annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

ma lo sapete quanto sono 50 m ?

Comprimi
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • ma lo sapete quanto sono 50 m ?

    Leggo spesso di abbattimenti puliti a distanze ....dichiarate di 40/50 m, misurate 50 m effettivi ragazzi son tanti ci vuole canne e cartuccce fenomeno per far cadere stecchito un selvatico (manico permettendo) a me sembrano veramente tanti forse perchè non sparo mai entro , diciamo i 30 m a occhio, anche perchè a quelle distanze può succedere di tutto e la maggior parte delle volte solo ferimenti e selvaggina non recuperabile...voi che ne pensate?
    jagher1 piace questo post.

  • #2
    Per comprendere bisogna mettersi sotto ad una costruzione alta 50 metri e immaginare di sparare ad un uccello che ci passa sopra.


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
    jagher1 piace questo post.
    ...le decisioni giuste vengono dall'esperienza......
    ..il problema è che l'esperienza viene dalle decisioni sbagliate....

    COMMENTA


    • #3
      Io condivido pienamente.
      Con le cartucce e le armi moderne, lasciando stare tungsteno & company, abbattimenti puliti a 50 mt non sono impossibili, e forse nemmeno tanto infrequenti, ma sono comunque tiri impegnativi che non sono e non possono costituire la regola.
      Tuttavia nel forum c'è chi non la pensa così e occorre rispettare le opinioni di tutti.
      palomba 70 piace questo post.

      COMMENTA


      • #4
        Non è la regola ma un colombaccio a 50 metri con una Federal pb6 ce l'ho letteralmente spento.
        A quella distanza la rosata si apre e le possibilità di centrare il bersaglio diventa difficile, anche se il potere lesivo (soprattutto di una "buona" cartuccia) è ancora vivo.

        Inviato dal mio A1-734 utilizzando Tapatalk

        ENJOY HUNTER
        Quando ti è andata male,
        Pensa che sarebbe potuta andare anche peggio.

        COMMENTA


        • #5
          una volta mi è capitato di cacciare in un pioppeto con alcuni pioppi vecchi caduti per terra e per curiosità ho contato i passi per fare tutto il pioppo beh, a guardarlo per terra non sembrava lontana la sua cima ma in realtà erano comuqnue 42 passi, guardando gli altri che c erano in piedi mi sembrava molto molto più alto

          COMMENTA


          • #6
            Spesso si buttano misure senza effettivamente sapere che è molto meno del dichiarato. A 50 mt un tordo od un altro selvatico manco lo vedi o riconosci si può dire a mio giudizio per cui è da non tirare il grilletto. Mio parere
            season piace questo post.

            COMMENTA


            • #7
              Infatti. 50 metri sono tanti e in aria è ancora piu difficile stimare la distanza reale
              season piace questo post.

              COMMENTA


              • #8
                Se poi si spara in verticale...... Ciaoneeeeee. Poi per carità la botta buona capita a volte ma non è la regola.

                COMMENTA


                • Mikylales
                  Mikylales commentata
                  Modifica di un commento
                  Scusami ma questa non l'ho capita.... i tiri in verticale secondo me sono i più semplici.....

                • flou
                  flou commentata
                  Modifica di un commento
                  perche pensi che lo hai in testa essendo sopra di te e spari ,magari stando mooooolto fuori tiro

              • #9
                Quest’anno mi é capitato di staccare alcuni colombacci a non so quanto... forse sì forse no 50 mt. Breda echo con briley helix full * e camouflage 42 n.3 (quando il gioco si fa duro) 😂😂😂

                COMMENTA


                • #10
                  Anche io evito di fare tiri forzati ma avendo il bigrillo ,quindi avendo la possibilità di preme direttamente il 2° grilletto su animali partiti un po più avanti rispetto la ferma del cane,mi è capitato di farne qualcuno andato a buon fine e se non erano 50 mt poco ci mancava.Se mi dovesse ricapitare contero' i passi.

                  COMMENTA


                  • #11
                    Ci sta. Siamo tutti d'accordo che il " tiro della domenica" sara capitato un po a tutti. Io abitualmente sparo con un semiauto con canna da 76 cm e 1* fissa forata 18,3 e qualche tiro extra lounge mi capita. è chiaro che se tiri a 60 mt con il piombo 3 ... se prendi il selvatico con un pallino viene giu, ma per ampiezza della rosa, tempi di anticipo, scarso numero di pallini, ci sono tante incognite che rendono questi tiri un episodio da commentare al bar il giorno dopo e non una regola abituale.
                    7x64, SPARTANO e Mikylales piace questo post.

                    COMMENTA


                    • MariMaraviz96
                      MariMaraviz96 commentata
                      Modifica di un commento
                      a quella distanza, un colombaccio in volo che supera gli 80km/h per una cartuccia con una velocità di circa 400m/s credo che vuole almeno 4-5 metri di anticipo, è a CULO colpire

                  • #12
                    https://youtu.be/06XuUF-XoHk
                    palomba 70, e piace questo post.
                    La caccia ce l'ho nel DNA

                    COMMENTA


                    • erchiappetta
                      erchiappetta commentata
                      Modifica di un commento
                      E si ehh...se ricomincia !Ahahahahh...ciao.

                  • #13
                    In genere cio' che accade quando si tira ad uccelli o mammiferi a 50 metri o piu' e' che si tira dietro al bersaglio, se questo si muove con una traettoria secante rispetto a quella dello sciame di pallini. Se invece si tira con l'anticipo giusto (che a quella distanza e' molto grande), lo sciame d pallini con cartuccia e strozzatore "normali" si e' disperso, e il bersaglio puo' o passare indenne nei buchi di rosata o essere colpito perifericamente di striscio, non in una zona vitale, o da un solo pallino, che avendo rallentato notevolmente, anche se colpisce una zona vitale non trasmette abbastanza shock idrostatico all'animale da farlo cadere. L'animale molto probabilmente morira', ma non lo si potra' recuperare perche' caduto troppo lontano, e spesso all'insaputa del cacciatore. A volte pero' il pallino "fortunato" colpisce l'animale al cervello, o al collo, o alla spina dorsale, o a un'ala, e il selvatico cade immediatamente o quasi. Ma tale abbattimento istantaneo e' piu' l'eccezione che la regola, e di solito avviene soltanto con pallini abbastanza grossi che conservano energia e velocita' piu' a lungo. Ecco perche' i "cacciatori" di oche che traccheggiano alte fra laghi e zone di pastura tirano a oche imbrancate anche a 80 o 90 metri, ma con i pallettoni. Spesso i pallettoni passano fra le oche senza colpo ferire, ma ogni tanto uno trova il bersaglio, e il pallettone anche a quella distanza ha ancora abbastanza energia da abbattere l'animale. Pura $tronzaggine, questa, perche' tali skybusters (spaccacieli) spaventano le oche che magari si sarebbero posate dove qualcuno s'era fatto un cu10 cosi' preparando un capanno o scavando una buca e sistemando centinaia di stampi, mojos, ecc. e invece proseguono per 50 km. Fortuna che, credo, questa pratica e' stata vietata, anche perche' le terzarole di acciaio o tungsteno o altro metallo no-tox non esistono
                    Lo so che tungsteno ecc. e' fuori discussione, ma con tali pallini i una 12/76 ed uno strozzatore superfull, la rosata fa quasi palla a 25 metri e a 45 metri la rosata e' ancora molto stretta (40-45 cm). Ma queste son cartucce da tacchini, pallini del 6 di lega di ferro, tungsteno e nichelio, e da sparare a fermo alla testa e collo del dindo. Costano 5 dollari l'una, e con tali rosate strette e pallini che a 50 metri hanno la velocita' e penetrazione che i pallini di piombo hanno a 30 metri, sai le padelle o le polpette di piume e carne tritata che si otterrebbero a caccia "normale" di anatre , fagiani, o palombe!
                    Per concludere questo discorso ozioso, l'unico modo sicuro di sapere a che distanza si e' sparato e' quando il selvatico vola ad altezza d'uomo o quasi o corre, e si contano i passi da dove si e' sparato al selvatico abbattuto. Senza un telemetro e' impossibile determinare esattaente quanto era alto un uccello che abbiamo abbattuto mentre ci volava sopra la testa.
                    CHI SE FA PECORA OBBEDISCE AR PECORARO!

                    COMMENTA


                    • #14
                      Io con le magnum tiro piombo dal 3 allo 0 e a 50 metri i colombacci cadono eccome. Certo bisogna centrarli però con la mia crio strozzatore 2 stelle a quelle distanze vengon giù.

                      COMMENTA


                      • #15
                        Ieri sono andato ad allenare la springer sulle quaglie di allevamento, premetto che in questi terreni non adatti al cane da cerca utilizzo canne 71 e strozzature °°°/° Cartucce tipo 3 piombo 10 e 9 la grammatura ideale sarebbe 32/34 g. ma quando non si riesce a trovare questa grammatura utilizzo anche 36 grammi. Detto questo per me i tiri intorno ai 40 m. sono frequentissimi, quelli a cinquanta molto meno, comunque sono fattibilissimi, l'animale cade con un n° 9 o anche con un 10 anche a 50 m. Lo so benissimo che la quaglia di voliera casca a 50 m con un solo pallino, però il pallino è arrivato a destinazione. Non mi diverto a fare tiri lunghi, ma con un cane da cerca che copre 20/30 m. per lato si e fortunati a fare tiri a 30 m. Cartucce buone, canne minimo 71 strozzate, un calcio adatto al cacciatore, il resto lo fa l'anticipo e la mirite. La difficolta degli anticipi nelle lunghe distanze sta nel calcolare l'angolo, gli angoli acuti hanno bisogno di poco anticipo, man mano che l'angolo si apre ha bisogno sempre di più anticipo. Un quaglia che va via dritta di schiena non ha bisogno di nessun anticipo laterale se monta si copre e si tira, a 50 m. casca. Quello che non fa incarnierare, avendo buone cartucce, canne lunghe e strozzate, è la difficolta che presenta il tiro. Non è vero che non ci sono tiri facili o difficili, ci sono tiri più facili e quelli più impegnativi, dove è meglio guardare bindella e mirino con un solo occhio e traguardare il bersaglio. Scusate il superfluo, ma per tirare a 50 m. non basta alzare il fucile e tirare.

                        COMMENTA


                        • Gianni1°
                          Gianni1° commentata
                          Modifica di un commento
                          secondo me il tiro a 50 m con l'abbattimento è una casualità, il piombo grosso fa la sua parte, ma è sempre casuale perché su quell'animale ci trovi 1-2 pallini che al 70% feriscono ed un 30% abbatte, più che mirite è saper bene anticipare e in un tiro a 50m hai tutto il tempo di mirare, cerco di evitare questi tiri al max i 40 m con baby magnum di 40-42 gr e piombo 5-4 per i colombacci, lo zero solo per le anatre.
                      Chi ha letto questa discussione negli ultimi 10 giorni:

                      Pubblicita STANDARD

                      Comprimi

                      Trending

                      Comprimi

                      Unconfigured Ad Widget

                      Comprimi

                      Tag nuvola

                      Comprimi

                      Ultimi post

                      Comprimi

                      Sto operando...
                      X