annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

EMERGENZA CINGHIALI IN CAMPANIA, REGIONE APPROVA PIANO CONTROLLO

Comprimi
X
Comprimi
Su questa pagina ci sono 1 persona/e che stanno leggendo il contenuto di questa discussione: (0) Utenti registrati - (1) Ospiti
  •  

  • Emergenza cinghiali in campania, regione approva piano controllo



    La Giunta regionale della Campania ha approvato il “Piano di gestione e controllo del cinghiale in regione Campania”, contenente le modalità di gestione ordinaria e di controllo straordinario della specie sull’intero territorio regionale ad eccezione dell”Ente Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. “Questo Piano è un tassello fondamentale della più articolata strategia di questa Amministrazione che, recependo le istanze degli attori istituzionali ed economici, mira ad affrontare e risolvere l’emergenza cinghiali sull’intero territorio regionale”, dichiara Franco Alfieri, capo della segreteria del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca.
    L’obiettivo – aggiunge Alfieri – è contenere l”aumento delle popolazioni di questa specie che, negli ultimi anni, ha arrecato gravissimi danni alle colture agricole, oltre a influire negativamente sugli incrementi riproduttivi di diverse specie faunistiche rilevanti per la conservazione dell”ecosistema”. Il Piano, coordinato dal Criuv (Centro di riferimento regionale per l’igiene urbana veterinaria) ed elaborato dal gruppo di lavoro dell”Università “Federico II” di Napoli, è stato approvato dall’Ispra e ha avuto parere favorevole dall’Ufficio Via della Regione.

    Sono previste una serie di misure (prelievo in selezione, catture e girata) volte ad assicurare una gestione ottimale della specie in funzione delle caratteristiche ambientali e delle attività antropiche nelle varie aree. Il Piano è suddiviso in due
    parti: gestione ordinaria (aree a caccia programmata; prelievo nelle aree vocate mediante la braccata) e controllo straordinario (aree non vocate, aree a controllo mediante prelievo selettivo, girata e/o catture).
    Dal punto di vista territoriale, la gestione è differenziata in: aree vocate; aree di caccia di selezione; aree a controllo (o a media vocazione); aree non vocate. Il piano sarà applicato dagli Ambiti territoriali di caccia, dagli enti gestori delle aree protette e degli
    istituti faunistici regionali.

    Fonte:regioni.it
      L'invio di commenti è disabilitato.

    Categorie

    Comprimi

    Ultimi Articoli

    Comprimi

    • Migrazione. Aspettando il bel tempo
      da Alberto 69


      Un mese così sarà difficile rivederlo, a tutt’oggi sono cadute più precipitazioni che negli altri mesi di ottobre e novembre dal 1966 in avanti. La neve è già caduta abbondantemente sopra i 1.200 metri s.l.m. Nulla di rilevante vi è da segnalare sul movimento migratorio in quest’ultima settimana anche se, nonostante tutto, si sono notati numerosi gruppi di Fringuelli unitamente alle Peppole, sporadici gruppi di Cesene e buoni raggruppamenti di Colombacci. All’Osservatorio...
      25/11/19, 19:53
    • Cct: Importante chiarimento sulle modalita’ di prelievo dello storno
      da Alberto 69


      Sul prelievo in deroga della specie Storno, la Giunta Regionale Toscana ha approvato in data 11 novembre 2019 una importante delibera che va a superare alcune criticità interpretative che in queste settimane hanno prodotto alcune contestazioni ai cacciatori da parte degli organi di vigilanza.

      In particolare, la delibera n° 1378 in oggetto, chiarisce in modo inequivocabile che il prelievo in deroga della specie Storno, nel periodo compreso tra il 1° settembre ed il 15...
      20/11/19, 14:38
    • Il cattivo tempo ferma la migrazione
      da Alberto 69


      Il mese di ottobre si è sviluppato secondo un calendario ornitologico perfettamente in linea con le condizioni meteorologiche e le varie fasi lunari consentendo una migrazione interessante per Tordo bottaccio, Pettirosso, Cincia mora, Capinera, Fringuello, Peppola e Colombaccio e, numericamente positiva, anche per Frosone, Lucherino, Merlo e Tordo sassello. Il mese di novembre, invece, finora caratterizzato dal maltempo con piogge insistenti da nord a sud della penisola e con anticipate...
      18/11/19, 14:04
    • Fidc lombardia. Inutile e pretestuoso l’intervento del ministro costa
      da Alberto 69


      Il Ministro Costa ha annullato la delibera di Regione Lombardia relativa alla cattura dei richiami vivi. Si tratta di atto del tutto inutile, dal momento che la delibera era già sospesa dal TAR Lombardia. Ma è chiaro l'intento del Ministro: evitare che nel 2020 il Tribunale entri nel merito della legittimità o meno della delibera, spiegando anche gli eventuali errori commessi dalla Regione, se ce ne sono.
      La Regione infatti ha seguito la disciplina dettata dalla legge nazionale...
      07/11/19, 18:38
    • Lombardia. Il consiglio dei ministri impugna la delibera sui richiami vivi
      da Alberto 69


      ECCO QUANTO DICHIARA IL MINISTRO CINQUESTELLE COSTA SULLA SUA PAGINA FACEBOOK

      Abbiamo scongiurato un’altra volta l’utilizzo dei richiami vivi nella caccia. Il Consiglio dei Ministri oggi, sotto mia proposta, ha impugnato la delibera della Giunta Regionale Lombarda che prevedeva l'”autorizzazione ad effettuare la cattura di uccelli selvatici per la cessione ai fini di richiamo”.

      Quella dei richiami vivi è una pratica che ha avuto il suo passato, ma...
      06/11/19, 21:34
    • Migrazione. Un passo contemporaneo
      da Alberto 69


      È proprio quello che è avvenuto finora in questa stagione in tutto il bacino del Mediterraneo, dalla Spagna alla Grecia, per quanto riguarda il movimento migratorio dei grandi turdidi che, insieme a tutte le altre specie ornitiche, vengono monitorati all’Osservatorio Ornitologico di Arosio della FEIN in collegamento con altri punti di osservazione dislocati in Europa che seguono questo interessante fenomeno. Il Tordo bottaccio ha avuto il suo primo picco il 5 e il 6 ottobre, seguito...
      04/11/19, 12:52
    Sto operando...
    X