annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

OK DELL’ISPRA ALLA CATTURA DEI CORVIDI NELLE ZRV PISANE

Comprimi
X
Comprimi
  •  

  • Ok dell’ispra alla cattura dei corvidi nelle zrv pisane





    Gli Ambiti Territoriali di Caccia ricadenti all’interno della provincia di Pisa sono da sempre particolarmente impegnati nella gestione della piccola selvaggina stanziale. Ormai da molti anni le immissioni di selvaggina vengono effettuate esclusivamente con soggetti allevati secondo un protocollo di qualità.

    I soggetti immessi vengono rilasciati nella tarda primavera e l’impiego di strutture di ambientamento e la scelta di animali molto giovani consente un migliore adattamento alle condizioni esterne riducendo notevolmente i livelli di stress, a cui gli individui rilasciati sono sottoposti, con un conseguente calo della mortalità legata a questa fase delicata.

    Normalmente le strutture di ambientamento sono costruite all’interno di Zone di Rispetto Venatorio in cui era da tempo in atto il controllo delle specie antagoniste, una pratica fino ad oggi non autorizzata, influenzando enormemente il livello di successo delle covate di galliformi durante il periodo primaverile.

    Per quanto sopra descritto i due ATC Pisani rappresentati dal Presidente Marco Ciampini ATC 14 Pisa Ovest e dal presidente Gian Luigi Ladurini ATC 15 Pisa Est, nei mesi scorsi si sono adoperati per richiedere un parere ad ISPRA relativo alla cattura dei corvidi all’interno delle Zone di Rispetto Venatorio.

    Tale richiesta si è resa necessaria per ottemperare ad una corretta gestione faunistica.

    A seguito di una corposa documentazione predisposta dai tecnici faunistici degli ATC ,in data 24 marzo 2020, ISPRA ha risposto per mezzo PEC esprimendo il proprio “parere favorevole all’attuazione di piani di controllo dei Corvidi (Gazza e Cornacchia grigia) nel biennio 2020-2021” in quanto “il controllo cruento dei Corvidi risulta azione finalizzata al contenimento dell’impatto predatorio sulla piccola selvaggina stanziale”.

    Si tratta di un importante risultato, che grazie all’impegno ed alla competenza dei presidenti e delle strutture tecniche degli ATC pisani, può rappresentare un esempio per affrontare la tematica a livello regionale.

    Da tempo infatti i volontari e gli operatori faunistici chiedono risposte su questi aspetti fondamentali per ottenere buoni risultati nella reintroduzione ed il ripopolamento della piccola selvaggina stanziale.

    Oggi, si apre nei fatti una strada nuova e percorribile.

    La Confederazione Cacciatori Toscani confida pertanto nella disponibilità dell’ Assessore regionale alla caccia Marco Remaschi di intraprendere ogni iniziativa necessaria per dare soluzione a tale problema.
      L'invio di commenti è disabilitato.

    Categorie

    Comprimi

    Ultimi Articoli

    Comprimi

    • FIDC BRESCIA. Continua la crociata del Ministero dell’Ambiente vs il mondo venatorio.
      da Alberto 69


      Sotto attacco questa volta sono il Moriglione e la Pavoncella.

      Utilizzando in modo spregiudicato la letteratura internazionale il Ministero ha già chiesto di sospendere il prelievo di queste due specie alle Regioni, senza fornire però supporti concreti a questo invito. Purtroppo sappiamo che sono le solite motivazioni abolizioniste a muovere l’azione di questo Ministero, ormai ferocemente connotato come anti-caccia; purtroppo ci sembra di capire che la stessa politica...
      10/07/20, 19:26
    • Quale futuro per la migratoria in italia?
      da Alberto 69


      Questa volta, cari amici di “4 chiacchiere fra noi” vi lasciamo la scena. Fate le vostre domande sul futuro della migratoria in particolare e della caccia in generale, esponete i vostri dubbi, le vostre paure. Risponderà un politico che di queste cose se ne intende, un grande cacciatore migratorista. Il senatore Francesco Bruzzone della Lega, è qui per voi. Uno dei più affollati gruppi di Facebook, migratoria.it è presente ed organizza il flusso delle domande provenienti dai...
      06/06/20, 23:20
    • Abruzzo: Riunione consulta venatoria sul calendario 2020- 2021
      da Alberto 69


      Non si conosce ancora l’esito della riunione della Consulta Regionale della caccia che si è tenuta ieri 1 giugno 2020 alle ore 15:00 presso l’auditorium Piervincenzo Gioia di palazzo Silone -sede della Giunta regionale- in via Leonardo da Vinci 6, l’Aquila. Gli argomenti posti all’ordine del giorno sono: Proposta di Calendario Venatorio Regionale 2020/2021; Varie ed eventuali. Ecco il testo del calendario venatorio.

      Calendariovenatorio 2020_2021 Download...
      02/06/20, 16:38
    • Prelievo venatorio e gestione delle specie pavoncella e moriglione
      da Alberto 69


      In relazione alla nota prot, n. 39696 del 28.5.2020 a firma Zaghi Carlo, Direttore Generale del M. A. T. T. M., che invita le Regioni a non inserire nei calendari Venatori le specie moriglione e pavoncella, nella mattinata di ieri, 1° giugno, Federazione Italiana della Caccia ha inviato agli stessi destinatari la circostanziata nota tecnico legale allegata.

      Federcaccia ha invitato le Regioni e le Province autonome (molte delle quali tra l’altro hanno già approvato...
      02/06/20, 16:23
    • Lombardia. Approvate le modifiche alla legge regionale 26/93
      da Alberto 69


      ATC E CAC DOVRANNO COORDINARE LE FORME DI CACCIA AL CINGHIALE IN OTTICA DI SICUREZZA

      Sono state definitivamente approvate le modifiche alla legge regionale 26/93. Purtroppo non è stato più possibile apportare alcuni correttivi ritenuti fondamentali, come sull’alta visibilità sia per i cacciatori che per la vigilanza, ma vi si dovrà provvedere al più presto.

      Sicuramente di grande risonanza mediatica è la caccia al cinghiale in selezione anche con l’uso...
      26/05/20, 21:28
    • CIA Puglia Lupi nel Gargano,storni in tutta la regione,il numero dei cinghiali cresce
      da Alberto 69


      Lupi che attaccano gli allevamenti, storni sui campi coltivati, cinghiali capaci di vanificare le semine o di distruggere interi raccolti di legumi: è quanto continua ad accadere in tutta la Puglia, con decine di segnalazioni da parte di aziende zootecniche e imprese agricole gravemente danneggiate. Nuovo allarme sull’emergenza animali selvatici da parte di Cia Puglia che richiama l’attenzione su una questione che torna a farsi problematica anche per effetto del lockdown necessario...
      26/05/20, 21:21
    Sto operando...
    X