0 0
Tempo di lettura stimato:1 Minuti
Dopo tutte le amarezze e le delusioni provate in questi ultimi anni, è comprensibile che nei cacciatori subentri una sorta di scoraggiamento e monti una grande rabbia. Ciò che non è accettabile, però, è il fatto che alcuni cacciatori accusino i loro rappresentanti di tutti i torti che sono costretti a subire, specialmente durante la preparazione dei calendari venatori. In occasione di questo fondamentale appuntamento annuale assistiamo, infatti al comportamento remissivo di assessori che non hanno gli attributi per contrastare le posizioni dei soliti ben noti dirigenti che seguono l’andazzo della moda anticaccia che si respira sui giornali e nelle televisioni.
Scaricare sulle associazioni venatorie queste colpe è ingiusto e diventa insopportabile se le lamentele coinvolgono anche la nostra associazione che viene accusata di non lottare abbastanza in difesa della caccia e di essersi appiattita nella Cabina di Regia.
Far parte di questa struttura interassociativa è una necessità di natura tecnica, logistica e organizzativa, e la grande importanza di questa posizione comune è sotto gli occhi di tutti, specialmente quando c’è la necessità (come è accaduto recentemente con l’ennesima proposta referendaria) di fare fronte comune contro minacce che nessuna associazione potrebbe fronteggiare da sola!
Detto questo, dobbiamo però sottolineare che la nostra adesione non è certamente né rinunciataria né passiva ma sempre estremamente critica e attenta affinché non vadano persi i principi che sono alla base del nostro Statuto e della nostra tradizione.
Purtroppo, la maggior parte dei nostri acerrimi nemici conta proprio sulla divisione e sul malcontento per poter continuare a sferrare i propri attacchi alla nostra dignità di cittadini integerrimi e rispettosi delle leggi.
Chiediamo a tutti i cacciatori di non arrendersi di fronte alle difficoltà e, soprattutto, di continuare a dare fiducia a chi non ha mai svenduto ad interessi di partito la dignità e la libertà dei cacciatori italiani.
Da parte nostra confermiamo di essere pronti ad avviare una vera e dura protesta contro quelle regioni così rinunciatarie, e contro un Ispra troppo politicizzato che continua ad avere atteggiamenti anticaccia pregiudiziali di stampo più ideologico che scientifico e spesso del tutto incomprensibili.
Roma, 26 agosto 2021
IL PRESIDENTE
Paolo Sparvoli

Regole di inserimento e pubblicazione dei contenuti su questa pagina

Nota informativa

 

A differenza di una Rivista cartacea oppure Online, Migratoria.it in qualita di Blog, consente a tutti gli utenti la pubblicazione anticipata dei contenuti e dei commenti in tempo reale senza preventiva coda di moderazione. In base all' art. 70 l. 633/41 e consentito utilizzare a scopo di studio, discussione, documentazione o insegnamento, il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o parti di opere letterarie purchè vengano citati l'autore e la fonte, e non si agisca mai a scopo di lucro. E' fatto divieto pubblicare dati personali oppure fotografie di terze parti senza preventivo consenso dell' autore. Migratoria.it effettua controlli nei contenuti delle pagine, solamente dopo la pubblicazione degli stessi da parte degli utenti, pertanto gli autori di questo sito e i moderatori preposti si riservano in un secondo tempo, il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi contenuto che violi il diritto di terzi, oppure che sia ritenuto inopportuno o non conforme senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo. Migratoria.it e i suoi autori non possono in alcun modo essere ritenuti responsabili per il contenuto inopportuno/ illecito/diffamatorio degli articoli o dei commenti pubblicati dagli utenti che utilizzano il Blog/Forum inquanto questi ultimi gli unici responsabili essendo perfettamente in grado di aprire, cancellare, modificare, pubblicare autonomamente un articolo, una pagina, un commento. Nel caso venga riscontrato materiale inappropriato, commenti offensivi, spam, violazioni del copyright, link interrotti e possibile segnalare il contenuto di questa pagina inviando un email all' indirizzo: info@migratoria.it oppure utilizzando l'apposito link situato a pè pagina.




Articolo Successivo LE AAVV DEL VENETO. CI SIA DATA LA POSSIBILITÀ DI USARE I RICHIAMI VIVI PER GLI ANATIDI SIN DALL’INIZIO DELLA STAGIONE VENATORIA
Articolo successivo PUGLIA. PRESENTATI RICORSI CONTRO IL CALENDARIO VENATORIO E LA DELIBERA TORTORA
Close

SEI ISCRITTO AL  FORUM?

Attiva gratuitamente il tuo “Account Premium”  CLICCA QUI