0 0
Tempo di lettura stimato:2 Minuti
Come diretti interessati e rappresentanti di questa specialità venatoria troviamo indispensabile e improrogabile riportare l’attenzione sul MORIGLIONE. A poco meno di un mese all’inizio della stagione venatoria ed ancora alcune regioni, in particolare Veneto e Lombardia, non si sono attivate per consentire una gestione controllata del prelievo di questa specie che appassiona numerosi cacciatori specialisti. Le motivazioni e le situazioni sono le più disparate, ma il risultato non cambia.
Per quanto riguarda il Veneto le assicurazioni politiche di un’appropriata delibera integrativa al calendario al momento non si sono concretizzate. In questa Regione negli ultimi anni, grazie al lavoro svolto dai cacciatori nel gestire le zone umide e per mantenere le tradizioni venatorie, si è riusciti a renderla fondamentale per il moriglione sia durante la migrazione autunnale sia durante la stagione riproduttiva. I dati ufficialmente riconosciuti lo dimostrano e sarebbe un crimine far svanire questo risultato poiché, se si perde l’interesse venatorio, di conseguenza si perde l’incentivo a mantenere e investire in questi ambienti. Alla Regione Veneto da settimane, se non mesi, l’Ufficio Studi e Ricerche Faunistiche ed Agro-Ambientali della Federcaccia ha fornito le specifiche per la realizzazione di un piano di gestione regionale in linea con l’accordo AEWA, ma non si è voluto dargli alcun seguito.
Per la Lombardia invece, al momento, non risulta nessuna volontà da parte né delle amministrazioni né di alcune associazioni per rendere possibile un misurato prelievo di questo tuffatore. Una grave ingiustizia considerata la forte tradizione e interesse che hanno centinaia di cacciatori frequentatori dei grandi laghi ed anche degli sguassi. Vero è che la questione calendario venatorio quest’anno in Regione Lombardia risulta molto intricata. Sperando si cambi rotta noi, come diretti interessati, offriamo la nostra più ampia collaborazione per contribuire ad una praticabile soluzione e si apra per lo meno un dialogo. Oltre tutto un divieto senza giustificati motivi può creare reazioni poco condivisibili.
Il nostro compito di associazione che tutela i cacciatori di acquatici è di supportare e confrontarsi con l’amministrazione pubblica per arrivare a concrete e tecnicamente valide delibere nei tempi utili poi alla loro applicazione. Evidenziamo però che semplici delibere senza validi piani di gestione potrebbero innescare i presupposti per opportunistici ricorsi rischiando di invalidare il lavoro svolto e interdire il prelievo per la restante parte della stagione, quindi l’attuazione dei piani è determinante. Abbiamo inoltre proposto diverse soluzioni per la rendicontazione dei capi abbattuti (cosa richiesta dalla UE e che sembra preoccupare l’ufficio caccia per l’eccessivo impegno) come l’utilizzo di una applicazione (acquistabile dalla Regione Toscana per esempio) oppure la creazione di un fascicolo apposito (come fatto dalla Regione Marche per la tortora). Se venisse scelto quest’ultimo caso abbiamo anche dato la nostra disponibilità a collaborare nella raccolta ed analisi dei dati, più di così …!
Invitiamo quindi tutti i cacciatori interessati a questa specie a sollecitare i propri dirigenti venatori (di qualsiasi associazione essi siano) e le proprie amministrazioni pubbliche per l’immediata realizzazione di quanto detto. Nel becco dell’anatra!

Regole di inserimento e pubblicazione dei contenuti su questa pagina

Nota informativa

 

A differenza di una Rivista cartacea oppure Online, Migratoria.it in qualita di Blog, consente a tutti gli utenti la pubblicazione anticipata dei contenuti e dei commenti in tempo reale senza preventiva coda di moderazione. In base all' art. 70 l. 633/41 e consentito utilizzare a scopo di studio, discussione, documentazione o insegnamento, il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o parti di opere letterarie purchè vengano citati l'autore e la fonte, e non si agisca mai a scopo di lucro. E' fatto divieto pubblicare dati personali oppure fotografie di terze parti senza preventivo consenso dell' autore. Migratoria.it effettua controlli nei contenuti delle pagine, solamente dopo la pubblicazione degli stessi da parte degli utenti, pertanto gli autori di questo sito e i moderatori preposti si riservano in un secondo tempo, il diritto di cancellare e/o editare discrezionalmente e senza preavviso qualsiasi contenuto che violi il diritto di terzi, oppure che sia ritenuto inopportuno o non conforme senza tuttavia assumere alcun obbligo al riguardo. Migratoria.it e i suoi autori non possono in alcun modo essere ritenuti responsabili per il contenuto inopportuno/ illecito/diffamatorio degli articoli o dei commenti pubblicati dagli utenti che utilizzano il Blog/Forum inquanto questi ultimi gli unici responsabili essendo perfettamente in grado di aprire, cancellare, modificare, pubblicare autonomamente un articolo, una pagina, un commento. Nel caso venga riscontrato materiale inappropriato, commenti offensivi, spam, violazioni del copyright, link interrotti e possibile segnalare il contenuto di questa pagina inviando un email all' indirizzo: [email protected] oppure utilizzando l'apposito link situato a pè pagina.




Articolo Successivo VALLE DELLA CANNA. UNA STRAGE SFIORATA, UN GRAZIE AI CACCIATORI
Articolo successivo I FIGLI DEI FIORI…”APPASSITI”
Close

SEI ISCRITTO AL  FORUM?

Attiva gratuitamente il tuo “Account Premium”  CLICCA QUI
 

Area riservata