annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

GLI ANIMALISTI CRITICANO E DIFFONDONO DATI FALSI SULLE DONAZIONI DEI CACCIATORI

Comprimi
X
Comprimi
  •  

  • Gli animalisti criticano e diffondono dati falsi sulle donazioni dei cacciatori

    Anche n questi momenti così difficili gli animalisti non si smentiscono e continuano a diffondere false informazioni.

    Ancora una volta chi non è in grado o non ha la volontà di fare non trova niente di meglio che criticare e cercare di screditare quanto fanno gli altri.

    È il caso di alcune frange e di piccoli gruppi locali dell’associazionismo animalista che evidentemente “indignati” da quanto fatto dal mondo venatorio in queste difficili settimane, diffondono false notizie in merito allo sforzo che i cacciatori hanno messo in campo per aiutare la Nazione nella lotta al Covid-19 sotto forma di donazioni in denaro, apparecchiature sanitarie e volontariato, supporto alla protezione civile, servizio alle comunità, aiuto alle famiglie bisognose, ecc.

    Non è il tempo delle polemiche e in questo momento è al Paese e ai suoi bisogni che rivolgiamo la nostra attenzione. Le associazioni venatorie riconosciute e il CNCN, riuniti nella Cabina di regia, ritengono che certe falsità e calunnie vadano però stroncate sul nascere.

    La più grossa fra le tante è che le donazioni dei cacciatori siano state fatte con i soldi dello Stato, quindi dei cittadini e che in buona sostanza ci si faccia belli senza sforzo.

    Allora è bene precisare – considerazioni morali a parte su chi in questo momento pensa che ci si possa fare belli sulla sofferenza e i lutti – che il mondo venatorio italiano non riceve dallo Stato alcun finanziamento diretto: in realtà si tratta di un parziale ristorno di una quota addizionale alle concessioni statali e regionali che ogni singolo cacciatore paga ogni anno perché venga ripartita fra le associazioni venatorie in cambio di quanto svolto in termini di gestione faunistico ambientale.

    Quanto dato dalle Associazioni quindi – la cifra “irrisoria” a loro detta, di circa 1 milione e 600mila euro – è denaro proveniente dai cacciatori, non dallo Stato, al quale in più si sono sommate le offerte fatte da ogni singolo cittadino cacciatore, i suoi familiari e da quanti sono vicini alla caccia.

    Quindi, detto in modo forse un po’ brutale affinché perfino le associazioni animaliste estremiste e i loro soci lo possano capire, ogni singolo euro donato dai cacciatori viene dalle tasche dei cacciatori!

    Loro possono dire lo stesso di come sovvenzionano e di quali sono le loro iniziative? E non parliamo di quelle benefiche, in cui ognuno agisce solo secondo coscienza, e quasi con pudore.

    Invece, le risorse che i cacciatori mettono a disposizione della collettività attraverso le loro licenze e permessi ogni anno (che prudenzialmente quantifichiamo in oltre 200 milioni di Euro) sono soldi impiegati dallo Stato e dalle Regioni in molti capitoli di spesa a favore dei cittadini, uno per tutti proprio la sanità.

    E non citiamo quanto fatto in termini di servizi alla collettività sotto forma di ore di lavoro volontarie (leggi gratuite) per operazioni gestionali in favore alla Pubblica amministrazione.

    Il fatto poi che, a queste accuse siano di contorno il solito panegirico fatto di cinghiali che aumenterebbero a causa della caccia – andatelo a dire agli agricoltori, soprattutto ora che gli interventi di controllo sono sospesi –la dice lunga sulla pretestuosità di certe argomentazioni, il cui scopo è sempre e solo uno: attaccare la caccia e i cacciatori.

    Ancora una volta, invece, i cacciatori si dimostrano attori di piccoli e grandi gesti di responsabilità che risulta fuori luogo mettere in discussione, dati in risposta ad una emergenza che oggi più che mai chiede di fare sacrifici e pone di fronte a difficoltà nuove che possono essere superate solamente attraverso unità e collaborazione. Con buona pace di chi vuole solo dividere!

    • giovannit.
      #1
      giovannit. commentata
      Modifica di un commento
      Animalisti, quello che mangio io fa la pupu' su quello che mangiate voi!

    • oreip
      #2
      oreip commentata
      Modifica di un commento
      Gli animalisti non possono smentirsi, la loro cattiveria trasuda da ogni parola da loro scritta o pronunciata. L'importante è tenere in vita il nemico da loro creato ad arte per sfogare le loro abberranti frustrazioni.
      piero

    • walker960walker
      #3
      walker960walker commentata
      Modifica di un commento
      200 milioni di euro pagati da noi solo in tasse per andare a caccia, oltre a tutto quello che gira attorno; armi, cartucce, componenti, vestiario, carburante. di tutto questo una buona percentuale va allo Stato, che dovrebbe utilizzare in momenti come questo. Inoltre, le donazioni di singoli cacciatori, anche in forma di volontariato.
      Loro cosa fanno? che tasse pagano? Quanto gli entra dallo stato? Quanto da altri animalisti? Cosa fanno con questi soldi? Comprano mascherine, guanti e disinfettanti per loro e i loro parenti?
    L'invio di commenti è disabilitato.

Categorie

Comprimi

Ultimi Articoli

Comprimi

  • Lombardia. Approvate le modifiche alla legge regionale 26/93
    da Alberto 69


    ATC E CAC DOVRANNO COORDINARE LE FORME DI CACCIA AL CINGHIALE IN OTTICA DI SICUREZZA

    Sono state definitivamente approvate le modifiche alla legge regionale 26/93. Purtroppo non è stato più possibile apportare alcuni correttivi ritenuti fondamentali, come sull’alta visibilità sia per i cacciatori che per la vigilanza, ma vi si dovrà provvedere al più presto.

    Sicuramente di grande risonanza mediatica è la caccia al cinghiale in selezione anche con l’uso...
    26/05/20, 21:28
  • CIA Puglia Lupi nel Gargano,storni in tutta la regione,il numero dei cinghiali cresce
    da Alberto 69


    Lupi che attaccano gli allevamenti, storni sui campi coltivati, cinghiali capaci di vanificare le semine o di distruggere interi raccolti di legumi: è quanto continua ad accadere in tutta la Puglia, con decine di segnalazioni da parte di aziende zootecniche e imprese agricole gravemente danneggiate. Nuovo allarme sull’emergenza animali selvatici da parte di Cia Puglia che richiama l’attenzione su una questione che torna a farsi problematica anche per effetto del lockdown necessario...
    26/05/20, 21:21
  • Ok dell’ispra alla cattura dei corvidi nelle zrv pisane
    da Alberto 69




    Gli Ambiti Territoriali di Caccia ricadenti all’interno della provincia di Pisa sono da sempre particolarmente impegnati nella gestione della piccola selvaggina stanziale. Ormai da molti anni le immissioni di selvaggina vengono effettuate esclusivamente con soggetti allevati secondo un protocollo di qualità.

    I soggetti immessi vengono rilasciati nella tarda primavera e l’impiego di strutture di ambientamento e la scelta di animali molto giovani consente...
    23/05/20, 09:05
  • Toscana. Approvato il calendario venatorio regionale 2020/21
    da Alberto 69


    A seguito del lavoro di confronto e concertazione dei giorni scorsi, la Giunta regionale ha approvato il nuovo Calendario Venatorio Regionale per la stagione 2020/21.

    – Nella Delibera, che sarà disponibile a breve, vengono riportati i contenuti dei precedenti Calendari Venatori per quanto riguarda le date di apertura e chiusura della stagione venatoria (terza domenica di settembre 2020 – 31 gennaio 2021) senza alcuna decurtazione delle specie cacciabili comprese quelle...
    18/05/20, 21:18
  • Misure di sicurezza anti covid-19, raccomandazioni per i cacciatori
    da Alberto 69


    Nella assenza quasi generale di indicazioni da parte delle Istituzioni in merito ai comportamenti da seguire per conciliare la pratica venatoria con il rispetto delle diverse norme emanate in tema di contenimento della diffusione del Covid-19 il nostro Ufficio studi e ricerche faunistiche a agro ambientali si è attivato per mettere a disposizione di quanti ne avessero necessità, un insieme di buone pratiche cui ispirarsi. Nessuna volontà ne potestà di legiferare in materia, ovviamente,...
    17/05/20, 11:23
  • Toscana. Più allodole in carniere e possibile preapertura ai corvidi
    da Alberto 69

    Arcicaccia informa che dalla videoconferenza di ieri, sono stati fatti passi avanti sulla strada della riapertura della stagione della caccia. Senz’altro positivo il bilancio dell’incontro avuto ieri con l’Assessore Remaschi e gli uffici regionali. Il Calendario venatorio vedrà presto la luce e sarà molto simile a quello dello scorso anno con due importanti aggiunte: il carniere per chi caccia le allodole con i richiami vivi sarà aumentato, permettendo uno svolgimento migliore di...
    15/05/20, 14:15
Sto operando...
X