annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Fateve 'na bistecca... Quando la scienza dimostra quello che noi sappiamo benissimo..

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (50%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Fateve 'na bistecca... Quando la scienza dimostra quello che noi sappiamo benissimo..

    date un'occhiata...
    Poveri animalisti: non solo il nostro cibo caga sul loro, non solo le loro fonti proteiche (soia e Tofu) hanno le stesse proprietà organolettiche delle feci, ma adesso la scienza dimostra che il nostro cibo è anche salubre e, mangiato nella giusta quantità e nel giusto modo, niente affatto cancerogeno e soprattutto fondamentale per la salute..
    Oltre che, ovviamente, meravigliosamente buono
    http://www.dagospia.com/rubrica-29/c...-fa-186104.htm
    A Cimbellatore, oreip e 7 altri utenti piace questo post.
    La cosa più importante per un cacciatore non è prendere qualcosa, ma essere là a cercarla.
    (Norman Winter)

    Signore, aiutami ad essere l'uomo che il mio cane crede che io sia (antica preghiera)

  • #2
    Voglio esser piacevolmente "politically incorrect" : ma perche' du' bistecchine del cavallo abbattuto all'ultimo Palio di Siena ?!? Ma si dai .....al sangue co' du' semini de finocchietto selvatico !

    ' Sti dementi con la rossa in testa che vorrebbero cancella' tradizioni secolari invidiate nel mondo per la morte d'un cavallo.....pensa come stanno messi ! Ma io me la prendo con quei mentecatti della carta stampata che gli danno pure credito...loro porelli nun so' capaci d'intende e di volere,anche se li colloco alla stessa stregua dell'isis, testimoni di geova ecc.....andrebbero quantomeno internati e sottoposti a tso !

    Tanti saluti....soprattutto a loro se leggono.
    A Cimbellatore, walker960walker e 4 altri utenti piace questo post.

    "e si cara bella gente,staro' li' a sogna' beatamente....perche' in fonno de 'sto poro monno,ormai,nun me ne po' proprio piu' frega'niente!

    Anzi....mo' ve lo dico: con grande gioia rincontrero' n'Amico!"

    CIAO MAURE' !!!

    Tributo al piu' grande.......clicca sotto !!!
    https://www.youtube.com/watch?v=bYTJ-MzxkkY

    COMMENTA


    • #3
      Saluti a tutti! Mi dispiace caro Achille ma la carne di cavallo abbattuto dopo incidente al Palio di Siena io non la mangio! troppa adrenalina rilasciata quindi dura e immangiabile, una bistecchina di vannino? Certo che si!

      Ciao Achille!
      Claudio.
      ....a caccia come nella vita, nella vita come a caccia....

      COMMENTA


      • #4
        Purtroppo la bramby pur non raggiungendo lo 0,... Ha fatto un Intesa col berlusca strategica, che le ha dato un potere mediatico non indifferente, difatti sul tg5 e su striscia, con un pretesto o l'altro trovano sempre l'occasione per difendere gli animali (anche di allevamento) e sputare fuoco sui cacciatori...
        per fortuna che la stragrande maggioranza del popolo Italiano che tribola per arrivare alla fine del mese non da peso a certe cose, (o almeno me lo auguro).
        In ogni caso W LA CICCIA!
        ENJOY HUNTER
        Quando ti è andata male,
        Pensa che sarebbe potuta andare anche peggio.

        COMMENTA


        • #5
          si,infatti,e guarda che fine ha fatto il vecchio strafatto,il suo partito non conta più una benemerita.se nel suo liquefatto cervello riemergerero i tempi in cui il boia si professava presidente cacciatore...meschino!

          COMMENTA


          • #6
            E meglio ancora del manzo, del maiale, e dei polli, tutti allevati e ingrassati con ormoni, antibiotici e schifezze varie, una bella bistecca (o anche due o tre) di carne di ungulato selvatico--magra e a colesterolo bassissimo. E, per carita', evitate il pesce ed i crostacei d'allevamento, trattati anch'essi con antibiotici e mangimi carichi di ormoni della crescita e/o allevati in acqua contaminata dalle loro feci. Salmone? Si', ma soltanto quello selvatico. Costa di piu' ma e' piu' buono e fa veramente bene.. Per quelli che non conoscono i salmoni: il "keta" e' il peggiore, il "rosso" (sockeye) e il king (Chinook) e il coho (silver, o argentato) i migliori. Il salmone rosa (pink, o "humpie") se e' appena catturato a mare e prima che cominci ad adattarsi all'acqua dolce alle foci dei fiumi e' ottimo, ma una volta adattato all'acqua dolce e sempre e comunque dopo refrigerazione e/o surgelamento diventa mediocre, molliccio e viscido. Se comprate il salmone intero, evitate Chinook, sockeye e coho che hanno preso di rosso, e il rosa se e' scuro di sopra e bianco latteo sotto. Questi sono salmoni che sono gia entrati in acqua dolce, hanno smesso di mangiare ed hanno perduto il grasso che ne rende ottime e salutari le carni. Il keta (dog salmon, o chum salmon) e' usato dai Nativi dell'Alaska e Canada come cibo per cani. Lo pescano con trappole di vari tipi, e lo lasciano congelare all'aperto in grandi cataste, come quelle della legna, per nutrire i cani da slitta.
            Fra il pescato d'ellevamento da evitare a tutti i costi, la tilapia (carne insulsa e povera di Omega-3 anche se allevata in acqua pulita) i gamberi della Tailandia e di altri paesi orientali, i filetti di pesce gatto e simili del Vietnam, tutti pesci e crostacei allevati in acqua "dolce" contaminata da feci umane e trattati senza alcun riguardo per l'igiene dopo il raccolto.
            Il pesce piu' salutare per il sistema cardiocircolatorio e' il salmone selvatico dell'Alaska, specialmente lo Chinook, il sockeye, e il coho. Non vi fate fregare dal salmone d'allevamento scandinavo o del Cile. Meglio un buon baccala' delle porcherie fresche o surgelate d'allevamento. Purtroppo, adesso che da 5+anni ho lasciato l'Alaska, il mio surgelatore non e' piu' pieno di salmoni (presi da me e mia moglie), e ogni tanto, quando lo trovo al supermercato, compro un paio di filetti freschi, mai surgelati, di salmone rosso (sockeye) dell'Alaska. Ma mi costa un occhio della testa. Molto piu' spesso ordino il cefalo fresco del Golfo del Messico, gia' sfilettato, spinato e squamato. Infarinato e fritto e' favoloso. E' cefalo di mare, non di laguna o di fiume o di porto, e non sa di fango o di nafta. E costa relativamente poco. E naturalmente compro anche i gamberoni del Golfo del Messico, pescati nelle acque della costa dell'Alabama. Squisiti alla piastra. 7 o 8 costituiscono una bella porzione. Non mi fanno rimpiangere troppo i granchi giganti dell'Alaska, che pescavo con le nasse.
            Vegani? Poveracci! Gente contro natura destinata ad estinguersi o a popolare con i loro discendenti le istituzioni per bambini subnormali.
            E per il piacere degli animalZisti che ci leggono, l'altro ieri ho spiccato la testa di uno dei miei galli con una schioppettata, e ce lo siamo pappato a cena la sera stessa e anche ieri sera, tanto era grosso. Al forno con patate, aglio, rosmarino, sale e olio EVO.

            CHI SE FA PECORA OBBEDISCE AR PECORARO!

            COMMENTA


            • Willow_01
              Willow_01 commentata
              Modifica di un commento
              Beh, io in genere il pesce me lo procuro da solo... con l'arbalete, a stagione di caccia chiusa, ovviamente.
              qui pesce americano arriva poco, e quel poco costa un occhio della testa.
              Tempo fa ho visto un servizio in televisione, per quello che possa valere la televisione, in cui parlavano del salmone europeo, e, nello specifico mi pare del salmone scozzese, dicevano che era allevato (come tutti) e che un kilo di questo salmone aveva un quantitativo di diossina, a causa dei mangimi, pari al quantitativo massimo che un essere umano può ingerire... in un ANNO...
              Comunque, stradaccordo sull'evitare pesce allevato, magari mangiarlo una volta in meno ma quando lo si compra, comprare quello pescato

          • #7
            Originariamente inviato da giovannit. Visualizza il messaggio
            E meglio ancora del manzo, del maiale, e dei polli, tutti allevati e ingrassati con ormoni, antibiotici e schifezze varie, una bella bistecca (o anche due o tre) di carne di ungulato selvatico--magra e a colesterolo bassissimo. E, per carita', evitate il pesce ed i crostacei d'allevamento, trattati anch'essi con antibiotici e mangimi carichi di ormoni della crescita e/o allevati in acqua contaminata dalle loro feci. Salmone? Si', ma soltanto quello selvatico. Costa di piu' ma e' piu' buono e fa veramente bene.. Per quelli che non conoscono i salmoni: il "keta" e' il peggiore, il "rosso" (sockeye) e il king (Chinook) e il coho (silver, o argentato) i migliori. Il salmone rosa (pink, o "humpie") se e' appena catturato a mare e prima che cominci ad adattarsi all'acqua dolce alle foci dei fiumi e' ottimo, ma una volta adattato all'acqua dolce e sempre e comunque dopo refrigerazione e/o surgelamento diventa mediocre, molliccio e viscido. Se comprate il salmone intero, evitate Chinook, sockeye e coho che hanno preso di rosso, e il rosa se e' scuro di sopra e bianco latteo sotto. Questi sono salmoni che sono gia entrati in acqua dolce, hanno smesso di mangiare ed hanno perduto il grasso che ne rende ottime e salutari le carni. Il keta (dog salmon, o chum salmon) e' usato dai Nativi dell'Alaska e Canada come cibo per cani. Lo pescano con trappole di vari tipi, e lo lasciano congelare all'aperto in grandi cataste, come quelle della legna, per nutrire i cani da slitta.
            Fra il pescato d'ellevamento da evitare a tutti i costi, la tilapia (carne insulsa e povera di Omega-3 anche se allevata in acqua pulita) i gamberi della Tailandia e di altri paesi orientali, i filetti di pesce gatto e simili del Vietnam, tutti pesci e crostacei allevati in acqua "dolce" contaminata da feci umane e trattati senza alcun riguardo per l'igiene dopo il raccolto.
            Il pesce piu' salutare per il sistema cardiocircolatorio e' il salmone selvatico dell'Alaska, specialmente lo Chinook, il sockeye, e il coho. Non vi fate fregare dal salmone d'allevamento scandinavo o del Cile. Meglio un buon baccala' delle porcherie fresche o surgelate d'allevamento. Purtroppo, adesso che da 5+anni ho lasciato l'Alaska, il mio surgelatore non e' piu' pieno di salmoni (presi da me e mia moglie), e ogni tanto, quando lo trovo al supermercato, compro un paio di filetti freschi, mai surgelati, di salmone rosso (sockeye) dell'Alaska. Ma mi costa un occhio della testa. Molto piu' spesso ordino il cefalo fresco del Golfo del Messico, gia' sfilettato, spinato e squamato. Infarinato e fritto e' favoloso. E' cefalo di mare, non di laguna o di fiume o di porto, e non sa di fango o di nafta. E costa relativamente poco. E naturalmente compro anche i gamberoni del Golfo del Messico, pescati nelle acque della costa dell'Alabama. Squisiti alla piastra. 7 o 8 costituiscono una bella porzione. Non mi fanno rimpiangere troppo i granchi giganti dell'Alaska, che pescavo con le nasse.
            Vegani? Poveracci! Gente contro natura destinata ad estinguersi o a popolare con i loro discendenti le istituzioni per bambini subnormali.
            E per il piacere degli animalZisti che ci leggono, l'altro ieri ho spiccato la testa di uno dei miei galli con una schioppettata, e ce lo siamo pappato a cena la sera stessa e anche ieri sera, tanto era grosso. Al forno con patate, aglio, rosmarino, sale e olio EVO.
            Ciao Giovanni ma a salmoni andavi nel Kenai River?......C'e stato un mio amico a pesca verso la fine dello scorso Agosto ed al ritorno mi ha fatto vedere le foto.....che dire, posti da favola e pesci meravigliosi per non parlare degli orsi che, a distanza relativamente breve, erano intenti alla cattura dei salmoni quasi non curanti della loro presenza.

            Un saluto
            Alberto

            COMMENTA


            • #8
              Originariamente inviato da teufel.35 Visualizza il messaggio

              Ciao Giovanni ma a salmoni andavi nel Kenai River?......C'e stato un mio amico a pesca verso la fine dello scorso Agosto ed al ritorno mi ha fatto vedere le foto.....che dire, posti da favola e pesci meravigliosi per non parlare degli orsi che, a distanza relativamente breve, erano intenti alla cattura dei salmoni quasi non curanti della loro presenza.

              Un saluto
              Alberto
              Io abitavo a Kodiak, che e' un'isola ed e' ricchissima di salmoni. Si comincia a Maggio/Giugno con i sockeye (red, rossi--ma prima che diventino rossi), poi a Luglio cominciano ad arrivare i salmoni rosa, e poi ad Agosto/Settembre arrivano i coho. I salmoni reali (Chinook o king salmon) e' da pochi anni che arrivano, a Luglio, sono una specie introdotta liberando avannotti (prelevati come uova da femmine selvatiche catturate e fecondate coln lo sperma di maschi anch'essi selvatici, e poi tenute in vasche speciali fino alla nascita degli avannotti) in un paio di fiumi. Questi avannotti tornano al mare, e quelli che sopravvivono a milioni di pericoli ritornano dopo 5 anni ai fiumi da dove provennero per riprodursi.). Poi ci sono i salmerini (Dolly Varden) che svernano in acqua dolce, scendono in mare a Maggio, e in autunno tornano in acqua dolce a riprodursi e a svernare in acque profonde in laghi e fiumi, sotto il ghiaccio. A mare ci sono merluzzi del Pacifico, halibut (mia moglie, dalla nostra barca, ne prese una volta uno di un quintale e mezzo), granchi giganti, dei perciformi nero-violacei che assomigliano ai boccaloni ma sono squisiti, "ling" (non so come si chiamino in italiano)--insomma, un po' di tutto. Io ho spesso pescato con orsi Kodiak a venti metri da me. Pero' portavo sempre a spalla una Marlin a leva cal .450 Marlin... non si sa mai. Io pescavo quasi sempre a mosca con la "coda di topo," ma nei fiumi piu' grandi, dove bisognava raggiungere i coho nel mezzo della corrente, a distanze impensabili per la pesca a mosca, usavo la canna a spinning con grossi cucchiaini girevoli in genere arancione fluorescente, come i giubbetti dei cinghialari. Quando entrano in acqua dolce i salmoni smettono di mangiare, e aggrediscono cucchiai e mosche soltanto per la loro innata aggressivita'. Forse cercano di uccidere questi strani "esseri" perche' li considerano una minaccia per le loro uova. Chissa'. Abboccano anche a pezzi d'ovaia di salmone, chissa' perche', perche' poi non le ingoiano. Io pescavo salmoni e salmerini spessissimo. Quando arrivavano quelli rosa a volte ne catturavo e rilasciavo una trentina in un paio d'ore, tenendomi soltanto tre o quattro dei piu' belli e piu' "freschi" (cioe' quelli appena entrati in acqua dolce che ancora non avevano cominciato la trasformazione--da verdognoli sul dorso e argentei sui fianchi e pancia a nerastri sul dorso e bianco-latte su fianchi e pancia. Inoltre i maschi siluppano una grossa gobba sul dorso, e il loro muso si allunga e si arqua, e sviluppa denti da cane. Tutti i maschi di tutte le specie di salmoni del Pacifico mostrano questa deformazione del muso durante l'accoppiamento.). I coho erano la mia passione. A parte le eccellenti carni arancione, lottavano come matti. Un pesce di 6 o 7 kg che lotta strenuamente a lungo e' un rivale ragguardevole, specialmente se come facevo io per lanciare piu' lontano si usa un nylon da 8 libbre. Se non lavori di frizione ti spezzano la lenza in un amen. Poi non ti dico quando li allami con la coda di topo nei fiumi piu' piccoli. Corrono su e giu' per il fiume e devi inseguirli lungo la riva. A volte ci vuole una mezz'ora per portarli a riva. Ancora mi ricordo un coho enorme che allamai in una zona remota. Scese come un lampo con la corrente, dirigendosi verso i rami di un albero caduto in acqua. Non avevo scelta. Cercai di fermarlo, mettendo pressione sul "backing" di dacron della coda di topo (che era filata tutta via dal mulinello. Fece una doppia capriola in aria e spezzo' il finale da 10 libbre come fosse stato un capello. Sara' stato intorno agli 8 o 9 kg.
              29 anni di pacchia alieutica. Adesso soltanto ricordi. Qui in Alabama la pesca d'acqua dolce e' roba da poco, e a parte i pesci gatto, che possono raggiungere dimensioni ragguardevoli e che mi piacciono (di sapore e consistenza sono uguali all'anguilla e come l'anguilla hanno poche spine), il resto (boccaloni e persichetti "giganti" fino ai 4 etti l'uno) sono tutti testa, budella, pinne spinose come pungiglioni, squame e spine dure. E di sapore sanno di poco. A mare, dalla spiaggia, si possono prendere parecchi pesci, razze e squali inclusi, molti dei quali ottimi da mangiare, ma ancora non ho provato a fare questo tipo di pesca, anche perche' le regolamentazioni sono tante e complicate, e io non conosco le specie di pesci coperti da tali regole, e temo di prendere una multa per aver trattenuto un pesce protetto o fuori stagione. Dovrei andare con qualcuno pratico per imparare tutto di nuovo. E come si dice da noi, e' difficile insegnare trucchi nuovi a un cane vecchio.
              CHI SE FA PECORA OBBEDISCE AR PECORARO!

              COMMENTA


              • #9
                Originariamente inviato da giovannit. Visualizza il messaggio

                Io abitavo a Kodiak, che e' un'isola ed e' ricchissima di salmoni. Si comincia a Maggio/Giugno con i sockeye (red, rossi--ma prima che diventino rossi), poi a Luglio cominciano ad arrivare i salmoni rosa, e poi ad Agosto/Settembre arrivano i coho. I salmoni reali (Chinook o king salmon) e' da pochi anni che arrivano, a Luglio, sono una specie introdotta liberando avannotti (prelevati come uova da femmine selvatiche catturate e fecondate coln lo sperma di maschi anch'essi selvatici, e poi tenute in vasche speciali fino alla nascita degli avannotti) in un paio di fiumi. Questi avannotti tornano al mare, e quelli che sopravvivono a milioni di pericoli ritornano dopo 5 anni ai fiumi da dove provennero per riprodursi.). Poi ci sono i salmerini (Dolly Varden) che svernano in acqua dolce, scendono in mare a Maggio, e in autunno tornano in acqua dolce a riprodursi e a svernare in acque profonde in laghi e fiumi, sotto il ghiaccio. A mare ci sono merluzzi del Pacifico, halibut (mia moglie, dalla nostra barca, ne prese una volta uno di un quintale e mezzo), granchi giganti, dei perciformi nero-violacei che assomigliano ai boccaloni ma sono squisiti, "ling" (non so come si chiamino in italiano)--insomma, un po' di tutto. Io ho spesso pescato con orsi Kodiak a venti metri da me. Pero' portavo sempre a spalla una Marlin a leva cal .450 Marlin... non si sa mai. Io pescavo quasi sempre a mosca con la "coda di topo," ma nei fiumi piu' grandi, dove bisognava raggiungere i coho nel mezzo della corrente, a distanze impensabili per la pesca a mosca, usavo la canna a spinning con grossi cucchiaini girevoli in genere arancione fluorescente, come i giubbetti dei cinghialari. Quando entrano in acqua dolce i salmoni smettono di mangiare, e aggrediscono cucchiai e mosche soltanto per la loro innata aggressivita'. Forse cercano di uccidere questi strani "esseri" perche' li considerano una minaccia per le loro uova. Chissa'. Abboccano anche a pezzi d'ovaia di salmone, chissa' perche', perche' poi non le ingoiano. Io pescavo salmoni e salmerini spessissimo. Quando arrivavano quelli rosa a volte ne catturavo e rilasciavo una trentina in un paio d'ore, tenendomi soltanto tre o quattro dei piu' belli e piu' "freschi" (cioe' quelli appena entrati in acqua dolce che ancora non avevano cominciato la trasformazione--da verdognoli sul dorso e argentei sui fianchi e pancia a nerastri sul dorso e bianco-latte su fianchi e pancia. Inoltre i maschi siluppano una grossa gobba sul dorso, e il loro muso si allunga e si arqua, e sviluppa denti da cane. Tutti i maschi di tutte le specie di salmoni del Pacifico mostrano questa deformazione del muso durante l'accoppiamento.). I coho erano la mia passione. A parte le eccellenti carni arancione, lottavano come matti. Un pesce di 6 o 7 kg che lotta strenuamente a lungo e' un rivale ragguardevole, specialmente se come facevo io per lanciare piu' lontano si usa un nylon da 8 libbre. Se non lavori di frizione ti spezzano la lenza in un amen. Poi non ti dico quando li allami con la coda di topo nei fiumi piu' piccoli. Corrono su e giu' per il fiume e devi inseguirli lungo la riva. A volte ci vuole una mezz'ora per portarli a riva. Ancora mi ricordo un coho enorme che allamai in una zona remota. Scese come un lampo con la corrente, dirigendosi verso i rami di un albero caduto in acqua. Non avevo scelta. Cercai di fermarlo, mettendo pressione sul "backing" di dacron della coda di topo (che era filata tutta via dal mulinello. Fece una doppia capriola in aria e spezzo' il finale da 10 libbre come fosse stato un capello. Sara' stato intorno agli 8 o 9 kg.
                29 anni di pacchia alieutica. Adesso soltanto ricordi. Qui in Alabama la pesca d'acqua dolce e' roba da poco, e a parte i pesci gatto, che possono raggiungere dimensioni ragguardevoli e che mi piacciono (di sapore e consistenza sono uguali all'anguilla e come l'anguilla hanno poche spine), il resto (boccaloni e persichetti "giganti" fino ai 4 etti l'uno) sono tutti testa, budella, pinne spinose come pungiglioni, squame e spine dure. E di sapore sanno di poco. A mare, dalla spiaggia, si possono prendere parecchi pesci, razze e squali inclusi, molti dei quali ottimi da mangiare, ma ancora non ho provato a fare questo tipo di pesca, anche perche' le regolamentazioni sono tante e complicate, e io non conosco le specie di pesci coperti da tali regole, e temo di prendere una multa per aver trattenuto un pesce protetto o fuori stagione. Dovrei andare con qualcuno pratico per imparare tutto di nuovo. E come si dice da noi, e' difficile insegnare trucchi nuovi a un cane vecchio.
                Piccolo ot......in risposta a Giovanni

                Prima di tutto grazie mille per la risposta molto dettagliata sui salmoni, salmerini ecc. Certo che, per un appassionato di caccia e pesca, quelle sono zone che rappresentano il paradiso......... per le quali percepisco una tua nostalgia che comprendo perfettamente.
                Comunque che tu abitassi a Kodiak lo sapevo perche' ti seguivo, in altra piattaforma, prima ancora della tua partenza per l'Alabama ed averti ritrovato qui' per me e' stata una bella sorpresa.

                Un caro saluto a te e famiglia
                Alberto

                Fine ot

                COMMENTA


                • #10
                  Sono d'accordo al consumo della carne rossa, (ne sono ghiottissimo), e che non faccia male come dicono da dieci anni. Ma attenzione però! C'è da considerare seriamente cosa si mangia. O si conosce molto bene il macellaio, nel senso che si deve essere amici al di fuori del suo lavoro o è meglio andare per stalle "povere" quelle che hanno 2/3 vitelli, (non so da voi, qui ancora si trovano, di quelle insomma che crescono due vitelli, uno per il fabbisogno familiare e l'altro lo vendono per recuperare le spese sostenute per la crescita). Mettersi d'accordo in quattro persone e dividerlo. oppure per chi ha la possibilità, crescerlo di persona, al peso di 250/300 kg, macellarlo e selezionarlo per riporre il tutto in congelatore.
                  Tutto questo perchè, siamo ......in italia e il furbetto è sempre pronto a speculare con modi facili ma dannosi.
                  Anche se vi sono controlli.... se va be! ci sono modi per aggirarli, che moooolti adottano, producendo carni di bassissima qualità e pericolosa per il nostro organismo, ed è questa quella che fa male e che ha indotto i vegani&company al grido d'allarme. per il resto.....w la ciccia!
                  Ciao Mauretto, sarai sempre nei miei pensieri.
                  Sta il cacciator fischiando
                  sull'uscio a rimirar..........

                  COMMENTA


                  • #11
                    Quando per l'eta' avanzata dovro' prima o poi--meglio poi--smettere di cacciare (ho 70 anni), ho gia' fatto piani per la ciccia salutare. Posseggo un bel pascolo dove pascolano allo stato brado fino a 50 capi di bestiame a seconda della stagione, bestiame che appartiene ad un mio amico che in cambio dell'uso che fa del mio pascolo mi fa lavori vari. Comprero' da lui un vitellino nato sul mio pascolo, e quando e' grande abbastanza lo faro' abbattere, macellare e impacchettare da un macellaio di professione. Differentemente dal bestiame del mio amico, che quando lui lo vende viene ingrassato col mais per qualche tempo prima di essere macellato, il mio vitello il mais non lo vedra' mai. Sara' nutrito solo con l'erba del mio pascolo ed avra' la carne magra e di basso colesterolo quasi come quella dei cervi. Niente ormoni, niente antibiotici--solo erba da primavera ad autunno e fieno di erba locale durante l'inverno. Un bel vitellone sara' piu' che abbastanza per me e mia moglie e anche per la famiglia di mia figlia, alla quale mandero' via UPS/air parte della la carne surgelata.
                    CHI SE FA PECORA OBBEDISCE AR PECORARO!

                    COMMENTA


                    • #12
                      La ciccia bona? Ce l'ha massimo, il mì compagno di caccia, ha la macelleria da..... sempre.
                      Se venite a Livorno e volete la carne buona ma per davvero, non avete che da chiedere
                      colombaccio a curata............erezione assicurata!

                      COMMENTA


                      • #13
                        Proprio dù giorni fa ?
                        File allegati
                        colombaccio a curata............erezione assicurata!

                        COMMENTA


                        • #14
                          to,in culo a quei mangiagesso!

                          COMMENTA


                          • #15
                            Originariamente inviato da giovannit. Visualizza il messaggio
                            Quando per l'eta' avanzata dovro' prima o poi--meglio poi--smettere di cacciare (ho 70 anni), ho gia' fatto piani per la ciccia salutare. Posseggo un bel pascolo dove pascolano allo stato brado fino a 50 capi di bestiame a seconda della stagione, bestiame che appartiene ad un mio amico che in cambio dell'uso che fa del mio pascolo mi fa lavori vari. Comprero' da lui un vitellino nato sul mio pascolo, e quando e' grande abbastanza lo faro' abbattere, macellare e impacchettare da un macellaio di professione. Differentemente dal bestiame del mio amico, che quando lui lo vende viene ingrassato col mais per qualche tempo prima di essere macellato, il mio vitello il mais non lo vedra' mai. Sara' nutrito solo con l'erba del mio pascolo ed avra' la carne magra e di basso colesterolo quasi come quella dei cervi. Niente ormoni, niente antibiotici--solo erba da primavera ad autunno e fieno di erba locale durante l'inverno. Un bel vitellone sara' piu' che abbastanza per me e mia moglie e anche per la famiglia di mia figlia, alla quale mandero' via UPS/air parte della la carne surgelata.
                            O Giovanni! Sei un ragazzo del '48 e ti dichiari di età avanzata? Vorresti abbandonare la caccia?
                            Io sono del '42 e resisto ancora, non vorrai mica lascirmi da solo.
                            Resisti anche tu.

                            COMMENTA

                            Pubblicita STANDARD

                            Comprimi

                            Ultimi post

                            Comprimi

                            Unconfigured Ad Widget

                            Comprimi
                            Sto operando...
                            X