annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Anticipo vs velocità cartucce

Comprimi

Sostieni Mygra per la stagione venatoria 2020/21 - Offrici un caffè

Comprimi
Ciao, Ospite! Subito per te l'attivazione automatica dell' Account Premium per tutto l'anno! A partire dal N/A Ora: N/A
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #16
    Come ormai in molti sapete,utilizzo solo ed esclusivamente il cal 20 su tutti i tipi di selvaggina.
    Ho tutti i fucili camerati magnum anche se non vado mai oltre i 28g di piombo.I miei fucili italiani non hanno mai provato una cartuccia magnum.
    Discorso diverso quando caccio in Romania.Anche lì utilizzo un camerato magnum e utilizzo diverse munizioni semimagnum e magnum ma assolutamente non per mia scelta ma perche' non ho altra scelta.
    Il mio metodo di tiro (che ignoro quale sia perchè non faccio in tempo ad utilizzare la calcolatrice quando sparo) mi porta a sparare allo stesso modo in tutti gli ambienti,con tutti i miei fucili (che sono 4) e su tutti i selvatici....
    Posso affermare che a parita' di tiro e selvatico non noto differenze sugli abbattimenti tra una cartuccia da 28g ed una da 32 e +.....
    Allo stesso modo posso affermare che quando padello (perche' padello...eccome se padello!!) lo faccio sia con 28 che con 32 o 36 g di piombo...anzi vi diro' di più: sempre a parità di selvatico e tiro,padello molto di più con munizioni molto toste che con le mie classiche cartuccette da fucile giocattolo!!! ....e faccio lo stesso numero di feriti con entrambe le tipologie di munizioni...
    Premetto che sono solo un appassionato di ricarica domestica,ma di balistica conosco solo l'ABC,il quale abc mi ha permesso,grazie anche ai consigli di qualche amico che ne sa molto di piu' di me,di confezionare cartucce che fanno il loro sporco lavoro molto bene.
    Dal basso della mie esperienza di cacciatore ed ex tiratore posso dedurre che il mio metodo di tiro mi porta (probabilmente) a mandare a segno il centro della rosata,per questo io mi sento piu' sicuro e tranquillo (sempre a parita' di tiro) quando lancio una carica da 28 g piuttosto che una da 32 o +... altra cosa che ho notato (e che ritengo molto importante) è che la percentuale di animali presi di seconda e terza canna sale molto quando utilizzo munizioni pesanti!!
    Ma questo lo addebito alla reazione piu' violenta dell'arma quanto sparo i cartuccioni...stesso fenomeno si verifica quelle poche volte che decido di togliere un pò di polvere dai cal12.
    Sottolineo che le 4 armi in cal 20 che utilizzo senza sostanziali differenze sulla resa,sono tutte forate 15.9 e montano solo ed esclusivamente strozzature 2**.
    Quindi per quanto la balistica (e non solo) mi possa smentire,in base a quanto detto e constatato sul campo,secondo me, e ripeto secondo me, il centro di una rosata di 28 g di pb 5 (per es) arriva dove arriva il centro di una rosata di 36g sempre di pb 5

    Ed ora potete anche mettermi in croce,tanto il mio mondo resterà sempre il mio mondo!!
    BARONE ROSSO
    PRIMA DI SPARARE.................PENSA!!!!!!!!!!!
    CIAO PA'...............X sempre con me!!
    BARONE ROSSO

    COMMENTA


    • walker960walker
      walker960walker commentata
      Modifica di un commento
      Sai perché le percentuali di abbattimenti sale molto quando spari 28 gr rispetto ai 36 gr? Perchè questi ultimi sono più lente. Evidentemente, il tuo modo di sparare, da l'anticipo giusto alle più veloci e quindi mandi la rosata al centro del bersaglio. Di contro, con le 36 gr. la rosata passa dietro la coda del selvatico.

    • barone rosso
      barone rosso commentata
      Modifica di un commento
      e quindi io continuo ad andare al risparmio!!!ahahahah

  • #17
    Franky il mio primo intervento in questa discussione e' volto a farti riflettere sul fatto che invece di farti certe pippe mentali sull'anticipo da dare o da non dare in base alla velocità della cartuccia, e' meglio capire come si tira, e non mi venire a dire che non hai nulla da imparare, perché tutti abbiamo sempre dei margini di miglioramento.Non esiste il cacciatore che ammazza sempre...
    A walker960walker, Gianluca90 e 2 altri utenti piace questo post.

    COMMENTA


    • barone rosso
      barone rosso commentata
      Modifica di un commento
      e qui ho messo mi piace!!! e lo scrivo pure!!!

  • #18
    Originariamente inviato da Centro67 Visualizza il messaggio
    Franky il mio primo intervento in questa discussione e' volto a farti riflettere sul fatto che invece di farti certe pippe mentali sull'anticipo da dare o da non dare in base alla velocità della cartuccia, e' meglio capire come si tira, e non mi venire a dire che non hai nulla da imparare, perché tutti abbiamo sempre dei margini di miglioramento.Non esiste il cacciatore che ammazza sempre...
    ma se la questione posta è espressamente una pippa mentale
    così come cartuccia e meteo. così come la lunghezza di canna e prolunghe (non gli strozzatori, lì secondo me è utile)
    così come la cameratura..
    sono tutte pippe mentali..perchè se la caccia fosse sempre aperta e i selvatici ci fossero per davvero, staremmo a parlare tutti di altro.
    walker960walker e piace questo post.
    "Le primavere e i paesaggi hanno un grave difetto: sono gratuiti. L’amore per la natura non fornisce lavoro a nessuna fabbrica."
    (Aldous Huxley)

    COMMENTA


    • #19
      Mi reputo un tiratore saltalenante ossia, alterno padelle clamorose ad abbattimenti dignitosi.
      Detto questo, la sola cosa che tendo a fare è di non cambiare arma e cartuccia se non quando la tipologia di caccia lo impone, così facendo mi stabilizzo nei risultati.
      Poi riscontro anche che certe cartucce sembrano sposarsi a meraviglia con il fucile e altre meno.
      Di sicuro non sparo molto praticando, per lo più, la caccia alla lepre con i segugi, se penso a mio padre che era diventato mezzo sordo per quante botte aveva sparato.

      COMMENTA


      • #20
        In quasi 40 anni di porto d'armi e quasi 15 da cane da riporto (con licenza, talvolta, di sparare) vi posso garantire che non ho mai trovato differenza nel dare l'anticipo tra una cartuccia da 31 gr. fino ad una supermagnum di 56. Naturalmente l'anticipo lo aumento se aumenta la distanza, ma non ho mai visto differenza tra una cartuccia veloce ed una Remington o Federal (per me tra le migliori in assoluto altro che lente!!). Come ho sparato, ed ucciso, con cartucce che manco sapevo cosa c'era dentro (una decina di anni fa uccisi un colombaccio con una cartuccia tunisina con fondello di 65 mm e con innesco un 6,45, dove non è riportato nemmeno il numero di piombo; era molto vicino, tra i 10 e i 15 metri), come ho padellato con ottime cartucce.
        Concludendo, l'importante è sparare dritto, poi se la cartuccia ha una V0 di 410 o di 370 m/s, secondo me non conta niente, son tutte se...ghe mentali.
        E uno più ci pensa e più padella.

        COMMENTA


        • Centro67
          Centro67 commentata
          Modifica di un commento
          Dipende da che distanze tiri, se fai tiri dai 35 ai 50m la carica piu veloce ha senza dubbio una marcia in piu. Le cartucce molto veloci sono state inventate anche per questo. Io ne uso una in particolare per tiri estremi ad allodole e tordi, che riesce a lasciarmi impallidito. Devastante, velocissima, gli animali sembrano spostarsi alla fucilata! Rosate eccellenti, provate e riprovate, trattasi di un opera d'arte!!
          Non chiedetemi di che cartucce si tratta perche' non ve lo dico, ma forse a Tullio e' giunta voce..... A lui glielo direi pero......

        • Franky@
          Franky@ commentata
          Modifica di un commento
          boh, non capisco la segretezza in merito. ma come preferisci, era una curiosità.

          le 37hp fiocchi quando voglio sboroneggiare a condizioni di freddo rigido le ho, o le pm40 nsi.

      • #21
        mauro b mauanto61
        potreste darmi il vostro parere in merito?
        "Le primavere e i paesaggi hanno un grave difetto: sono gratuiti. L’amore per la natura non fornisce lavoro a nessuna fabbrica."
        (Aldous Huxley)

        COMMENTA


        • #22
          Originariamente inviato da Franky@ Visualizza il messaggio
          mauro b mauanto61
          potreste darmi il vostro parere in merito?


          Ciao Franky, a parità di velocità iniziale, un pallino piccolo ha una massa inferiore rispetto ad uno grande quindi perderà velocità più rapidamente.

          Se spariamo simultaneamente due cariche uguali con la stessa v0 una di piombo 10 ed una di piombo 5, alla distanza di 40 metri quella di piombo 5 arriverà prima dell'altra perché conserva maggiore velocità.

          Di fatto anche se si riuscisse a misurare questo tempo sarebbe impossibile usare sul campo questi valori.

          I tiri a caccia hanno innumerevoli variabili e spesso non c'è tempo per fare troppi calcoli, quando vedi il bersaglio automaticamente il cervello ti calcola distanza velocità e traiettoria e senza pensarci troppo in base all'esperienza vai avanti con le canne e tiri il grilletto.

          sparare sempre un determinato tipo di cartucce può abituarti a "prendere il tempo" con la loro velocità e una volta imparato l'anticipo potrà darti qualche possibilità in più.

          Come direbbe il buon Gianni (Centro67) quelli che hanno la fortuna di sparare bene non si preoccupano troppo delle velocità delle cartucce, agganciano il bersaglio, vanno avanti e sparano ... e i bersagli vengono colpiti inesorabilmente.

          un saluto


          Maurizio

          COMMENTA


          • #23
            Originariamente inviato da mauanto61 Visualizza il messaggio



            Ciao Franky, a parità di velocità iniziale, un pallino piccolo ha una massa inferiore rispetto ad uno grande quindi perderà velocità più rapidamente.

            Se spariamo simultaneamente due cariche uguali con la stessa v0 una di piombo 10 ed una di piombo 5, alla distanza di 40 metri quella di piombo 5 arriverà prima dell'altra perché conserva maggiore velocità.

            Di fatto anche se si riuscisse a misurare questo tempo sarebbe impossibile usare sul campo questi valori.

            I tiri a caccia hanno innumerevoli variabili e spesso non c'è tempo per fare troppi calcoli, quando vedi il bersaglio automaticamente il cervello ti calcola distanza velocità e traiettoria e senza pensarci troppo in base all'esperienza vai avanti con le canne e tiri il grilletto.

            sparare sempre un determinato tipo di cartucce può abituarti a "prendere il tempo" con la loro velocità e una volta imparato l'anticipo potrà darti qualche possibilità in più.

            Come direbbe il buon Gianni (Centro67) quelli che hanno la fortuna di sparare bene non si preoccupano troppo delle velocità delle cartucce, agganciano il bersaglio, vanno avanti e sparano ... e i bersagli vengono colpiti inesorabilmente.

            un saluto


            Maurizio
            anch'io, come ho detto, non faccio grosse considerazioni in corso d'opera, anticipo e sparo.
            senza neppure ricordarmi che cartuccia ho in canna, ma solo ed esclusivamente a istinto, in base a distanza velocità e angolazione del volo.

            il dubbio però è questo: volendo farmi del male e proseguire con le mie seghe mentali e farvi fare qualche calcolo che non sono in grado di fare visto che con la fisica sono fermo ai tempi del liceo...fra una cartuccia a 380 e una a 420m/s di V0 che sono i range "standard"... e volendo sparare lo stesso pallino:
            sparando allo stesso modo, quanto disterebbero i centri delle due rosate tipo a 25, a 35, a 50m? quanto sparerei dietro (o avanti) una rispetto all'altra ? sarebbero differenze tali da comportare carniere o padella? (ignorando le variabili delle vita reale e le sfumature fra i due estremi: spennati, feriti, corse nei campi, animale che cade a 200m, etc)

            considerazioni naive:
            - penso che comunque la scia di pallini un tot compenserebbe l'errore;
            -la differenza di velocità iniziale c'è ma è comunque indifferente all'atto pratico per i tiri vicini dove l'anticipo praticamente non si dà,
            - la differenza di V0 fra le cariche a tiri lunghi dovrebbe..."appianarsi"(?)

            Non so se ho posto bene la domanda o se le considerazioni sono sensate.

            A torto o a ragione, il mio parere "pratico" è che tocca mirare allo stesso modo (e non serve un anticipo differente ma una unica "mano", ovvero saper sparare dritto), per tutte le cartucce che uso (tutte in quel range di V0) e per tiri "legit" da 15 a 35/40m ***
            Se capita la padella, è una semplice padella, senza scusanti di meteo, cartucce, V0, progressività, lunghezza di canna, etc.

            ***(non sono uno che adora i tiri lunghi, ma capitano a tutti. Tirare a 50/60m e selvatico, che fugga o caschi, non li considero come padelle o centri da cecchino, li considero solo "fortuna" o meno che uno due pallini prendano punti vitali)

            Volevo la vostra teoria per sconfessare o meno questa mia sensazione.
            Grazie
            "Le primavere e i paesaggi hanno un grave difetto: sono gratuiti. L’amore per la natura non fornisce lavoro a nessuna fabbrica."
            (Aldous Huxley)

            COMMENTA


            • lando
              lando commentata
              Modifica di un commento
              franky@, o io non ho capito, o la domanda è mal posta.
              Ammesso che ci sia una certa differenza che abbia senso applicare a caccia, va tutto rapportato al bersaglio ed alla sua velocità relativa rispetto allo sparartore.
              Si parte da "differenza zero" su bersagli a velocità relativa nulla ad aumentare, via via, più aumenta la velocità.
              Note le velocità terminali alla distanza voluta, nota la velocità relativa del bersaglio, si calcolano per ciascun caso gli anticipi da dare e, come da tuo quesito, le loro differenze.
              Si scoprirà così se gli anticipi sono più o meno gli stessi o se va veramente cambiato qualcosa nel modo di tirare

          • #24
            Originariamente inviato da mauanto61 Visualizza il messaggio
            quelli che hanno la fortuna di sparare bene non si preoccupano troppo delle velocità delle cartucce, agganciano il bersaglio, vanno avanti e sparano ... e i bersagli vengono colpiti inesorabilmente.
            Parole sante....ma qui la balistica non centra niente....sparare bene e' un dono...o si ha oppure no!
            PRIMA DI SPARARE.................PENSA!!!!!!!!!!!
            CIAO PA'...............X sempre con me!!
            BARONE ROSSO

            COMMENTA


            • sterminator
              sterminator commentata
              Modifica di un commento
              E' vero, però con l'esperienza e la costanza anche chi è proprio una ciofeca, applicdonsi un po' di miglioramento lo troverà. Io ripeto non mi sono mai preoccupato di velocità, ma quando sparo, con qualsiasi munizione, diversi cadono, poi la padella fa parte del gioco.

            • barone rosso
              barone rosso commentata
              Modifica di un commento
              e' ovvio che tutti possono migliorare!!....ma di sicuro non con la calcolatrice!

            • Franky@
              Franky@ commentata
              Modifica di un commento
              a volte mi chiedo se leggete i messaggi...

          • #25
            Franky, cerco di essere ancora piu sintetico, nel tiro non bisogna calcolare l'anticipo in base alla velocità della cartuccia e al profilo interno delle canne, bisogna solo sparare nella zona in cui un attimo piu tardi passera il bersaglio, facendosi semplicemente guidare dall'istinto, il quale sara tanto piu sviluppato, quanti piu colpi si sono sparati. Mai metterci troppa coscienza, piu si ragiona sull'anticipo da appllicare, o sul da farsi ,piu il tiro e' suscettibile di errori .Percio, regola generale a scanso di tutte le pippe mentali e' sparare, sparare, sparare tanto, solo cosi si sviluppano quei sensi che conducono ad una azione di tiro perfetta.
            Se chiedessi ad un cacciatore esperto quanto e come ha calcolato l'anticipo per fare quel bel tiro, non saprebbe risponderti con precisione, questo perche ha compiuto una azione senza metterci coscienza.
            Peraltro, la valutazione dell'anticipo e' personale, perche non tutti spariamo alla stessa maniera, chi ad es e' molto veloce ha la sensazione (falsa)di non dare anticipo ma di tirare addosso, questo avviene quando le canne non viaggiano alla stessa velocità del bersaglio, ma quando invece lo sorpassano rapidamente. In questo modo l'anticipo si stabilisce automaticamente, perché e' la velocità di sorpasso a stabilirlo.

            COMMENTA


            • mauanto61
              mauanto61 commentata
              Modifica di un commento
              Perfetto Gianni, ottimo intervento. Sottolineo il fatto che alla fine è l'istinto (e non il ragionamento) a decidere dove indirizzare le canne.

          • #26
            Originariamente inviato da Centro67 Visualizza il messaggio
            Franky, cerco di essere ancora piu sintetico, nel tiro non bisogna calcolare l'anticipo in base alla velocità della cartuccia e al profilo interno delle canne, bisogna solo sparare nella zona in cui un attimo piu tardi passera il bersaglio, facendosi semplicemente guidare dall'istinto, il quale sara tanto piu sviluppato, quanti piu colpi si sono sparati. Mai metterci troppa coscienza, piu si ragiona sull'anticipo da appllicare, o sul da farsi ,piu il tiro e' suscettibile di errori .Percio, regola generale a scanso di tutte le pippe mentali e' sparare, sparare, sparare tanto, solo cosi si sviluppano quei sensi che conducono ad una azione di tiro perfetta.
            Se chiedessi ad un cacciatore esperto quanto e come ha calcolato l'anticipo per fare quel bel tiro, non saprebbe risponderti con precisione, questo perche ha compiuto una azione senza metterci coscienza.
            Peraltro, la valutazione dell'anticipo e' personale, perche non tutti spariamo alla stessa maniera, chi ad es e' molto veloce ha la sensazione (falsa)di non dare anticipo ma di tirare addosso, questo avviene quando le canne non viaggiano alla stessa velocità del bersaglio, ma quando invece lo sorpassano rapidamente. In questo modo l'anticipo si stabilisce automaticamente, perché e' la velocità di sorpasso a stabilirlo.

            E' ovvio che non è possibile fare calcoli nelle frazioni di secondo di imbracciata e tiro.
            Noto una profonda dicotomia nel Sig.Centro, ma pure negli altri colleghi.
            Da un lato l'estremo "perfezionismo" sulle proprie, dall'altro lo "snobbamento" delle pippe mentali altrui.
            Decine di pagine su ipotetiche influenze dell'orario della giornata, anno bisestile, fase mestruale del proprio cane sul rendimento delle cartucce....altrove volano i numeroni allucinati sui soffi di c...bocca, canne telescopiche, coni di raccordo, foratura (di pneumatico)
            ok, ci sta, ognuno le sue ossessioni.

            lando sì, la domanda è posta male immagino ma penso che una risposta si possa tentare a darla, o posso riformularla:
            nella vita reale, la velocità delle cartucce come influenza il tiro? (se lo fa)


            Se tutte le ditte dichiarano le velocità e denominano le cartucce più costose superfast, megafast, iperfast, hp, high speed...evidentemente alla clientela questi dettagli interessano, se si sparano 375 o 425m/s
            tutto marketing? si? no?
            Il dubbio non è lecito?
            non capisco perchè tutte le pippe abbiano senso..e le mie no.
            Chiedere delucidazioni su una questione balistica relata a chi HA NUMERI IN MANO, non le sensazioni che posso avere pure io (e che mi dicono che posso sparare quel che mi pare, ma sparare bene equivale a sparare bene con qualsiasi cartuccia commerciale ti mettano in camera
            ***e aggiungo per Centro67 che anche qualsiasi canna se miro bene mi pare che cadano - 66 o 76 -***)

            ma come ho già detto una mia risposta a sentimento è solo una superc@zzola, senza esperimenti adeguati
            - non quei test hippie di quel video sulle camere di scoppio.



            "Le primavere e i paesaggi hanno un grave difetto: sono gratuiti. L’amore per la natura non fornisce lavoro a nessuna fabbrica."
            (Aldous Huxley)

            COMMENTA


            • #27
              Io credo che la domanda di Franky sia molto semplice. Ovvero sparando ad un bersaglio con velocita x alla stessa distanza con 2 munizioni aventi V0 diverse di ben 40 ms ( quindi agli estremi di caricamenti commerciali ) dove sarà il centro di rosata rapporto il selvatico in base alla munizione utilizzata ?
              Diciamo un test di laboratorio
              sigpic

              ..... cci vostra, quanto ve vojo bene !!!


              COMMENTA


              • jzcia
                jzcia commentata
                Modifica di un commento
                Dico la mia.
                A parità di numerazione piombo e grammatura a 35 metri i due centri di rosata (in ortogonale) si troveranno distanti si e no 5-8 cm.
                Se si considera il fuso di rosata, .... l'anticipo è lo stesso per entrambi le cartucce.

            • #28
              Originariamente inviato da Franky@ Visualizza il messaggio


              lando sì, la domanda è posta male immagino ma penso che una risposta si possa tentare a darla, o posso riformularla:
              nella vita reale, la velocità delle cartucce come influenza il tiro? (se lo fa)
              Veramente ti ho risposto.
              Non ho portato un esempio pratico perché non ho sottomano i numeri, vorrà dire che andrò a cercarteli e poi facciamo due conti.

              Originariamente inviato da Franky@ Visualizza il messaggio
              Se tutte le ditte dichiarano le velocità e denominano le cartucce più costose superfast, megafast, iperfast, hp, high speed...evidentemente alla clientela questi dettagli interessano, se si sparano 375 o 425m/s
              tutto marketing? si? no?
              Il dubbio non è lecito?
              non capisco perchè tutte le pippe abbiano senso..e le mie no.
              Chiedere delucidazioni su una questione balistica relata a chi HA NUMERI IN MANO, non le sensazioni che posso avere pure io (e che mi dicono che posso sparare quel che mi pare, ma sparare bene equivale a sparare bene con qualsiasi cartuccia commerciale ti mettano in camera ***e aggiungo per Centro67 che anche qualsiasi canna se miro bene mi pare che cadano - 66 o 76 -***, e ci siamo pure.
              ma come ho già detto una mia risposta a sentimento è solo una superc@zzola, senza esperimenti adeguati
              - non quei test hippie di quel video sulle camere di scoppio).
              Premesso che "la clientela" segue il gregge del momento che non è detto che ciò che venga "spinto" dal marketing faccia davvero la differenza e, se la fa, bisognerebbe capire in che direzione, da una parte ti sei un po' risposto da solo quando dici che quando spari, spari allo stesso modo con qualunque cartuccia.
              Questo significa che cartucce diverse ti consentono di sparare, qualsiasi sia il tuo modo di farlo, allo stesso modo.
              Lando


              Quando un uomo con la pala incontra un uomo con la pistola scarica, l'uomo con la pistola scarica è un uomo morto!

              COMMENTA


              • #29
                Ed allora pongo io un'altra domanda. Più facile. Cartuccia a palla A con v0 380 ms e B v0 420 ms. Bersaglio in movimento a 50 km/h che parte da dx a sx con velocità costante. distanze 25, 35, 50 mt. Stesso Arma, stesso tiratore stesso anticipo. Punto mirato spalla e centrato con munizione A. Dove verrà colpito con la munizione B alle varie distanze ?
                sigpic

                ..... cci vostra, quanto ve vojo bene !!!


                COMMENTA


                • lando
                  lando commentata
                  Modifica di un commento
                  C'è bisogno delle velocità terminali alla distanza che interessa

                • Franky@
                  Franky@ commentata
                  Modifica di un commento
                  che io sappia però i pallini perdono molto più facilmente di velocità a distanza..oltre che la cartuccia a pallini forma una scia lunga metri.

                  detto ciò, comunque attendo i balistici.
                  (ps: il problema non lo saprei risolvere perche non so la palla in che modo decresce di velocita.)

              • #30
                Originariamente inviato da fabio d.t. Visualizza il messaggio
                Io credo che la domanda di Franky sia molto semplice. Ovvero sparando ad un bersaglio con velocita x alla stessa distanza con 2 munizioni aventi V0 diverse di ben 40 ms ( quindi agli estremi di caricamenti commerciali ) dove sarà il centro di rosata rapporto il selvatico in base alla munizione utilizzata ?
                Diciamo un test di laboratorio
                Ma no Fabio, non serve un laboratorio, proviamo a fare due conti così Franky è contento.
                Prendiamo due cartucce MOLTO diverse, più meno il min ed il max del range

                390 m/s (v0) - 182 (v40)

                430 m/s (v0) - 192 (v40)

                Prendiamo un bersaglio mobile (a quanto caspita vanno le garganelle, Fà?) diciamo 90 km/h di velocità relativa (che significa rispetto a chi spara).
                La velocità della nostra alzavola vale, quindi, 25 mps

                Usiamo una formula "teorica" con un magine di approssimazione dovuto al fatto che lungo i 40 metri la velocità cambia in continuazione (scusa Fabio, hai ragione, ci vuole misurare il T(40) con una strumentazione apposita per essere precisi).
                La cartuccia 390 (182 mps) raggiunge la distanza di 40 metri in 0,22 sec mentre la 430 (192 mps) lo raggiunge in 0,21 sec

                In 0,22 sec l'alzavola percorre 5,5 metri, mentre in 0,21 sec ne percorre 5,25

                Quelli sono gli anticipi teorici: 25 cm di differenza.

                A voi le conclusioni
                Lando


                Quando un uomo con la pala incontra un uomo con la pistola scarica, l'uomo con la pistola scarica è un uomo morto!

                COMMENTA


                • arsvenandi
                  arsvenandi commentata
                  Modifica di un commento
                  tenuto conto che il centro di rosata è di 35cm.....di che stiamo parlando?😬

                • fabio d.t.
                  fabio d.t. commentata
                  Modifica di un commento
                  Se la centro non ci sono problemi, ma siccome io so padellaro, se la scarseggio con la cartucce veloce è comunque colpita con un numero sufficiente di pallini periferici, con la cartuccia lenta 25 cm. potrebbero farmela ferire. Comunque quei 25 cm è esattamente la risposta al quesito indipendentemente dal valore sul campo. Ovvio che tu hai posto un caso estremo

                • Franky@
                  Franky@ commentata
                  Modifica di un commento
                  credo che a 40m la rosata sia più "larga" di 35cm e soprattutto essendo in 3d, "lunga". sbaglio?

              Pubblicita STANDARD

              Comprimi

              Ultimi post

              Comprimi

              Unconfigured Ad Widget

              Comprimi
              Sto operando...
              X