2 0
Tempo di lettura stimato:3 Minuti

Secondo un nuovo sondaggio dell’Associazione bavarese di caccia (BJV), la cooperazione tra agricoltori e cacciatori in Baviera ha portato al salvataggio di 90.000 cerbiatti e altre specie selvatiche nelle fattorie nell’ultimo anno .

Questa fantastica notizia arriva come risultato delle misure utilizzate per rilevare e spaventare gli animali prima del taglio dell’erba alta nelle fattorie.

Storicamente, i cacciatori hanno svolto un ruolo chiave nel sostenere gli agricoltori in questo modo come parte del loro dovere di custodi della fauna selvatica e di gestori dei terreni di caccia.

Oggi in Baviera cacciatori e allevatori impiegano nuovi metodi che hanno drasticamente migliorato gli sforzi per salvare gli animali nelle fattorie.

Droni con termocamere vengono utilizzati per rilevare e rimuovere gli animali prima del taglio dell’erba: questo video di BJV dimostra questa pratica in azione . Spaventapasseri con segnali acustici e visivi vengono anche schierati per spaventare la fauna selvatica in modo altrettanto efficace.

L’adozione di queste nuove tecniche da parte dei cacciatori è solo un esempio del lavoro che i cacciatori stanno facendo per proteggere la biodiversità.

Il CIC si congratula con i cacciatori e gli agricoltori della Baviera per aver trovato nuovi modi per proteggere la fauna selvatica. Incoraggiamo un’ulteriore cooperazione tra cacciatori e agricoltori, così come quelli di altre discipline, al fine di unire gli sforzi per conservare la fauna selvatica e gli spazi rurali.

Il tempo della falciatura dei prati e del salvataggio della selvaggina giovane è in gran parte finito per questa estate. L’Associazione bavarese di caccia fa il punto e ringrazia tutte le persone coinvolte per le innumerevoli vite salvate.

 Nei mesi primaverili, ogni prato è un vivaio selvatico. Cerbiatti, giovani conigli, allevatori di terra, ma anche ricci, rane e tanti altri piccoli animali cercano rifugio lì. Se queste aree verdi vengono falciate, numerosi animali selvatici vengono ogni anno minacciati dalle grandi macchine agricole. Perché la loro strategia di sopravvivenza per proteggersi dai predatori nell’erba alta non si protegge dalle lame affilate dei tosaerba.

Agricoltura, caccia e benessere degli animali insieme

Per legge, l’allevatore stesso è obbligato a prendere misure adeguate per salvare la selvaggina giovane. Molti agricoltori si impegnano in questo su vasta scala, ma in considerazione delle vaste aree e dei tempi spesso brevi, questo è un compito che non può essere svolto da soli. Perché salvare il giovane gioco richiede tempo ed è estenuante. Anche se la tecnologia è già molto avanzata, in molti luoghi non può sostituire il lavoro di molti volontari. Il salvataggio della selvaggina giovane è particolarmente importante per i cacciatori perché sono responsabili del benessere degli animali selvatici nei loro territori. Da decenni i cacciatori bavaresi sostengono sempre più contadini, vagano per i prati, allestendo spaventapasseri con segnali acustici e ottici per spaventare i piccoli.

Un sondaggio rappresentativo della BJV rivela cifre sorprendenti sul salvataggio di giovani selvaggina

Per molto tempo ci sono state solo cifre speculative sugli animali selvatici effettivamente salvati o uccisi. Per questo motivo, questa primavera l’Associazione bavarese di caccia ha condotto un sondaggio rappresentativo sull’argomento e ha rivelato cifre impressionanti. Quest’anno, cacciatori e agricoltori bavaresi hanno salvato oltre 90.000 cerbiatti e innumerevoli altri animali selvatici in Baviera dalla morte falciata. Il 76,8% degli intervistati ha affermato che la cooperazione tra cacciatori e allevatori per il salvataggio della selvaggina giovane è notevolmente migliorata negli ultimi anni. Ciò è dimostrato anche da un progetto congiunto tra l’Associazione bavarese dei giovani agricoltori e l’Associazione bavarese di caccia, che è stato realizzato questa primavera. Circa il 65% dei giovani soccorritori utilizza un drone con una termocamera integrata per cercare, per cercare nei prati la fauna selvatica. Oltre il 58% dei partecipanti utilizza anche spaventapasseri ottici o acustici in modo che gli animali selvatici lascino il prato per essere falciati prima della falciatura.

 

Regole di inserimento e pubblicazione dei contenuti su questa pagina

Nota informativa

 

A differenza di una Rivista cartacea oppure Online, Migratoria.it in qualita di Blog, consente a tutti gli utenti la pubblicazione anticipata dei contenuti e dei commenti in tempo reale senza preventiva coda di moderazione. In base all' art. 70 l. 633/41 e consentito utilizzare a scopo di studio, discussione, documentazione o insegnamento, il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o parti di opere letterarie purchè vengano citati l'autore e la fonte, e non si agisca mai a scopo di lucro. E' fatto divieto pubblicare dati personali oppure fotografie di terze parti senza preventivo consenso dell' autore. Migratoria.it effettua controlli nei contenuti delle pagine, solamente dopo la pubblicazione degli stessi da parte degli utenti, pertanto gli autori di questo sito e i moderatori preposti si riservano in un secondo tempo, il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi contenuto che violi il diritto di terzi, oppure che sia ritenuto inopportuno o non conforme senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo. Migratoria.it e i suoi autori non possono in alcun modo essere ritenuti responsabili per il contenuto inopportuno/ illecito/diffamatorio degli articoli o dei commenti pubblicati dagli utenti che utilizzano il Blog/Forum inquanto questi ultimi gli unici responsabili essendo perfettamente in grado di aprire, cancellare, modificare, pubblicare autonomamente un articolo, una pagina, un commento. Nel caso venga riscontrato materiale inappropriato, commenti offensivi, spam, violazioni del copyright, link interrotti e possibile segnalare il contenuto di questa pagina inviando un email all' indirizzo: [email protected] oppure utilizzando l'apposito link situato a pè pagina.




Articolo Successivo TOSCANA. PUBBLICATA LA DELIBERA 691 SUL CALENDARIO VENATORIO REGIONALE 2021-2022
Articolo successivo UMBRIA. IL TAR SOSPENDE IN PARTE REGOLAMENTO CINGHIALI
Close

SEI ISCRITTO AL  FORUM?

Attiva gratuitamente il tuo “Account Premium”  CLICCA QUI
 

Area riservata