annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Ruger predator 18' 308 winc

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (44%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Originariamente inviato da Capriolo Astuto Visualizza il messaggio
    Complimenti Springer! Ottimo il 308w ci sto facendo un pensierino... mi manca solo una cosa... il conquibus :')
    Magari se dessi via la mia brno in 6.5x55.....
    Sono curioso però di rivederti usare il .223 come avrai capito mi sono innamorato di questo calibretto.
    Sto cercando di fare il cambio della carabina il prima possibile per poter provare già ora in inverno la ruger in 223 sul capriolo......

    Il 308 non l' ho certo preso per questa caccia ma....corta, leggera e con il caricatore estraibile.....invita a prenderla su più delle altre!!

    Mi dicono che forse la ranch in 223 viene prodotta sia con canna da 16 che da 18....se così è sono molto combattuto...

    COMMENTA


    • Capriolo Astuto
      Capriolo Astuto commentata
      Modifica di un commento
      La leggerezza in una carabina è un buon aiuto. La cz  527 pesa poco è mi è piaciuta subito, fatta bene forse anche meglio della 550, leggera compatta pur avendo la canna da 61 cm.
      Non amo le calciature sintetiche però la ruger si presenta bene. 
      Se avessi qualche soldo in piu da spendere mi prenderei la mia carabina preferita in assoluto, una sauer 202 in un calibro dai 7 mm in su.
      Ma il mio progetto futuro è una macchina da usare solo per la caccia dato che ne sono sprovvisto.

  • ......continua.....

    Ieri sera mi volevo appostare nella zona del mio vicino.....arrivo sul posto e vedo che ci sono gli agricoltori a seminare proprio nel campo vicino a dove mi volevo appostare.

    Indeciso sul dove andare, mentre faccio inversione ad "U" decido di appostarmi nella mia zona all' appostamento n. 4 da dove riesco a dominare, il campo dove ho abbattuto il piccolo, il campo dove ho l' appostamento da dove ho sparato e il versante opposto della collina che degrada verso un lago di dimensioni piuttosto grandi.

    Alle 16 circa parcheggio il defender, faccio la teleprenotazione e mi avvio all' appostamento....devo percorrere circa 500 mt di strada e quando sono vicino all' appostamento.......tre caprioli, disturbati da me, saltano nel campo davanti e se ne vanno nella valletta piena di spine più lontana.

    A occhio, in quanto il binocolo era ancora nello zaino credo che sia femmina e due piccoli....

    Estraggo il binocolo e tengo sotto controllo il fitto spinaio dove sono entrati.....e non escono! Bene dico è molto probabile che più tardi tornino indietro.

    Mi siedo, carico l' arma, sicura e tac sul suo bipiede. Sistemo lo zaino e col telemetro faccio alcune telemetrate (anche se la zona la conosco benone). Questo appostamento è molto bello, in posizione dominante e, in questo periodo, grazie all' assenza di erbe (o meglio al fatto che sono basse) consente di sparare in posizione sdraiata, non dico a 360 gradi ma quasi. Il rovescio della medaglia (c' è sempre un "rovescio"), i tiri si presentano a distanze da lunghe a......infinite!!! In pratica si parte dai 180 mt in su.....

    Mi metto in attesa e......"spippolo" un pò sul telefono....la temeratura è piacevole, sono stanco per giornata "vissuta a mille" e quella tranquillità unita al clima gradevole mi fa proprio stare bene!!

    Mi arriva un telefonata.....un' amico ha problemi con la teleprenotazione....mentre parliamo (io a bassissima voce...lui invece..quasi urla!!) vedo un movimento e "qualcosa di bianco"....stoppo l' amico con secco.. "ho un capriolo" e chiudo.

    Si, è un capriolo, ma non riesco a capire, in quanto mezzo coperto dalla vegetazione, se femmina o maschio. Provo col cannocchiale della carabina (molto nitido e definito il docter) ma...il fatto che non abbia dietro di se uno sfondo chiaro o comunque in contrasto, non mi consente una valutazione......il telemetro riporta...280 mt tondi tondi.

    Lo osservo per diverso tempo quando....muove la testa e riesco a scorgere il palco!! Un maschio.

    Passano ancora alcuni minuti in cui "passo" il binocolo su tutti i punti caldi e torno poi sempre ad osservare quel maschio che se ne stà, dopo essersi messo " a cartolina in una piccola radura, immobile che sembra una statua.

    Noto un movimento sul bordo del campo dove ho l' appostamento da dove sparai al piccolo....e ecco un capriolo! Il binocolo dice....piccolo maschio.

    Nel piano lo avrei ma....ho già prelevato un piccolo maschio e vorrei evitare. Mentre penso così dietro di lui noto un movimento.....una testa parzialmente nascosta che potrebbe.......sparita!!

    Aspetto e osservo.....aspetto e osservo.....quando, altro capriolo nel campo! Un' altro piccolo maschio!!

    Niente li lascio fare fiducioso che prima o poi debba uscire anche la femmina che accompagnava.

    Si stà facendo scuro.....penso che oramai forse è scesa più in basso e non esce.

    Altri 5 minuti e.....più in alto eccola!! Si mantiene sul bordo del campo.....non ho tempo.... telemetro e....la distanza è di 229 mt...mi sdraio ma è di punta. Inizia a muoversi allontanandosi un poco.....quando si ferma è quasi a cartolina, miro dietro la spalla, compenso leggermente, trattengo il respiro, aumento la pressione sul grilletto.....il colpo "mi acceca" nel senso che non riesco a vedere niente. Il forte colpo di rimando, della palla però, nonostante nel campo non ci sia nulla a vista, mi fa ben sperare...

    Tolgo bipiede, scarico, metto il caricatore in tasca e porto l' ottica a 2,5x.....prendo dallo zaino; coltello, fascetta, porto d' armi, maniglia da traino con corda, guanti di pelle e metto tutto in tasca, che lo zaino lo lascerò a metà strada nel posto più vicino all' auto.

    Arrivo sul posto e...non c' è niente. Sento sfrascare tra le spine, in silenzio impreco pensando ad un ferimento, invece poi vedo uscire dalla parte opposta un capriolo che se ne va saltando in salita cosa improbabile se fosse stato colpito (credo uno dei due piccoli ma è veramente scuro per vedere bene).

    Accendo la lampadina e scendo nella scarpata che era alle spalle della capriola cercando tracce....inizio a risalire verso sx e fatti una ventina di metri ecco una grande scia di sangue e....la capriola!!
    In pratica è solo rotolata giu per la scarpata ma io la cercavo troppo in basso.....sospirone, onore a lei e.....inizia la fase, a dire il vero non molto complicata, del recupero!!

    Mi spiace non aver potuto far foto decenti per le condizioni di luce.....
    A Pieffe50, arsvenandi e 3 altri utenti piace questo post.

    COMMENTA


    • Ottimo racconto! quando scrivi metti una certa "suspance" che non guasta
      Hai completato il piano?

      COMMENTA


      • Ciao da me facciamo a scalare tra I capi assegnati alla macro area.
        Il piano di prelievo e' molto corposo (secondo me anche troppo.....quest anno mi sembra di vedere meno animali..) e nella mia macro area siamo in 4 cacciatori e avevamo 5 femmine e 4 piccoli.
        La regola che ci siamo dati e' quella di lasciare un capo ad ognuno e il resto a scalare.
        Nella mia sottozona non ci prelevero' piu niente per questa stagione...ha gia dato e se ne riparla a Giugno.
        Ho pero' il mio vicino che e' impegnato, e puo' ad andare pochissimo, che mi ha messo a disposizione la sua sottozona .......domani sera dovrei riuscire.

        Femmine io non ne abbatto piu (anzi per questa ho fatto uno strappo alla mia regola..) cerchero' piccolo femmina.

        Riguardo al racconto...grazie dei complimenti...ma non sono io che creo suspance....e' la caccia che la crea!!

        Dopo il tiro, mentre mettevo a posto la l attrezzatura....mi sono compiaciuto del leggero tremore che avevano le mie mani...non sono botte di adrenalina dei primi ma....e' sempre un emozione!!



        Purtroppo la rugerina in 223 tarda un po' ad arrivare....mi sa che andremmo insieme a giugno.
        Capriolo Astuto e Pieffe50 piace questo post.

        COMMENTA


        • Springe,
          se non ci fosse emozione, manifestata in verie forme, sarebbe meglio appendere i ferri al chiodo!
          un meritato
          Waidmannsheil
          teufel.35 e SPRINGER TOSCANO piace questo post.

          COMMENTA


          • eh si se non ci fosse emozione non avrebbe senso tutto questo....io parlo almeno per me... ogni volta che vado a caccia spero di rivivere quella emozione e tremolio ogni qualvolta esce un capriolo... ma stamani mattina era meglio se rimanevo a letto
            SPRINGER TOSCANO piace questo post.

            COMMENTA


            • Originariamente inviato da Pieffe50 Visualizza il messaggio
              Springe,
              se non ci fosse emozione, manifestata in verie forme, sarebbe meglio appendere i ferri al chiodo!
              un meritato
              Waidmannsheil
              Grazie Pieffe!!
              ho sempre sostenuto che se un giorno a caccia non mi emozionero' piu.....mi limitero' a bucare carta!

              COMMENTA


              • Originariamente inviato da Capriolo Astuto Visualizza il messaggio
                eh si se non ci fosse emozione non avrebbe senso tutto questo....io parlo almeno per me... ogni volta che vado a caccia spero di rivivere quella emozione e tremolio ogni qualvolta esce un capriolo... ma stamani mattina era meglio se rimanevo a letto
                Esatto!!
                ​​​​​​
                Ricordo con nostalgia l' emozione dei primi caprioli....fiatone e tremore....difficile da domare al momento del tiro. Poi, impari a domarla, l emozione, al momento del tiro(la respirazione aiuta tantissimo) ma subito dopo...facevo fatica a inserire l ottica nella custodia!! Poi, col tempo, scema ma e' sempre presente.

                Il cinghiale all aspetto mi emoziona di piu del capriolo.....ma la cosa che ancora mi manda alle stelle e' servire il cane fermo su beccaccia!!




                Roby72 piace questo post.

                COMMENTA


                • io ancora quell'emozione ce l'ho molto forte.... anche perchè non è molto che caccio il capriolo.. difficile da domare al momento del tiro e mi trovo in difficoltà, devo fare esercizi di respirazione per almeno 5 minuti prima che il battito torni a dei livelli normali cosa che poi non avviene del tutto, essendo un tipo ansioso gia di mio immaginati il mio tremolio alla vista di un capriolo.. cosa che però scompare improvvisamente quando mi rendo conto che non è il capo che devo abbattere.
                  L'emozione piu forte è quando inizia la vagante... proprio il giorno dell'apertura e la mia springerina 11enne ma sempre in ottima forma (sarà tutta la verdura che mangia) mi alza il primo fagiano della stagione.. e li che sia padella o centro.. mi manca il respiro e mi riaffiorano i ricordi di quando da piccolissimo facevo lo stesso ma la mia arma erano gli occhi e il babbo mi usava come carniere
                  SPRINGER TOSCANO piace questo post.

                  COMMENTA


                  • .......continua......
                    Sabato sera....uscita con un amico (un vecchio cacciatore ....recuperatore.....iscritto qua!!)...l' obbiettivo era abbattere un piccolo.
                    Tra l' altro ero curioso di vedere come funziona "il sistema arma", obsoleto ma di altissimo livello di questo mio GRANDE amico.
                    Parcheggiamo percorriamo i 5/600 mt che ci separano dall' appostamento....ci sediamo e, a dire il vero forse parliamo anche troppo a voce alta per tutto il tempo, ma, dopo aver visto una volpe e un maschio adulto. Quando ormai la luce piena del giorno aveva lasciato il posto alle ombre lunghe della sera e il sole stava per sparire all' orizzonte.......ecco che proprio in cima alla collinetta comparire una femmina con un piccolo.
                    La distanza era perfetta....200 mt ma....le due capriole hanno stazionato per tutto il tempo proprio in cima alla collina per cui la traiettoria di tiro a crebbe portato la palla chissa' dove...e ovviamente non abbiamo sparato!
                    Peccato!

                    La mattina di domentica....suona la sveglia ma sono combattuto....non ne ho tanta voglia. Ci penso un pò...poi vedo che non riesco a prendere sonno e...mi alzo.
                    Ho tutto pronto (come sempre la mattina....pena dimenticarmi mezze cose a casa) quindi velocemente col defender raggiungo il "parcheggio" della sera prima.
                    Estraggo l' arma dallo zaino (si ho un nuovo zaino con il porta carabina.....per ora mi sembra comodissimo!!)...binocolo al collo e via.
                    Appena mi affaccio sul campo....mi fermo e sbinocolo.....caxxo...tra "il lustro e il brusco" vedo tre caprioli uno in piedi che mi osserva e gli altri coricati.....mi abbasso e....quasi striscio per una ventina di metri in modo da raggiungere il punto sparo....ogni pochi metri mi fermo e controllo...quello in piedi è la femmina e i coricati mi sembrano due piccoli.
                    Sono al punto sparo. Inserisco il caricatore nella ruger...colpo in canna....sicura....e da sdraiato con sempre lo zaino in spalla osservo direttamente tramite il docter.....conferma...i caprioli sono una femmina e due piccoli.
                    I telemetro è nello zaino e....non mi posso certo mettere ad alzarmi, togliermi lo zaino e telemetrare.....così stimo ad occhio la distanza....180/200 mt.
                    Arrotolo piano piano la custode e la metto sotto il calcio......perfetto, stabilità ottima, appena si alzano scelgo il piccolo.....più piccolo e tento il prelievo.
                    Passano pochi minuti e un' abbaio più basso proveniente da un' altra femmina che non avevo visto li fa alzare ed iniziare a muoversi......la piccola femmina è in fondo alla fila.....la seguo.....al primo stop...sparo....
                    Ora è ferma....perfettamente a cartolina...via la sicura.....croce dietro la spalla....aumento la pressione dell' indice trattenendo il fiato e.....bum il colpo mi sorprende e vedo il capriolo crollare di schianto.

                    Scarico....ripongo l' arma in custode e vado sull' animale.....il colpo è andato alto, perfettamente in linea ma alto e ha interessato la colonna. Eppure ero sicuro di aver mirato e scattato bene....mi viene un dubbio......prendo il telemetro e....la distanza è di "solo" 151 mt!

                    La palla accubond del mio 308, tarando la carabina a 200 mt, vola, a 150 mt alta di 6 cm.....e io non ne ho tenuto conto avendo stimato una distanza di circa 200 mt. se poi a questo si aggiunge che miro sempre un po' più alto dell' ipotetica linea di mezzo.....ecco che potevo per poco fare una sonora padella!!

                    Quest' arma e questo calibro mi stanno dando soddisfazioni ma ecco...la scarsa tensione di traiettoria può essere un problema....ne va sicuramente tenuto di conto di più rispetto a calibri più tesi. Io col 223 col 270 e col 7 remington.....con arma tarata a 200 fino ai 230 non ho mai fatto compensazioni....col 308 invece....va ragionata.

                    Una foto ce l' ho.....ma non è molto bella....vedo se la posso rendere più presentabile e la posto....in onore a questa splendida preda!!
                    Pieffe50 piace questo post.

                    COMMENTA


                    • Pieffe50
                      Pieffe50 commentata
                      Modifica di un commento
                      Springe, non serve sempre il telemetro, impara ad usare il reticolo x stimare le distanze non impegnative. Comunque non credo che da 150 a 200 cali di 6 cm. Prova con il programma balistico a tracciare la traiettoria della palla. Ma l'importante è che il capo sia caduto.
                      Waidmannsheil

                  • Sempre per rimanere in tema di canne corte e 308, io ho un bergare Scout in 308 con canna da 20". Le ho provate davvero tutte con la 135 e con palle Hornady SST da 150 grn e con anche le Sierra da 180.
                    Ma l'unica combinazione che la fa sparare veramente dritto è costituita da 46 grn di 140 dietro una BT da 150 grn.
                    A 100 metri fa praticamente un buco dentro l'altro, ma ho difficoltà a fare rosate strette a 200.
                    A caccia ci ho tirato fino ad ora solo 2 cinghiali uno a 100 metri e l'altro a 140. La carabina ha tirato dritto in entramebe le circostanze ma l'effetto terminale sull'animale non mi ha entusiasmato.
                    Il primo una scrofona di una 70ina di KG presa sulla spalla è andata a terra per poi rialzarsi, ho dovuto doppiare il tiro. Il secondo una porcastrona di una 30ina di kg, presa sempre sulla spalla è clollata sul posto, non si è più rialzata, ma ha stamburellato per diversi minuti.
                    Secondo me ottimo fucile per impieghi particolari in operazini di contenimento, ma non mi da piena fiducia per tiri lunghi su animali coriacei.
                    L'intelligenza è limitata, la stupidità no! - Torraiolo-

                    COMMENTA


                    • Originariamente inviato da Torraiolo Visualizza il messaggio
                      Sempre per rimanere in tema di canne corte e 308, io ho un bergare Scout in 308 con canna da 20". Le ho provate davvero tutte con la 135 e con palle Hornady SST da 150 grn e con anche le Sierra da 180.
                      Ma l'unica combinazione che la fa sparare veramente dritto è costituita da 46 grn di 140 dietro una BT da 150 grn.
                      A 100 metri fa praticamente un buco dentro l'altro, ma ho difficoltà a fare rosate strette a 200.
                      A caccia ci ho tirato fino ad ora solo 2 cinghiali uno a 100 metri e l'altro a 140. La carabina ha tirato dritto in entramebe le circostanze ma l'effetto terminale sull'animale non mi ha entusiasmato.
                      Il primo una scrofona di una 70ina di KG presa sulla spalla è andata a terra per poi rialzarsi, ho dovuto doppiare il tiro. Il secondo una porcastrona di una 30ina di kg, presa sempre sulla spalla è clollata sul posto, non si è più rialzata, ma ha stamburellato per diversi minuti.
                      Secondo me ottimo fucile per impieghi particolari in operazini di contenimento, ma non mi da piena fiducia per tiri lunghi su animali coriacei.
                      Torraiolo.....
                      riguardo la precisione....la canna da 20 dovrebbe consentire al 308 di esprimersi già molto, molto bene. Credo che il problema della non precisione con la sst dipenda da incompatibilità con la palla....capita.
                      Hai provato a caricare la bal tip con la 135? Che passo di rigatura ha il bergara?
                      Se a 100 mt ottieni rosate da un solo foro...mentre a 200 hai difficoltà a fare rosate strette è più facile che i problemi non siano nella combinazione carica/ arma ma...che so, l' ottica che non consente un puntamento sufficientemente preciso (che ottica hai?) o, anche dal tiratore...a 200 metri le difficoltà sono molto maggiori rispetto ai 100.
                      Io per capire se una combinazione è precisa guardo i risultati sulla carta a 100 mt.....a 200 ci sono gli inevitabili (per me) errori di puntamento che possono falsificare il risultato.

                      Riguardo lo stopping power sul cinghiale.....la bal tip non è il massimo.....anzi!! A me, nonostante gli ottimi e constanti risultati sul capriolo, col 270, sul cinghiale mi ha deluso. Disarticolando una spalla ad un verrotto di 50/60 kg tirato da 240 mt senza penetrare in profondità.
                      Il fatto che l animale più grosso si sia addirittura rialzato, mentre sul più piccolo abbia lavorato meglio, mi fa pensare proprio ad una eccessiva espansione.
                      Fossi in te proverei le accubond, stesso peso e stessa carica delle bal tip....credo che non dovrai nemmeno ritarare l' ottica.

                      Per tiri entro i 250 mt (io mi fermerò a 200/230 sul cinghiale) non credo proprio che il 308 difetti potenza o efficacia......ma lo devo verificare.

                      COMMENTA


                      • Non credo che le B.TIP (bellissime palle x precisione e coefficiente balistico) siano palle da sparare ai cinghiali, ne ad altra selvaggina a corta distanza... Eventualmente solo a distanze quasi stratosferiche con calibri spinti e palla pesante/issima.
                        Non tirate alla spalla ma un pelo sopra il cuore (blat) dove si dipartono i principali vari sanguigni e passa il nervo vago. (Sempre meglio usare, dove la carabina accetta, palle a doppio corpo; vedi N.P., Swift, Hmantel ecc..)
                        Gli animali tamburellano per un bel po' anche se fulminati al cervello con tiro chirurgico.

                        COMMENTA


                        • Diciamo che un po' di esperienza ce l'ho e grossi problemi a tirare a 200 mentri non ne ho. Anche perchè le altre carabine che ho questo problema non me lo danno. L'ottica è una Leupold VX1 3-9x50 che uso da anni e anche se non è il massimo, diciamo che per tirare a 200 metri non ha grossi problemi.
                          La 135 l'ho provata anche con le BT, ma proprio non gli piace sul fatto poi che non sia una palla che abbatte pulitamente, ci troviamo in disaccordo.
                          Le acubond le ho provate per tantissimo tempo sia con il 270 che con il 300 wby, fino a quando nonmi sono reso conto che in termini pratici la differenza con le BT era solo nel prezzo di acquisto. La taratura era identica, ma questo a volte succede anche con palle completamente diverse fra loro.
                          Nle 243 stessa taratura con le bt da 95 e con le partition sempre da 95 e nel 257 stessa taratura con le BT da 100 caricate con 72,5 grn di MRP che con le Barnes TSX da 100 caricate con 69,5 grn di Norma 204.
                          Il bergara non so che passo di rigatura abbia, dovrei misurarlo, ma con canna da 20" anche solo per palle da 150 grn dovrebbere essere almeno 1-10 per avere la stessa stabilizzazione di una canna da 56 con passo 1-12 (più o meno).
                          Diciamo pure che per gli standard che mi aspetto dalle mie armi, 5 colpi in 3 cm a 200 metri sono quello che pretendo ( forse sono abituato male, ma le mie, tranne questa sparano tutte così).
                          Cmq se qualcuno ha questa arma ed ga già fatto prove è ben gradito, per il resto grazie per i consigli.
                          L'intelligenza è limitata, la stupidità no! - Torraiolo-

                          COMMENTA


                          • Springer perdonami un appunto, le conclusioni si traggono dopo un po' di animali tirati, perchè con qualche abbattimento fare una statistica o giungere ad una conlusione è un po' come tirare ad indovinare.
                            Prima di dire che le accubond in termini pratici sono come le BT, ci ho tirato, decine e decine di animali. Non sono un profeta, ci mancherebbe e non sono nemmeno dententore della verità assoluta, ma le mie idee (magari non correte) le ho maturate dopo oltre un centinaio di animali tirati in selezione.
                            L'intelligenza è limitata, la stupidità no! - Torraiolo-

                            COMMENTA

                            Pubblicita STANDARD

                            Comprimi

                            Ultimi post

                            Comprimi

                            Unconfigured Ad Widget

                            Comprimi
                            Sto operando...
                            X