annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

cannocchiale di puntamento con reticolo balistico

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (29%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • cannocchiale di puntamento con reticolo balistico

    Vorrei utilizzare questo spazio per ricevere nozioni sull'uso del reticolo balistico da coloro che ne fanno o che ne abbiano fatto uso nella loro attività di cacciatori utilizzando l'arma rigata. Domanda: con l'ottica tarata con la carabina a mt. 200 se il bersaglio risulta distante 300mt debbo collimarvi la stanghetta che rappresenta quella distanza nel cannocchiale? O debbo verificare al poligono prima se quella data munizione che mi prefiggo di usare a 300 mt ha una caduta tale da raggiungere il target nel punto cui si sovrappone il dot relativo a quella distanza?
    setterman1

  • #2
    Originariamente inviato da setterman1 Visualizza il messaggio
    Vorrei utilizzare questo spazio per ricevere nozioni sull'uso del reticolo balistico da coloro che ne fanno o che ne abbiano fatto uso nella loro attività di cacciatori utilizzando l'arma rigata. Domanda: con l'ottica tarata con la carabina a mt. 200 se il bersaglio risulta distante 300mt debbo collimarvi la stanghetta che rappresenta quella distanza nel cannocchiale? O debbo verificare al poligono prima se quella data munizione che mi prefiggo di usare a 300 mt ha una caduta tale da raggiungere il target nel punto cui si sovrappone il dot relativo a quella distanza?
    setterman1
    Mi associo alla tua richiesta, da absolute beginner vorrei capire dove si posiziona il reticolo quando il bersaglio è oltre la distanza di taratura, cioè: se a 100 mt posiziono il centro del reticolo sul bersaglio perché l’azzeramento è a quella distanza, quando la distanza è a200 si compensa con le stanghette di compensazione, ok, ma dove e con cosa miro al bersaglio?

    siate clementi, lo so che probabilmente ho scritto stupidaggini......
    Sopra ogni cosa combatti l'ignoranza.

    martino de michele

    " La Caccia è affascinante ed emozionante ANCHE quando la selvaggina scarseggia....e tu, nonostante tutto, ti diverti lo stesso perchè sei a Caccia."
    Un Cacciatore.

    COMMENTA


    • #3
      Mah, io sono alcuni anni (circa 39) che sparo con i rigati sormontati da ottiche, e non ho mai sentito il bisogno di usare uno di quei reticoli balistici. Ho cominciato la caccia agli ungulati con una .30-06 con un'ottica Weaver 4x con reticolo duplex. L'ho azzerata in modo che colpisse 3 pollici piu' in alto a 100 yarde con le cartucce che usavo allora. Con tali cartucce il punto d'impatto a 260 yarde era precisamente nel punto mirato. A 300 yarde, se ben ricordo, 7 pollici in basso rispetto al punto mirato. Quindi ne consegue che con un animale della taglia di un cervo americano, un cinghiale o un daino, basta mirare nel centro del torace, dietro la spalla fino a 260 yarde, e un pochino piu' alto, all'altezza della scapola, a 300 yarde. Piu' lontano di 300 yarde io non ho mai sparato, e preferisco sempre sparare entro le 150 yarde. Gia' a 200 yarde l'errore umano dovuto a tanti fattori viene moltiplicato dalla distanza ed e' abbastanza probabile ferire e perdere un animale o, nella migliore delle ipotesi, mancarlo del tutto. Con un buon appoggio, se non c'e' vento, se non ho il fiatone, se l'animale e' immobile, se--insomma--tutte le condizioni sono propizie, allora tentero' un tiro piu' lungo. Ma in tanti anni di caccia il tiro piu' lungo che abbia mai fatto (con un buon appoggio) e' stato di 250 yarde (con un .243 e ottica Bushnell da pochi soldi, con reticolo semplice), ad una grossa cerva-mulo, che ho colpito esattamente al cuore. Era il fucile di mia moglie. Avevo finito le cartucce della .30-06 e non avevo avuto il tempo di ricaricarne qualcuna.
      I reticoli balistici richiedono anche l'uso di un rangefinder, che ti consente di conoscere esattamente la distanza del bersaglio. Poi bisogna adattare l'uso delle varie sbarrette (o punti di riferimento) alla munizione usata (VuZero, peso della palla, coefficiente balistico, ecc.) Certe case produttrici di ottiche ti faranno un reticolo "custom" se fornisci loro tutti i dati, credo. Non ho mai approfondito questo argomento perche' non mi interessa. Non faccio il cecchino e non sparo a mille o millecinquecento yarde, e a caccia meno complicazioni ci sono e meglio e'. Oggi poi, dove caccio in Alabama dal 2013 i cervi codabianca, non ho mai sparato a piu' di una novantina di yarde e a questa distanza soltanto una volta su nove. Gli altri otto cervi li ho uccisi da 15 a 50 yarde. La mia ottica ha un reticolo spesso (avviene sovente che si spari in condizioni di luce fioca) e duplex, senza altri ammennicoli, fischietti e specchietti.
      teufel.35 e lupozoppo piace questo post.
      CHI SE FA PECORA OBBEDISCE AR PECORARO!

      COMMENTA


      • #4
        Quindi se taro l'ottica a 200 mt per colpire il centro di un bersaglio, successivamente dovrei fare i tiri a 100 e 300 mt per vedere di quanto si distanziano i colpi da quelli sparati precedentemente e regolarmi poi in caccia dopo aver valutato la distanza del selvatico?
        Setterman1

        COMMENTA


        • #5
          Originariamente inviato da setterman1 Visualizza il messaggio
          Quindi se taro l'ottica a 200 mt per colpire il centro di un bersaglio, successivamente dovrei fare i tiri a 100 e 300 mt per vedere di quanto si distanziano i colpi da quelli sparati precedentemente e regolarmi poi in caccia dopo aver valutato la distanza del selvatico?
          Setterman1
          Credo di si'. Ma valutare la distanza del selvatico non e' facile senza esperienza. Dipende dalla natura del terreno. Su una superficie piana e spoglia sembrano piu' vicini di quanto siano. Comunque col mio sistema di azzeramento vai bene fino a 300 metri, oltre i quali non dovresti sparare. Ma attento! Io mi riferivo ad animali di una certa mole (daini, cinghiali, cervi). In questi animali la grandezza del petto da schiena a sterno e' molto maggiore di quella di un capriolo. Se tre pollici in alto a cento metri non contano se spari un capriolo nel petto a quella distanza, 9-10 pollici in basso a 300 metri (non yarde) sono tanti, per un animale di mole cosi' esigua, e c'e' la possibilita' o di mancarlo del tutto o di ferirlo di striscio vicino allo sterno, o di rompergli una gamba.Quindi bisognerebbe contenere i tiri entro i 220 metri. E poi molto dipende dal calibro e dalla sua radenza. Un .270 con palla relativamente leggera avra' una traettoria piu' piatta della mia vecchia .30-06 (che fra l'altro non ho piu' perche' l'ho regalata a mia figlia dopo averci montato un'ottica migliore).
          CHI SE FA PECORA OBBEDISCE AR PECORARO!

          COMMENTA


          • #6
            Per la distanza userei il telemetro. Per la caccia di selezione ho optato solo per il cinghiale. La distanza di tiro sarà all'incirca di 200mt in quanto eserciterò nelle mie terre anche per la salvaguardia dei miei prodotti.
            setterman1

            COMMENTA


            • #7
              Originariamente inviato da setterman1 Visualizza il messaggio
              Per la distanza userei il telemetro. Per la caccia di selezione ho optato solo per il cinghiale. La distanza di tiro sarà all'incirca di 200mt in quanto eserciterò nelle mie terre anche per la salvaguardia dei miei prodotti.
              setterman1
              IBAL, allora! Assicurati di avere un buon appoggio se tiri a 200 metri. Avrai un capanno a terra o un'altana? E assicurati che sia l'astina appoggiata sull'appoggio, mai la canna, che non deve toccare niente allo sparo.
              Sono curioso, che cosa produci che devi salvaguardare dai cinghiali?
              lupozoppo piace questo post.
              CHI SE FA PECORA OBBEDISCE AR PECORARO!

              COMMENTA


              • #8
                Coltivo, insieme ai miei fratelli e cugini la terra dei nostri genitori che copre il fabbisogno familiare in natura, non vendiamo al mercato. Siamo come gli storni: un gruppo familiare esteso e certi anni ci approvvigioniamo alla coop. Coltiviamo i prodotti tradizionali toscani: vite, olivo, mais per i polli e alleviamo conigli. Dulcis in fondo un po' di orto per verdure di stagione. Proprio un pochino perché l'orto vuol veder l'uomo morto. E noi siamo invecchiati. I nostri figli non ne hanno voluto sapere.
                setterman1

                COMMENTA


                • #9
                  1. Procurati le tavole di tiro della tua cartuccia. Puoi calcolarle da te (programmi vari di computer oppure libro "La traiettoria perfetta" di Sinha, oppure da cataloghi di munizioni. Anche se usi munizioni di altra marca, a parità di palla avrai circa la stessa traiettoria.

                  2. Spara a 100 m con buon appoggio secondo le istruzioni di giovanni. Da tre a cinque colpi sparati lentamente per non scaldare la canna
                  3. Regola il cannocchiale in modo da avere il centro della rosata 4 cm sopra il centro del bersaglio, perfettamente allineato in direzione.

                  4. Senza toccare più il cannocchiale spara a 200 m e prendi nota di dove vanno i colpi. Dovrebbero essere circa in centro.
                  Se sei sicuro di aver sparato al meglio delle capacità tue, dell'arma e delle munizioni, e in assoluta assenza di vento, verifica che la direzione sia giusta. Tieni presente che un "click" della torretta corrisponde a 2 cm (cioè venti millimetri) a 200 m. Se la rosata è disassata dal centro più di 20 mm, fai le correzioni del caso.

                  5. Prendi nota dell'altezza del centro rosata rispetto al bersaglio.

                  6. Se il tuo poligono te lo permette, spara anche a 300 m, con la massima attenzione, perchè comincia a essere difficile. Per esempio,il bersaglio potrebbe essere piccolo, e certamente ci sarà un filo d'aria. Prendi nota di dove va la rosata.
                  A questo punto hai le tue proprie tavole di tiro da confrontare con quelle del punto 1.

                  7. Studia le dimensioni degli animali e regolati.
                  Limiti di tiro ragionevoli, mirando a metà fra filo garrese e torace sono:
                  Capriolo: 200 m
                  Camoscio, muflone, daino: 300 m
                  Cinghiale: ho modestissima esperienza personale, quindi ripeto cosa dicono gli esperti. I piccoli striati entro 100 m. Adulti più lunghi (un grosso verro anche a 300m) ma bisogna tenereconto del terreno e della vegetazione. A 300 m sei sicuro che il capo caschi nel pulito? Se il terreno è ripido dove scivolerà? ecc. ecc.


                  Compra le cartucce a 2 scatole la volta, esigendo che siano dello stesso lotto. In questo modo avrai abbastanza autonomia per prove e caccia.

                  Permetti una domanda: perchè hai consultato il forum dove può rispondere un ******* o incometente qualsiasi e non qualche buon libro? I libri restano, mentre le prediche sul forum possono sparire.

                  IBAL e facci sapere

                  COMMENTA


                  • #10
                    Perché il Forum a questo deve servire, a scambiarsi le esperienze, non a dire minchiate ; ritieni che in questo forum non ci siano persone un filino competenti? A me pare di no, anzi, credo ce ne siano e molto preparate.

                    Cordialita
                    erri68 e jlspez piace questo post.
                    Sopra ogni cosa combatti l'ignoranza.

                    martino de michele

                    " La Caccia è affascinante ed emozionante ANCHE quando la selvaggina scarseggia....e tu, nonostante tutto, ti diverti lo stesso perchè sei a Caccia."
                    Un Cacciatore.

                    COMMENTA


                    • #11
                      Originariamente inviato da bansberia Visualizza il messaggio
                      1. Procurati le tavole di tiro della tua cartuccia. Puoi calcolarle da te (programmi vari di computer oppure libro "La traiettoria perfetta" di Sinha, oppure da cataloghi di munizioni. Anche se usi munizioni di altra marca, a parità di palla avrai circa la stessa traiettoria.

                      2. Spara a 100 m con buon appoggio secondo le istruzioni di giovanni. Da tre a cinque colpi sparati lentamente per non scaldare la canna
                      3. Regola il cannocchiale in modo da avere il centro della rosata 4 cm sopra il centro del bersaglio, perfettamente allineato in direzione.

                      4. Senza toccare più il cannocchiale spara a 200 m e prendi nota di dove vanno i colpi. Dovrebbero essere circa in centro.
                      Se sei sicuro di aver sparato al meglio delle capacità tue, dell'arma e delle munizioni, e in assoluta assenza di vento, verifica che la direzione sia giusta. Tieni presente che un "click" della torretta corrisponde a 2 cm (cioè venti millimetri) a 200 m. Se la rosata è disassata dal centro più di 20 mm, fai le correzioni del caso.

                      5. Prendi nota dell'altezza del centro rosata rispetto al bersaglio.

                      6. Se il tuo poligono te lo permette, spara anche a 300 m, con la massima attenzione, perchè comincia a essere difficile. Per esempio,il bersaglio potrebbe essere piccolo, e certamente ci sarà un filo d'aria. Prendi nota di dove va la rosata.
                      A questo punto hai le tue proprie tavole di tiro da confrontare con quelle del punto 1.

                      7. Studia le dimensioni degli animali e regolati.
                      Limiti di tiro ragionevoli, mirando a metà fra filo garrese e torace sono:
                      Capriolo: 200 m
                      Camoscio, muflone, daino: 300 m
                      Cinghiale: ho modestissima esperienza personale, quindi ripeto cosa dicono gli esperti. I piccoli striati entro 100 m. Adulti più lunghi (un grosso verro anche a 300m) ma bisogna tenereconto del terreno e della vegetazione. A 300 m sei sicuro che il capo caschi nel pulito? Se il terreno è ripido dove scivolerà? ecc. ecc.


                      Compra le cartucce a 2 scatole la volta, esigendo che siano dello stesso lotto. In questo modo avrai abbastanza autonomia per prove e caccia.

                      Permetti una domanda: perchè hai consultato il forum dove può rispondere un ******* o incometente qualsiasi e non qualche buon libro? I libri restano, mentre le prediche sul forum possono sparire.

                      IBAL e facci sapere
                      Ringrazio per la spiegazione molto accurata e provvederò senz'altro a fare sapere quello di cui sarò capace. Nel forum ho trovato suggerimenti importanti non solo sulle armi rigate ma anche su cinofilia ed altro. E' comunque comunicazione. Nella letteratura non sempre, come in tutte le attività dell'uomo, trovi soddisfazione alle tue aspettative. Pensa: ho letto quasi tutte le pubblicazioni sulla caccia alla beccaccia che sono state editate e solo su una ho trovato la "Via" a percorrere senza "buche".
                      setterman1

                      COMMENTA


                      • #12
                        Buonasera, potresti indicarmi che reticolo balistico hai? O eventualmente che ottica usi? Calcola che normalmente il reticolo balistico è utile nei tiri a media-lunga distanza… e parliamo dai 200 metri a oltre fino a 600-800 o più. A caccia sono distanze alle quali non si dovrebbe neanche pensare di effettuare dei tiri, per cui se parliamo di tiri venatori etici dobbiamo stare in un range di massimo 250 metri, il reticolo balistico quindi ti serve a poco...

                        COMMENTA


                        • #13
                          Per adesso non possiedo alcuna ottica. Nonostante abbia conseguito l'attestato per effettuare la caccia di selezione al cinghiale qualche tempo fa, ho acquistato la carabina da circa 1 mese. Propenderei per il reticolo balistico perché penso mi aiuti molto, essendo totalmente digiuno da queste esperienze venatorie, nell'essere maggiormente preciso nel piazzare i colpi anche e soprattutto a codeste distanze ritenute canoniche da un punto di vista etico.
                          setterman1

                          COMMENTA


                          • #14
                            Setterman1 il reticolo serve per sparare oltre i 250 mt.

                            Ti faccio un' esempio...io ho sul 7 remington il meopta artemis con reticolo sniper. Ecco la prima tacca sotto la croce centrale, con arma tarata 3 cm alta a 100 mt, corrisponde a....342mt!!

                            Uso tale arma quando si presentano tiri sopra i 200 mt quindi....mi consente di avere un punto di riferimento ma....credimi oltre i 300 è molto complicato sparare con sicurezza.

                            Vuoi un consiglio? Acquista un' ottica luminosa e sopratutto con punto rosso (che però regolato al minimo non sia fastidioso al buio) con campana da 50/56 e ingrandimenti 3/12 o meglio ancora 2,5/10.....se poi ha il reticolo balistico ok altrimenti....è uguale.

                            Tara la tua 30/06 5/6 cm alta a 100 mt con ottime cartucce con palla da 165 grs e.....se ti capita un tiro a 250 mt mira a filo schiena (sopra la spalla piena) del verro....se fai tutto come deve essere fatto (ottimo appoggio, respirazione, scatto perfetto ecc) il verro cadrà......altrimenti l' errore è tuo.

                            Saluti

                            COMMENTA


                            • setterman1
                              setterman1 commentata
                              Modifica di un commento
                              Terrò di conto di codesto consiglio. L'esperienza è quasi tutto in tutto mi diceva il mio istruttore quando stavo imparando il mio mestiere. Eccome se aveva ragione!
                              ringrazio
                              setterman1

                          • #15
                            Per chi non lo avesse ancora visto, posto questo video:

                            COMMENTA

                            Pubblicita STANDARD

                            Comprimi

                            Ultimi post

                            Comprimi

                            Unconfigured Ad Widget

                            Comprimi
                            Sto operando...
                            X