annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

TOSCANA. CACCIA ALLA BECCACCIA: PRECISAZIONI SULLE MODALITA’ DI CACCIA A GENNAIO

Comprimi
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti

  • Toscana. Caccia alla beccaccia: Precisazioni sulle modalita’ di caccia a gennaio



    E così, passati i postumi del capodanno, siamo giunti al fatidico mese di gennaio; l’inizio dell’anno nuovo coincide con la parte finale della stagione venatoria che presenta ancora incertezze sulle sorti del Calendario Venatorio all’indomani dell’ordinanza del Consiglio di Stato. A rischio, come sappiamo, la chiusura anticipata ad alcune specie già al 10 gennaio, salvo che, come la Confederazione Cacciatori Toscani continua a sostenere, non intervenga la Regione Toscana approvando uno specifico atto che porti al superamento di questa inaccettabile ordinanza. Nel frattempo, la caccia continua ed in molti si rivolgono a noi e alle nostre associazioni confederate per avere conferma sui tempi di prelievo e sulle modalità di svolgimento della caccia alla Beccaccia. La confusione ed i dubbi spesso assalgono i cacciatori, soprattutto quando la certezza del diritto è stata messa in discussione. Sulla caccia alla Beccaccia, nel mese di Gennaio, le regole sono definite dal calendario venatorio regionale, così come disposto al punto 1.6 della Delibera N° n° 767 del 09 luglio 2018 dove si stabilisce che la caccia alla Beccaccia, nel mese di gennaio, si svolge esclusivamente in forma vagante e con l’ausilio del cane da ferma e da cerca all’interno delle aree vocate al cinghiale (art. 3 comma 7 bis L.R. 20/02). Inoltre, ferme restando la possibilità di cacciare detta specie, all’interno delle aree boschive situate nelle aree vocate al cinghiale (così come delimitate dalle cartografie disponibili presso gli Ambiti Territoriali di Caccia e le nostre sedi), sarà possibile poter esercitare la stessa anche nelle aree boschive presenti nelle aree NON vocate al cinghiale . Si ricorda pertanto che l’unica prescrizione al riguardo risulti essere quella legata alla dimensione previste dall’ art 3 della L.R. n° 39 del 2000:

    Definizioni

    1.(22) Ai fini della presente legge costituisce bosco qualsiasi area, di estensione non inferiore a 2.000 metri quadrati e di larghezza maggiore di 20 metri, misurata al piede delle piante di confine, coperta da vegetazione arborea forestale spontanea o d’origine artificiale, in qualsiasi stadio di sviluppo, che abbia una densità non inferiore a cinquecento piante per ettaro oppure tale da determinare, con la proiezione delle chiome sul piano orizzontale, una copertura del suolo pari ad almeno il 20 per cento. Costituiscono altresì bosco i castagneti da frutto e le sugherete.
    Sulla determinazione dell’estensione e della larghezza minime non influiscono i confini delle singole proprietà. La continuità della vegetazione forestale non è considerata interrotta dalla presenza di infrastrutture o aree di qualsiasi uso e natura che ricadano all’interno del bosco o che lo attraversino e che abbiano ampiezza inferiore a 2.000 metri quadrati e larghezza mediamente inferiore a 20 metri.
    Sono considerate bosco le aree già boscate, nelle quali l’assenza del soprassuolo arboreo o una sua copertura inferiore al 20 per cento abbiano carattere temporaneo e siano ascrivibili ad interventi selvicolturali o d’utilizzazione oppure a danni per eventi naturali, accidentali o per incendio.
    Sono assimilati a bosco le formazioni costituite da vegetazione forestale arbustiva esercitanti una copertura del suolo pari ad almeno il 40 per cento, fermo restando il rispetto degli altri requisiti previsti dal presente articolo.
    Non sono considerati bosco:
    a) i parchi urbani, i giardini, gli orti botanici e i vivai;
    b) gli impianti per arboricoltura da legno, i noceti, i noccioleti specializzati e le altre colture specializzate realizzate con alberi ed arbusti forestali e soggette a pratiche agronomiche;
    c) le formazioni arbustive ed arboree insediatesi nei terreni già destinati a colture agrarie e a pascolo, abbandonate per un periodo inferiore a quindici anni.

    Fonte:http://www.confederazionecacciatoritoscani.it/
      L'invio di commenti è disabilitato.

    Categorie

    Comprimi

    Ultimi Articoli

    Comprimi

    • Fenologia del passaggio migratorio primaverile in Europa e Nord America
      da Alberto 69


      Avanzamento asimmetrico nel tempo e aumento della durata

      È stato dimostrato che i cambiamenti climatici spostano i tempi stagionali (cioè la fenologia) e la distribuzione delle specie. Gli effetti fenologici del cambiamento climatico sugli organismi viventi sono stati spesso testati utilizzando le prime date di occorrenza, che possono essere poco informative e tendenziose. Più raramente indagato è il modo in cui le diverse fasi di una sequenza fenologica (es. Inizio,...
      11/06/19, 18:32
    • La pavoncella nidificante in pianura padana
      da Alberto 69


      La pavoncella da anni sceglie la pianura padana dal Piemonte all’Emilia Romagna, fino al Veneto e al Friuli per riprodursi, con una popolazione intorno alle 5-6000 coppie. Alcuni amici cacciatori hanno seguito alcune nidificazioni e vi presentiamo due scatti che testimoniano la riuscita della schiusa. Ora la sfida dei pulcini è sopravvivere fino al momento dell’involo, non è un momento facile per la presenza di predatori, dalle volpi ai gatti randagi, dalle cornacchie ai gabbiani...
      14/05/19, 17:24
    • Sabato 4 maggio inaugurazione della sede CCT di Certaldo
      da Alberto 69


      A CERTALDO NASCE LA CASA COMUNE DEI CACCIATORI


      GRAZIE AI VOLONTARI CHE HANNO LAVORATO GIORNO E NOTTE PER TRASFORMARE UN SOGNO IN REALTÀ!

      Vi invitiamo tutti a partecipare sabato 4 maggio all’inaugurazione della sede della CCT di Certaldo, che, in quell’occasione, aprirà ufficialmente le porte al pubblico.

      Un progetto ambizioso che porterà il borgo fiorentino ad avere un nuovo centro servizi polivalente, all’avanguardia, per venire incontro alle esigenze...
      19/04/19, 13:03
    • Trentino. Salvini autorizza lʼabbattimento dei lupi in casi eccezionali
      da Alberto 69


      Via libera all’abbattimento dei lupi, ma “solo a condizione che sia stata verificata l’assenza di altre soluzioni praticabili“. E’ quanto prevede una circolare del ministero dell’Interno inviata ai commissari di governo delle Province di Trento e Bolzano e al presidente della Valle d’Aosta. Il Viminale rileva “un’emergenza” nazionale e “un aumento della presenza di lupi che, avvicinandosi ai centri abitati, provocano allarme nella popolazione”.

      Secondo Matteo Piantedosi,...
      12/04/19, 17:31
    • Verini: In mia pdl no restrizione per attività sportive e venatorie
      da Alberto 69


      È vergognoso come chi ha votato una legge che rischia di aumentare la diffusione delle armi nel nostro Paese, come quella che chiamano legittima difesa, oggi usi armi di distrazione”. Lo dichiara Walter Verini, deputato del Partito democratico, a proposito delle critiche ricevute dalla proposta di legge da lui presentata sulla limitazione nel rilascio dei porto d’armi. “La proposta di legge che stiamo definendo – continua – punta a impedire questo, e a rendere piu’ seri...
      11/04/19, 18:49
    • Il pd propone una tassa di possesso di 200 euro sulle armi
      da Alberto 69


      Introducendo una nuova tassa di possesso per un importo non inferiore a 200 euro è la risposta del Pd alla legge sulla legittima difesa, fortemente voluta dal segretario della Lega Matteo Salvini. La proposta è stata depositata il 4 aprile dal deputato dem Walter Verini (ex braccio destro di Walter Veltroni e vicino al neosegretario Nicola Zingaretti) e hanno aderito all’iniziativa altri big come Maurizio Martina e Debora Serracchiani. L’obiettivo è «potenziare i controlli per...
      11/04/19, 12:50
    Sto operando...
    X