annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Il pd propone una tassa di possesso di 200 euro sulle armi

Comprimi
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
  •  

  • Il pd propone una tassa di possesso di 200 euro sulle armi



    Introducendo una nuova tassa di possesso per un importo non inferiore a 200 euro è la risposta del Pd alla legge sulla legittima difesa, fortemente voluta dal segretario della Lega Matteo Salvini. La proposta è stata depositata il 4 aprile dal deputato dem Walter Verini (ex braccio destro di Walter Veltroni e vicino al neosegretario Nicola Zingaretti) e hanno aderito all’iniziativa altri big come Maurizio Martina e Debora Serracchiani. L’obiettivo è «potenziare i controlli per la detenzione, il rilascio e il rinnovo del porto d’armi».

    La premessa è che, dopo l’approvazione della legge sulla legittima difesa, voluta strenuamente dal leader della Lega Matteo Salvini, «si corre seriamente il rischio di incentivare i cittadini a farsi giustizia da sé, acquistando e utilizzando armi .

    La proposta di legge introduce una «stretta dei meccanismi di rilascio per evitare i pericoli legati alle maglie più larghe nell’uso delle armi consentito dalla nuova legge sulla legittima difesa». Si prevede prima di tutto che alla richiesta del porto d’armi «debba essere allegato un apposito certificato medico di idoneità psicofisica, rilasciato da una commissione medica». Non solo. L’autorizzazione alla detenzione di armi «deve essere rinnovata ogni anno ed essere subordinata alla presentazione della certificazione medica». E nel caso in cui vengano riscontrati segni di disturbi psico-comportamentali, «la licenza va revocata».

    Sono previsti inoltre «controlli più stringenti e più frequenti (rinnovo ad un anno) per tutte le licenze che permettano l’acquisto e la detenzione di armi». Nonché «maggiori controlli sul rilascio del porto d’armi per uso sportivo»: il titolare dovrà dimostrare l’effettivo uso per tale scopo e potrà possedere al massimo tre armi (contro le 12 attuali). Non a caso, quindi, la durata della licenza di porto di fucile per uso di caccia (rinnovabile su domanda del titolare solo previa presentazione di un nuovo certificato medico di idoneità) viene ridotta a un anno. E viene ritenuto «indispensabile introdurre l’obbligo di comunicare immediatamente l’avvenuta vendita di un’arma alla Questura per mezzo del già obbligatorio registro telematico», nonché «un maggior rigore sui controlli e sulla tracciabilità delle vendite via internet o per corrispondenza».

    La proposta contempla, poi, «forme di monitoraggio e controllo della vendita e detenzione delle armi per assicurare che alla detenzione legittima di un’arma corrisponda una tempestiva ed efficace comunicazione ai familiari, ai conviventi maggiorenni, anche diversi dai familiari, all’altra parte dell’unione civile, anche cessata, nonché a chi sia o sia stato legato da convivenza o da stabile relazione affettiva, anche finita». E questo anche perché «le armi legittimamente detenute sono anche gli strumenti più comuni con cui avvengono i femminicidi».

    Viene reso infine «più stringente il primo esame per il rilascio dei permessi di detenzione di arma o di porto di armi». Come? Gli oneri per le visite mediche e per le comunicazioni ai conviventi «sono a carico del richiedente». E si istituisce una nuova tassa di possesso (aggiuntiva rispetto all’attuale tassa di concessione governativa (168 per uso caccia – 115 euro per porto arma corta difesa personale – tiro a volo esente) per un importo annuo non inferiore a 200 euro.

    Fonte: ilsole24ore.com

    • erchiappetta
      #6
      erchiappetta commentata
      Modifica di un commento
      Ma io direi senza troppi giri di parole che il pd e in particolare la serracchiani hanno bello che rotto il ca@@o !Cmq l'ho sempre pensato che l'introduzione delle modifiche della legittima difesa avrebbe finito per rompere i cojoni a noi cacciatori...speriamo che scompaiano al piu' presto dalla scena politica perche' vivono veramente in un altro universo.....nemmeno parallelo! Mah.....

    • arsvenandi
      #7
      arsvenandi commentata
      Modifica di un commento
      Giovanni gli esempi che fai non sono calzanti, e comunque di cretini in giro disarmati ce ne sono abbastanza non è il caso di armarli anche, quindi ribadisco che tassa o non tassa bisogna che ci siano regole per chi con l arma non si sa cosa ci deve fare .

    • giovannit.
      #8
      giovannit. commentata
      Modifica di un commento
      Gli esempi non sono calzanti? Guarda l'esempio della patente che ho fatto. Per prendere la patennte ci sono regole, corsi, esami, costi ingenti, eppure di cretini al volante ce ne sono tantissimi, e le vittime di tali cretini si contano a migliaia, tanti da far sembrare le vittime di armi da fuoco una quisquilia. A che servono dunque tutte queste difficolta' che tu vorresti che ostacolassero il possesso delle armi?
    L'invio di commenti è disabilitato.

Categorie

Comprimi

Ultimi Articoli

Comprimi

  • Migrazione. Aspettando il bel tempo
    da Alberto 69


    Un mese così sarà difficile rivederlo, a tutt’oggi sono cadute più precipitazioni che negli altri mesi di ottobre e novembre dal 1966 in avanti. La neve è già caduta abbondantemente sopra i 1.200 metri s.l.m. Nulla di rilevante vi è da segnalare sul movimento migratorio in quest’ultima settimana anche se, nonostante tutto, si sono notati numerosi gruppi di Fringuelli unitamente alle Peppole, sporadici gruppi di Cesene e buoni raggruppamenti di Colombacci. All’Osservatorio...
    25/11/19, 19:53
  • Cct: Importante chiarimento sulle modalita’ di prelievo dello storno
    da Alberto 69


    Sul prelievo in deroga della specie Storno, la Giunta Regionale Toscana ha approvato in data 11 novembre 2019 una importante delibera che va a superare alcune criticità interpretative che in queste settimane hanno prodotto alcune contestazioni ai cacciatori da parte degli organi di vigilanza.

    In particolare, la delibera n° 1378 in oggetto, chiarisce in modo inequivocabile che il prelievo in deroga della specie Storno, nel periodo compreso tra il 1° settembre ed il 15...
    20/11/19, 14:38
  • Il cattivo tempo ferma la migrazione
    da Alberto 69


    Il mese di ottobre si è sviluppato secondo un calendario ornitologico perfettamente in linea con le condizioni meteorologiche e le varie fasi lunari consentendo una migrazione interessante per Tordo bottaccio, Pettirosso, Cincia mora, Capinera, Fringuello, Peppola e Colombaccio e, numericamente positiva, anche per Frosone, Lucherino, Merlo e Tordo sassello. Il mese di novembre, invece, finora caratterizzato dal maltempo con piogge insistenti da nord a sud della penisola e con anticipate...
    18/11/19, 14:04
  • Fidc lombardia. Inutile e pretestuoso l’intervento del ministro costa
    da Alberto 69


    Il Ministro Costa ha annullato la delibera di Regione Lombardia relativa alla cattura dei richiami vivi. Si tratta di atto del tutto inutile, dal momento che la delibera era già sospesa dal TAR Lombardia. Ma è chiaro l'intento del Ministro: evitare che nel 2020 il Tribunale entri nel merito della legittimità o meno della delibera, spiegando anche gli eventuali errori commessi dalla Regione, se ce ne sono.
    La Regione infatti ha seguito la disciplina dettata dalla legge nazionale...
    07/11/19, 18:38
  • Lombardia. Il consiglio dei ministri impugna la delibera sui richiami vivi
    da Alberto 69


    ECCO QUANTO DICHIARA IL MINISTRO CINQUESTELLE COSTA SULLA SUA PAGINA FACEBOOK

    Abbiamo scongiurato un’altra volta l’utilizzo dei richiami vivi nella caccia. Il Consiglio dei Ministri oggi, sotto mia proposta, ha impugnato la delibera della Giunta Regionale Lombarda che prevedeva l'”autorizzazione ad effettuare la cattura di uccelli selvatici per la cessione ai fini di richiamo”.

    Quella dei richiami vivi è una pratica che ha avuto il suo passato, ma...
    06/11/19, 21:34
  • Migrazione. Un passo contemporaneo
    da Alberto 69


    È proprio quello che è avvenuto finora in questa stagione in tutto il bacino del Mediterraneo, dalla Spagna alla Grecia, per quanto riguarda il movimento migratorio dei grandi turdidi che, insieme a tutte le altre specie ornitiche, vengono monitorati all’Osservatorio Ornitologico di Arosio della FEIN in collegamento con altri punti di osservazione dislocati in Europa che seguono questo interessante fenomeno. Il Tordo bottaccio ha avuto il suo primo picco il 5 e il 6 ottobre, seguito...
    04/11/19, 12:52
Sto operando...
X