annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Volpi animaliste e polli vegani

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (53%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Volpi animaliste e polli vegani

    Mercoledì 09 Luglio 2014

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   volpe e pollo.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 60.8 KB 
ID: 1708231

    Uno dei piu' potenti propulsori del movimento animalista e' l'errata convinzione da parte dei suoi adepti della propria superiorita' morale, ottenuta e costantemente alimentata da una serie di scelte, tra le quali spicca quella del regime alimentare, rigorosamente vegetariano, meglio ancora vegano.

    La propaganda che fomenta queste scelte fa parte di una vera e propria strategia di marketing, infatti tende ad indirizzare il comportamento economico delle sue "vittime", non solo quando le spinge a finanziare direttamente il movimento con donazioni, volontariato o quant'altro, ma anche indirizzando i loro acquisti, con una comunicazione pubblicitaria, forse deprecabile, ma sicuramente ammirabile per capacita' ed efficacia.

    L'esempio piu' lampante ci viene proprio dalla dieta. Per un essere onnivoro, quale e' l'Uomo, scegliere di cibarsi solo di vegetali non e' facile, ma la scelta puo' essere incoraggiata con molti mezzi persuasivi, tra i quali il proporre gli alimenti vegetali con forme, colori e nomi che imitino gli alimenti di origine animale che il soggetto e' abituato normalmente a consumare. Ecco perche' sul mercato compaiono non solo la "bistecca di soia", ma anche "affettato, salame, wurstel, pancetta, porchetta, macinato per ripieni e ragu', filetto, arrosto, maionese, latte", tutti rigorosamente vegetali. Cio' "aiuta" molti indecisi a compiere il passo.

    Ne parlavo qualche sera fa, davanti ad una bella grigliata di manzo e maiale, con un carissimo amico proprietario di supermercati, che mi raccontava quale business ci sia dietro all'alimentazione animalista e cosa spinga le catene ad inserire nei punti vendita un reparto "vegan".

    Ho appreso cosi', come una confezione da 100 grammi di "affettato" vegano (l'etichetta non specifica se affettino la spalla della soia o la coscia del frumento) venga venduta a 2.85 Euro, pari a 28,5 Euro al chilo, quando una vera spalla cotta di suino viene venduta a 7 Euro al chilo, una mortadella buona a 10, a 22 Euro al chilo una vera coscia di Prosciutto di Parma Riserva Oro D.O.P. stagionato 30 mesi.

    E cosi' tutto il resto: un "arrosto" vegano viene venduto a 22 Euro al chilo, un arrosto vero a 10; un "wurstel" vegano viene venduto a 25 Euro al chilo, uno vero a 7; una "maionese" vegana viene venduta a 15 Euro al chilo, una vera a 4; un litro di "latte" vegano viene venduto a 3 Euro, cioe' tre volte tanto quanto viene venduto quello vero.

    Ci sara' dentro l'oro in questi prodotti vegani? Assolutamente no! Sono essenzialmente intrugli di acqua, legumi e soprattutto frumento e soia, il cui prezzo a Listino settimanale della Borsa Merci di Modena e di Bologna e' per il primo di 204 Euro e per la seconda 417 Euro la tonnellata. Al chilo rispettivamente 20 e 40 centesimi… Al chilo la carne di Vitellone (Mezzene) sta a circa 6 Euro.

    Quali sono dunque gli ingredienti segreti per realizzare, con materie prime che costano un quindicesimo o un trentesimo della carne, prodotti che al dettaglio si vendono a tre volte tanto la carne? Altissimi margini per tutti gli attori della filiera, che guarda caso diventano quasi sempre sponsor di chi attua la propaganda, e tanto, tanto, tantissimo marketing!...

    Insomma, tra campagne animaliste varie, certificazioni e marchi "vegan", "cruelty free", ecc. , l'arrosto vegano e' molto piu' fumo che arrosto, ma a chi lo pubblicizza, lo produce o lo vende rende bene… e i polli lo mangiano volentieri!...


    Autore: Massimiliano Filippi, Segretario Generale FederFauna

    fonte:federfauna.org
    CHI AMA LA CACCIA VIVE LA NATURA sigpic

  • #2
    bellissimo, questi vegani che si nutrono di tali prodotti si dimostrano proprio quei "polli" che sono..........in bocca al cocker!!!!!!!!!!

    COMMENTA


    • #3
      Se la mangiassero tutta quella merda che continuano a sponsorizzare
      Un oca che guazza nel fango, un cane che abbaia a comando, la pioggia che cade e non cade, le nebbie striscianti che svelano e velano strade..........Autunno Francesco Guccini

      COMMENTA


      • #4
        tra campagne animaliste varie, certificazioni e marchi "vegan", "cruelty free", ecc. , l'arrosto vegano e' molto piu' fumo che arrosto, ma a chi lo pubblicizza, lo produce o lo vende rende bene… e i polli lo mangiano volentieri!...


        ....................Già i "POLLI" lo mangiano volentieri.....chissà chi saranno poi....????
        Saluti

        COMMENTA


        • #5
          ormai è risaputo che basta poco per far abboccare i pesci.... continuate così aziende cruelty free chi lo sa magari un giorno i vegani riusciranno da soli a risanare il debito pubblico.... adesso vado che è pronto l'arrosto(rigorosamente di carne della mia stalla ottenuta cono metodi tradizionali).
          Buona cena e ibal, a tutti...
          Gabriele.
          P.s. se non rompessero così tanto i cabbasisi ai cacciatori sarebbero da ammirare questi vegani qui....

          COMMENTA


          • #6
            A me certi piatti che sono anche vegani piacciono, e non poco: una bella insalata di pomodori, con del basilico fresco e olio di quello buono, oppure la meravigliosa panzanella, per non tacer della ribollita e dei fagioli all'uccelletto. Però l'unica cosa dichiaratamente vegana, fatta da una ragazza vegana, con burro e latte vegano, era una torta: la cosa più schifosa che mi sia capitato di mangiare.
            Etiam si omnes, ego non.
            -------------------------------------------------------
            " ... noi scateneremo il gatto del sabotaggio se non avremo quel che ci spetta!"
            (“The Harvest Song” di Ralph Chaplin)

            COMMENTA

            Pubblicita STANDARD

            Comprimi

            Ultimi post

            Comprimi

            Unconfigured Ad Widget

            Comprimi
            Sto operando...
            X