annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

FUCILI FABARM - possessori e amatori.

Comprimi

Mantieni online il sito per tutto il 2019

Comprimi
Le donazioni inviate sino ad oggi hanno ricoperto il (20%) dei costi necessari.
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #16
    Originariamente inviato da Seagate Visualizza il messaggio
    Su consiglio di utenti del forum ho sparato RC sipe,S4,jk6 33gr e jk6 35gr.
    Secondo me quelle che vanno proprio bene sono le RC sipe pb 10-11 seguite dalle RC S4 pb 10 meno bene mi è parso vadano le jk6 specie le 35 gr pb 9...forse ci vuole il freddo che non c'è stato.
    Cartucce da 38-42 gr ne ho tirate talmente poche che non saprei dire.
    Anch'io confermo questi dati.. Tranne per ciò che riguarda le RCJK6 che con la canna Paradox da 61 cm per me vanno da dio. Smentisco anche ciò che riguarda la diceria che le Tribore non vanno bene con piombo piccolo.

    COMMENTA


    • #17
      Ce l'ho un Fabarm, l'H368lion Composite, che uso quasi esclusivamente per le cariche pesanti dai 36gr in su, per il tordame preferisco il mio vecchio 300 canna 62,5 cil e strozzatori, molto più maneggevole, il Fabarm dopo i primi anni ha iniziato a fare bizze, pretende molta più manutenzione, bisogna tenere d'occhio la molla di riarmo del pistone, quando si scarica iniziano i dolori con lo scartucciamento, una volta cambiata stai a posto....cè di meglio.
      O a Napoli in carrozza o alla macchia a far carbone.

      COMMENTA


      • #18
        Originariamente inviato da Gianni1° Visualizza il messaggio
        Ce l'ho un Fabarm, l'H368lion Composite, che uso quasi esclusivamente per le cariche pesanti dai 36gr in su, per il tordame preferisco il mio vecchio 300 canna 62,5 cil e strozzatori, molto più maneggevole, il Fabarm dopo i primi anni ha iniziato a fare bizze, pretende molta più manutenzione, bisogna tenere d'occhio la molla di riarmo del pistone, quando si scarica iniziano i dolori con lo scartucciamento, una volta cambiata stai a posto....cè di meglio.
        Che problemi da la molla scarica...voglio dire crea problemi nell'espulsione del bossolo sparato o nel riarmo vero e proprio ad esempio mal funzionamento della cucchiaia...nuova cartuccia incastrata...
        Sono curioso di capire i punti deboli della meccanica di questo fucile perché a vederla sembra molto semplice e bilanciata....certo se un componente non lavora come dovrebbe viene fuori il problema.
        Anch'io ho un Beretta 391 da una decina d'anni e non mi ha mai dato problemi pulendo pistone e tubo di tanto in tanto.

        COMMENTA


        • Gianni1°
          Gianni1° commentata
          Modifica di un commento
          avevo problemi di ricaricamento del terzo colpo, cambiando la molla è quasi scomparso.

      • #19
        Sono un felice possessore di un XRL composite con canna da 66 senza bindella, fatta sbindellare da me e lo uso solo ad anatre in vagante con cariche dai 36 in su, invece quando sono in appostamento metto la prolunga da 5 cm a **. Come canna è eccezionale con cariche da 36 in su, come meccanica secondo me non mi ha dato mai problemi ma potrebbe essere migliorata rendendola un po più pastosa e un po meno sferragliante e fastidiosa.

        COMMENTA


        • #20
          Da quello che leggo sto capendo, non possedendo un semiautomatico fabarm, che per quanto riguarda la meccanica, nei semiautomatici, hanno molto da lavorare, rispetto ad altri marchi che sono molto affidabili. Invece nei sovrapposti e nelle doppiette le cose vanno molto meglio...belle canne...non danno problemi...

          COMMENTA


          • #21
            Ciao a tutti, a mio parere la meccanica Fabarm almeno negli ultimi modelli è affidabile. Il mio XLR va bene e molti sono i felici possessori di questa arma.

            Il problema è sempre il solito: uno si lamenta e fa molto più opinione delle decine che sono contenti.

            Dando seguito alle lamentele di alcuni c'è da pensare che il fenomeno degli inceppamenti sia più frequente che in altri semiautomatici e questo può essere anche vero: tuttavia si tratta di casi sporadici non della regola.

            Che il meccanismo sia da perfezionare non vuol dire che sia una ciofeca né che sia assolutamente inaffidabile come alcuni lasciano intendere creando nelle persone un falso luogo comune: infatti anche l'amico Tristan ha inteso che meccanicamente "abbiano molto da lavorare", secondo la mia esperienza non è così.

            La Fabarm ha prodotto, produce e vende migliaia di semiautomatici, con una innovazione tecnologica di prim'ordine, le sue canne sono tutt'ora considerate fra le migliori al mondo.

            Nessuna azienda potrebbe reggere l'urto di centinaia di reclami, se ci fossero, né avrebbe alcun senso produrre armi che creano più problemi che soddisfazioni.
            Se la Fabarm continua a produrre armi con la stessa meccanica secondo me significa che statisticamente le lamentele sono poche.

            D'altro canto nemmeno le aziende più blasonate sono scevre da problemi come ogni tanto si legge qua e là nei forum: tutte armi affidabili ... finché non si inceppano.

            I semiautomatici Fabarm hanno una meccanica meno efficiente di altre? Si, può essere...
            Ma nella vita ho imparato ad accettare i limiti e a guardare la sostanza.
            La perfezione la lascio ai sognatori.

            un saluto

            Maurizio




            Crio180781 piace questo post.

            COMMENTA


            • Seagate
              Seagate commentata
              Modifica di un commento
              Col mio ho sparato non più di 350 cartucce e forse una trentina di cartuccioni...troppo pochi per poter dare una mia impressione sull'affidabilità nel tempo ma un'idea,magari sbagliata,mi è venuta...i problemi potrebbero venire a causa del funzionamento incostante dell'elastomero e relativa ghiera che lo comprime facendolo dilatare e causando attrito sulle pareti del bicchiere di presa gas.Questa compressione,dilatazione e conseguente attrito è tanto maggiore quanto più elevata è la pressione sviluppata dalla cartuccia...in pratica il pistone che agisce sul manicotto-biella viene frenato per attrito...se il sistema,per sporcizia o altri motivi,non frena abbastanza, il carrello-biella arriva sul gruppo scatto con troppa energia e, a lungo andare ,lo può danneggiare facendo sballare i sincronismi di espulsione e riarmo...logicamente l'ipotetico problema sarebbe amplificato dall'uso di cariche che sviluppano elevate pressioni.
              Cosa ne pensi...
              Per il resto sono d'accordo con te...se metti sulla bilancia pro e contro è un fucile da comprare.

          • #22
            Ciao Seagate, per la mia esperienza è vero il contrario. Il fucile tende ad incepparsi quando è sporco: e l' XLR si sporca rapidamente.
            Il fenomeno si presenta all'inizio con un rallentamento nel ciclo di riarmo che non è più fluido e scorrevole, se insisto a non pulirlo piano piano da problemi di ricarica.
            Il fenomeno mi si è presentato in più di una occasione e sempre con le cartuccette da 30/32 grammi, mai con cartucce da colombi.

            In quei casi, al ritorno lo smonto, gli do una passata di petrolio lampante su canna, elastometro e tubo serbatoio, una bella asciugata e torna a funzionare perfettamente.

            In un paio di occasioni lo ho smontato sul terreno di caccia lo ho pulito alla meglio con un fazzoletto di carta e mi ha consentito di cacciare tranquillamente fino al rientro.

            Tengo a precisare che pulisco sempre immediatamente ed accuratamente le armi quando si bagnano, sono molto più pigro in condizioni di bel tempo e, a parte l'esterno dell'arma, che passo sempre al rientro con panno inumidito d'olio, la parte interna, se non necessario, la controllo più raramente.

            Devo ammettere che il mio XLR si sporca facilmente e molto rapidamente e, rispetto ad un presa di gas Beretta, sicuramente necessità di intervalli di pulizia più frequenti, (dipende da quanto si spara).
            Tuttavia ritengo questo un limite non un difetto.
            Per il resto, quando è pulito, non mi dà problemi.

            Un saluto

            Maurizio

            COMMENTA


            • #23
              Ciao Maurizio,mi sono espresso male nel senso che ipotizzavo un limite del sistema di freno nel suo principio di funzionamento e non perché incrostato di morchia...ho fatto questa ipotesi perchè nel modello Sporting non c'è l'elastomero ma solo il pistone metallico...con i 28 gr non serve evidentemente freno per smorzare la spinta su manicotto-biella mentre con cariche maggiori diventa necessario.Mi chiedo se una ghiera che spinge su un anello di gomma riesca a frenare in maniera costante e ripetuta anche se ben manutenzionata.Dico questo non per fasciarmi la testa prima di essermela rotta ma per tentare di capire se le critiche sono fondate oppure nella maggior parte dei casi dovute ad un maldestro utilizzo.
              Ho notato anch'io che tende a sporcarsi velocemente ma come hai detto ci vuole ben poco a pulirlo con un pezzo di carta...di contro mi viene a pennello,il rinculo non si sente,tra un colpo e l'altro non si muove,nei 30 metri con 2/10 vengono giù imbalsamati...aspetto il prossimo ottobre per vedere se riesco a sparare qualche cartuccione con 9/10!
              saluti

              COMMENTA


              • #24
                Ciao Seagate, un pistone in elastomero che si espande in modo radiale sotto la spinta dei gas, andando così a frenare il movimento del carrello sfruttando l'attrito prodotto dalla forza della carica è un sistema indubbiamente geniale.

                Che il pistone faccia bene il suo lavoro lo si comprende dal rinculo leggero e dal ridotto impennamento che si percepiscono, all'atto dello sparo, anche con cartucce "robuste".
                Questo denota altresì che la potenza della cartuccia viene scaricata dolcemente e progressivamente lungo l'asse del serbatoio.

                Se poi l'elastomero o qualche altro componente perderà nel tempo le sue proprietà e il sistema tenderà a frenare il movimento del carrello in modo anomalo, questo è possibile che si verifichi, ma al momento non ho notizie a riguardo.
                In ogni caso non mi sembra un gran problema visto che sono pezzi di ricambio che si possono acquistare per pochi euro.

                Di certo non è un meccanismo semplice come il Beretta, Tuttavia il metodo di ricarica è abbastanza originale e se nel tempo verrà ulteriormente affinato, potrebbe diventare un valido standard di riferimento nei recupero di gas soprattutto per le cariche maggiorate "no toxic" dove la stabilità dell'arma non è un vantaggio trascurabile.

                un saluto

                Maurizio


                COMMENTA


                • #25
                  D'accordo con te...geniale nelle sua semplicità.Ora sta a noi collaudarlo ben bene...sperando nella collaborazione dei pennuti.
                  Secondo la tua esperienza vi sono altre accortezze particolari di cui tenere conto nello smontaggio e manutenzione...
                  Un saluto

                  COMMENTA


                  • mauanto61
                    mauanto61 commentata
                    Modifica di un commento
                    Ciao Seagate, non sono un esperto amico mio, ma un semplice utilizzatore. Nessuna accortezza particolare: pulisco accuratamente a fine stagione il gruppo di scatto e tutte le parti meccaniche spruzzando prima del petrolio lampante che scioglie morchie e sporchi vari, poi soffio tutto accuratamente con il compressore che fa penetrare il liquido ovunque e lo fa uscire. Alla fine un filo di olio per armi anche questo soffiato con il compressore in modo che penetri ovunque e non "coli". Le parti rimangono lubrificate perfettamente senza eccesso di olio.
                    Per la canna uso un riccio del 20 con attorcigliata un po di lana di acciaio e come dilunente il wd40.
                    Per l'interno della canna ho trovato eccellente il silicone spray che fa un velo protettivo opaco e quando metto il fucile verticale non cola.

                    Un saluto

                • #26
                  Io ho un xlr con cui mi trovo molto bene devo dire però che effettivamente la pulizia e lubrificazione devono essere fatte molto spesso perchè altrimenti specialmente con cariche più basse qualche inceppamento può accadere.Nonostante ciò vorrei prendere un L4S perchè visto in armeria ed imbracciato mi ha dato l idea di avere un cal 20 con il quale caccio abitualmente in caccia vagante, qualcuno lo possiede e mi può dare una sua opinione?

                  COMMENTA


                  • #27
                    Anch'io ho avuto la tua stessa impressione imbracciandolo in armeria...ben bilanciato,calcio ben fatto,bella linea filante...eppure sembra che non lo abbia comprato nessuno.

                    COMMENTA

                    Pubblicita STANDARD

                    Comprimi

                    Ultimi post

                    Comprimi

                    Unconfigured Ad Widget

                    Comprimi
                    Sto operando...
                    X