annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Semiautomatico cal 20

Comprimi

Sostieni Mygra per la stagione venatoria 2020/21 - Offrici un caffè

Comprimi
Ciao, Ospite! Subito per te l'attivazione automatica dell' Account Premium per tutto l'anno! A partire dal N/A Ora: N/A
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Gio DK
    ha risposto
    Concordo con palomba 70...ho sempre usato il 12 cacciando anatre in condizioni a volte "difficili" e lo ritengo quasi indispensabile in certi contesti come il mio...ma credo che se facessi la stanziale e dovessi camminare molto o se cacciassi a capanno sicuramente non scarterei il 20 anzi..

    Lascia un commento:


  • palomba 70
    ha risposto
    [QUOTE=Gianni1°;n1886808][QUOTE=palomba 70;n1886786]
    Originariamente inviato da Centro67 Visualizza il messaggio

    .

    E cosi è anche la scelta del calibro,per la mia misera esperienza disponendo sia di armi cal 12 che cal 20,posso affermare che se serve la "cattiveria e la brutalità"cal.12 sempre,se serve la leggerezza e la maneggevolezza cal 20 tutta la vita.
    Questo non significa che uno non possa fare il lavoro dell'altro,ma per scelta io adotto questa filosofia,del resto quello che ho portato a casa con il 12 l'ho portato anche con il 20.

    Che poi il cal.12 sia più performante per via della densità di rosata questo è innegabile,ma il cal.20 non sta li a guardare stanne pur certo

    Caro Gianni Palomba, che intendi per brutalità? Non mi dire che anche tu, pensi quello che disse una volta un Presidente di Aavv, che bisogna sparare alla selvaggina con "gentilezza" penso di aver capito cosa intendi, col cal 12 puoi fare cacce che col 20 non potresti, come tirare a volo tra i rami spogli ai colombacci all'ellero , lo sai bene che ci vuole piombo grosso e tanto per quei bestioni tosti di 6 etti, oppure in laguna aperta o sul mare alle anatre spari anche 0e00 e qui ci vuole "brutalità" che io chiamo il massimo delle performances, se no a casa riporti poco, non voglio affossare il cal 20 perché non conosco e non lo voglio conoscere, ma mi fido di chi l'ha mollato ed è tornato al 12 nei casi che ti ho enunciato.
    ciao
    Ciao Gianni,hai capito perfettamente il mio concetto.

    Se parliamo di piccola migratoria e le cacce con il cane,il cal.20 lo preferisco di gran lunga e non mi fa rimpiangere il 12.
    Se si parla di anatre o colombi preferisco il cal.12 che lo trovo migliore con i pallini grossi,un conto è tirare 28 gr.di pb 5 nel 20,e un conto è 35/38 nel cal.12.

    Un calibro non esclude l'altro,si può fare tutto con entrambi,ma perchè fissarsi su uno che per forza deve essere meglio dell'altro.

    Lascia un commento:


  • Gianni1°
    ha commentato in 's risposta
    Infatti è ciò che ho detto qualche post fa, il 20 lo vedo bene per cacce più a corto e ad uccelli più piccoli dalla tortora in giu, può andare bene anche ai colombi sul palco o alle anatre in un chiaro, ma perché rischiare di sciupare o non sfruttare in pieno l'unica occasione della giornata, allo scaccio ai tordi va più che bene, nelle cartuccine di 25-28 gr spari piombo fino non i veccioni, se poi vai sulle magnum allora tutto il discorso cambia, perché il 20 magnum, quando cè il cal 12? Non voglio un cal 20 solo perché non mi va di avere due cal di cartucce che mi girano nell'armadio, per me è gia una rottura tenere separate cartucce per i tordi, per i colombi e le anatre, figuriamoci di calibro diverso...me sto a rompe de ste fregnacce. ciao Fabiè

  • fabio d.t.
    ha risposto
    [QUOTE=Gianni1°;n1886808][QUOTE=palomba 70;n1886786]
    Originariamente inviato da Centro67 Visualizza il messaggio

    .

    E cosi è anche la scelta del calibro,per la mia misera esperienza disponendo sia di armi cal 12 che cal 20,posso affermare che se serve la "cattiveria e la brutalità"cal.12 sempre,se serve la leggerezza e la maneggevolezza cal 20 tutta la vita.
    Questo non significa che uno non possa fare il lavoro dell'altro,ma per scelta io adotto questa filosofia,del resto quello che ho portato a casa con il 12 l'ho portato anche con il 20.

    Che poi il cal.12 sia più performante per via della densità di rosata questo è innegabile,ma il cal.20 non sta li a guardare stanne pur certo

    Caro Gianni Palomba, che intendi per brutalità? Non mi dire che anche tu, pensi quello che disse una volta un Presidente di Aavv, che bisogna sparare alla selvaggina con "gentilezza" penso di aver capito cosa intendi, col cal 12 puoi fare cacce che col 20 non potresti, come tirare a volo tra i rami spogli ai colombacci all'ellero , lo sai bene che ci vuole piombo grosso e tanto per quei bestioni tosti di 6 etti, oppure in laguna aperta o sul mare alle anatre spari anche 0e00 e qui ci vuole "brutalità" che io chiamo il massimo delle performances, se no a casa riporti poco, non voglio affossare il cal 20 perché non conosco e non lo voglio conoscere, ma mi fido di chi l'ha mollato ed è tornato al 12 nei casi che ti ho enunciato.
    ciao
    Gianni hai descritto l'essenza della scelta. Perchè il 12 e non il 20 ? Semplice perche a mare aperto o tra i rami dell'ellere il 20 è penalizzante ed assai penalizzante come invece è al contrario penalizzato il 12 rapporto al 20, se devi macinare km allo scaccio, magari portando dietro 4 o più pacchi di cartucce.
    Oggi poi c'è la moda dei fucili leggeri, ma, posso affermare per mia esperienza e conseguente giudizio personale, che un 12 che pesa meno di 3 kg ( a volte poco più di 2 e mezzo ) è buono solo per cartuccine con cariche leggere, ed allora perchè non cacciare con il 20 e cartucce con un pò di piombo in meno invece di avere un fucilone che appena ci provi a cacciare selvaggina impegnativa con cartucce da 33 gr. in sù ti vola dalle mani ? Il 20, poi, a parità di peso, rapporto ad un 12 light, sarà sempre più brandeggiabile grazie alla massa volumetrica inferiore.
    Poi oggi c'è anche la moda dei piccoli calibri, anche questi avranno la loro ragione. In puglia ormai, vedo sempre più bossoli a terra ( cci loro !! ) del 28 e ti garantisco che di tordi ne prendono. Il 28 meglio del 20 e del 12 ? Assolutamente no, ma se c'è abbondanza, oppure se alla fine della giornata 1 o 2 tordi in più in carniere non fanno differenza, il piacere di cacciare con fuciletti e cartuccine evidentemente è assai appagante.
    Io come Palomba70, caccio da anni con tutti e 2 i calibri .... so perfettamente i limiti di entrambi. A tordi ormai, non penserei di andarci col 12, tanto che ho regalato tutte le cartucce in piombo fine rimaste a Michele !

    Lascia un commento:


  • Gianni1°
    ha risposto
    [QUOTE=palomba 70;n1886786][QUOTE=Centro67;n1886653]

    .

    E cosi è anche la scelta del calibro,per la mia misera esperienza disponendo sia di armi cal 12 che cal 20,posso affermare che se serve la "cattiveria e la brutalità"cal.12 sempre,se serve la leggerezza e la maneggevolezza cal 20 tutta la vita.
    Questo non significa che uno non possa fare il lavoro dell'altro,ma per scelta io adotto questa filosofia,del resto quello che ho portato a casa con il 12 l'ho portato anche con il 20.

    Che poi il cal.12 sia più performante per via della densità di rosata questo è innegabile,ma il cal.20 non sta li a guardare stanne pur certo

    Caro Gianni Palomba, che intendi per brutalità? Non mi dire che anche tu, pensi quello che disse una volta un Presidente di Aavv, che bisogna sparare alla selvaggina con "gentilezza" penso di aver capito cosa intendi, col cal 12 puoi fare cacce che col 20 non potresti, come tirare a volo tra i rami spogli ai colombacci all'ellero , lo sai bene che ci vuole piombo grosso e tanto per quei bestioni tosti di 6 etti, oppure in laguna aperta o sul mare alle anatre spari anche 0e00 e qui ci vuole "brutalità" che io chiamo il massimo delle performances, se no a casa riporti poco, non voglio affossare il cal 20 perché non conosco e non lo voglio conoscere, ma mi fido di chi l'ha mollato ed è tornato al 12 nei casi che ti ho enunciato.
    ciao

    Lascia un commento:


  • palomba 70
    ha risposto
    [QUOTE=Centro67;n1886653]


    In un intervento precedente avevo detto che molti cacciatori, senza aver mai letto nulla di balistica, e semplicemente basandosi su esperienze personali sono convinti di aver capito tutto sul fenomeno balistico e che si possono cambiare anche le leggi della fisica perche' quelle esistenti sono sbagliate ed obsolete. Anche tu purtroppo sembra che appartenga a quel nutrito numero di persone altrimenti non avresti fatto certe affermazioni.( e ti hanno pure quotato in molti)
    ************************************************** ***********
    Gianni io credo che l'esperienza sul campo sia quella che poi ci da la possibilità di perfezionarci e di valutare tante situazioni.

    La teoria è interessante conoscerla,ma può essere fondamentale in alcuni casi,parlando di balistica se uno intende adoperarsi per la ricarica domestica deve necessariamente conoscere determinate nozioni su questo penso ci sia poco da dire.

    Ma all'atto pratico a me poco interessa sapere le pressioni che si generano,...cosa sia il soffio di bocca,....la distribuzione della rosata a x metri,....se ha lo sciame è lungo o corto,e cosi dicendo....

    Per come sono fatto,io compro le cartucce,c'è chi le carica per me,che sia un ricaricatore certificato o marchi industriali,io non faccio altro che provarle se rendono bene le continuo ad utilizzare altrimenti cambio.

    La scelta del fucile,canna, strozzatura e munizione da impiegare in una determinata situazione sono frutto dell'esperienza maturata sul campo,non credo che passare i pomeriggi con il libro sulla poltrona possa dare soluzioni migliori a quelle che la nostra esperienza ci ha fatto maturare.

    E cosi è anche la scelta del calibro,per la mia misera esperienza disponendo sia di armi cal 12 che cal 20,posso affermare che se serve la "cattiveria e la brutalità"cal.12 sempre,se serve la leggerezza e la maneggevolezza cal 20 tutta la vita.
    Questo non significa che uno non possa fare il lavoro dell'altro,ma per scelta io adotto questa filosofia,del resto quello che ho portato a casa con il 12 l'ho portato anche con il 20.

    Che poi il cal.12 sia più performante per via della densità di rosata questo è innegabile,ma il cal.20 non sta li a guardare stanne pur certo.

    Lascia un commento:


  • Gianni1°
    ha commentato in 's risposta
    Aggiungo che la storia del piombo caldo più performante è una favoletta a cui molti credono, ma non esiste piombo caldo quando spari, a meno che non metti le cartucce tutta la notte sul termosifone a 35° ed allora si che spari piombo caldo.

  • Goya
    ha risposto
    Dopo tante considerazioni "scientifiche" riporto le mie impressioni sul campo, anzi sul palco.

    Quest'anno ai colombacci ho alternato le seguenti doppiette:
    - cal. 12 canne cm 66 - CL e **** sparando 34 e 36 grammi
    - cal. 16 canne cm 70 - 3/10 e 6/10 sparando 28 e 32 grammi
    - cal. 20 canne cm 67 - **** e *** sparando sempre 28 grammi.

    La distanza d'ingaggio dei colombi è sempre < 30 metri (oltre il capocaccia non da il via)....tutte cartucce con contenitore e piombo 7-6-5

    Ebbene non ho notato differenze rilevanti nelle le prestazioni dei tre fucili....tutte e tre letali senza particolari differenze.... col bersaglio centrato tutti colombi caduti senza ferimenti....forse solo una leggerissima quasi impercettibile prevalenza del calibro 16

    Lascia un commento:


  • Centro67
    ha risposto
    Originariamente inviato da Mick Visualizza il messaggio

    MI dispiace leggere certe cose....

    2) Il 20 a parità di metri porta meno pallini. Questa è l'unica cosa vera. Il 12 ha più portata. ma solo quella.. il 20 però porta uno sciame piu allungato e già questo potrebbe smentire le strane dichiarazioni secondo cui ol 12 si ha una rosata meno rarefatta e i pallini arrivano piu lontano... (dico smentire perchè si puo parlare all'infinito di balistica e cose varie ma bisogna trovarsi in mezzo alla rosata durante un'azione di caccia per poter evincere la verità, ma questo solo nel film di fantascienza)*
    nel 20 si ha una rosata poco piu stretta ma piu allungata e va da sè che potrebbe esserci meno rarefazione di quanto si pensa qui dentro da alcuni.. nel 12 si possono avere potenze maggiori, quello si.. ma per sparare 42 grammi ha senso.

    Dove cacchio leggete che le velocità nel 20 sono inferiori?? basta vedere sui siti delle aziende dove sono evidenziati bar e velocità a 1 metro dalla volata per capire che le velocità si equivalgono con il 12.. si ci puo essere la cartuccia che fa 395 m/s ( ma anche nel 12) ma solo qualche cartuccia (caratteristiche della cartuccia tra l'altro) ... anzi leggendo i dati si evince che in media nel 20 si registrano velocità leggermente maggiori confrontando grammature standard per i due calibri
    Tutto scritto nelle descrizioni delle cartucce.. non fantasmi.

    La maggiore pressione fa si che ogni singolo piombino esca dalla canna poco piu veloce ma anche piu caldo e quindi risulta piu letale sul selvativo. é un dato di fatto.. e non mi parlate di distribuzione della rosata rovinata dalle pressioni, io uso solamente un ported (perchè i miei strozzatori originali benelli sono penosi) ed ottengo rosate che ho solo sognato in passato con il 12, veramente stupende ( prove a cartoncino, non zucchero filato)
    Ho usato sempre fucili cal 12 con canne piu blasonate (vecchi beretta) e con la stessa capacità di coglierci e lo stesso numero di piombo (la differenza si vede dai piombi 7 e mezzo in giu) ho avuto più abbattimenti e piu letali col 20 che col 12, alle stesse distanze.
    E siamo in tanti a sostenere che questo avvenga.

    Poi perchè dire scementeze..Come si fa adire che nel 20 la velocità è minore avendo pressioni maggiori?
    è risaputo che nei calibri piu piccoli si hanno pressioni piu elevate..
    Nel 12 e nel 20 .. anche con le stesse pressioni...se mi trovo 2 tubi dove avvengono esplosioni es. da 700 bar.. dal tubo piu stretto i pallini mi escono a velocità minore?? haha ma dai... finitela.
    Quindi quando avete una pompa d'acqua in mano... per farla spruzzare piu lontano e quindi piu veloce che fate allargate la bocca o la stringete?

    L'effetto venturi ci indica la direzione da seguire.

    Il calibro va conosciuto bene, le teorie sono niente senza le sperimentazioni.

    Per il resto oguno usi quel che vuole e cosa preferisce.. lì non si discute., poi le verità escono fuori in azione di caccia non a casa con un computer. Se molti (numero non trascurabile) sono passati al 20 per poi non tornare indietro un motivo ci sarà.. o hanno le loro ragioni e sono sani di mente o tutti sono destinati a vendere "giocattoli " (come scritto da qualcuno precedentemente)

    Detto ciò, ognuno dica la sua, io abbandono la conversazione perchè non ho voglia di seguire discorsi in cui non si trovera mai un punto d'incontro.

    Rispondo a Jonhx: i migliorio abbatimenti li faccio sempre con 24-26 grammi.. solo in alcuni casi uso 28 grammi.
    le mie preferite? bornaghi twenty 24 gr, cheddite freeshot... e rc camouflage

    In un intervento precedente avevo detto che molti cacciatori, senza aver mai letto nulla di balistica, e semplicemente basandosi su esperienze personali sono convinti di aver capito tutto sul fenomeno balistico e che si possono cambiare anche le leggi della fisica perche' quelle esistenti sono sbagliate ed obsolete. Anche tu purtroppo sembra che appartenga a quel nutrito numero di persone altrimenti non avresti fatto certe affermazioni.( e ti hanno pure quotato in molti)
    Come gia detto, all'aumentare della distanza la dispersione dei pallini avviene in senso trasversale e longitudinale, e' intuibile percio che per avere una rosata piu compatta e micidiale possibile, e' necessario che lo sciame si allarghi e si allunghi meno possibile....non pensi? Perche' ritieni che lo sciame del cal 20 essendo piu lungo di quello del 12 si presenta meno rarefatto?
    Altra inesattezza, le rosate del venti,anche a parita di peso di carica, non sono piu strette di quelle del 12, ma purtroppo presentandosi meno guarnite in periferia , danno l'impressione alla placca, ed all'occhio inesperto che siano piu raccolte, dato che la maggior parte dei pallini addensano il settore centrale.Detto questo e' intuibile che la superficie sfruttabile della rosata del 12 e' piu grande di quella del venti, e questo e' infatti uno dei motivi per cui il 12 e' piu micidiale e rende meno difficoltoso il tiro. Non hai mai sentito dire fra i cacciatori che col 20 se ci vuoi cogliere devi essere un po piu preciso al tiro?
    Per quanto riguarda le velocita e le pressioni fra i due calibri ti posso dire che il 12 a parita' di peso di carica puo lanciare i pallini a velocita meggiori, grazie al fatto che le pressioni rimangono su valori piu contenuti. Con il cal 12 infatti , sparando la dose normale del 20 da 24gr, si sono raggiunti anche valori di velocita iniziali esasperati con punte di 450/465m/s di V/0 senza mandare le pressioni alle stelle e senza che gli organi di tenuta ne risentissero.. Queste prestazioni il 20 se le sogna, considerato che mediamente a parita di peso di carica questo calibro raggiunge picchi pressori di circa 200bar in piu che non sono pochi.
    La verita e' che quasi tutti gli utilizzatori del venti, per avere prestazioni accettabili devono sparare dosi maggiorate di pallini che si avvicinano a quelle del cal 12, ma ha senso comprarsi un venti per poi spararci le dosi del 12? Ma lo sapete o no che al diminuire delle pressioni migliorano le distribuzioni dei pallini? I produttori di munizioni fanno miracoli per tenere basse le pressioni ...non a caso. Pensate davvero che ad es. le rosate da 32gr tirate dal venti siano uguali a quelle lanciate dal 12?
    Io ritengo che questa sia tutta una moda, come quella dei tatuaggi....passera'....
    Ultima precisazione, le velocita non dipendono direttamente dalle pressioni, chiunque si occupa di ricarica ce lo puo' confermare. Esistono infatti polveri (progressive) che hanno una capacita di spinta enorme senza mandare le pressioni alle stelle.

    Lascia un commento:


  • Mick
    ha risposto
    Originariamente inviato da Johnx Visualizza il messaggio



    1) i pregiudizi sono normali
    2) il 20 a paritá di metri porterá meno pallini del 12 perché è cosí 24 grammi contro 32..Con velocità iniziale anche inferiore magari ,quindi come fa ad essere più letale?
    3) ringraziamo le cartucce moderne
    4) Io sono passato al 20 per il peso..A beccacce un calibro leggero è una manna proprio per stancarti meno...Peró mi sono trovato con un problema ,le cartucce commerciali borra feltro non le trovo di media grammatura..Da perfetto ignorante chiedo ad amici cosa prendere
    F2 short range 32 grammi
    Nsi beccaccia 29 grammi
    Bornaghi beccaccia 30 grammi
    Chiedo al armeria scusi ha le classic fiber 26 grammi.?
    No mi spiace solo 30 grammi, le 26 sono poco richieste e non le prendiamo..Questo si è ripetuto in varie armerie
    Ecco allora se si vuole usare il 20 ,ma sparare cartucce da 30 grammi e poi dire ammazza come va bene sto calibro non ha senso...Questo ovviamente non è riferito a nessuno è solo un ragionamento generale.


    Inviato dal mio POCOPHONE F1 utilizzando Tapatalk

    MI dispiace leggere certe cose....

    2) Il 20 a parità di metri porta meno pallini. Questa è l'unica cosa vera. Il 12 ha più portata. ma solo quella.. il 20 però porta uno sciame piu allungato e già questo potrebbe smentire le strane dichiarazioni secondo cui ol 12 si ha una rosata meno rarefatta e i pallini arrivano piu lontano... (dico smentire perchè si puo parlare all'infinito di balistica e cose varie ma bisogna trovarsi in mezzo alla rosata durante un'azione di caccia per poter evincere la verità, ma questo solo nel film di fantascienza)*
    nel 20 si ha una rosata poco piu stretta ma piu allungata e va da sè che potrebbe esserci meno rarefazione di quanto si pensa qui dentro da alcuni.. nel 12 si possono avere potenze maggiori, quello si.. ma per sparare 42 grammi ha senso.

    Dove cacchio leggete che le velocità nel 20 sono inferiori?? basta vedere sui siti delle aziende dove sono evidenziati bar e velocità a 1 metro dalla volata per capire che le velocità si equivalgono con il 12.. si ci puo essere la cartuccia che fa 395 m/s ( ma anche nel 12) ma solo qualche cartuccia (caratteristiche della cartuccia tra l'altro) ... anzi leggendo i dati si evince che in media nel 20 si registrano velocità leggermente maggiori confrontando grammature standard per i due calibri
    Tutto scritto nelle descrizioni delle cartucce.. non fantasmi.

    La maggiore pressione fa si che ogni singolo piombino esca dalla canna poco piu veloce ma anche piu caldo e quindi risulta piu letale sul selvativo. é un dato di fatto.. e non mi parlate di distribuzione della rosata rovinata dalle pressioni, io uso solamente un ported (perchè i miei strozzatori originali benelli sono penosi) ed ottengo rosate che ho solo sognato in passato con il 12, veramente stupende ( prove a cartoncino, non zucchero filato)
    Ho usato sempre fucili cal 12 con canne piu blasonate (vecchi beretta) e con la stessa capacità di coglierci e lo stesso numero di piombo (la differenza si vede dai piombi 7 e mezzo in giu) ho avuto più abbattimenti e piu letali col 20 che col 12, alle stesse distanze.
    E siamo in tanti a sostenere che questo avvenga.

    Poi perchè dire scementeze..Come si fa adire che nel 20 la velocità è minore avendo pressioni maggiori?
    è risaputo che nei calibri piu piccoli si hanno pressioni piu elevate..
    Nel 12 e nel 20 .. anche con le stesse pressioni...se mi trovo 2 tubi dove avvengono esplosioni es. da 700 bar.. dal tubo piu stretto i pallini mi escono a velocità minore?? haha ma dai... finitela.
    Quindi quando avete una pompa d'acqua in mano... per farla spruzzare piu lontano e quindi piu veloce che fate allargate la bocca o la stringete?

    L'effetto venturi ci indica la direzione da seguire.

    Il calibro va conosciuto bene, le teorie sono niente senza le sperimentazioni.

    Per il resto oguno usi quel che vuole e cosa preferisce.. lì non si discute., poi le verità escono fuori in azione di caccia non a casa con un computer. Se molti (numero non trascurabile) sono passati al 20 per poi non tornare indietro un motivo ci sarà.. o hanno le loro ragioni e sono sani di mente o tutti sono destinati a vendere "giocattoli " (come scritto da qualcuno precedentemente)

    Detto ciò, ognuno dica la sua, io abbandono la conversazione perchè non ho voglia di seguire discorsi in cui non si trovera mai un punto d'incontro.

    Rispondo a Jonhx: i migliorio abbatimenti li faccio sempre con 24-26 grammi.. solo in alcuni casi uso 28 grammi.
    le mie preferite? bornaghi twenty 24 gr, cheddite freeshot... e rc camouflage

    Lascia un commento:


  • Mick
    ha commentato in 's risposta
    Onyx si vede che non conosci il calibro.

  • Johnx
    ha risposto


    Originariamente inviato da fabio d.t. Visualizza il messaggio

    No, il ragazzo dice che la leggerezza del 20 lo avvantaggia nella caccia alle beccacce, ed allora che importa se spara 30 gr., o 28, basta che la cartuccia risponda alle esigenze di abbattimento. Questo fatto che si associa il 20 a munizioni standard, và superato, perchè brandeggio e leggerezza non sono prerogative legato al quantitativo di piombo lanciato. Certo che le munizioni debbono essere equilibrate e performanti. Io nella caccia ai tordi trovo eccezionale e costante sempre la rc20 con 28 gr. .... perchè dovrei spararne 25 ( standard del calibro ) se con 28 mi trovo bene ? .
    Il fucile pesa 2.4 kg non è fatto per tirare cartuccioni e io le evito.Ognuno spara quello che gli pare mica deve giustificarsi...Come hai detto te ti trovi bene perché devi sparare altro?

    Inviato dal mio POCOPHONE F1 utilizzando Tapatalk


    Lascia un commento:


  • brullo
    ha risposto
    Certo ognuno poi fa quello che ritiene piu giusto per se!!
    Forse ho ragionato con la mia testa, non ho un cal. 20 perche' mi appaga ancora il 12 ma se dovrei usare il 20 userei lo standard altrimenti non avrei nemmeno piu quel senso di sfida, nel 12 sparo max 33g. Ovvio nessuna polemica e'solo il mio pensiero personale.
    Bruno.

    Lascia un commento:


  • fabio d.t.
    ha risposto
    Originariamente inviato da brullo Visualizza il messaggio
    Fabio credo che hai inteso male!
    Se ho ben capito il ragazzo chiede cartucce adeguate al 20!! Le 30g si sparano con il 12.
    Bruno.
    No, il ragazzo dice che la leggerezza del 20 lo avvantaggia nella caccia alle beccacce, ed allora che importa se spara 30 gr., o 28, basta che la cartuccia risponda alle esigenze di abbattimento. Questo fatto che si associa il 20 a munizioni standard, và superato, perchè brandeggio e leggerezza non sono prerogative legato al quantitativo di piombo lanciato. Certo che le munizioni debbono essere equilibrate e performanti. Io nella caccia ai tordi trovo eccezionale e costante sempre la rc20 con 28 gr. .... perchè dovrei spararne 25 ( standard del calibro ) se con 28 mi trovo bene ? .

    Lascia un commento:


  • brullo
    ha risposto
    Fabio credo che hai inteso male!
    Se ho ben capito il ragazzo chiede cartucce adeguate al 20!! Le 30g si sparano con il 12.
    Bruno.

    Lascia un commento:

Pubblicita STANDARD

Comprimi

Ultimi post

Comprimi

Unconfigured Ad Widget

Comprimi
Sto operando...
X