i proprietari non avrebbero taciuto, è più che normale, ma in ogni caso l'assicurazione ha pagato "profumatamente" fino all'ultimo marco, non solo, ma poi Sepp (che aveva un'ottima disponibilità economica) mi disse che aveva "incrementato" la somma per il disagio elargendo inoltre altri lauti compensi...... al punto che il contadino sarebbe stato sicuramente contento se gli avessimo abbattuti altri 10 manzi......
          Comunque meglio sparare a due manzi tranquilli che dover affrontare un toro "infuriato", animale domestico che in pochi e attimi si può trasformare in un imprevedibile "selvatico pericolosissimo" ! Se lo buttavi giù (legittima difesa, mica ci ragioni con un toro) l'assicurazione lo avrebbe pagato, quindi secondo noi la perdita per i proprietari era remunerata: più di uno scambio magari un pò "tirato" sul momento (ben comprensibile) non dovrebbe accadere nulla di particolare o di irreparabile; si spiegate le circostanze si paga il capo (ed il toro te lo porti a casa) e ciao. Scusa, ma se lì da te ammazzi un'essere umano che succede ? Qui se il giorno dell'apertura della caccia ammazzi il Presidente del Fondo venatorio (anche volontariamente... è lo stesso.....) non accade niente di particolare......: la Polizia ritira le armi di tutti i cacciatori presenti quella mattina con la scusa di verificarle, le trattengono 6 mesi (e nel frattempo se non hai altre armi tu a caccia non ci vai...), ti fanno un processo, tu ricorri, te ne fanno un'altro, tu ricorri ancora... te ne fanno ancora uno e ti prendi tre anni di carcere (3, non 30) ed è tutto finito lì....... Non funziona così anche lì da voi ?? .....

          COMMENTA


          • Originariamente inviato da giorgio e maria Visualizza il messaggio
            Qui se il giorno dell'apertura della caccia ammazzi il Presidente del Fondo venatorio (anche volontariamente... è lo stesso.....) non accade niente di particolare......: la Polizia ritira le armi di tutti i cacciatori presenti quella mattina con la scusa di verificarle, le trattengono 6 mesi (e nel frattempo se non hai altre armi tu a caccia non ci vai...), ti fanno un processo, tu ricorri, te ne fanno un'altro, tu ricorri ancora... te ne fanno ancora uno e ti prendi tre anni di carcere (3, non 30) ed è tutto finito lì....... Non funziona così anche lì da voi ?? .....
            .....e c'ero anch'io......due poste prima.....un giorno di festa trasformato in tragedia!!!!
            PRIMA DI SPARARE.................PENSA!!!!!!!!!!!
            CIAO PA'...............X sempre con me!!

            COMMENTA


            • Eh sì carissimo Michele c'eri proprio anche te con tua moglie 70 mt. vicino a me a Maria in quella tragica battuta di caccia del 2 settembre 2017: per ricordo mio e tuo posto alcune foto dei quella mattina: nelle prime eravamo tutti inizialmente festanti per l'apertura venatoria... la foto con vista della piccola radura di fronte alla nostra "postazione" -io con Maria , telo fogliare mimetico- l'ho scattata alle ore 10,44.... appena 5 muniti prima dello sparo (ore 10,49), delle sue imprecazioni e dei suoi urli... che hai sentito anche tu. Poichè quella è una delle zone più infestate dagli numerosi Orsi per precauzione tutte le poste erano state messe "strette" (ed anche noi il più possibile vicino a voi due: da noi -Cinghiale, Cervo o Plantigrado- sarebbe arrivato da destra ma prima sarebbe passato da te risalendo lo stretto canalone infrascato che ti saliva davanti - avevi fatto benissimo far salire Daniela in alto sulla pianta!), subito avevo pensato ne avesse ucciso uno !.... Maria si era subito precipitata verso Grigore (circa 200 mt. più sopra di noi) ma l'altra posta (Sandu e Florin -capo Polizia Baia Mare,- avvisati telefonicamente) l'hanno fermata per dirle di rimanere lì con le loro armi finchè salivano (se l'aspettavano una scena orrenda..). Io intanto sono venuto da te per dirti che il colpo mortale appena sentito era stato indirizzato al nostro Presidente Grigore. E' vero per carità che le sanzioni non riportano certo in vita i morti, ma in questo caso e proprio allo sparatore Turcu (capo della Gendarmeria di Baia Mare) gli avrei appioppato almeno 30 anni di galera perchè chi meglio di lui doveva accertarsi bene prima di sparare (oltretutto Grigore era sul bordo della strada larga e pulita, non in mezzo a cespugli come ha voluto far credere il suo assassino, e lo chiamo assassino perchè tutti per un'insieme di tante ragioni ed astio perchè tra le tante cazzate commesse in precedenza da Turcu, Grigore lo aveva più volte sorpreso bracconare selvatici protetti ...) e no poteva certo non vedere Grigore 51 mt. sulla sua destra, entrambe su strada larga, dritta e pulita ..... Inoltre l'avviso d'inizio battuta con sguinzaglio dei cani è arrivato in tempo reale alle ore 10,25: i battitori erano ancora km. ben lontani da noi, quindi non ci poteva ancora essere alcun Cinghiale su da noi, semmai soltanto Orsi ! Una curiosità: osserva la foto n. 5: pur sapendo dove andremo, sembra che Valer e Adrian indichino con le dita che lassù accadrà qualcosa.... mentre i nostri due amici Magiari -Jsolt e cognato- hanno un'espressione preoccupata .... fatalità, destino.......... In ogni caso una tragedia indimenticabile non ancora "digerita" che di tanto in tanto ci spinge riguardare ciò che allora era riportato su Internet, con Stefania che aiuta gli altri sorreggere la salma di Grigore scaricandola dal fuori strada di Nelu per caricarla sull'ambulanza... questi siti non li vogliamo dimenticare "Vanator Vanat " oppure "Tragedie la vanatoare: seful jandarmilor din Baia Mare l-a impuscat mortal pe..." oppure "Maramures: barbat impuscat mortal la o partida de vanatoare porci mistreti in Lapus" ....
              File allegati

              COMMENTA


              • Era il nostro Presidente ..... Persona straordinariamente buona e disponibile più di un pezzo di pane....
                File allegati

                COMMENTA


                • Preciso la frase incompleta scritta sopra: " e lo chiamo assassino perchè tutti ne siamo profondamente convinti, (se non si era drogato, ubriaco no di certo) per un'insieme di tante ragioni ed astio perchè tra le tante cazzate commesse in precedenza da Turcu, Grigore lo aveva più volte sorpreso bracconare selvatici protetti .... attriti difficili.....

                  COMMENTA


                  • Le "voci di corridoio" insinuano insistentemente che forse si tratta di "un'omicidio su commissione" in quanto data la notevole capacità Professionale realizzata con elevata preparazione tecnica (nono stante la sua profonda conoscenza in materia, si consultava sempre con Ingegneri di fama e grande esperienza nel settore costruzioni prima d'intraprendere opere molto impegnative studiando insieme i progetti sottoposti, sopratutto nel ramo religioso come chiese, cattedrali, monasteri, asili) che gli aveva permesso acquisire diversi incarichi richiedenti non solo abilità ma anche notevole responsabilità per il futuro l'affollamento di persone nelle opere sa eseguire, l'ingegner Grigore Buda era preso di mira con tanta "invidia" da parte di alcune imprese .....

                    COMMENTA


                    • Michele: in una foto Grigore ti "battesima" in occasione dell'abbattimento di uno dei tuoi Cinghiali...

                      COMMENTA


                      • Scusateci lo sfogo, ma quando tocchiamo certi tasti dei ricordi.... behh, siamo profondamente indignati, ci sentiamo umiliati dentro... Perdonare ? si può ma non è facile...... e per noi ci vuole ancora del tempo... sopratutto quando certe situazioni che accadono ad altri ti coinvolgono ..... o perchè le vivi da troppo vicino .... ed anche se non vuoi diventano tue...... quando fin da piccolo t'inculcano certi valori che non devi neppure sognarti di calpestare e te li porti dietro un'esistenza, ti bruciano davvero tanto certi misfatti....

                        COMMENTA

                        Pubblicita STANDARD

                        Comprimi

                        Ultimi post

                        Comprimi

                        Unconfigured Ad Widget

                        Comprimi
                        Sto operando...
                        X