annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Cartucce e meteo.

Comprimi

Sostieni Mygra per la stagione venatoria 2020/21 - Offrici un caffè

Comprimi
Ciao, Ospite! Subito per te l'attivazione automatica dell' Account Premium per tutto l'anno! A partire dal N/A Ora: N/A
Questa è una discussione evidenziata.
X
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Originariamente inviato da Mauro78 Visualizza il messaggio

    Fabio è ovvio che se vado a colombacci tiro il 7 o il 6 ma alle tortore il 10 va benissimo anche se il pallino d'elezione sarebbe il 9. Sta di fatto che i colombacci settembrini anche col 10 ti assicuro che sono caduti perfettamente spenti (le foto sono in stanza protetta). Per me preapertura = tortora i colombacci ne ho tanti qui a Milano quindi i malcapitati passati a tiro ci hanno rimesso le penne ma non era mia intenzione ahahahhahahahaahh
    Tu pensa che per me la migliore munizione per le prime alzavole ... quelle ancora giovani e con piumaggio incompleto e cacciate con temperature non proprio da " papere " è la nsi storno pallino del 9 nik ... ovviamente senza obblighi del sine piombo.
    Però sono eccezioni, non dobbiamo farne la regola. E' vero che quella munizione con piombo fino è micidiale, ma la utilizzo perchè in quelle giornate mi capita di fare un giretto a beccaccini, oppure col cane del mio amico a quaglie, quindi una munizione dalla piccola papera alla minuta migratoria senza sciupare nulla.
    Ogni selvatico ha il suo pallino d'elezione, il 9 non è per le alzavole come il 10 non è per le tortore, altrimenti dovremmo riprendere per le orecchie chi confeziona munizioni specifiche dedicate al selvatico specifico ... come le collezioni mygra della baschieri
    sigpic

    ..... cci vostra, quanto ve vojo bene !!!


    COMMENTA


    • Originariamente inviato da petretti Visualizza il messaggio
      Fabio tanto per le papere un esiste il problema... col fatto delle leghe speciali cascan tutti vivi...quindi non esiste il problema!!! :-) :-) :-)
      Originariamente inviato da Franky@ Visualizza il messaggio
      secondo me il tungsteno i morti li fa, solo che ammazza prima il portafoglio che le papere
      Ecco Franky ha dato la risposta giusta, ma contraddico il fatto che ammazzi il portafoglio. Non sono certo 200 munizioni l'anno ad acquatici che influenzano le spese di una stagione venatoria con tasse governative, regionali, atc, assicurazione ed almeno 250 km che mi accollo per ogni uscita, oltre quelli a caccia chiusa per manutenzioni ecc.
      sigpic

      ..... cci vostra, quanto ve vojo bene !!!


      COMMENTA


      • Originariamente inviato da fabio d.t. Visualizza il messaggio

        Tu pensa che per me la migliore munizione per le prime alzavole ... quelle ancora giovani e con piumaggio incompleto e cacciate con temperature non proprio da " papere " è la nsi storno pallino del 9 nik ... ovviamente senza obblighi del sine piombo.
        Però sono eccezioni, non dobbiamo farne la regola. E' vero che quella munizione con piombo fino è micidiale, ma la utilizzo perchè in quelle giornate mi capita di fare un giretto a beccaccini, oppure col cane del mio amico a quaglie, quindi una munizione dalla piccola papera alla minuta migratoria senza sciupare nulla.
        Ogni selvatico ha il suo pallino d'elezione, il 9 non è per le alzavole come il 10 non è per le tortore, altrimenti dovremmo riprendere per le orecchie chi confeziona munizioni specifiche dedicate al selvatico specifico ... come le collezioni mygra della baschieri
        Fabio sono quasi sempre d'accordo con te stavolta ni.......ti reputo un cacciatore abbastanza navigato e competente e quindi che sa distinguere bene le logiche commerciali di una casa produttrice di munizioni rispetto al resto. Così come la cartuccia alla quale tu fai riferimento se non ricordo male anche la NSI la faceva o la fa ancora e si chiamava (o chiama) proprio Tortora. Era fatta con piombo mischiato 7 e 8. Ecco chi ricarica sa benissimo che mischiare due piombi con diametro diverso non fa altro che scompigliare le rosate anzi è un metodo che si usa proprio per ottenere un effetto dispersante quindi non adattissimo alla caccia alla tortora, però molto probabilmente proprio questa sua strana caratteristica è stata quella che ha attirato il cacciatore acquirente che l'ha scelta rispetto ad un altra di altra marca. Così come altra nota marca realizza una cartuccia per il colombaccio con pallino 5.5, ovviamente tra un 5.5 e un 5 non c'è alcuna differenza ma proprio questa caratteristica attira e fa comprare (ammetto di averne comprato un pacco anche io). Noi matti ricaricatori abbiamo il difetto di smontare le cartucce commerciali e capire come sono composte.....ora non faccio alcun nome per ovvi motivi ma ti assicuro che gli stessi componenti che trovi in alcune cartucce in scatole da 25 che costano tipo 10 euro, li ritrovi pari pari in cartucce nei pacchettini da 10 con la differenza che hai un bel bossolo supercorazzato le paghi il triplo e a te sembra di avere una cartuccia superiore ma non è così. E' una questione di domanda e offerta, se i cacciatori del sud sono convinti che il mischietto sipe/s4 sia ottimo, la casa produttrice di munizioni fa una munizione caricata con sipe/s4, se non lo fa la casa lo fanno le armerie che si fanno caricare le cartucce a loro nome (sono cose reali non mie ipotesi). Se tu chiedi alla maggior parte dei cacciatori di tortore del centro sud cosa usano per la preapertura ti risponderanno cartucce da trap 7 e mezzo. E' sempre stato così ma non perchè il piombo 7 e mezzo sia giusto ma perche le cartucce da trap sono concepite per climi solitamente caldi e soleggiati (non credo si vada a sparare al piattello con la pioggia). Però ormai è entrata nella testa del cacciatore che il pallino per la tortora sia il 7 e mezzo quindi chi deve vendere la cartuccia che fa? Una bella cartuccia piombo 7 e mezzo! Io credo che se ragioniamo in ordine di grandezza e il pallino giusto per la tortora sia il 7 e mezzo come dite voi allora per il colombaccio servirebbe un 4 per un fagiano lo 0 per una lepre pallettoni.

        Ciaoooo

        Mauro
        Gunny piace questo post.

        COMMENTA


        • sono abbastanza d'accordo sulla questione marketing.
          il package, fondello, hype fanno tanto e magari le componenti sono sempre quelle.
          -il piombo mischiato però ha prestazioni differenti a seconda che sia miscelato o stratificato e pure in che ordine. mettere in cima quello più grosso avrebbe un senso.
          BP ha preso le sue cantonate in passato, marchette pure non le disdegna, ma di buono c'è che non ho mai trovato complete ciofeche (cosa che con Fiocchi purtroppo mi capita)
          -...per la tortora tirerei l'8 e ai colombi il 6 non solo per la mole ma per la distanza di tiro. poi se i tiri fossero garantiti entro i 30m potremmo pure usare pallini più fini.

          riguardo al 7.5 e sud, i cacciatori sparano quelle cartucce in preapertura... perché costano poco, gli animali spesso di nidiata e poco smaliziati sono a tiro e si sparano diversi colpi.

          al piattello potresti andarci con 0gradi umido e coperto come a 30 secchi di agosto, e la cartuccia resterebbe sempre la stessa, non mi risulta che fra i professionisti si preoccupino particolarmente del fatto.
          appunto perché una buona cartuccia bilanciata per gli agonisti (non Franky padellone che se va a sparare dopo aver fatto 3notti di fila non centra neppure un bove a 10m) resta sempre tale, con variabili di performance probabili ma non decisive nel tiro "standard".
          certo un selvatico è spesso più ostico e imprevedibile di un piattello a cui può bastare un pallino a frangerlo, magari le distanze sono maggiori, ma il concetto di ragionevole affidabilità in condizioni non estreme resta.
          “There is a pleasure in the pathless woods, - There is a rapture on the lonely shore,
          There is society, where none intrudes, - By the deep Sea, and music in its roar:
          I love not Man the less, but Nature more"
          Lord Byron

          COMMENTA


          • Originariamente inviato da fabio d.t. Visualizza il messaggio



            Ecco Franky ha dato la risposta giusta, ma contraddico il fatto che ammazzi il portafoglio. Non sono certo 200 munizioni l'anno ad acquatici che influenzano le spese di una stagione venatoria con tasse governative, regionali, atc, assicurazione ed almeno 250 km che mi accollo per ogni uscita, oltre quelli a caccia chiusa per manutenzioni ecc.
            200 muizioni al tungsteno sono circa 700 euro... vero che ne spendiamo tanti ma 700 euro li preferisco spendere per altre cose... Anche perchè ritengo la legge no toxic che non abbia alcun senso quindi ce li spendo proprio mal volentieri!!! E' più forte di me!!!

            SAluti
            Mauro78 piace questo post.
            Non dire gatto se non l'hai nel sacco!!!

            COMMENTA


            • Originariamente inviato da Franky@ Visualizza il messaggio

              riguardo al 7.5 e sud, i cacciatori sparano quelle cartucce in preapertura... perché costano poco, gli animali spesso di nidiata e poco smaliziati sono a tiro e si sparano diversi colpi.

              .
              Franky il problema è tutto qui....tu parli sempre per sentito dire o per tue supposizioni. Quante preaperture a tortore hai fatto? Io credo che tu non ne abbia mai fatta una .....si sparano tanti colpi???? e che sono allodole le tortore?? appurato che la quota massima giornaliera è di 5 tortore ti assicuro che non è cosi facile raggiungerla e gli zeri alla preapertura fioccano! Seppur morti di fame noi terroni possiamo permettercele 10 cartucce di marca e quindi il motivo per il quale si usano le cartucce da tiro non è certamente perchè costano poco.

              COMMENTA


              • Franky@
                Franky@ commentata
                Modifica di un commento
                non tortore soltanto, che sono ben poche. tortore e colombi e qualche gazza.
                E 3pacchi da 25 li ho tirati tutti in un rientro di preapertura.

                E sì sono un "terrone" pure io, come mi hai definito, hai trovato tu la connotazione negativa in ciò che avevo scritto che era molto sereno.

                Parlo per sentito dire? sulle cartucce da piattello, hai ragione: raramente uso cartucce da sporting fuori dal campo nativo di impiego e mai più ai colombacci stanziali, ma nella compagnia di 7 8 amici buona parte di loro tira proprio quelle cartucce all'apertura. perché? a loro dire: sono avanzi del trap ed è una caccia che fanno mezza volta l'anno quindi neppure ci pensano più di tanto, sono "costanti" e ben bilanciate, costano poco e hanno piombo sufficientemente grosso. e sono morbide alla spalla. e se capitano i torraioli di mezzo fanno pure quel servizio aggiuntivo.
                se poi hanno anche una marcia in più col caldo, meglio ancora! fattosta che i piattelli li rompono anche il resto dell'anno.

                de gustibus, io sparo altro sia in preapertura che dopo (vedo difficile per ragioni di rosata staccare tiri al limite con 28g, ognuno conosce il proprio spot venatorio) e la tortora è solo una comparsa occasionale.
                ma comunque ciò che conta è che con le mie inutili cartucce corazzate 5/36g la roba cade. anche se secondo voi non è la cartuccia giusta per il caldo, ma i pennuti non lo sanno e allora cadono, quindi insisto nell'errore.

                però allo spollo e rientro dei tordi così come alle quaglie, cartuccette skeet 9.5 e bior clever sporting mi ci sono arrangiato le volte che è capitato di non avere sotto mano freeshots cheddite e bior fiocchi.

                giusto le mie "idiozie". cit.
                Pace!

            • .... evitando di riproporre o quotare altre idiozie (magari per il forum sarebbe meglio inesattezze perchè potrei essere redarguito come alla scuola materna).. rispondo solo al moderatore ARSVENANDI ... dato che non è la prima volta che incrociamo le nostre strade..sarà probabilmente una visione contrapposta la nostra e non potrebbe essere altrimenti (d'altronde non ci conosciamo e credo sia solo una questione di pelle virtuale).. in ogni caso credo che ogni componente del forum sia in grado di difendersi da solo.... per ciò che attiene altri riferimenti credo che nella vita l'incoerenza non paghi... come è mio solito fare la mia discussione termina qui.....

              COMMENTA


              • Quando nei felici anni quando in Italia le marzaiole erano abbattibili (si;, vabbe', in teoria sono ancora abbattibili--peccato che arrivano a Marzo, e la caccia chiude a Gennaio--'un si hiamano miha Gennaiole, ovvia!) ed io andavo a caccia a Fogliano (oggi parco, naturalmente), tutti i cacciatori esperti ed i barcaioli usavano i pallini del 9 per queste anatrelle. E a tiro utile anche una canapiglia o altra anatra colpita bene veniva giu', e non se ne andava via a nuoto come fanno oggi se colpite a piu' di 30 metri con pallini del 3--di ferro!
                A volte, ne Montana, quando il piombo per gli acquatici ancora era permesso, mentre andavo a starne con cartucce da 32 grammi di pallini del 7 1/2, mi capitava di involare qualche germano da una "pozzanghera" o laghetto, e se lo coglievo lo aggiungevo al mazzo di starne. Anche le leprone del Montana--una specie di abbacchio con le orecchie lunghe--entro i 30 metri rimanevano inchiodate, se colpite bene. Avevo, e' vero, un Remington 870 a pompa con una canna strozzatissima non troppo adatta per i tiri corti (o padella, o carne tritata) e le starne che mi partivano vicine le dovevo far allontanare un po' se volevo poi mangiarle, e forse con una canna meno strozzata e meno pallini sul pelo il leprone non si sarebbe fermato. Invece si fermava, eccome! L'unico svantaggio del piombo fino su un animale di media taglia e' poi il numero di pallini che ti trovi fra i denti. Ma almeno il piombo e' tenero... Prova a dare una ganasciata a un pallino di ferro o--peggio--al tungsteno, e due minuti dopo: "Hrontho, Shtudio Dentishta? Ho bishogno di un appuntschamento urshente!"
                In California mi ricordo di una lepre molto simile a quelle italiane, ma con le orecchie piu' lunghe. Stavo camminando in un frutteto sperando di sparare a qualche quaglia californiana quando mi parti' una lepre. Le tirai una botta a piu' di 30 metri con la cartuccina col piombo del 10 che avevo in canna. La lepre non accuso' neanche la botta e corse via come un razzo. La tenni d'occhio (era un frutteto ben manicurato e diserbato) e a piu' di cento metri si fermo' si sedette, e poi all'improvviso cadde sul suo lato. Stecchita. Quando la spellai vidi che aveva alcuni pallini che le erano passati attraverso e costole e nei polmoni. Altri pero' si erano fermati nel muscolo o contro le costole.
                Qui in Alabama ho ucciso un coyote con una cartuccia con pallini del 6 a piu' di 40 metri. Vero che era una cartuccia magnum da tacchini con pallini in lega di tungsteno, ma sempre di pallini piccoli ed animale grosso, si trattava! Fece quattro passi allo sparo, e poi cadde per non muoversi piu'
                Quindi il piombo piccolo non crediate che sia solo buono per lodole e beccafichi. In una buona cartuccia ben bilanciata e ben indirizzata e a tiro giusto puo' avere risultati ragguardevoli. E tornando a cio' che si diceva, il 9 per le alzavole se e' 9 di piombo va bene. A parte che il 9 di ferro non credo che esista, se esistessse sarebbe buono per la caccia agli insetti... Per le alzavole, i pallini di ferro che userei, in una cartuccia da 76 mm, sarebbero il 5 o il 6. A Kodiak, quando al gioco si potevano presentare sia germani che alzavole, usavo il 6 e il 4 della vecchia Remington Hevi-Shot con pallini di lega di ferro/nichelio/tungsteno, ma sempre 12/70. Micidiali anche oltre i 50 metri.

                Credo che oggi, in Italia, si tenda ad usare pallini di piombo piu' grossi di quelli che si usavano una volta. Papa' non usava mai pallini piu' grossi dell'11 per le lodole. Oggi tanti, da cio' che leggo, usano 10 e anche 9, se non pure l'8. Se si usa l'8 per le lodole, che cosa si usera' mai per i fagiani e lepri, le ocarole? Il piombo grosso, e' vero, fa ferite piu' grosse e profonde. Ma ne fa anche molte di meno su un bersaglio piccolo, ed e' stato dimostrato scientificamente, empiricamente, ed ampiamente che tre ferite di pallini piccoli provocano piu' shock di una sola con un pallino piu' grosso a meno che il pallino grosso non colpisca il sistema nervoso centrale. Ed e' lo shock, non la relativa mortalita' delle ferite, che abbattono un uccello o animale all'istante o quasi.

                Poi in balistica terminale ci sono cosi' tante variabili che non si possono trarre norme ferree, valide sempre e comunque. Spesso le eccezioni sono piu' frequenti della norma. Ci fu un delinquente che si becco' una dozzina di pallottole della .45 ACP, una "stopper" leggendaria, e sopravvisse... Peccato!
                CHI SE FA PECORA OBBEDISCE AR PECORARO!

                COMMENTA


                • Originariamente inviato da petretti Visualizza il messaggio

                  200 muizioni al tungsteno sono circa 700 euro... vero che ne spendiamo tanti ma 700 euro li preferisco spendere per altre cose... Anche perchè ritengo la legge no toxic che non abbia alcun senso quindi ce li spendo proprio mal volentieri!!! E' più forte di me!!!

                  SAluti
                  Diciamo anche che di 200 munizioni che si tirano alle anatre, una buona parte si esplodono alle prime luci con visibilità scarsa e quindi uccelli a tiro d'acciaio. Purtroppo molte leggi in materia venatoria non hanno senso, ma purtroppo, tocca rispettarle. Io faccio buon viso a cattivo gioco, penso sempre a quanto mi costa la gestione del mio chiaro e la quota al secondo chiaro, poi ci metto le altre spese ed allora anche fossero 700 euro ( l'ultimo acquisto è stato però di 3 euro a cartuccia ) per le munizioni, le vedo, nel mio contesto, il minore dei mali. Ovvio che sarebbe meglio spendere i 700 euro delle munizioni per altro, ma se l'alternativa finalizzata al risparmio è l'acciaio ..... le munizioni esplose sarebbero molte di più e la ciccia portata a casa molto di meno.
                  Triste cosa la malattia da becco piatto. Ti prende e non ti lascia più e non c'è caccia più difficile, impegnativa tutto l'anno e costosa da praticare tra quelle alla migratoria
                  sigpic

                  ..... cci vostra, quanto ve vojo bene !!!


                  COMMENTA


                  • petretti
                    petretti commentata
                    Modifica di un commento
                    E' per questo che abbiamo una bravissima labrador da riporto... tu invece ti sei fatto un bracco :-) :-)
                    Così facciamo divertire anche il cane, che devo ammettere sia superlativo! Uccello vivo o ferito piano piano riesce a portarcelo sempre... è davvero un cane intelligente!!!
                    E comunque bel mi piombo...ma dicono che è per quello che il mondo va a rotoli... inquina che ci si vuol fare!!!!
                    accidenti a sti 4 burocratiburattini # maremmaimpestataladra

                • Originariamente inviato da fabio d.t. Visualizza il messaggio

                  (omissis)
                  Triste cosa la malattia da becco piatto. Ti prende e non ti lascia più e non c'è caccia più difficile, impegnativa tutto l'anno e costosa da praticare tra quelle alla migratoria
                  Io ne sono dovuto guarire per causa di forza maggiore: trasferimento in un'area priva di anatre, e morte della mia adorata Scout. Ma hai ragione: cio' che io battezzai "Maldipapera" in un articolo pubblicato in una rivista di caccia italiana e' una malattia terribile e costosa. Pero', imparzialmente, devo correggerti. Ci sono altre cacce altrettanto difficili, impegnativi e costosi. Me ne viene una in mente che pero' non ho mai praticato: la caccia ai colobacci dal palco. Devi affittare il posto, pagare le tasse da appostamento fisso, costruire palco e capanno a regola d'arte, con rulli, stantuffi, e tante altre cose, andare spesso tutto l'anno a curare le piante di buttata, aggiustare questo e quello, ecc. E poi ci sono i piccioni da addestrare, nutrire e curare tutto l'anno e poi, credo, da riaddestrare prima di ogni stagione. Mi sarebbe piaciuto fare questa caccia in Italia, ma la caccia alle "anatre di bosco" (le palombe) fatta cosi' comporta salire su scale ripide e pericolose, essere in alto fra la chioma di un albero secolare, magari con l'intero capanno che oscilla quando tira vento... cose impensabili per uno le cui ginocchia cominciano a sbattere quando e' in cima ad una scala a libretto alta soltanto tre metri... L'acrofobia e' una brutta cosa. Meglio un capanno a livello del mare!
                  CHI SE FA PECORA OBBEDISCE AR PECORARO!

                  COMMENTA


                  • giovannit.
                    giovannit. commentata
                    Modifica di un commento
                    Aggiungo: Tanti dei miei colleghi cacciatori di cervi qui in Alabama prediligono il "tree stand," una piattaforma metallica appoggiata ad un albero alto a cinque o dieci o piu' metri d'altezza, alla quale si arriva con una scala di ferro quasi verticale. Col catzo, che io ci salirei! I miei capanni sono tutti sulla solida terra!

                • Originariamente inviato da giovannit. Visualizza il messaggio

                  Io ne sono dovuto guarire per causa di forza maggiore: trasferimento in un'area priva di anatre, e morte della mia adorata Scout. Ma hai ragione: cio' che io battezzai "Maldipapera" in un articolo pubblicato in una rivista di caccia italiana e' una malattia terribile e costosa. Pero', imparzialmente, devo correggerti. Ci sono altre cacce altrettanto difficili, impegnativi e costosi. Me ne viene una in mente che pero' non ho mai praticato: la caccia ai colobacci dal palco. Devi affittare il posto, pagare le tasse da appostamento fisso, costruire palco e capanno a regola d'arte, con rulli, stantuffi, e tante altre cose, andare spesso tutto l'anno a curare le piante di buttata, aggiustare questo e quello, ecc. E poi ci sono i piccioni da addestrare, nutrire e curare tutto l'anno e poi, credo, da riaddestrare prima di ogni stagione. Mi sarebbe piaciuto fare questa caccia in Italia, ma la caccia alle "anatre di bosco" (le palombe) fatta cosi' comporta salire su scale ripide e pericolose, essere in alto fra la chioma di un albero secolare, magari con l'intero capanno che oscilla quando tira vento... cose impensabili per uno le cui ginocchia cominciano a sbattere quando e' in cima ad una scala a libretto alta soltanto tre metri... L'acrofobia e' una brutta cosa. Meglio un capanno a livello del mare!
                  Hai ragione Giovanni, ci sono cacce altrettanto costose, hai citato quella ai colombi da palco ed io aggiungo quella in generale con i vivi da appostamento ... come i turdidi. Ma è altrettanto vero che chi si concede a certa selvaggina, ha alternative. I tordi così come i colombi si cacciano in molti altri modi nel libero. Le anatre nel libero sono una chimera se non da qualche anno nei campi, ma parliamo esclusivamente di germanate, non certo dell'insieme delle anatre selvatiche dove ..... se non c'è l'umido .... poco c'azzecca, e l'umido è troppo protetto, o troppo costoso per avere una quota oppure estremamente costoso per crearlo e curarlo.
                  sigpic

                  ..... cci vostra, quanto ve vojo bene !!!


                  COMMENTA


                  • Originariamente inviato da fabio d.t. Visualizza il messaggio

                    Hai ragione Giovanni, ci sono cacce altrettanto costose, hai citato quella ai colombi da palco ed io aggiungo quella in generale con i vivi da appostamento ... come i turdidi. Ma è altrettanto vero che chi si concede a certa selvaggina, ha alternative. I tordi così come i colombi si cacciano in molti altri modi nel libero. Le anatre nel libero sono una chimera se non da qualche anno nei campi, ma parliamo esclusivamente di germanate, non certo dell'insieme delle anatre selvatiche dove ..... se non c'è l'umido .... poco c'azzecca, e l'umido è troppo protetto, o troppo costoso per avere una quota oppure estremamente costoso per crearlo e curarlo.
                    Strano pero' che da noi i germani abbattuti al campo (a secco) da noi sono 100% selvatici. Le anatre germanate le trovi solo nei parchi cittadini o in qualche "dude ranch" (business turistico/venatorio) dove (in questi ultimi) vengono scacciate dai gestori per farle volare verso i "cacciatori." E quelle non abbattute poi ritornano al laghetto artificiale o naturale per poi esserne scacciate ancora per un altro girotondo di morte. E quando ce ne sono rimaste poche, i gestori aprono un gabbione e "ripopolano" il laghetto. Caccia? Manco per il caxzo!

                    Comunque la caccia piu' costosa che esista, e che non mi sono mai potuto permettere, e' il safari africano. Peccato che adesso che--con qualche sacrificio, rinunciando per due o tre anni all'affitto di un appezzamento di terreno locale per la caccia al cervo e usando un po' dei soldi risparmiati in una vita di lavoro--mi potrei permettere un breve safari al bufalo cafro, l'unico animale africano che mi piacerebbe abbattere--sono troppo vecchio per affrontare un viaggio cosi' lungo, un clima tremendo, e il correre su e giu' per la savanna cercando di tagliare la strada ad un Dagga boy, un vecchio bufalo solitario ed inkazzoso. Rimarra' sempre un sogno per me. Il piu' vicino che sia mai arrivato ad una tale caccia e' quando ho dovuto abbattere una vacca malata sul mio pascolo--dopo un lungo inseguimento di dieci passi dal fuoristrada alla vacca, e sottopendomi al tremendo pericolo che la povera bestia potesse alzarsi da terra e travolgermi (non potendomi incornare perche' priva di corna). Scherzi a parte, mi ha fatto pena farlo, ma era necessario. E la cosa piu' brutta e' che il vitellino che aveva partorito da poco non riusci' a sopravvivere. Nessun'altra vacca con vitello e latte lo volle adottare. L'allattamento artificiale da parte del proprietario fu impossibile perche' il vitello non volle farsi acchiappare, e cosi' mori' entro un paio di giorni. Ne trovai la carcassa quasi del tutto scarnificata da coyotes e avvoltoi. No, non ho la testa della vacca montata sul muro insieme ai miei trofei, dove avrei voluto avere la testa di un bufalo cafro. Il proprietario venne col trattore, scavo' una buca profonda nel pascolo e ce la seppelli'. Per la cronaca, una palla di .450 Marlin nel cervello di un bovino fa un lavoro pulito ed immediato.
                    CHI SE FA PECORA OBBEDISCE AR PECORARO!

                    COMMENTA


                    • Ieri SIPE 684 165x36 Z2m21 piombo 5 semplicemente perfetta, anatre chiuse e senza sangue.

                      Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   IMG_20200920_091504_resized_20200921_023237956.jpg 
Visite: 476 
Dimensione: 149.2 KB 
ID: 1942271

                      COMMENTA

                      Pubblicita STANDARD

                      Comprimi

                      Ultimi post

                      Comprimi

                      Unconfigured Ad Widget

                      Comprimi
                      Sto operando...
                      X