annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

CIA Puglia Lupi nel Gargano,storni in tutta la regione,il numero dei cinghiali cresce

Comprimi
X
Comprimi
  •  

  • CIA Puglia Lupi nel Gargano,storni in tutta la regione,il numero dei cinghiali cresce



    Lupi che attaccano gli allevamenti, storni sui campi coltivati, cinghiali capaci di vanificare le semine o di distruggere interi raccolti di legumi: è quanto continua ad accadere in tutta la Puglia, con decine di segnalazioni da parte di aziende zootecniche e imprese agricole gravemente danneggiate. Nuovo allarme sull’emergenza animali selvatici da parte di Cia Puglia che richiama l’attenzione su una questione che torna a farsi problematica anche per effetto del lockdown necessario per contenere la diffusione del Coronavirus.

    Gli ultimi episodi per quanto riguarda la Puglia -precisa la nota della Cia regionale- si sono verificati a macchia di leopardo in ciascuna delle 6 province della regione. La questione della convivenza con i lupi è più volte stata sollevata soprattutto nel Gargano e sui Monti Dauni, in provincia di Foggia, nelle zone rurali ubicate non lontane dai rilievi del Promontorio e dell’Appennino Dauno. La scorsa settimana, a Lucera in località San Giusto, due asinelli sono stati sbranati. Attacchi di lupi si sono verificati nella parte settentrionale della provincia di Brindisi. I cinghiali, invece, sono tornati recentemente ad agire nel Barese e in provincia di Taranto, dove branchi di ungulati hanno scavato buche profonde fino a 50 centimetri per attaccare le radici di un agrumeto.

    “Le declinazioni provinciali della nostra organizzazione stanno segnalando la questione da tempo, anche attraverso veri e propri dossier che documentano gli effetti negativi della presenza incontrollata della fauna selvatica sul territorio -ha dichiarato il presidente regionale di Cia Puglia, Raffaele Carrabba-. Abbiamo avanzato le nostre proposte alla Regione Puglia per cominciare ad affrontare strutturalmente la questione -ha aggiunto Carrabba”.

    “La necessità di passare dal concetto d’indennizzo a quello di un risarcimento vero e proprio, adeguato al ristoro dei danni effettivamente subiti -prosegue il presidente di Cia Puglia- è soltanto una delle questioni sul tavolo: occorre monitorare il numero, la crescita e la presenza degli animali selvatici, poter contare su una ricerca approfondita che rilevi anche i comportamenti delle diverse specie animali, i loro spostamenti, le abitudini nutrizionali, così da poter capire come affrontare il problema, con quali misure e con un programma di azioni volte a limitare al minimo l’impatto negativo della fauna selvatica sulle aziende agricole e zootecniche”.
      L'invio di commenti è disabilitato.

    Categorie

    Comprimi

    Ultimi Articoli

    Comprimi

    • FIDC BRESCIA. Continua la crociata del Ministero dell’Ambiente vs il mondo venatorio.
      da Alberto 69


      Sotto attacco questa volta sono il Moriglione e la Pavoncella.

      Utilizzando in modo spregiudicato la letteratura internazionale il Ministero ha già chiesto di sospendere il prelievo di queste due specie alle Regioni, senza fornire però supporti concreti a questo invito. Purtroppo sappiamo che sono le solite motivazioni abolizioniste a muovere l’azione di questo Ministero, ormai ferocemente connotato come anti-caccia; purtroppo ci sembra di capire che la stessa politica...
      10/07/20, 19:26
    • Quale futuro per la migratoria in italia?
      da Alberto 69


      Questa volta, cari amici di “4 chiacchiere fra noi” vi lasciamo la scena. Fate le vostre domande sul futuro della migratoria in particolare e della caccia in generale, esponete i vostri dubbi, le vostre paure. Risponderà un politico che di queste cose se ne intende, un grande cacciatore migratorista. Il senatore Francesco Bruzzone della Lega, è qui per voi. Uno dei più affollati gruppi di Facebook, migratoria.it è presente ed organizza il flusso delle domande provenienti dai...
      06/06/20, 23:20
    • Abruzzo: Riunione consulta venatoria sul calendario 2020- 2021
      da Alberto 69


      Non si conosce ancora l’esito della riunione della Consulta Regionale della caccia che si è tenuta ieri 1 giugno 2020 alle ore 15:00 presso l’auditorium Piervincenzo Gioia di palazzo Silone -sede della Giunta regionale- in via Leonardo da Vinci 6, l’Aquila. Gli argomenti posti all’ordine del giorno sono: Proposta di Calendario Venatorio Regionale 2020/2021; Varie ed eventuali. Ecco il testo del calendario venatorio.

      Calendariovenatorio 2020_2021 Download...
      02/06/20, 16:38
    • Prelievo venatorio e gestione delle specie pavoncella e moriglione
      da Alberto 69


      In relazione alla nota prot, n. 39696 del 28.5.2020 a firma Zaghi Carlo, Direttore Generale del M. A. T. T. M., che invita le Regioni a non inserire nei calendari Venatori le specie moriglione e pavoncella, nella mattinata di ieri, 1° giugno, Federazione Italiana della Caccia ha inviato agli stessi destinatari la circostanziata nota tecnico legale allegata.

      Federcaccia ha invitato le Regioni e le Province autonome (molte delle quali tra l’altro hanno già approvato...
      02/06/20, 16:23
    • Lombardia. Approvate le modifiche alla legge regionale 26/93
      da Alberto 69


      ATC E CAC DOVRANNO COORDINARE LE FORME DI CACCIA AL CINGHIALE IN OTTICA DI SICUREZZA

      Sono state definitivamente approvate le modifiche alla legge regionale 26/93. Purtroppo non è stato più possibile apportare alcuni correttivi ritenuti fondamentali, come sull’alta visibilità sia per i cacciatori che per la vigilanza, ma vi si dovrà provvedere al più presto.

      Sicuramente di grande risonanza mediatica è la caccia al cinghiale in selezione anche con l’uso...
      26/05/20, 21:28
    • CIA Puglia Lupi nel Gargano,storni in tutta la regione,il numero dei cinghiali cresce
      da Alberto 69


      Lupi che attaccano gli allevamenti, storni sui campi coltivati, cinghiali capaci di vanificare le semine o di distruggere interi raccolti di legumi: è quanto continua ad accadere in tutta la Puglia, con decine di segnalazioni da parte di aziende zootecniche e imprese agricole gravemente danneggiate. Nuovo allarme sull’emergenza animali selvatici da parte di Cia Puglia che richiama l’attenzione su una questione che torna a farsi problematica anche per effetto del lockdown necessario...
      26/05/20, 21:21
    Sto operando...
    X