annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Ruger predator 18' 308 winc

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (29%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #16
    Fammi sapere! Immagino che la tarerai a 50 mt per la battuta giusto?
    Io ti consiglio di stare 3 cm alto....dovresti essere cosi indicativamente alto 5/7 cm a 100 mt e basso di 2/3 cm a 200.'....
    walker960walker e Alle60 piace questo post.

    COMMENTA


    • #17
      Si! Ho sempre tarato la mia Argo in questo modo anche xké il tiro in battuta è sempre tendenzialmente basso e io ho sempre tenuto 2-3 cm alto a 50 m il mio red dot Zeiss, con ottimi risultati. Il tiro a distanza più lunga di 50m dove caccio io è quasi impossibile e sulla Bar montero' il vecchio Docter sperando di trovare in fretta sptt la cartuccia giusta. Non ho mai usato il 308 e questa carabinetta corta e compatta che sembra quasi un giocattolo mi incuriosisce tantissimo..Quindi appena possibile ti informerò sperando di riuscire a inviare anche le foto.
      Grazie ancora x i consigli e se fai qualche altra prova..attendo le foto!

      COMMENTA


      • #18
        Originariamente inviato da Alle60 Visualizza il messaggio
        Ok. Mille grazie. Appena rientro dalle ferie vado al poligono a tarare la mia 18"..Mi sono fatto preparare alcune cartucce con innesco CCI200, SIERRA SP 150 gn, bossolo Lapua nuovo, N140 46 gn..voglio vedere che succede..
        Le Palle Sierra BTSP le usavo (da 165 grani) nella mia .30-06, ma le ho abbandonate perche' il nucleo di piombo si separava dall'incamiciatura, e se colpivano un osso esplodevano e facevano un macello. Sono precisissime ma le considero troppo fragili. Le sostituii con le Hornady Interlock da 190 grani.
        CHI SE FA PECORA OBBEDISCE AR PECORARO!

        COMMENTA


        • #19
          Originariamente inviato da Alle60 Visualizza il messaggio
          Si! Ho sempre tarato la mia Argo in questo modo anche xké il tiro in battuta è sempre tendenzialmente basso e io ho sempre tenuto 2-3 cm alto a 50 m il mio red dot Zeiss, con ottimi risultati. Il tiro a distanza più lunga di 50m dove caccio io è quasi impossibile e sulla Bar montero' il vecchio Docter sperando di trovare in fretta sptt la cartuccia giusta. Non ho mai usato il 308 e questa carabinetta corta e compatta che sembra quasi un giocattolo mi incuriosisce tantissimo..Quindi appena possibile ti informerò sperando di riuscire a inviare anche le foto.
          Grazie ancora x i consigli e se fai qualche altra prova..attendo le foto!
          Ciao Alessandro..toglimi.una curiosità quanto pesa la tua carabina??
          io per il.momento ho caricato la norma 202 43.2gr palla spce 150gr oal 67.5 mm; stessa dose anche per la nosler ballistic silver tip RN 150gr; al bersaglio cartaceo vanno bene a caccia non lo.so..

          buon ferragosto a tutti
          saluti,Alberto

          COMMENTA


          • #20
            Originariamente inviato da MENGA Visualizza il messaggio
            Domanda da0quasi inesperto totale come sono ..... La canna così corta non pregiudica la precisione e la stabilizzazione della palla?
            La canna corta non è adatta per tiri a lunga distanza. P.S. Per rendersi conto delle pressioni che si sviluppano dentro una canna al momento dello scoppio e capire perché è utile utilizzare polveri progressive o vivaci bisognerebbe tirare con delle cerbottane di diversa lunghezza e di utilizzare dardi di diversa pesantezza. Un bambino di otto anni dopo qualche prova mette nella cerbottana il dardo dal giusto peso per quel tipo di canna. Scusa se l'esempio è molto infantile non è certamente per offendere la tua intelligenza.

            COMMENTA


            • #21
              Originariamente inviato da giovannit. Visualizza il messaggio

              No, anzi. La canna corta vibra di meno allo sparo, essendo piu' rigida. Se poi e' anche spessa la precisione e' maggiore. Il mio fucile piu' preciso e' un Remington 788 .243, con canna di 18 pollici e mezzo. La stabilizzazione della palla dipende dal passo di rigatura e dalla forma e lunghezza della palla. L'unica perdita e' di velocita'. Se si ricarica per carabine a canna corta conviene usare palle piu' leggere e polvere piu' vivace, per raggiungere una buona velocita' nella corsa piu' breve nella canna corta. Le polveri lente, inoltre, possono non essere sfruttate bene e causare un maggior sbruffo di gas di combustione alla volata, il che (almeno in teoria) non favorisce la precisione. Col .308 e canna di 18 pollici io userei la palla da 165 grani (una Swift A-Frame o Nosler Partition) e la polvere piu' vivace fra quelle nelle tabella di ricarica per quel peso di palla.
              Giovanni, ti domando non per fare polemica ma solo per capire. Non sono molto esperto quindi do per buono quello che sento e leggo dagli esperti. Sulla canna liscia ho letto che la canna che vibra è da preferire a quella che non lo fa, per questo alcuni costruttori evitano di mettere la bindella. Sulla rigata fanno al contrario? Sempre per capire, è conveniente portare a caccia una canna pesante per sparare uno o due colpi? Non potrebbe essere che la precisione della canna pesante per due colpi sparati si equivale a quella della canna leggerà? Io ho capito che le armi vengono costruite per impieghi diversi, quindi la canna corta è costruita per essere impiegata in tiri mediamente corti, come quelli che si effettuano in battuta. Nei tiri "meditati" non credi che la canna lunga nei tiri lunghi è da preferire in quanto a precisione a una carabina con la canna corta?

              COMMENTA


              • #22
                Originariamente inviato da alcn30.06 Visualizza il messaggio

                Ciao Alessandro..toglimi.una curiosità quanto pesa la tua carabina??
                io per il.momento ho caricato la norma 202 43.2gr palla spce 150gr oal 67.5 mm; stessa dose anche per la nosler ballistic silver tip RN 150gr; al bersaglio cartaceo vanno bene a caccia non lo.so..

                buon ferragosto a tutti
                saluti,Alberto
                Ciao Alberto! Intanto BUON FERRAGOSTO A TE E A TUTTI GLI AMICI DEL FORUM..AMERICANI COMPRESI! La mia Traquer pesa, scarica, 3050 g.Io sto cercando di sviluppare una cartuccia abbastanza potente da poter usare per il cinghiale senza però avere un rinculo e un impennata di canna punitivi per l'eventuale ripetizione del colpo...quindi tutti i consigli degli amici sono ben accetti sempre che siano supportati dalle tabelle ufficiali di ricarica. Mi hanno assicurato che con 46 gn di N140 e palla SP da 150 gn i cinghiali li spegni come una candela! Io prendo nota e a ottobre verificheremo..per ora cercherò la precisione.

                COMMENTA


                • #23
                  Originariamente inviato da giovannit. Visualizza il messaggio

                  Le Palle Sierra BTSP le usavo (da 165 grani) nella mia .30-06, ma le ho abbandonate perche' il nucleo di piombo si separava dall'incamiciatura, e se colpivano un osso esplodevano e facevano un macello. Sono precisissime ma le considero troppo fragili. Le sostituii con le Hornady Interlock da 190 grani.
                  Ciao Giovanni! Io parto dal concetto che in canna da 18" ..e forse sbaglio..la palla migliore sia la 150 gn.RN quantomeno per il cinghiale in battuta. Tra le caratteristiche della mia "cartuccia ideale" lo" stopping power"è quella che mi interessa di più e se perdo un po' di carne non mi interessa. Vorrei che ,anche se colpito non benissimo, l'animale mi desse la possibilità di finirlo IMMEDIATAMENTE con un secondo colpo xké nelle zone dove caccio un cinghiale ferito significa cani rovinati e soldi spesi per curarli e soprattutto ODIO far soffrire inutilmente un animale. Grazie per i Tuoi preziosi consigli.Ne aspetto altri.
                  Alessandro

                  COMMENTA


                  • #24
                    Originariamente inviato da Alle60 Visualizza il messaggio

                    Ciao Alberto! Intanto BUON FERRAGOSTO A TE E A TUTTI GLI AMICI DEL FORUM..AMERICANI COMPRESI! La mia Traquer pesa, scarica, 3050 g.Io sto cercando di sviluppare una cartuccia abbastanza potente da poter usare per il cinghiale senza però avere un rinculo e un impennata di canna punitivi per l'eventuale ripetizione del colpo...quindi tutti i consigli degli amici sono ben accetti sempre che siano supportati dalle tabelle ufficiali di ricarica. Mi hanno assicurato che con 46 gn di N140 e palla SP da 150 gn i cinghiali li spegni come una candela! Io prendo nota e a ottobre verificheremo..per ora cercherò la precisione.
                    La mia short-track canna 51 e calciolo da 3cm pesa 3.080kg quindi come peso sono lì..
                    la tua dose di n140 l'anno consigliata pure a me ma credo che per la tua canna 47cm meglio la n135 oppure n530...io proprio su una bibasica vorrei andare proprio per spingere al massimo le potenzialità del calibro..

                    saluti,Alberto
                    Alle60 piace questo post.

                    COMMENTA


                    • #25
                      Buon ferragosto.
                      La canna rigata precisa è rigida e lunga.
                      Per essere rigida deve essere di grande spessore quindi....pesante.
                      Le armi da tiro non hanno problemi e infatti hanno canne pesanti e lunghe.
                      A caccia però...il peso conta.
                      La lunghezza in se per se non aumenta la precisione ma consente di sfruttare al meglio la carica di polvere fornendo maggior costanza e velocità.
                      Ci sono calibri però che anche con canne relativamente corte (e magari adeguatamente caricati) forniscono buona costanza e velocità e quindi potenza più chr sufficienti....e tra questi c è appunto il 308....
                      Per dire la carica con norma 200 secondo q.l. in canna,da 46 cm brucia totalmente e possiede un ottima efficenza balistica.
                      Per me quindi la canna corta non andrà certo ad inficiare sulla precisione.....anzi essendo (proprio perché corta) anche rigida, questo garantirà comunque un ottima precisione.

                      Vado OT ma....avevo postato i risultati al poligono del 223.....ecco invece questi sono a caccia....tiro a 160 mt....di punta in quanto non avevo altra scelta.
                      Alle60 piace questo post.

                      COMMENTA


                      • #26
                        Originariamente inviato da alcn30.06 Visualizza il messaggio

                        La mia short-track canna 51 e calciolo da 3cm pesa 3.080kg quindi come peso sono lì..
                        la tua dose di n140 l'anno consigliata pure a me ma credo che per la tua canna 47cm meglio la n135 oppure n530...io proprio su una bibasica vorrei andare proprio per spingere al massimo le potenzialità del calibro..

                        saluti,Alberto
                        Oh Alberto! Che ti devo dire? Questa carica in N140 la usano su HK 770 kurz con 16" di canna e assicurano cinghiali piegati in due!! Appena rientro dalle ferie inizio con calma a rodare la canna con delle Power point Winchester e una volta messa a punto e ripulita inizio a fare le prove vere. Ovviamente informerò gli amici.
                        Grazie.
                        Alessandro

                        COMMENTA


                        • #27
                          Originariamente inviato da germano56 Visualizza il messaggio
                          Giovanni, ti domando non per fare polemica ma solo per capire. Non sono molto esperto quindi do per buono quello che sento e leggo dagli esperti. Sulla canna liscia ho letto che la canna che vibra è da preferire a quella che non lo fa, per questo alcuni costruttori evitano di mettere la bindella. Sulla rigata fanno al contrario? Sempre per capire, è conveniente portare a caccia una canna pesante per sparare uno o due colpi? Non potrebbe essere che la precisione della canna pesante per due colpi sparati si equivale a quella della canna leggerà? Io ho capito che le armi vengono costruite per impieghi diversi, quindi la canna corta è costruita per essere impiegata in tiri mediamente corti, come quelli che si effettuano in battuta. Nei tiri "meditati" non credi che la canna lunga nei tiri lunghi è da preferire in quanto a precisione a una carabina con la canna corta?
                          Io sono piu' "esperto" (che parolona--nei fora sono tutti "esperti" come in Italia sono tutti "dottori") di rigati, che ho studiato, fatto esperimenti con essi, ricaricato, giocato con il bedding e tante altre cose, che di lisci, che ho sparato tanto e ancora sparo, ma che non mi hanno mai ispirato troppe pippe mentali. In genere col liscio, con o senza bindella, lungo o corto, 12 o 20, magnum o 70 mm, piombo o lega di tungsteno, ecc., se ce cojo l'ucello casca, si nun ce cojo se ne va a arigala' l'animaccia sua a quarch'antro cacciatore...
                          Non so quindi se la canna di un liscio che non vibra e' meglio o no. Passiamo ai rigati: allo sparo, la canna vibra come un'onda sonora o un'onda radio, naturalmente non in maniera cosi' accentuata, diciamo come un'onda lunghissima. Se il bedding non e' fatto a dovere, o se ci sono altri problemi intrinsechi alla canna (mancanza di concentricita' perfetta fra anima e pareti esterne), stress generato durante la lavorazione che provoca una distorsione con i cambiamenti di temperatura dovuti agli spari, ecc., la vibrazione non avviene in maniera costante, e quando la seconda o la terza palla escono dalla volata, la volata non guarda verso lo stesso punto ogni volta e la rosata non e' buona. Ci sono tre cose che potrebbero ovviare a questi problemi, se la canna non e' perfetta ed il suo regime vibratorio e' erratico, non costante: il "fluting" della canna, cioe' scannellature longitudinali che rendono la canna piu' rigida e allo stesso tempo disperdono il calore, una canna piu' corta e tozza che vibra di meno, ed un "punto di pressione" nell'astina (la Remington ed altre marche usano questo nelle loro bolt action) che preme sulla canna all'altezza piu' o meno della maglietta (si dice cosi'?) della cinghia. Praticamente questo punto di pressione impedisce alla canna di vibrare troppo, perche' e' come se la canna "libera" fosse solo la meta' anteriore di essa. Ma questo e' spesso un compromesso che se garantisce una precisione accettabile, raramente ne permette una da gara. A volte e' meglio operare un free-floating della canna eliminando del tutto il contatto con il calcio dopo il
                          "recoil lug" davanti al castello e facendo un bedding solido e preciso. Ma questo e' in genere possibile soltanto con una bolt action. Carabine semiautomatiche, a leva e a pompa hanno serbatoi connessi alla canna, o tubi e pistoni del prelievo di gas, ecc. che non permettono il free-floating. Perche' una carabina che performa egregiamente con una carica fa schifo con un'atra? (Per "fa schifo" intendo rosate di piu' di tre pollici a 100 metri. Una carabina che fa rosate di due pollici, due pollici e mezzo a 100 metri non vincera' gare, ne' potrebbe essere utile per il cecchinaggio, ma per la caccia a distanze etiche andrebbe benissimo lo stesso.) Perche' ogni carica, ogni palla, causa un certo regime vibratorio. Certi regimi sono buoni, altri cattivi perche' erratici. Naturalmente ci sono altre cause di mancanza di precisione (leade troppo lunga e ogiva troppo distante dall'origine della rigatura, mancanza di concentricita' fra camera e canna, e una vera caterva di altre cause. Ma non facciamoci pippe mentali. Canna corta o lunga, fina o tozza, se si ottengono rosate di meno di un pollice a 100 metri, si ha un ottimo fucile. Se se ne ottengono di un pollice, si ha un buonissimo fucile. Se sono di un pollice e mezzo si ha un buon fucile. La Weatherby garantisce una rosata di tre colpi a 100 yarde per ogni fucile che vende. Pero' non dice quanto tempo passa fra uno sparo e l'altro. Con le canne lunghe e fine delle Weatherbys se spari tre o quattro colpi in rapida successione, le palle spesso "camminano" sul bersaglio orizzontalmente o verticalmente. I fucili da "benchrest," un tipo di gara dove vince chi mette cinque palle in praticamente un buco solo, hanno canne corte e tozze, ma sono fucili che assomigliano piu' a un pezzo d'artiglieria che a un fucile.
                          Morale della storia: trova una cartuccia che ti da' rosate di non piu' di due pollici a 100 metri e che ha una palla adeguata per la selvaggina che insidi, metti sul fucile un'ottima ottica con ottimi attacchi, fa' tanta pratica e non ti preoccupare. Se spari nel punto giusto porterai a casa la ciccia. Per quanto riguarda la perdita di velocita' di una canna di rigato corta, all'atto pratico un cinghiale colpito con una palla che va a duecento piedi al secondo piu' lenta di un'altra non si accorgera' mai della differenza. Io ho abbattuto la piu' grossa cerva-mulo che abbia mai visto--veramente enorme--con il .243 di mia moglie ad almeno 250 yarde, forse piu'. Cadde come corpo morto cade, per dirla alla Dante. Una rondine non fa primavera, ma quel fucilino con una canna corta e tozza di 18 pollici e mezzo non solo non ci ha mai fatto perdere un cervo colpito, ma mi ha fatto anche vincere delle gare di benchrest per fucili da caccia. E l'anno scorso ci ho fulminato un cinghiomaiale di media taglia a 150 yarde, e un coyote a 300+ yarde.
                          arsvenandi, germano56 e Alle60 piace questo post.
                          CHI SE FA PECORA OBBEDISCE AR PECORARO!

                          COMMENTA


                          • #28
                            Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   IMG-20180815-WA0003.jpeg 
Visite: 81 
Dimensione: 155.6 KB 
ID: 1825848 Ecco....stamani col 223.
                            arsvenandi, alcn30.06 e Alle60 piace questo post.

                            COMMENTA


                            • giovannit.
                              giovannit. commentata
                              Modifica di un commento
                              niente male! Magari ci fossero i caprioli da me. Piu' facili da trasportare!

                          • #29
                            Originariamente inviato da Alle60 Visualizza il messaggio

                            Oh Alberto! Che ti devo dire? Questa carica in N140 la usano su HK 770 kurz con 16" di canna e assicurano cinghiali piegati in due!! Appena rientro dalle ferie inizio con calma a rodare la canna con delle Power point Winchester e una volta messa a punto e ripulita inizio a fare le prove vere. Ovviamente informerò gli amici.
                            Grazie.
                            Alessandro
                            Capito capito..tienimi aggiornato..

                            saluti,Alberto
                            Alle60 piace questo post.

                            COMMENTA


                            • #30
                              Originariamente inviato da SPRINGER TOSCANO Visualizza il messaggio
                              Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   308 norma 200 accubond 150.jpg 
Visite: 390 
Dimensione: 54.4 KB 
ID: 1825620Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   223 bal tip 60 grs.jpg 
Visite: 354 
Dimensione: 57.0 KB 
ID: 1825619Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   308 n. 140 d.k 165.jpg 
Visite: 379 
Dimensione: 52.5 KB 
ID: 1825621Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   308 n. 140  accubond.jpg 
Visite: 377 
Dimensione: 47.4 KB 
ID: 1825622 Prove fatte.....

                              Per ora non ho ottenuto niente di particolarmente eclatante ma...nutro ottime speranze.

                              Come detto ho provato sia accubond da 150 grs che d.k da 165 spinte entrambe da n. 140. Secondo q.l. la accubond raggiuge gli 830 ms mentra la d.k si ferma a circa 780 ms, nonostante questo, queste due cartucce hanno praticamente lo stesso punto di impatto a 100 mt (distanza alla quale ho sparato). Ritengo tuttavia che la n. 140 non sia adatta alla corta canna del ruger.....comunque entrambe hanno dato rosate di pochissimo inferiori ad un moa (allego le foto con le misure).
                              Proprio per cercare di sfruttare al massimo la "cortezza" della canna ruger avevo approntato 3 cartucce caricate sempre con la accubond ma spinte dalla norma 200. Velocità della palla secondo q.l. 797 m/s. Purtroppo avevo solo 3 cartucce e una, stranamente, è stata camerata con molta difficoltà e ha fornito il colpo in alto che......ha rovinato una rosata che poteva essere veramente ottima.
                              Provvederò a sviluppare questa carica....
                              Leggermente ot, ma credo interessante, avevo con me anche la vanguard in 223 per tararla con la nuova carica che impiega la partition da 60 grs al posto della bal tip sempre da 60 grs e sempre spinta praticamente dalla stessa dose di norma 200 (3 decimi di grano di differenza).
                              Bene....con al partition non sono riuscito a fare una rosata....tanto che ho iniziato a pensare di avere qualche problema all' arma. Poi avevo 4 cartucce con bal tip dietro e.....la rosata è quella in foto (8 mm x8mm)..il colpo alto è stato un mio errore.
                              Non avrei mai pensato di trovare così tanta differenza tra una palla e l' altra....
                              Ecco le foto.......a voi commenti e suggerimenti!!
                              Ciao Springer! Nella nuova carabina hai fatto il rodaggio della canna?
                              Se si..come?
                              Ciao
                              Alessandro

                              COMMENTA

                              Pubblicita STANDARD

                              Comprimi

                              Ultimi post

                              Comprimi

                              Unconfigured Ad Widget

                              Comprimi
                              Sto operando...
                              X