annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

L’ISPRA CHIARISCE: I PIPISTRELLI NON PROVOCANO NESSUN RISCHIO SANITARIO

Comprimi
X
Comprimi
  •  

  • L’ispra chiarisce: I pipistrelli non provocano nessun rischio sanitario



    I pipistrelli sono stati indicati come origine del virus SARS-CoV-2, causa della pandemia Covid-19 che sta colpendo tutto il mondo, causando moltissime vittime. Al riguardo si ritiene necessario chiarire la relazione tra la presenza di chirotteri e il rischio di trasmissione di questo virus. Il virus non è stato isolato nei pipistrelli, tuttavia studi recenti hanno evidenziato una forte similitudine (96%) tra il genoma del SARS-CoV-2 e quello di coronavirus SARS-like presenti in pipistrelli rinolofidi cinesi. Va evidenziato che i coronavirus costituiscono un gruppo assai diverso presente in uccelli e mammiferi.

    Il nome coronavirus deriva dalla presenza di strutture superficiali acuminate (peplomeri) dotate di glicoproteine spike che si legano ai recettori cellulari dell’ospite che viene infettato con un meccanismo tipo chiave-serratura, che richiede cioè specificità strutturale. Le glicoproteine di superficie dei coronavirus SARS-like presenti nei pipistrelli non hanno la capacità di legarsi efficacemente ai recettori posti sulla superficie delle cellule umane, fatto che rende, sulla scorta delle migliori conoscenze, queste forme virali innocue per l’uomo. Sulla base di queste considerazioni, si ritiene che il passaggio diretto dal pipistrello all’uomo non possa provocare alcuna patologia in quest’ultimo. Lo spillover zoonotico, quindi il salto dall’animale all’uomo, ha perciò implicato una modifica di tali strutture che sono così divenute compatibili con le cellule umane. Tale modifica è plausibilmente avvenuta all’interno di un ospite intermedio appartenente ad un’altra specie, con ogni probabilità attraverso il pangolino. Forme virali presenti in pangolini importati illegalmente in Cina sono risultate vicine al nuovo coronavirus e il pangolino è ampiamente utilizzato a scopo alimentare e nella farmacopea tradizionale di quel Paese, fatto che spiega le modalità di passaggio dall’animale all’uomo. I coronavirus isolati nei pangolini sequestrati appartengono a due varianti i cui genomi sono molto simili (85.5%-92.4%) a quello di SARS-CoV-2, con una similitudine particolarmente elevata per quanto riguarda le strutture spike di ancoraggio alla cellula infettata.

    È stato, in particolare, riportato che gli studi finora condotti ricondurrebbero il precursore virale di SARS-CoV-2 a una colonia di pipistrelli rinolofidi presente circa 1000 km a sud di Wuhan, popoloso centro nel cui mercato (wet market) si sarebbe inizialmente propagata l’infezione. L’ipotesi iniziale, quindi, è stata che la compresenza di pangolini e pipistrelli nelle condizioni igieniche più che precarie caratteristiche di mercati di questo tipo e la contaminazione di venditori e clienti con sangue e organi interni di animali detenuti in modo malsano o macellati in situ abbiano offerto al virus la possibilità di mutare ed effettuare il salto di specie. Successive ispezioni del mercato non hanno tuttavia rivelato la presenza di pipistrelli in vendita, ma pare che il mercato fosse stato accuratamente ripulito ben prima dell’inizio dell’infezione. Sicuramente, se l’epidemia è partita da una colonia di pipistrelli posta un migliaio di km a sud del mercato, è del tutto improbabile che sia stata innescata dallo spostamento spontaneo dei pipistrelli per una distanza così considerevole fino a un mercato dove si vendeva fauna selvatica. L’ipotesi più probabile è che qualora l’origine dello spillover sia effettivamente riconducibile ai pipistrelli, essa sia piuttosto legata al consumo di questi mammiferi, tradizione ancora esistente in Cina, che per motivi igienico sanitari andrebbe assolutamente evitato. Nel medesimo mercato erano, però, sicuramente presenti pangolini illegalmente venduti, dai quali è molto probabile che sia avvenuto il salto di specie.

    La pandemia in corso sottolinea quindi come il traffico e il consumo di animali selvatici in Cina come in altre regioni del mondo, oltre a rappresentare una grave minaccia per la biodiversità, determinano rischi significativi di spillover zoonotici ed andrebbero pertanto urgentemente combattuti.

    Nessun coronavirus potenzialmente dannoso per l’uomo è stato isolato in Italia o in Europa e la prossimità di pipistrelli all’uomo, come ad esempio quella che si realizza in presenza di colonie di questi mammiferi in aree abitate, non pone rischi di trasmissione di SARS-CoV-2.

    Si ricorda inoltre che i pipistrelli italiani svolgono un importantissimo servizio ecosistemico sopprimendo insetti effettivamente o potenzialmente nocivi alla salute umana, ai coltivi e ai boschi. Pertanto, la presenza di pipistrelli anche in prossimità di aree abitate costituisce un elemento positivo e non deve causare preoccupazione. I pipistrelli italiani e i loro rifugi sono strettamente tutelati dalla legge del nostro Paese e dalle norme comunitarie, che ne vietano, tra l’altro, l’uccisione, l’alterazione o la distruzione dei siti in cui essi sostano, si riproducono o svernano. L’Italia si è impegnata sul piano internazionale nella tutela di questi animali, minacciati dalla scomparsa o dall’alterazione dei loro habitat così come dallo sviluppo di infrastrutture e diffusione di pesticidi, aderendo alla convenzione UNEP denominata EUROBATS con legge n. 104 del 2005.

    Fonte: www.isprambiente.gov.it

    • giovannit.
      #5
      giovannit. commentata
      Modifica di un commento
      ISPRA = Istituto Semiserio Per Ricercatori AnimalZisti.

      Vero: i pipistrelli saranno anche utili, ma sono portatori di idrofobia, peggiori di tutti gli altri animali. E non c'e' bisogno che ti mordano. Se entri in una caverna dove migliaia di pipistrelli dormono attaccati al soffitto roccioso, puoi beccarti la rabbia se minute goccioline dell'urina da pipistrelli che l'hann contratta ti finiscono sulle labbra, naso o occhi o ferite aperte.
      Meglio starne alla larga.

    • michel59
      #6
      michel59 commentata
      Modifica di un commento
      ai pipistrelli o all'ispra

    • giovannit.
      #7
      giovannit. commentata
      Modifica di un commento
      @michel59
      AMBEDUE!
    L'invio di commenti è disabilitato.

Categorie

Comprimi

Ultimi Articoli

Comprimi

  • Lombardia. Approvate le modifiche alla legge regionale 26/93
    da Alberto 69


    ATC E CAC DOVRANNO COORDINARE LE FORME DI CACCIA AL CINGHIALE IN OTTICA DI SICUREZZA

    Sono state definitivamente approvate le modifiche alla legge regionale 26/93. Purtroppo non è stato più possibile apportare alcuni correttivi ritenuti fondamentali, come sull’alta visibilità sia per i cacciatori che per la vigilanza, ma vi si dovrà provvedere al più presto.

    Sicuramente di grande risonanza mediatica è la caccia al cinghiale in selezione anche con l’uso...
    26/05/20, 21:28
  • CIA Puglia Lupi nel Gargano,storni in tutta la regione,il numero dei cinghiali cresce
    da Alberto 69


    Lupi che attaccano gli allevamenti, storni sui campi coltivati, cinghiali capaci di vanificare le semine o di distruggere interi raccolti di legumi: è quanto continua ad accadere in tutta la Puglia, con decine di segnalazioni da parte di aziende zootecniche e imprese agricole gravemente danneggiate. Nuovo allarme sull’emergenza animali selvatici da parte di Cia Puglia che richiama l’attenzione su una questione che torna a farsi problematica anche per effetto del lockdown necessario...
    26/05/20, 21:21
  • Ok dell’ispra alla cattura dei corvidi nelle zrv pisane
    da Alberto 69




    Gli Ambiti Territoriali di Caccia ricadenti all’interno della provincia di Pisa sono da sempre particolarmente impegnati nella gestione della piccola selvaggina stanziale. Ormai da molti anni le immissioni di selvaggina vengono effettuate esclusivamente con soggetti allevati secondo un protocollo di qualità.

    I soggetti immessi vengono rilasciati nella tarda primavera e l’impiego di strutture di ambientamento e la scelta di animali molto giovani consente...
    23/05/20, 09:05
  • Toscana. Approvato il calendario venatorio regionale 2020/21
    da Alberto 69


    A seguito del lavoro di confronto e concertazione dei giorni scorsi, la Giunta regionale ha approvato il nuovo Calendario Venatorio Regionale per la stagione 2020/21.

    – Nella Delibera, che sarà disponibile a breve, vengono riportati i contenuti dei precedenti Calendari Venatori per quanto riguarda le date di apertura e chiusura della stagione venatoria (terza domenica di settembre 2020 – 31 gennaio 2021) senza alcuna decurtazione delle specie cacciabili comprese quelle...
    18/05/20, 21:18
  • Misure di sicurezza anti covid-19, raccomandazioni per i cacciatori
    da Alberto 69


    Nella assenza quasi generale di indicazioni da parte delle Istituzioni in merito ai comportamenti da seguire per conciliare la pratica venatoria con il rispetto delle diverse norme emanate in tema di contenimento della diffusione del Covid-19 il nostro Ufficio studi e ricerche faunistiche a agro ambientali si è attivato per mettere a disposizione di quanti ne avessero necessità, un insieme di buone pratiche cui ispirarsi. Nessuna volontà ne potestà di legiferare in materia, ovviamente,...
    17/05/20, 11:23
  • Toscana. Più allodole in carniere e possibile preapertura ai corvidi
    da Alberto 69

    Arcicaccia informa che dalla videoconferenza di ieri, sono stati fatti passi avanti sulla strada della riapertura della stagione della caccia. Senz’altro positivo il bilancio dell’incontro avuto ieri con l’Assessore Remaschi e gli uffici regionali. Il Calendario venatorio vedrà presto la luce e sarà molto simile a quello dello scorso anno con due importanti aggiunte: il carniere per chi caccia le allodole con i richiami vivi sarà aumentato, permettendo uno svolgimento migliore di...
    15/05/20, 14:15
Sto operando...
X