annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

FEDERCACCIA CONTRO LE OFFESE ANTICACCIA SUI SOCIAL. DALLA GERMANIA UN IMPORTANTE PRECEDENTE

Comprimi
X
Comprimi
  •  

  • Contro le offese anticaccia sui social. Dalla germania un importante precedente

    In Germania, gli insulti e linguaggio offensivo sui social a seguito del post su Facebook di una cacciatrice hanno portato a gravi conseguenze penali e civili e oltre 50 condanne. Federcaccia sta lavorando a una proposta di legge che renda possibile la stessa tutela anche in Italia

    In Germania Internet non rappresenta più un “vuoto legale”: chi posta sul Web non deve più sopportare gli abusi di linguaggio online.

    Una cacciatrice che si fa chiamare Waidfräulein, “ragazza della foresta”, ha pubblicato la storia e una foto di una caccia alla volpe su Facebook nel marzo 2018. In poche ore il post aveva attirato più di 2.000 commenti di odio e oltraggi.

    Waidfräulein non ha accettato gli insulti, rivolti per lo più in modo anonimo. Assistita dalla Deutscher Jagdverband, l’Associazione Tedesca dei Cacciatori e dall’avvocato Heiko Granzin, ha intrapreso più azioni legali.

    Durante il processo è stato necessario superare un ostacolo particolare. A parte la legge tedesca, la sede europea di Facebook è a Dublino e solo l’ufficio del pubblico ministero irlandese può richiedere indirizzi IP e nomi nel corso di un’indagine penale su Facebook. Così è successo, il procuratore irlandese ha preso sul serio la questione e ha cercato i nomi e gli indirizzi IP degli autori di reato, alcuni dei quali pubblicati con pseudonimi.

    Anche i media tedeschi hanno dato ampio risalto alla questione. E ora, due anni e mezzo dopo, il caso di Waidfräulein è giunto al termine e oltre alle intimazioni di cessare e desistere dal rivolgere commenti ed espressioni offensive, i tribunali hanno emesso più di una dozzina di condanne penali e civili, mentre sono in corso ulteriori procedimenti.

    I commentatori dell’odio pagheranno pesanti multe e alti costi. Un colpevole, che ha usato un termine dispregiativo per l’organo sessuale femminile, dovrà pagare 3.800 euro in spese processuali, spese legali e risarcimento. Termini denigratori come “cagna” e “feccia” hanno fruttato agli autori delle sanzioni di 3.300 euro ciascuno. Altri devono effettuare pagamenti compresi tra 1.000 e 2.000 euro.

    Lo scorso giugno il Bundestag tedesco ha approvato una legge contro l’estremismo di destra e i crimini d’odio: gli insulti sui social media saranno puniti severamente, inclusa la reclusione fino a due anni.

    Chiamare un cacciatore “malato” o “assassino” non potrà più essere coperto dal velo della libertà di espressione e le minacce alla vita e alla salute sono reati penali che spingeranno il pubblico ministero a intervenire.

    In Germania quindi i social non si muovono più in un vuoto legislativo dove è il gestore della piattaforma a decidere cosa è condannabile o meno.

    E in Italia? Purtroppo segnalazioni, denunce ed esposti sia a livello personale che di associazione su questo tema cadono normalmente nel vuoto e sono rarissimi i casi in cui si riesce ad ottenere giustizia. Per questo motivo la Federazione sta preparando una proposta di legge mirata a cambiare la situazione ampliando le fattispecie sanzionate dal codice tutelando di fatto non solo i cacciatori, ma tutti coloro che si trovano a dover subire manifestazioni di odio e offese per le proprie attività e opinioni legittime, così come già giustamente avviene ad esempio per l’origine etnica, il credo religioso, l’orientamento sessuale, l’identità di genere, la disabilità…

    Ottenere la tutela di pensiero e di azione, nei limiti consentiti dalla legge – ha dichiarato il presidente nazionale Massimo Buconi – non è una rivendicazione corporativa, ma una vera e propria battaglia per la libertà nella quale intendiamo impegnarci con forza. Non è più tollerabile il clima di odio che si è creato e si sta diffondendo in modo allarmante attorno alla caccia e, in tono per ora minore ma sempre più virulento, ad altre attività tradizionali tipiche della ruralità senza che nessuno sembri prestare attenzione o non possa agire per la mancanza di strumenti legali specifici. Ci aspettiamo di trovare su questo tema nei parlamentari di tutti gli schieramenti e nell’opinione pubblica non ideologizzata la stessa sensibilità e attenzione che si è giustamente manifestata di fronte ad altre forme di discriminazione. È il momento di fare qualcosa e farla subito. E Federcaccia lo sta facendo”.

    Ufficio Stampa Federazione Italiana della Caccia

    • Alphalollo
      #1
      Alphalollo commentata
      Modifica di un commento
      Fosse fosse che qualcosa si muove? speriamo bene.

    • walker960walker
      #2
      walker960walker commentata
      Modifica di un commento
      Ottima cosa, speriamo vada in porto.....io sono positivo.
    L'invio di commenti è disabilitato.

Categorie

Comprimi

Tags

Comprimi

Ultimi Articoli

Comprimi

  • Laghi da caccia gioielli di biodiversita´ 365 giorni l´anno – video
    da Alberto 69


    La migrazione pre-nuziale è cominciata e gli uccelli cercano alimentazione e habitat naturali per rifocillarsi e riposarsi prima dei lunghi voli verso le aree riproduttive.

    In questo video condiviso sulla pagina Facebook dell’Ufficio Studi e Ricerche Faunistiche e Agro-Ambientali di Federcaccia, ammiriamo un gruppo di moriglioni in alimentazione e sosta nel mese di febbraio in un appostamento fisso di caccia gestito per tutto l’arco dell’anno dai titolari, che lo...
    Ieri, 20:04
  • Il paese dei balocchi
    da Alberto 69

    di Antonio BUONO*

    “Nel Paese dei Balocchi non vi sono scuole, non vi sono maestri, non vi sono libri, in quel paese non si studia mai.
    I migliori saranno sempre quelli che ne sapranno meno di altri”.
    Come a dire che quanto più si è asini, tanto più ci si ritrova in alto nella scala del potere.
    Mi sa che quel Paese esiste davvero, solo per gli imbecilli la storia non si ripete.
    Vogliamo creare alcune analogie con il romanzo del Collodi?
    Se...
    02/03/21, 21:06
  • A macerata posti nidi artificiali per la nidificazione dei germani reali
    da Alberto 69


    Per il secondo anno consecutivo, la Federcaccia Provinciale di Macerata e ACMA – Associazione Cacciatori Migratori Acquatici, settoriale dell’Associazione che si interessa specificamente di ricerca, monitoraggio e gestione della fauna acquatica, in collaborazione con l’Ambito Territoriale di Caccia MC2 hanno messo in campo il progetto dei nidi artificiali predisposti per la nidificazione dei germani reali.

    Il germano reale è un’anatra di superficie, appartenente...
    26/02/21, 19:30
  • Aiutaci a contrastare la proposta di divieto totale di uso del piombo nelle munizioni
    da Alberto 69


    Partecipa al questionario sull’impatto socio economico di questa proposta semplicemente collegandoti al sito FACE entro il 31 marzo

    Roma, 26 febbraio 2021 – L’Agenzia Europea per le Sostanze Chimiche (ECHA) ha proposto il divieto totale di utilizzo del piombo nelle munizioni e nelle attività di pesca, con un periodo di adeguamento di 5 anni. Questa proposta dovrà essere approvata dalla Commissione e poi dal Parlamento Europeo. Nei prossimi mesi tutti i portatori d’interesse...
    26/02/21, 19:25
  • Confucio, i “parassiti” ed i massacri infiniti
    da Alberto 69


    *di Antonio BUONO

    “Dai un pesce ad un uomo e lo nutrirai per un giorno.

    Insegnagli a pescare e lo nutrirai per tutta la vita”.

    E’ un proverbio Cinese (Confucio) che piace molto in America, laddove è ancora forte la convinzione che per “farcela” sia sufficiente avere l’istruzione e la volontà.
    A quanto pare, l’insegnamento si direbbe valido ed al tempo stesso, dovrebbe essere lo strumento con cui la società potrebbe riscattare...
    23/02/21, 20:13
  • Italcaccia. Tordi, perché ce ne sono di meno?
    da Alberto 69
    Il passaggio annuale dei tordi verso la Penisola è generalmente in diminuzione.


    Una volta terminata la stagione dei tordi abbiamo avuto e tenendo conto dei commenti dei cacciatori ; in generale, la loro presenza è stata meno numerosa rispetto alle passate stagioni. Principalmente, il tempo non ha favorito il loro ingresso migratoria nella penisola.

    Tuttavia, a livello nazionale, registra una graduale riduzione del Tordo Bottaccio. Molti luoghi di caccia che qualche...
    23/02/21, 19:01
Sto operando...
X