annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

FEDERCACCIA SICILIA. SEMPRE AL LAVORO PER LA CACCIA E I CACCIATORI

Comprimi
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti

  • Federcaccia sicilia. Sempre al lavoro per la caccia e i cacciatori

    A seguito delle note vicende relative al Calendario Venatorio Siciliano 2018/2019 e delle successive sentenze del TAR Palermo nonché del CGA RS, la nostra Federazione ha presentato al Dipartimento Regionale dello Sviluppo Rurale e Territoriale un progetto sul censimento e monitoraggio del coniglio selvatico e ha messo a disposizione degli Uffici regionali i dati raccolti sulle ali delle beccacce, studio che promuoviamo e portiamo avanti da molti anni.

    Il progetto sul coniglio consentirà di programmare l’attività venatoria alla specie, così come richiesto dai pronunciamenti della Giustizia Amministrativa, consentendo il mantenimento del prelievo alla specie in Sicilia, dove rappresenta una delle più importanti tradizioni venatorie dell’Isola.

    Dopo il Progetto Lepre, realizzato in collaborazione con l’Università di Palermo, la Regione Sicilia, e aperto a tutti i Cacciatori Siciliani, il Consiglio Regionale della Sicilia di Federazione Italiana della Caccia con il proprio Centro Studi Nazionale, la Regione Sicilia, l’Università di Palermo, l’istituto Zooprofilattico Sperimentale “A. Mirri” della Sicilia e lo Studio Agrofauna continua la collaborazione con gli Uffici Regionali mediante un nuovo progetto sul coniglio rivolto sempre a tutti i cacciatori siciliani in modo da avere la possibilità tutti assieme, in un’ottica futura, di poter fare un lavoro meticoloso e preciso.

    La nostra Federazione è da tempo impegnata ad attuare su tutto il territorio nazionale e regionale una politica legata alla ricerca scientifica collegata all’attività venatoria.

    Continua, quindi, l’impegno della Federcaccia regionale insieme a una parte significativa del mondo venatorio siciliano (AnuuMigratoristi, Arcicaccia, U.N. Enalcaccia P.T.) per garantire ai cacciatori isolani la certezza di potere andare a caccia in tranquillità e con regole ben precise. La nostra volontà è quella di trasmettere un’immagine corretta dell’attività venatoria sia ai praticanti che al resto della società civile.

    Purtroppo questo impegno, malgrado sia chiaro ed evidente nelle sue espressioni pratiche, ancora troppo spesso non trova considerazione e riscontro in altri portatori di interesse e ci dispiace enormemente dover continuare a leggere comunicati da parte del mondo ambientalista siciliano che non solo non rispecchiano la realtà delle cose, ma non perdono occasione per attaccare l’attività venatoria sostenibile e correttamente svolta.

    Ultimo esempio, in ordine di tempo, il comunicato apparso qualche giorno fa sul sito Forestalinews, al quale abbiamo già provveduto a inviare prontamente la nostra risposta di rettifica.

    Quel comunicato è infatti pieno di errori e falsità che hanno il solo scopo di denigrare tutti i cacciatori e addirittura di accusare di comportamenti illegali la Regione Sicilia.

    Totalmente errato il concetto espresso secondo cui le regole del Calendario Venatorio Regionale sarebbero “arbitrarie e illegittime”.

    La decisione del CGA, infatti, non ha per nulla accolto tutto il ricorso presentato, ma ha mantenuto alcune parti di quel Calendario, diversamente da quanto richiesto dalle Associazioni Ambientaliste.

    Le campagne di stampa delle Associazioni Ambientaliste che puntualmente insorgono contro l’attività venatoria passano dalla siccità del 2017 alla tortora nel 2018, dalle richieste di divieto per 19 specie cacciabili della Lipu alla vicenda dei Key Concept per turdidi e beccaccia alle “catastrofi” per la biodiversità ricorrentemente annunciate.

    Tutti questi attacchi contro la pratica venatoria si fondano sull’assunto – ovviamente errato - secondo il quale l’attività venatoria e il prelievo influiscano negativamente sulla conservazione delle specie cacciabili, in particolare sulle sorti degli uccelli migratori.

    Al contrario, la scienza dimostra che la caccia ricreativa, così com’è praticata oggi, non influisce negativamente sulle popolazioni e proprio le specie oggetto di maggior prelievo sono quelle con stato di conservazione migliore (a esempio colombaccio, alzavola, germano reale, tordo bottaccio, beccaccia...).

    Alla luce di quanto accaduto avremmo auspicato che responsabilmente le Associazioni firmatarie del comunicato avessero intrapreso iniziative di dialogo con chi pratica correttamente la caccia invece di continuare ad alimentare campagne di odio vero e proprio nei confronti dei cacciatori e di questa attività, in una modalità che solo in questo Paese si riscontra.

    Da parte nostra continueremo convintamente a portare avanti le nostre politiche venatorie, attente alla gestione e tutela di fauna, territorio e ambiente nel loro complesso, perseguendo concretamente la difesa di una pratica venatoria che pur attenta alle necessità delle specie interessate al prelievo non penalizzi i praticanti con inutili e ingiustificate restrizioni non previste, guarda caso, in nessun altro Paese dell’Unione Europea.


    Il presidente Giuseppe La russa

    Fonte della notizia: ufficiostampa@fidc.it




      L'invio di commenti è disabilitato.
    Chi ha letto questa discussione negli ultimi 10 giorni:

    Categorie

    Comprimi

    Ultimi Articoli

    Comprimi

    • Sabato 4 maggio inaugurazione della sede CCT di Certaldo
      da Alberto 69


      A CERTALDO NASCE LA CASA COMUNE DEI CACCIATORI


      GRAZIE AI VOLONTARI CHE HANNO LAVORATO GIORNO E NOTTE PER TRASFORMARE UN SOGNO IN REALTÀ!

      Vi invitiamo tutti a partecipare sabato 4 maggio all’inaugurazione della sede della CCT di Certaldo, che, in quell’occasione, aprirà ufficialmente le porte al pubblico.

      Un progetto ambizioso che porterà il borgo fiorentino ad avere un nuovo centro servizi polivalente, all’avanguardia, per venire incontro alle esigenze...
      19/04/19, 13:03
    • Trentino. Salvini autorizza lʼabbattimento dei lupi in casi eccezionali
      da Alberto 69


      Via libera all’abbattimento dei lupi, ma “solo a condizione che sia stata verificata l’assenza di altre soluzioni praticabili“. E’ quanto prevede una circolare del ministero dell’Interno inviata ai commissari di governo delle Province di Trento e Bolzano e al presidente della Valle d’Aosta. Il Viminale rileva “un’emergenza” nazionale e “un aumento della presenza di lupi che, avvicinandosi ai centri abitati, provocano allarme nella popolazione”.

      Secondo Matteo Piantedosi,...
      12/04/19, 17:31
    • Verini: In mia pdl no restrizione per attività sportive e venatorie
      da Alberto 69


      È vergognoso come chi ha votato una legge che rischia di aumentare la diffusione delle armi nel nostro Paese, come quella che chiamano legittima difesa, oggi usi armi di distrazione”. Lo dichiara Walter Verini, deputato del Partito democratico, a proposito delle critiche ricevute dalla proposta di legge da lui presentata sulla limitazione nel rilascio dei porto d’armi. “La proposta di legge che stiamo definendo – continua – punta a impedire questo, e a rendere piu’ seri...
      11/04/19, 18:49
    • Il pd propone una tassa di possesso di 200 euro sulle armi
      da Alberto 69


      Introducendo una nuova tassa di possesso per un importo non inferiore a 200 euro è la risposta del Pd alla legge sulla legittima difesa, fortemente voluta dal segretario della Lega Matteo Salvini. La proposta è stata depositata il 4 aprile dal deputato dem Walter Verini (ex braccio destro di Walter Veltroni e vicino al neosegretario Nicola Zingaretti) e hanno aderito all’iniziativa altri big come Maurizio Martina e Debora Serracchiani. L’obiettivo è «potenziare i controlli per...
      11/04/19, 12:50
    • Beccaccia: La ricerca per conoscere la migrazione (video)
      da Alberto 69


      Siamo consapevoli di apparire ostinati quando in diverse occasioni, la Confederazione Cacciatori Toscani ha posto all’attenzione dei cacciatori e delle associazioni venatorie, il tema della ricerca scientifica e della raccolta dati, per la salvaguardia dei Calendari Venatori e per assicurare una corretta gestione delle specie in indirizzo.

      Il recente ricorso al Consiglio di Stato contro la decisione assunta del TAR Toscano sul Calendario Venatorio Regionale, è la riprova...
      10/04/19, 21:52
    • Un po’ di chiarezza…. LA BRACCATA ED IL LUPO
      da Alberto 69


      Che la braccata al cinghiale sia una forma di caccia che può creare disturbo alle altre specie selvatiche fra cui il lupo è una cosa ovvia ed è difficile negarla. Ma la vera domanda è: Qual è l’impatto di questo disturbo? Si può affermare abbastanza tranquillamente che in linea di massima si tratta di un impatto non significativo. Lo dimostra il fatto che la maggior concentrazione di lupi la si trova in Toscana ove la caccia in battuta al cinghiale è più radicata e diffusa....
      09/04/19, 13:17
    Sto operando...
    X