annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Calibro e ottica per volpi e corvidi

Comprimi

Sostieni Mygra per la stagione venatoria 2020/21 - Offrici un caffè

Comprimi
Ciao, Ospite! Subito per te l'attivazione automatica dell' Account Premium per tutto l'anno! A partire dal N/A Ora: N/A
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Calibro e ottica per volpi e corvidi

    buonasera a tutti volevo sapere quale calibro é piu adatto e che ottica per volpi corvidi . io ero indirizzato su un 223 /,22.250 marlin xs7 o cz visto che per quello che ci devo fare non volevo spendere una cifra inportante .piu che altro per tiri in campi aperti con poca vegetazione fatta per lo piu da eucalipti. grazie!

  • #2
    Ciao io o una cz 223rem ma il 22.250 è un laser

    COMMENTA


    • #3
      Originariamente inviato da Michael Testi Visualizza il messaggio
      buonasera a tutti volevo sapere quale calibro é piu adatto e che ottica per volpi corvidi . io ero indirizzato su un 223 /,22.250 marlin xs7 o cz visto che per quello che ci devo fare non volevo spendere una cifra inportante .piu che altro per tiri in campi aperti con poca vegetazione fatta per lo piu da eucalipti. grazie!
      Ho spostato qui il tuo argomento , così hai più visibilità.
      Sopra ogni cosa combatti l'ignoranza.

      martino de michele

      " La Caccia è affascinante ed emozionante ANCHE quando la selvaggina scarseggia....e tu, nonostante tutto, ti diverti lo stesso perchè sei a Caccia."
      Un Cacciatore.

      COMMENTA


      • #4
        Io penso il 223 remington. Ho intenzione di acquistarlo proprio per farci codeste cacce e utilizzarlo in selezione al cinghiale al posto della .308. Per ottica mi trovo bene con quella che possiedo attualmente: bushnell Trophy 3-12 x 56.
        Toto 391 piace questo post.

        COMMENTA


        • #5
          girando in rete mi sono imbattuto nella howa 1500 bull barrel che ne dite??? la fanno sia in 223 che in 22 250 .gli unici dubbi sul 22 250 sono l usura della canna , il passo di rigatura che in genere é 1.14 e non so se stabilizza palle di 64gn per un ipotetico uso su cinghiale e la reperibilita del munjzionamento!

          COMMENTA


          • setterman1
            setterman1 commentata
            Modifica di un commento
            Nel .223 il passo ottimale per stabilizzare tutto il range di palle consentito sarebbe 1\10. Poi la cartuccia ottimale per quella canna va provata in poligono. Però il riferimento postato è in assetto di guerra essendo calibro utilizzato da varie forze armate. Ora la stabilità del proiettile in un campo o nell'altro penso non faccia differenza.

        • #6
          la howa la fanno con passo 1a 12 quindi non dovrebbe avere problemi di stabilizzazione fino ai 64 gn nel 22-250 .quindi penso che mi fermo su questa. per l ottica invece un amico mi ha consigliato un 6 24 x 50/56 anche se il 3 12 x 56 non mi dispiace .quali sono le differenze piu marcate tra i 2?

          COMMENTA


          • setterman1
            setterman1 commentata
            Modifica di un commento
            Con 3 ingrandimenti tiri ad animali collocati più vicino. 12 ingrandimenti sono sufficienti per tirare bene ad animali sui 150-200 mt.

        • #7
          grazie quindi il 6 24 x 56 è sprecato? x cosa si usa?

          COMMENTA


          • #8
            Originariamente inviato da Michael Testi Visualizza il messaggio
            grazie quindi il 6 24 x 56 è sprecato? x cosa si usa?
            Questa ottica offre il massimo di luminosità a ingrandimenti inferiori o uguali a 8. Saresti in difficoltà su tiri a distanze brevi e con alti ingrandimenti avresti poco campo visivo. La tua scelta dipende dal tipo di uso che ne farai. Per caccie diurne e selvaggina lontana è l'ideale.

            COMMENTA


            • #9
              Io non ho ancora capito se la caccia con arma rigata e ottica alla volpe e ai nocivi in genere si può fare legalmente in Italia e soprattutto in Calabria, regione dove abito,
              Se qualcuno lo sa indichi le fonti normative a supporto della sua opinione
              Grazie
              Le cose che stanno al di fuori dell'ordine naturale né vi durano né vi stanno

              COMMENTA


              • #10
                A caccia aperta penso che si possa fare come qualsiasi forma di caccia, a caccia chiusa temo che ogni regione abbia i suoi regolamenti.
                Più volte ho provato a coinvolgere alcuni cacciatori di mia conoscenza a fare una richiesta alla regione , ma non sono mai riuscito a coinvolgerli.
                Per la volpe in particolare dicono: chi si tiene cani che una volta involpiti fanno solo quello?
                In realtà ritengo che la caccia possibile alla volpe sia all'aspetto, prevede però una grande esperienza.

                COMMENTA


                • #11
                  Originariamente inviato da cacasupala Visualizza il messaggio
                  Io non ho ancora capito se la caccia con arma rigata e ottica alla volpe e ai nocivi in genere si può fare legalmente in Italia e soprattutto in Calabria, regione dove abito,
                  Se qualcuno lo sa indichi le fonti normative a supporto della sua opinione
                  Grazie
                  Qui in Emilia Romagna tutti gli anni la Regione emana una delibera per i piani di controllo alla volpe, con indicato il regolamento : periodo, metodi, strumenti, orari, ecc. ... e la carabina è permessa, anche in pianura, con sparo da punto alto.
                  Quest'anno (stagione 2019/20) ad esempio siamo fermi fino al 30/06 perchè hanno inserito lo stop per "le cure parentali" !!!! E niente cani nè da tana nè da superfice ... oltre a un sacco di altre stupidaggini che ci mettono i bastoni fra le ruote (es. uscire in coppia, calibro carabina max 6mm !!). Sembra però che i nuovi regolamenti che stanno per uscire a giorni siano più permissivi.
                  Attenzione però ... io ti parlo non di caccia alla volpe, ma di piano di controllo che ha regole tutte sue.
                  Per quel che riguarda invece la caccia occorre fare riferimento al calendario venatorio, anch'esso regionale (noi ad es. la carabina la possiamo usare).
                  Ciao
                  Saluti, G.Pietro

                  COMMENTA


                  • #12
                    Evviva !! .... è uscita (qui in Emilia R.) la nuova delibera piano di controllo volpi.
                    Evviva un corno !!! ... tutto come l'anno scorso ... hanno solo tolto il limite di calibro per la carabina, per il resto pieno di stupidaggini come l'anno scorso. Figurarsi che hanno confermato lo sparo da punto alto anche col cal.12 e l'uscita obbligatoria in coppia ... Mi sa che dovrò far prendere il porto d'armi a mia moglie !!
                    Saluti, G.Pietro

                    COMMENTA


                    • #13
                      Ogni regione ha le proprie leggi. La caccia in deroga è stata vietata, però ogni regione si inventa qualche forma di prelievo per aggirare l'ostacolo. In Friuli V.G. la caccia alla volpe è consentita come da calendario venatorio, si può fare sia in caccia vagante che in appostamento. In pianura è vietato il segugio, però si può tirare anche con i cani da ferma al seguito. La carabina è consentita ma non può essere utilizzata da altane o scale per la caccia di selezione agli ungulati. Il 223 è un ottimo calibro, io lo utilizzo e mi trovo bene. Sabato scorso ho tirato al maschio di capriolo, è cascato sulle zampe, la distanza di tiro era fra i 90 e i 100 m. Lo utilizzo anche sul cinghiale, l'unico problema che ha il 223 e quello di non sopportare i tiri poco precisi. Per la volpe non ci sono problemi, per il capriolo e il cinghiale il problema è quello di chiamare il cane da traccia se dovesse mancare la precisione. Ho un 3-12x56, il massimo ingrandimento non l'ho mai utilizzato, tiro quasi sempre con 4 ingrandimenti, a una distanza di 130 m. più o meno, però con i 4 ingrandimenti si possono fare buoni tiri a "zona" a 170/180 m. parlo di bersagli grossi come un cinghiale di 80/90 chili. Ieri sera alla 21,45 ho provato a mirare alla testa di una scrofa che pascolava nell'orzo a una distanza di 170 m. metro più metro meno, se non avesse avuto i piccoli, con 4 ingrandimenti avevo un margine di errore più che sufficiente per tirare nella zona all'orecchio. Per tirare con 24 ingrandimenti vuol dire tirare a grandi distanze, per farlo ci vuole un ottimo tiratore, gli ingrandimenti ingannano, fanno sembrare le cose difficili facili, però nella realtà non lo sono. Per la caccia al capriolo e al cinghiale in selezione, quindi tiro quasi sempre al crepuscolo a con il buio, l'ottica più luminosa è quella con gli ingrandimenti fissi, un 7x56 è l'ideale per la caccia di seleziona da altana.

                      COMMENTA

                      Pubblicita STANDARD

                      Comprimi

                      Ultimi post

                      Comprimi

                      Unconfigured Ad Widget

                      Comprimi
                      Sto operando...
                      X