annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

TIRARE IL GRILLETTO PUO’ CAMBIARE MOLTE VITE…

Comprimi
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
  •  

  • Tirare il grilletto puo’ cambiare molte vite…

    Domenica 30 settembre in provincia di Imperia si è consumata un’immane tragedia che ha coinvolto due giovani: l’uno, cacciatore di ventinove anni, ha incautamente esploso un colpo di carabina durante una battuta al cinghiale; l’altro, un diciannovenne che si trovava in zona, è stato mortalmente ferito. Dopo prime informazioni che facevano apparire la vittima come un semplice escursionista, ora sembra che quel giovane avesse con sé un fucile che non poteva possedere ed usare, e non fosse lì per caso.

    Di fronte ad un simile dramma non c’interessa nemmeno più sapere il perché o il per come, dato che al cospetto di una vita che si spegne ogni discussione diventa superflua, ma questa vicenda ha innescato una serie di inusitate polemiche, e la diffusione di notizie distorte con velenose accuse verso il mondo venatorio. E così ha cominciato il Ministro dell’Ambiente lanciando l’idea di vietare la caccia alla domenica, ma presto alla sua richiesta si sono accodate le solite associazioni ambientaliste e animaliste chiedendo ancora una volta l’abolizione della caccia, supportate in ciò da una stampa mai troppo tenera con caccia e cacciatori, spesso dipinti come truculenti e pericolosi soggetti che imperversano tra campi, colli e montagne, riversando piombo qua e là per uccidere povere bestiole.

    Niente di tutto ciò è vero, perché il mondo venatorio è ben conscio delle responsabilità che gravano sulla sua categoria, e da sempre s’è mosso per garantire la massima sicurezza non solo di chi caccia, ma ancor più delle persone che potrebbero entrare in contatto con i cacciatori; e se non basta ancora faremo di più! Bisogna però rifuggere da spinte ideologiche ed emotive, forse comprensibili in un momento come questo, ma foriere di prese di posizione che alla fine dividono ed accendono gli animi, nessun contributo apportando ad una problematica come quella della gestione di ambiente e delle sue risorse come la fauna selvatica, che ha nell’attività venatoria un suo primario ed indispensabile attore. Siamo i primi a credere che il mondo venatorio debba ancor crescere in conoscenza e consapevolezza, farsi sempre più parte attiva per un sano e collaborativo rapporto con il mondo agricolo e le altre componenti della società; di certo lavoreremo alacremente per raggiungere l’obiettivo.

    L’incidente di Apricale, perché d’incidente si tratta, dovrà essere chiarito al più presto, e si dovranno assumere decisioni e prendere provvedimenti, fossero pure drastici e dolorosi, ma non può risolversi in un ingiusto e pregiudiziale j’accuse verso i cacciatori, perché la caccia non genera certo quello sterminio che si è raccontato su giornali e tv, e nemmeno è tra le attività umane ludiche quella che comporta più vittime; anzi, al contrario in un’ideale graduatoria ve ne sono di molto più pericolose come l’alpinismo o l’escursionismo e le attività di montagna, gli sport di mare, per non parlare poi di quelli motoristici, attività che ovviamente nessuno si sogna mai di mettere in discussione. La caccia, tra l’altro, in Italia, e ancor più in Piemonte, è già sottoposta a norme e leggi che sono tra le più rigide e severe d’ Europa.

    Questo dev’essere, e per noi lo è certamente, un momento di profondo dolore per la perdita di quel povero giovane, ma anche di riflessione e conforto per colui che, ne siamo certi, senza alcuna volontarietà ha tolta quella vita. Stringiamoci dunque attorno a quelle sfortunate famiglie, garantendo il nostro massimo impegno a far sì che tali disgrazie non accadano mai più. Con l’occasione vogliamo invitare tutti i cacciatori piemontesi ad usare la massima prudenza nell’esercizio della loro passione, indossando sempre abbigliamento ad alta visibilità, mantenendo le distanze di sicurezza da case o strade e, specialmente, prestando la massima attenzione prima di esplodere un colpo. Tirare il grilletto può cambiare molte vite, nel dubbio…meglio tutto rimanga com’è!
    Fonte: info@anlcpiemonte.it
      L'invio di commenti è disabilitato.

    Categorie

    Comprimi

    Ultimi Articoli

    Comprimi

    • Ispra risposta Osservazioni sulla Direttiva Uccelli e parere sul calendario toscano
      da Alberto 69


      La Cabina di Regia delle Associazioni Venatorie ha scritto ad Ispra per conoscere l’esito delle proprie osservazioni al Report sulla Direttiva Uccelli e conoscere il Parere espresso dall’Istituto sul calendario venatorio toscano.

      Alleghiamo le risposte di Ispra:

      Risposta-alle-osservazioni-inviate-alla-bozza-di-Report-2013-2018-ex-Art.-12-della-Direttiva-Uccelli Download...
      10/08/19, 12:14
    • Il wwf abruzzo pronto al ricorso contro il calendario venatorio
      da Alberto 69


      La proposta della Giunta regionale. Il WWF presenta le osservazioni e preannuncia ricorsi “La nuova Giunta Regionale si presenta subito male in materia di caccia. “

      “Chi si aspettava una maggiore sensibilità sulle tematiche relative alla protezione della fauna selvatica è rimasto subito deluso. Alla prima occasione, quella della presentazione della proposta di calendario venatorio per la stagione 2019-2010, abbiamo potuto constatare un peggioramento evidente delle...
      08/08/19, 11:43
    • Piemonte. Dichiarato legittimo il divieto di caccia sui fondi privati
      da Alberto 69


      La norma della Regione Piemonte che consente ai proprietari o conduttori dei fondi di chiedere il divieto di caccia sugli stessi è vigente, legittima e recita:

      “Il proprietario o il conduttore di un fondo che intende vietare sullo stesso l’esercizio dell’attività venatoria inoltra al Presidente della provincia e al Sindaco della Città metropolitana di Torino e, per conoscenza all’ATC o CA di competenza, una richiesta motivata che deve essere esaminata dall’amministrazione...
      08/08/19, 11:35
    • Ricorso al tar contro il calendario venatorio trentino
      da Alberto 69


      A pochi giorni dall’apertura della caccia al camoscio (17 agosto), gli animalisti ricorrono al Tar contro il calendario venatorio, con le relative regole, approvato dalla giunta provinciale lo scorso 19 aprile.
      La delibera firmata dall’assessora alla foreste e fauna, Giulia Zanotelli, è stata impugnata da quattro associazioni ambientaliste – Pan Eppaa, Lipu (Lega italiana protezione degli uccelli), Wwf Trentino e Lav (Lega anti vivisezione) – che si sono affidate all’avvocato...
      07/08/19, 12:35
    • Osservatorio fein arosio. L’arrivo delle balie nere
      da Alberto 69


      La prima Balia nera (Ficedula hypoleuca) dell’attività di inanellamento post-nuziale 2019 è stata catturata lunedì 5 agosto all’Osservatorio ornitologico FEIN/Fondazione Europea Il Nibbio di Arosio (CO) alle ore 7.30 del mattino in una giornata che si è manifestata con tempo bello e temperature sopra la norma. La raccolta dei dati è veramente importante perché si possono trarre interessanti annotazioni, così come dalle condizioni meteorologiche che all’Osservatorio vengono...
      06/08/19, 20:07
    • Coldiretti puglia. Invasione di pappagalli verdi
      da Alberto 69


      Con la tropicalizzazione del clima si sta verificando una invasione di pappagalli nelle campagne che, dal primo insediamento a Molfetta, hanno preso possesso di città e campagne a Bisceglie, Giovinazzo, Palese, Santo Spirito, Bitonto, Bitetto, Palo del Colle, Binetto, Grumo Appula, fino a spingersi sull’Alta Murgia. E’ l’allarme lanciato da Coldiretti Puglia per la proliferazione esponenziale dei pappagalli verdi che si nutrono in campagna di frutta, con una predilezione per...
      04/08/19, 12:00
    Sto operando...
    X