annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

maltrattamento a cani e richiami: della serie facciamoci male da soli..

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (42%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • maltrattamento a cani e richiami: della serie facciamoci male da soli..

    dal giornale di vicenza del 22marzo:

    Maltrattava cani e volatili» Multe e denunce a cacciatore
    ORGIANO. Le guardie zoofile sono intervenute dopo una segnalazione in una fattoria a Pilastro
    22/03/2013 e-mail print A
    Zoom Foto
    Un cane era legato a una catena attorcigliata all'attrezzo agricolo Cani attorcigliati ad una catena, impossibilitati a muoversi per non rischiare di impiccarsi. Un cucciolo morto di freddo mentre cercava di raggiungere la mamma, legata ad un attrezzo agricolo. Uccelli da richiamo chiusi in una stanza con acqua putrida e cibo rancido, con la gabbia sommersa dalle feci. Questa è la scena, definita dalle guardie zoofile dell'Enpa «terribile», che si sono trovate in una fattoria di Pilastro. Quindici cani e una trentina di uccelli da richiamo vivevano in condizioni disastrose. Al proprietario delle bestiole, che è anche il vicepresidente della sezione di Orgiano dell'Associazione cacciatori veneti, Franco Marini, 55 anni, sono state elevate 12 sanzioni amministrative e tre denunce penali. Inoltre, sono stati eseguiti tre sequestri e due segnalazioni per deposito irregolare di materiali. Tutto è partito da una lettera anonima recapitata all'Enpa di Vicenza. Quando le guardie volontarie si sono presentate nel cortile dell'abitazione, hanno riscontrato condizioni di vita degli animali peggiori di quanto si aspettavano. «Una femmina di setter aveva avvolto la catena attorno ad un palo e ad un mezzo agricolo - ricorda Renzo Rizzi, portavoce del Coordinamento protezionistico vicentino (Cpv) -. Non poteva muovere la testa perché facendolo rischiava l'impiccagione». Così in quelle condizioni il cane non poteva raggiungere né cibo né acqua. «Due femmine, setter e bretone, si erano impigliate e aggrovigliate con le loro catene - continua Rizzi -. Qualche ora prima, la setter aveva partorito quattro cuccioli, ma non riusciva più a raggiungerli. I piccoli, rimasti all'addiaccio, erano intirizziti dal freddo». Uno di loro è andato a cercare la mamma, però essendo ancora cieco, è morto pochi metri più in là. Anche uno spinone era legato e non riusciva più a rientrare nella cuccia. Solo due di questi esemplari da caccia erano stati iscritti regolarmente all'anagrafe canina. Sette cuccioli di segugio di circa sette mesi (nessuno iscritto all'anagrafe canina), con i loro genitori, erano ricoverati in un box esterno. Le cucce erano danneggiate e non permettevano un riparo, «tanto che i poveri animali avevano scavato delle buche nel terreno per ripararsi dalle intemperie». Gli uccelli erano stipati in uno stretto deposito senza finestre. Tordi, merli e cesene avevano abbeveratoi e mangiatoie ricolmi di cibo raffermo e guano. L'ambiente era talmente malsano che alcune guardie non sono riuscite ad entrare, tanto era nauseabondo l'odore. Sono stati trovati due merli privi di anello, e un pettirosso, appartenente ad una specie protetta (tutti e tre sequestrati). L'intera documentazione è stata consegnata in procura. Marini, amareggiato dalla vicenda, fa sapere che per ora non intende parlarne. Il presidente Acv di Orgiano Giovanni Zanchetta è arrabbiato: «Non penso che la situazione fosse così disastrosa com'è stata descritta dalle guardie zoofile. Sulla correttezza di queste persone che si presentano in casa di altri come liberatori degli animali avrei molto da obiettare». L'eurodeputato Andrea Zanoni plaude alle guardie Enpa e si augura che «la magistratura vada fino in fondo». Il caso detona in una situazione complessa per i cacciatori di Orgiano, in contrasto tra loro. Alcuni si riconoscono nell'Anuu Migratoristi, con a capo Eleonora Vignato. Altri, come Marini, sono iscritti all'Acv.
    .."solo quando l'ultimo fiume sarà prosciugato, quando l'ultimo albero sarà abbattuto, quando l'ultimo pesce sarà pescato, solo allora capirete che il denaro non si mangia.".. (Toro Seduto - capo dei Sioux Lakota)

  • #2
    se solo la metà di quello che è stato scritto è vero basta e avanza per fare pensare (almeno me).....in bocca al cocker!!!!!

    COMMENTA


    • #3
      se tutto e' vero spero gli facciano un bel culo.....comunque il diffidare e' basilare quando ci sono di mezzo gli ambientalisti
      Un oca che guazza nel fango, un cane che abbaia a comando, la pioggia che cade e non cade, le nebbie striscianti che svelano e velano strade..........Autunno Francesco Guccini

      COMMENTA


      • #4
        mah?.......concordo sul maltrattamento dei cani..anche se bisogna vedere se il tutto corrisponde a verità....per quanto riguarda i volatili...boh?io pulisco normalmente i richiami 2 volta a settimana e devo dire con tutta sincerità che se mi controllano il giorno della pulizia ma prima che io la faccia allora mi prendo anche io una denuncia??perchè chiaro ci saranno escrementi sul fondo della gabbia ci sarà qualche abbeveratoio sporco...mah?secondo me un po' di buon senso sulle cose ci deve essere se no tutti in prigione.......
        Casadur de la festa o chel piof o chel tempesta

        COMMENTA

        Pubblicita STANDARD

        Comprimi

        Ultimi post

        Comprimi

        Unconfigured Ad Widget

        Comprimi
        Sto operando...
        X