annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

CCT. SUI MONTI PISANI UNA SERATA SUL FUTURO DELLA CACCIA

Comprimi
X
Comprimi
  •  

  • Cct. Sui monti pisani una serata sul futuro della caccia



    Giovedì 11 ottobre la Confederazione dei Cacciatori Toscani (Federcaccia Toscana – ANUU – ARCT – EPS) di Pisa organizza un’assemblea pubblica a S.Giovanni alla Vena, nel Comune di Vicopisano, con i Sindaci dei comuni colpiti dal tragico incendio che ha devastato i monti pisani, i presidenti dei due ATC e con i rappresentanti delle Associazioni confederate. All’iniziativa, inoltre, sono stati invitati i Consiglieri regionali eletti nella provincia di Pisa.
    Con questo incontro i cacciatori della CCT dimostrano ancora una volta quanto considerino l’attività venatoria tutt’uno con le tematiche più generali delle comunità coinvolte.
    La partecipazione dei Sindaci è la prova di quanto il mondo venatorio – almeno quello che si riconosce nella Confederazione dei Cacciatori Toscani – rifiuti approcci egoistici e settoriali, pienamente consapevole della interdisciplinarità della caccia e del suo connaturato valore sociale.
    Nonostante i reiterati tentativi della cultura animalista, che ormai ha fatto breccia anche nell’ambientalismo un tempo maturo e anti ideologico, di infangare una attività sostenibile, legittima e strettamente regolata dalle normative, i fatti dimostrano invece come i cacciatori siano la categoria più interessata e attivamente impegnata nella salvaguardia dell’ambiente, del territorio e nella tutela della biodiversità.
    Durante le operazioni di spegnimento dell’incendio che ha così duramente colpito il Monte Serra sono stati tanti i cacciatori a prestare la loro opera al fianco delle squadre intervenute e a mettere a disposizione la loro conoscenza del territorio nelle mani esperte e preziose del coordinamento di soccorso.
    Questo non basta a far cessare in certi ambienti un atteggiamento di contrarietà, di diffidenza e di sfiducia nei nostri confronti. Al contrario, anzi, si fanno dichiarazioni e si diramano comunicati nei quali – chiedendo la chiusura della caccia nelle zone colpite dal fuoco – i cacciatori vengono fatti percepire come spinti dal cieco istinto predatorio, come se non fossero interessati a nient’altro che non sia il richiamo del “sangue”.
    Una brutta e falsa “caricatura” della figura del cacciatore, ma quanto mai efficace, nell’epoca della semplificazione di massa di ogni concetto, per contrapporre la categoria del “buon ambientalista” a quella del “cacciatore cattivo”.
    Si chiede la chiusura della caccia motivandola con argomentazioni tecnicamente discutibili e pareri dell’allora Istituto per la fauna selvatica vecchi di diciotto anni, oltretutto – come quelli oggi di ISPRA, che ne ha preso il posto – non vincolanti.
    La CCT ha compreso e condiviso – di fronte alla eccezionale gravità dell’evento – l’istituzione della fascia cuscinetto attorno ai terreni colpiti dal rogo, ma se ne sorvola volutamente la bontà pur di continuare a demolire a priori la caccia.

    Si sostiene – in modo stravagante – che i cacciatori metterebbero a repentaglio la sicurezza dei cittadini, malgrado la loro attività venga svolta nel rispetto delle distanze di sicurezza dalle strade, dalle case e dai mezzi in movimento.
    Non solo i cacciatori non intralcerebbero le operazioni di bonifica e di ripristino delle aree percorse dal fuoco, già per legge precluse alla caccia per un periodo di 5 anni, ma al contrario sarebbero i primi volontari per ripulire e bonificare le zone disastrate.
    Il mantenimento della caccia al cinghiale nella fascia di rispetto – contrariamente a quanto si richiede – è una scelta ponderata e opportuna: gli ungulati sfuggiti al fuoco si sono rifugiati nella zona cuscinetto raggiungendo probabilmente una densità per ettaro tale da provocare danni all’agricoltura e all’ecosistema.
    Inoltre, l’impatto della caccia in braccata non mette a repentaglio nessuna specie di fauna selvatica nel periodo in cui questa è prevista dalla Legge, ovvero dal 1 novembre al 31 gennaio.
    È altresì da respingere con fermezza la tesi secondo la quale le armi usate nella braccata al cinghiale siano di per sé pericolose. È il mancato o insufficiente rispetto delle regole comportamentali – da ambo le parti – la vera causa degli incidenti che talvolta, purtroppo – ma sempre in misura minore alla stragrande maggioranza delle attività svolte all’aria aperta – avvengono durante questa tipologia di caccia sulla quale, peraltro, le Associazioni mantengono costantemente l’attenzione e lo sforzo formativo.
    Assolutamente irricevibile – infine – la proposta di trasformare l’ANPIL in Riserva naturale.
    Si finirebbe solo per imbalsamare un territorio che necessita invece di un’armonica rinascita in cui natura e attività umane vadano a braccetto all’insegna della sostenibilità ambientale.
    Per quanto Legambiente, che si è fatta portavoce di questo atteggiamento di chiusura, possa credere il contrario, la caccia e i cacciatori sono importanti per il raggiungimento di questo auspicato traguardo.

    Di seguito scaricabile il volantino dell’ iniziativa:

    CCT Assemblea Vicopisano 11 Ottobre 2018 Download
      L'invio di commenti è disabilitato.

    Categorie

    Comprimi

    Ultimi Articoli

    Comprimi

    • Abruzzo: Riunione consulta venatoria sul calendario 2020- 2021
      da Alberto 69


      Non si conosce ancora l’esito della riunione della Consulta Regionale della caccia che si è tenuta ieri 1 giugno 2020 alle ore 15:00 presso l’auditorium Piervincenzo Gioia di palazzo Silone -sede della Giunta regionale- in via Leonardo da Vinci 6, l’Aquila. Gli argomenti posti all’ordine del giorno sono: Proposta di Calendario Venatorio Regionale 2020/2021; Varie ed eventuali. Ecco il testo del calendario venatorio.

      Calendariovenatorio 2020_2021 Download...
      oggi, 16:38
    • Prelievo venatorio e gestione delle specie pavoncella e moriglione
      da Alberto 69


      In relazione alla nota prot, n. 39696 del 28.5.2020 a firma Zaghi Carlo, Direttore Generale del M. A. T. T. M., che invita le Regioni a non inserire nei calendari Venatori le specie moriglione e pavoncella, nella mattinata di ieri, 1° giugno, Federazione Italiana della Caccia ha inviato agli stessi destinatari la circostanziata nota tecnico legale allegata.

      Federcaccia ha invitato le Regioni e le Province autonome (molte delle quali tra l’altro hanno già approvato...
      oggi, 16:23
    • Lombardia. Approvate le modifiche alla legge regionale 26/93
      da Alberto 69


      ATC E CAC DOVRANNO COORDINARE LE FORME DI CACCIA AL CINGHIALE IN OTTICA DI SICUREZZA

      Sono state definitivamente approvate le modifiche alla legge regionale 26/93. Purtroppo non è stato più possibile apportare alcuni correttivi ritenuti fondamentali, come sull’alta visibilità sia per i cacciatori che per la vigilanza, ma vi si dovrà provvedere al più presto.

      Sicuramente di grande risonanza mediatica è la caccia al cinghiale in selezione anche con l’uso...
      26/05/20, 21:28
    • CIA Puglia Lupi nel Gargano,storni in tutta la regione,il numero dei cinghiali cresce
      da Alberto 69


      Lupi che attaccano gli allevamenti, storni sui campi coltivati, cinghiali capaci di vanificare le semine o di distruggere interi raccolti di legumi: è quanto continua ad accadere in tutta la Puglia, con decine di segnalazioni da parte di aziende zootecniche e imprese agricole gravemente danneggiate. Nuovo allarme sull’emergenza animali selvatici da parte di Cia Puglia che richiama l’attenzione su una questione che torna a farsi problematica anche per effetto del lockdown necessario...
      26/05/20, 21:21
    • Ok dell’ispra alla cattura dei corvidi nelle zrv pisane
      da Alberto 69




      Gli Ambiti Territoriali di Caccia ricadenti all’interno della provincia di Pisa sono da sempre particolarmente impegnati nella gestione della piccola selvaggina stanziale. Ormai da molti anni le immissioni di selvaggina vengono effettuate esclusivamente con soggetti allevati secondo un protocollo di qualità.

      I soggetti immessi vengono rilasciati nella tarda primavera e l’impiego di strutture di ambientamento e la scelta di animali molto giovani consente...
      23/05/20, 09:05
    • Toscana. Approvato il calendario venatorio regionale 2020/21
      da Alberto 69


      A seguito del lavoro di confronto e concertazione dei giorni scorsi, la Giunta regionale ha approvato il nuovo Calendario Venatorio Regionale per la stagione 2020/21.

      – Nella Delibera, che sarà disponibile a breve, vengono riportati i contenuti dei precedenti Calendari Venatori per quanto riguarda le date di apertura e chiusura della stagione venatoria (terza domenica di settembre 2020 – 31 gennaio 2021) senza alcuna decurtazione delle specie cacciabili comprese quelle...
      18/05/20, 21:18
    Sto operando...
    X