annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

FederFauna chiede di inserire nel Decreto Sicurezza misure anti ecoterrorismo

Comprimi
X
Comprimi
  •  

  • FederFauna chiede di inserire nel Decreto Sicurezza misure anti ecoterrorismo



    E’ recentissima la notizia dell’arresto di due animalisti che hanno assaltato un appostamento di caccia nel Cremasco. I due hanno devastato tutto il possibile e sgabbiato gli uccelli da richiamo, condannandoli a morte certa, visto che si tratta di animali non abituati a vivere in natura.

    Come al solito un’azione compiuta non con l’unico scopo di danneggiare una struttura, il capanno, ed il cacciatore suo proprietario (i tre non si conoscerebbero nemmeno), ma di colpire un obbiettivo simbolico e magari intimidire tutti i cacciatori, oppure ottenere dalle Istituzioni la legge contro la caccia di cui si e’ tanto parlato nelle scorse settimane.

    Come al solito i due attentatori si sono firmati “ALF” (acronimo di Animal liberation front), l’organizzazione animalista che e’ catalogata come “terrorista” in America e in molti altri Paesi (anche Europei), e che parrebbe essere finanziata da altre associazioni animaliste che si presentano invece pulite ed estranee ai reati e possono cosi’ raccogliere donazioni da privati ed enti in buona fede.

    Eppure, anche questa volta, non si parla di “ecoterrorismo”. I due sarebbero stati arrestati dai carabinieri di Crema con l’accusa di furto aggravato, danneggiamento aggravato e porto di arnesi atti allo scasso.

    Fortunatamente, parrebbe che il Giudice abbia ritenuto non congrua la richiesta di patteggiamento a un anno di reclusione prospettata dal loro avvocato e rinviato la sentenza al prossimo 31 ottobre, ma appare probabile che, anche questa volta, per i due, pur colti sul fatto, non ci saranno conseguenze cosi’ pesanti.

    Il problema e’ sempre lo stesso: il nostro Ordinamento non prevede il reato di “ecoterorismo”. L’Art. 270 sexies del Codice Penale (condotte con finalita’ di terrorismo) stabilisce che “Sono considerate con finalita’ di terrorismo le condotte che (omissis) sono compiute allo scopo di intimidire la popolazione o costringere i poteri pubblici o un’organizzazione internazionale a compiere o astenersi dal compiere un qualsiasi atto o destabilizzare o distruggere le strutture politiche fondamentali, costituzionali, economiche e sociali di un Paese (omissis), ma non che tra le motivazioni possano esserci anche l’ideologia animalista o ecologista…

    Una grave lacuna che FederFauna segnala da anni e che lascia spazio a un fenomeno ormai divenuto una minaccia per il Made in Italy (produzioni zootecniche), per la ricerca e la salute pubblica (universita’ e stabulari), per la cultura (circo, spettacolo, zoo, palii) e piu’ in generale per la Sicurezza di milioni di Cittadini.

    E’ per questo che FederFauna si rivolge ora al Ministro Salvini, che ha appena ottenuto l’approvazione del Decreto Sicurezza a sua firma, che gia’ prevede misure contro il terrorismo in generale, ma nulla su quello di matrice animal-abientalista, affinche’ nei 60 giorni di conversione in legge, trovi il sistema di inserire la specifica fattispecie di reato, cosi’ da fornire alle Forze dell’Ordine i mezzi adeguati per contrastarlo e garantire la sicurezza di imprese e cittadini.

    Fonte:federfauna.org
      L'invio di commenti è disabilitato.

    Categorie

    Comprimi

    Ultimi Articoli

    Comprimi

    • Lombardia. Approvate le modifiche alla legge regionale 26/93
      da Alberto 69


      ATC E CAC DOVRANNO COORDINARE LE FORME DI CACCIA AL CINGHIALE IN OTTICA DI SICUREZZA

      Sono state definitivamente approvate le modifiche alla legge regionale 26/93. Purtroppo non è stato più possibile apportare alcuni correttivi ritenuti fondamentali, come sull’alta visibilità sia per i cacciatori che per la vigilanza, ma vi si dovrà provvedere al più presto.

      Sicuramente di grande risonanza mediatica è la caccia al cinghiale in selezione anche con l’uso...
      26/05/20, 21:28
    • CIA Puglia Lupi nel Gargano,storni in tutta la regione,il numero dei cinghiali cresce
      da Alberto 69


      Lupi che attaccano gli allevamenti, storni sui campi coltivati, cinghiali capaci di vanificare le semine o di distruggere interi raccolti di legumi: è quanto continua ad accadere in tutta la Puglia, con decine di segnalazioni da parte di aziende zootecniche e imprese agricole gravemente danneggiate. Nuovo allarme sull’emergenza animali selvatici da parte di Cia Puglia che richiama l’attenzione su una questione che torna a farsi problematica anche per effetto del lockdown necessario...
      26/05/20, 21:21
    • Ok dell’ispra alla cattura dei corvidi nelle zrv pisane
      da Alberto 69




      Gli Ambiti Territoriali di Caccia ricadenti all’interno della provincia di Pisa sono da sempre particolarmente impegnati nella gestione della piccola selvaggina stanziale. Ormai da molti anni le immissioni di selvaggina vengono effettuate esclusivamente con soggetti allevati secondo un protocollo di qualità.

      I soggetti immessi vengono rilasciati nella tarda primavera e l’impiego di strutture di ambientamento e la scelta di animali molto giovani consente...
      23/05/20, 09:05
    • Toscana. Approvato il calendario venatorio regionale 2020/21
      da Alberto 69


      A seguito del lavoro di confronto e concertazione dei giorni scorsi, la Giunta regionale ha approvato il nuovo Calendario Venatorio Regionale per la stagione 2020/21.

      – Nella Delibera, che sarà disponibile a breve, vengono riportati i contenuti dei precedenti Calendari Venatori per quanto riguarda le date di apertura e chiusura della stagione venatoria (terza domenica di settembre 2020 – 31 gennaio 2021) senza alcuna decurtazione delle specie cacciabili comprese quelle...
      18/05/20, 21:18
    • Misure di sicurezza anti covid-19, raccomandazioni per i cacciatori
      da Alberto 69


      Nella assenza quasi generale di indicazioni da parte delle Istituzioni in merito ai comportamenti da seguire per conciliare la pratica venatoria con il rispetto delle diverse norme emanate in tema di contenimento della diffusione del Covid-19 il nostro Ufficio studi e ricerche faunistiche a agro ambientali si è attivato per mettere a disposizione di quanti ne avessero necessità, un insieme di buone pratiche cui ispirarsi. Nessuna volontà ne potestà di legiferare in materia, ovviamente,...
      17/05/20, 11:23
    • Toscana. Più allodole in carniere e possibile preapertura ai corvidi
      da Alberto 69

      Arcicaccia informa che dalla videoconferenza di ieri, sono stati fatti passi avanti sulla strada della riapertura della stagione della caccia. Senz’altro positivo il bilancio dell’incontro avuto ieri con l’Assessore Remaschi e gli uffici regionali. Il Calendario venatorio vedrà presto la luce e sarà molto simile a quello dello scorso anno con due importanti aggiunte: il carniere per chi caccia le allodole con i richiami vivi sarà aumentato, permettendo uno svolgimento migliore di...
      15/05/20, 14:15
    Sto operando...
    X