• La tua armeria sul Web..

Nome comune: Tarabusino

Nome scientifico: Ixobrychus minutus

Famiglia: Ardeidi (Ardeidae)

Ordine: Ciconiformi (Ciconiiformes)

Classe: Uccelli (Aves)

 

 

CARATTERISTICHE

Appartiene alla stessa famiglia degli aironi, ma si distingue per le dimensioni assai ridotte:

misura 33-38 cm ed ha un’apertura alare di 52-58 cm, ala 15 cm, becco 5 cm, tarso 4,5 cm, coda 5 cm. Presenta ali scure con la parte inferiore

colore crema. Il maschio presenta la parte superiore del capo e il dorso neri con riflessi

verdastri; la femmina è caratterizzata invece da una colorazione più fulva inferiormente e delle

strisce scure superiormente. Il becco è giallo-verde e gli occhi sono gialli. Le zampe sono

verdastre.

 

ABITUDINI

Il tarabusino è una specie molto diffidente. Per tale motivo, se sorpreso, si mimetizza,

immobilizzandosi e puntando il becco verso l’alto e, grazie anche alle striature sul petto, si

confonde completamente tra le canne.

E’ una specie crepuscolare, ed è quindi attiva al tramonto e la notte. Generalmente vola basso

con rapide battute d’ala e lunghe planate.

 

 

ALIMENTAZIONE

I tarabusini inseguono individualmente e furtivamente la preda, camminando lentamente in

posizione rannicchiata, tra le canne. Si nutrono principalmente di piccoli pesci, anfibi, insetti,

ragni e gamberetti. In ogni caso adatta le esigenze alimentari alla disponibilità del momento.

 

HABITAT

Si trova nelle zone umide con vegetazione densa, sulle rive dei fiumi e degli stagni. Durante l’inverno o nel periodo migratorio si può osservare sul litorale marino.

 

 

RIPRODUZIONE

Il nido del Tarabusino è ben celato nel folto del canneto. Nonostante tutte le cautele dei due genitori, che atterrano lontano dal nido per poi raggiungerlo camminando furtivi al coperto, la covata è esposta a mille pericoli. Prima fra tutte la predazione delle uova, da parte degli onnipresenti ratti. Ho seguito una coppia che ha perso, una dopo l’altra, ben tre covate e solo dopo ferragosto è riuscita finalmente a far schiudere le sue uova. I giovani hanno lasciato il nido solo in settembre e proprio non so quali possibilità avessero di affrontare la migrazione.

Altro grande rischio sono le variazioni di livello dell’acqua: una forte diminuzione può lasciare il canneto accessibile ai predatori terrestri, mentre uno sbalzo verso l’alto può mandare le uova sott’acqua.

Il Tarabusino è una specie prolifica: una covata normale è composta da 5 — 7 uova. La schiusa è asincrona, per cui l’ultimo nato è molto più piccolo e debole dei fratelli e spesso soccombe.

Entrambi i genitori accudiscono i nidiacei. Come è tipico per gli ardeidi, i Tarabusini non trasportano il cibo portandolo nel becco; invece inghiottono le prede e, una volta giunti al nido, le rigurgitano.

 

 

 

NIDIFICAZIONE

Il Tarabusino è un migratore, che abita le nostre zone umide da aprile a settembre, per poi ripartire alla volta dell’Africa sub-sahariana. Questa specie ha sofferto in maniera grave delle devastanti siccità che si sono susseguite negli ultimi 30 anni nella zona del Sahel e dell’incalzante fenomeno della desertificazione. Sembra, infatti, che il Tarabusino si faccia l’intera migrazione (attraversamento del Mediterraneo e del Sahara) in un unico volo, tutta d’un fiato. E, in questa condizione, 500 chilometri in più di deserto da attraversare possono rappresentare un fattore decisivo per la sopravvivenza.

Assegna un voto ai contenuti di questo articolo.
[Voti: 2 Media (1-5): 2



Social profiles
Chiudi
EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRomanianRussianSpanish


CIAO AMICO CACCIATORE

Se pensi che la conoscenza che Migratoria.it ti da, valga il prezzo di un caffè, per favore fai una donazione, ci vuole solo un minuto. Cosi facendo dimostrerai allo staff che il loro lavoro conta. Solo una piccola parte dei nostri utenti dona ed è grazie a loro che migratoria.it può rimanere libera e gratuita in rete. Se sei una di quelle straordinarie persone che hanno già donato, ti ringraziamo di cuore.

Se sei iscritto al forum clicca qui per donare altrimenti clicca sul pulsante paypal qui sopra




Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.