annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Il Wwf lancia l’allarme: “In Italia la caccia è fuori controllo”

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (69%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Il Wwf lancia l’allarme: “In Italia la caccia è fuori controllo”

    31/08/2013

    L’associazione ambientalista assegna la maglia nera a Umbria e Marche.

    La caccia riapre in quasi tutta Italia il primo settembre, nonostante la legge 157/92 preveda l’apertura ordinaria la terza domenica di settembre, che quest’anno cade il 15. In 16 regioni ci sarà l’anticipo, che riguarderà complessivamente 14 specie. Considerando che i cacciatori sono circa 750.000, in Italia sarebbe possibile teoricamente abbattere legalmente 15 milioni di tortore, che è la stima di tutta la popolazione europea. Lo denuncia il Wwf, sottolineando che la pre apertura impatta principalmente su una specie, la tortora, che a livello europeo è in costante declino numerico e che in questo periodo è ancora nella fase di nidificazione. Puglia, Calabria, Friuli, Campania hanno previsto la pre-apertura su un’altra specie migratrice in declino, la quaglia, con il parere sfavorevole dell’Ispra. «Purtroppo la gestione venatoria in Italia continua ad essere in balia dell’estremismo venatorio e delle armi e di amministratori compiacenti a cui non importa della sopravvivenza delle loro stesse prede oltre che delle norme comunitarie che le tutelano”, commenta Dante Caserta, presidente Wwf Italia. Per l’associazione del Panda, la «maglia nera» delle regioni «riottose alle norme comunitarie e a provvedimenti della giustizia amministrativa, incuranti delle plurime condanne che hanno umiliato il nostro Paese davanti alla Corte di Giustizia Europea», spetta a due regioni, l’Umbria, che apre a ben 9 specie, e le Marche, in cui si potrà sparare a 8 specie, in entrambi i casi con il parere sfavorevole dell’Ispra. Il colombaccio verrà cacciato in pieno periodo riproduttivo in aperto contrasto con la direttiva comunitaria 147/2009/Ce.

    Wwf scrive a ministeri e Ispra per corretta applicazione direttiva comunitaria “uccelli”
    La Regione Abruzzo aprirà in anticipo pur in assenza dell’obbligatorio Piano Faunistico Venatorio, determinante in base alla legge per iniziare a valutare la possibilità di una pre apertura: questo, ricorda il Wwf, nonostante abbia perso 5 ricorsi al Tar negli ultimi 5 anni, oltre a un ricorso al Consiglio di Stato e a due ricorsi alla Corte Costituzionale. In quest’ultimo caso il Wwf sta valutando un esposto alla magistratura ordinaria per inottemperanza rispetto a provvedimenti giudiziari. Il Wwf ha inviato una nota ai ministeri competenti e alla direzione generale dell’Ispra richiamando gli obblighi dello Stato Italiano per la corretta applicazione della Direttiva Comunitaria «Uccelli», visto che l’Ispra ha concesso parere favorevole su questa specie nonostante dichiari di non sapere quanti individui vengono uccisi ogni anno e manchi un Piano di Gestione Nazionale sulla Tortora. La raccolta preventiva di queste ed altre informazioni sulla dinamica della popolazione sono obbligatorie secondo il Piano di Gestione europeo che è stato redatto già nel 2007 e che prevedeva anche l’obbligo di attuare azioni di miglioramento ambientale che però, sottolinea l’associazione, ancora mancano. Le tortore presenti in questo periodo in Italia provengono in larga parte da popolazioni dell’Europa centrale che sono in declino. Pur ammettendo l’assenza di dati e che «in teoria» per le specie in declino bisognerebbe sospendere l’attività venatoria, l’Ispra applica un «principio di precauzione» concedendo la possibilità di anticipare il periodo di caccia e di abbattere fino a 20 individui nella stagione per cacciatore, senza considerare il fenomeno del bracconaggio, che incide pesantemente sulla fauna.

    Sui social network per dire no alla caccia selvaggia
    Alcune regioni aprono in anticipo su altre specie in declino, come marzaiola, beccaccino e quaglia, o aumentano i giorni di pre apertura. Toscana e Laziohanno assunto provvedimenti per la preapertura in questi giorni, quando per legge il calendario venatorio deve essere varato entro il 15 giugno. Condotta che, denuncia il Wwf, inibisce la possibilità per le associazioni di presentare ricorsi. In Campania, dove il Wwf è riuscito in extremis ad intervenire, il Tar ha infatti sospeso l’apertura anticipata. Anche qui però, come in Abruzzo, nonostante gli annullamenti da parte del Giudice amministrativo a seguito di ricorsi del Wwf negli anni precedenti, «la Regione continua ad approvare atti che violano le leggi nazionali ed europee a tutela della fauna selvatica e degli habitat naturali». L’ultima notizia negativa è del 28 agosto con l’approvazione, da parte del Consiglio regionale, di una modifica della legge regionale sulla caccia in cui si aumentano tempi, luoghi modi di caccia. Il Wwf farà richiesta al Governo per impugnare la nuova legge campana dinanzi alla Corte Costituzionale che ha più volte ribadito che la disciplina della caccia appartiene alla potestà legislativa esclusiva dello Stato in materia di tutela di ambiente ed ecosistema e che le regioni possono modificare la disciplina statale solo per alzare il livello di tutela. A partire da oggi il Wwf lancia sui social network gli appelli al presidente Letta e al ministro dell’Ambiente Orlando per dire no alla caccia selvaggia e chiedere alle istituzioni e ai cacciatori il rispetto delle leggi italiane ed europee per la tutela della fauna selvatica e della natura, ricordando loro che è un dovere ed un obbligo verso l’Europa e la comunità internazionale. E chiede a tutti di dare il proprio contributo scrivendo su https://www.facebook.com/wwfitalia.

    fonte:lastampa.it
    CHI AMA LA CACCIA VIVE LA NATURA sigpic

  • #2
    Questi son pazzi scatenati.......da manicomio.....
    Il vero cacciatore ama gli animali a cui dà la caccia, forse anche perché li considera complici di questa passione in cui ritrova la sua origine esistenziale.
    Indro Montanelli


    Ciao Mauro,amico mio!

    COMMENTA


    • #3
      In miniera a lavorare dovrebbero mandarli, questi vagabondi....
      Filippo

      COMMENTA


      • #4
        Signore perdona loro, perchè non sanno quello che fanno e che dicono.
        Ciao Mauretto, sarai sempre nei miei pensieri.
        Sta il cacciator fischiando
        sull'uscio a rimirar..........

        COMMENTA


        • #5
          Ma questi nn hanno un ca..o da fare!!! vivono la loro vita per sparare ca..ate a ripetizione...ma ke se ne vadano a fanc..o
          nn ,eritano attenzione!!!

          COMMENTA


          • #6
            Originariamente inviato da Rudi4x4 Visualizza il messaggio
            Questi son pazzi scatenati.......da manicomio.....
            questi comandano altro che ciance.

            COMMENTA


            • #7
              Copeve col gas!!!
              Feldmaresciallo Brako Division
              "DAL VENETO A LITTORIA SEMPRE FEDELI ALL'IDEA"
              L'atomica farà pure un bel botto.....ma la bajla fà più male!!!
              Maureeeeeeè sopraaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!

              COMMENTA


              • #8
                _______________.

                COMMENTA


                • #9
                  Wwwfff..........o and company sono fuori controllo, speriamo che qualcuno ci faccia sorridere un giorno per non vederli mai piu'..........
                  Sono sempre diffidente delle persone a cui non piacciono i cani mentre mi fido tantissimo del cane quando non gli piace una persona.

                  COMMENTA


                  • #10
                    Questi fanno il loro lavoro e lo fanno pure bene da anni, non è con quattro insulti che risolvete la situazione.
                    Lando


                    Quando un uomo con la pala incontra un uomo con la pistola scarica, l'uomo con la pistola scarica è un uomo morto!

                    COMMENTA


                    • #11
                      Originariamente inviato da lando Visualizza il messaggio
                      Questi fanno il loro lavoro e lo fanno pure bene da anni, non è con quattro insulti che risolvete la situazione.
                      esatto ti quoto al 1000%.le battute varie servono a niente.

                      COMMENTA


                      • #12
                        qui se ci sono qualcuno fuori controllo sono proprio loro e tutte le altre varie associazioni ( onlus ) ambientaliste e animaliste, la caccia come ristretta e piena di regolamenti e leggi come cè qua in Italia non cè nel resto dell' Europa. quindi vedano di andare a rompere le palle da un altra parte, e pensino a fare il loro lavoro, visto che ogni anno noi paghiamo multe salate dalla commissione Europea per l'ambiente. mentre per la caccia non sono arrivate mai multe dalla Europa. e ribadisco che loro prendono sovvenzioni dallo stato ogni anno e parlo di milioni di euro, ma questo non fa niente, e che tanta gente vive nella ignoranza su tutte queste cose compresi ricorsi al tar che ovviamente paghiamo noi.

                        COMMENTA


                        • #13
                          mi ha fatto sorridere la parte dell' abbattimento di tutta la popolazione di tortore in europa se consideriamo le mattanze all' estero...

                          COMMENTA


                          • #14
                            Non sanno nemmeno fare i conti!!!
                            Potenzialmente non sono 15 milioni perchè vorrebbe dire che ogni cacciatore ne abbatte 20! Almeno qui in Toscana se ne può prendere solo 10 quindi il numero diminuisce considerevolmente e molti cacciatori la preapertura non l'hanno fatta (io sono uno di quelli). Per quello che ne so poi in alcune regioni la preapertura non è stata concessa quindi altri meno.
                            Forse sarebbe il caso che gli avvocati delle AAVV facessero qualche querela per diffamazione e falsa informazione! Ma credo che sia una speranza vana!

                            COMMENTA


                            • #15
                              Non dovremmo rispondere noi a queste fesserie ma dovrebbero pensarci le associazioni venatorie e chi dovrebbe tutelarci... Questi ogni giorno ne trovano una (fanno bene il loro mestiere di rompica.....o) ma altrettanto dovrebbero fare i nostri "difensori" mentre invece si preferisce lasciar stare e far finta di niente... Loro sono attivi noi siamo (come si dice dalle mie parti) "bighelloni" che fa rima con c.......................oni!!!)
                              Non dire gatto se non l'hai nel sacco!!!

                              COMMENTA

                              Pubblicita STANDARD

                              Comprimi

                              Ultimi post

                              Comprimi

                              Unconfigured Ad Widget

                              Comprimi
                              Sto operando...
                              X