annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

ANMVI:maltrattamento animale sfruttato per l'audience

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (42%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • ANMVI:maltrattamento animale sfruttato per l'audience

    Lunedì, 25 Maggio 2015 08:18
    incursioneUso sensazionalistico di animali maltrattati e propaganda antiscientifica. 'ANMVI ad AGCOM: tutelare telespettatori e consumatori La trasmissione di Giulia Innocenzi, lancia il sasso e nasconde la mano. E lo fa agitando il sensazionalismo animalista, facendo del terrorismo alimentare e diffamando la Veterinaria Ufficiale.


    Per questo ANMVI parte dall'ennesimo episodio di disnformazione per chiedere alle autorità preposte e in particolare all'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni di:
    - valutare iniziative - anche sotto il profilo etico- contro l'uso strumentale di immagini e filmati di sofferenza e maltrattamento animale
    - valutare iniziative di tutela dei consumatori contro messaggi antiscientifici e propagandistici tesi ad infondere convinzioni errate sul consumo di carne nell'alimentazione umana
    - valutare iniziative per salvaguardare l'equilibrio dell'informazione giornalistica


    Le incursioni notturne non autorizzate in allevamenti di suini, trasmesse nella puntata 'No carne?' del 21 maggio sfruttano gli animali per uno show televisivo fine a se stesso. E si fanno esse stesse molestia in danno ai maiali. E' ormai una formula televisiva collaudata, quella che mostra il maltrattamento animale in chiave sensazionalista, con inchieste di dubbia buona fede e autenticità, ma cinicamente funzionali alla notorietà, all'audience e agli spot pubblicitari. Lo confermano le reticenze a passare alle vie di fatto e a denunciare i responsabili di illeciti che vengono filmati lasciando che si consumino a beneficio di telecamera. E lo conferma la mancanza di una seria controinformazione sugli animali allevati in Italia.


    Impreparazione disinformazione e cinismo rappresentano il terreno necessario per inscenare un dibattito antiscientifico e apocalittico che colpevolizza il consumo di carni e sparge accuse generalizzate al sistema dei controlli, anziché porsi il dubbio se sia etico sfruttare immagini di sofferenza degli animali in TV e diffamare le istituzioni veterinarie per partito preso.


    Con l'anonimo Veterinario Ufficiale, il programma ha lasciato che si diffamasse un'intera Categoria sotto la copertura dell'anonimato. Una diffamazione di cui si rende responsabile la trasmissione stessa, motivo per cui ANMVI chiede ad 'Anno Uno' di rimediare riabilitando pubblicamente in trasmissione la dignità dei Veterinari della Sanità Pubblica italiana, precisandone i ruoli e i compiti.


    Ufficio Stampa ANMVI

  • #2
    E ci mancherebbe che possono sempre fare quel cavolo che vogliono......... ottima iniziativa intrapresa per controbattere coloro che ci vogliono un gran bene.
    Sono sempre diffidente delle persone a cui non piacciono i cani mentre mi fido tantissimo del cane quando non gli piace una persona.

    COMMENTA


    • #3
      le solite strumentalizzazioni di animalari perversi e in malafede.

      COMMENTA


      • #4
        Originariamente inviato da teresoria Visualizza il messaggio
        le solite strumentalizzazioni di animalari perversi e in malafede.
        dire che gli animalari sono perversi e in malafede è come dire che l'acqua è bagnata
        Dai per scontato che ciò che dai per scontato è sbagliato

        COMMENTA

        Pubblicita STANDARD

        Comprimi

        Ultimi post

        Comprimi

        Unconfigured Ad Widget

        Comprimi
        Sto operando...
        X